Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di : Motor.it
Touareg 2.5

Toyota Yaris Hybrid 2012 (Topic Ufficiale)

Recommended Posts

Touareg 2.5    172

Fuori Produzione; per il Nuovo Modello cliccate sul seguente link:

freccina19rossaiy0.gifToyota Yaris Hybrid Facelift 2014 (Topic Ufficiale)

New-Toyota-Yaris-Hybrid-1.jpg

New-Toyota-Yaris-Hybrid-2.jpg

New-Toyota-Yaris-Hybrid-3.jpg

New-Toyota-Yaris-Hybrid-4.jpg

carscoop

Press Release :

The first full hybrid vehicle to go on sale in the European B-segment and the flagship of the Yaris model range, the new Yaris Hybrid makes its world debut at the 2012 Geneva Motor Show. Combining the ingenious packaging and urban agility of the Yaris model range with the unique driving experience and efficiency of Toyota’s Hybrid Synergy Drive® (HSD), the new Yaris Hybrid is a major step in the company’s full hybrid European roll-out strategy.

The Yaris is Toyota’s best-selling core model, with the largest ‘Unit in

Operation’ fleet on European roads. Following the launch of the Auris Hybrid,

the Yaris Hybrid is Toyota’s second core model to feature HSD technology, and

brings this remarkable powertrain to the biggest volume segment in Europe.

The new Yaris Hybrid is designed for demanding urban drivers who expect

a new driving and ownership experience from their car. Combining low fuel

consumption, emissions and cost of ownership with uniquely relaxed and quiet

driving, its HSD system proves that driving pleasure need not be compromised

by environmental responsibility and low running costs.

Aspirational Design with Segment-Best Packaging

The Yaris Hybrid inherits all the clever DNA of the standard model, offering

B- segment customers an ingenious combination of compact packaging with

a spacious, practical interior, while introducing a new, more advanced and

sophisticated style to the exterior design.

Its 2,510 mm wheelbase length unchanged, the new Yaris Hybrid is just 20 mm

longer than the standard Yaris, at 3,905 mm overall. The front overhang has

been increased to accommodate the new, downsized, full hybrid powertrain,

yet the vehicle’s class-leading turning circle of only 4.7 metres has been

maintained.

The Yaris Hybrid features an exclusive, aerodynamically efficient exterior

design. It combines a new, more aggressive, Under Priority frontal design

language -the distinctive new face of the next generation Toyota family- with

Keen Look detailing such as front and matching rear LED lighting.

Aerodynamics are key to fuel efficiency, and the new Yaris Hybrid benefits

from improvements to air flow both over the restyled front of the body and,

Yaris Hybrid, A Pioneering Offer For The B-Segment6 7

through the adoption of underbody covers and wheel spats, beneath it. As a

result, Toyota’s new full hybrid boasts a class-leading drag coefficient of just

Cd 0.286.

On board, the Yaris Hybrid interior features an exclusive, hybrid blue finish to

the dashboard soft-touch pads and seat fabric trim, blue illumination to the

hybrid combimeter and a Toyota Touch system which incorporates a Hybrid

Energy Monitor, and a hybrid-specific CVT gear knob.

The new Yaris Hybrid represents a significant engineering breakthrough in the

packaging of the full hybrid powertrain. Every key HSD component has been

reduced in size, and both the fuel tank and battery are installed under the rear

seat. As a result, the Yaris Hybrid maintains identical occupant space and the

same 286 litre luggage capacity as that of the standard model.

New, Downsized Full Hybrid Powertrain

The Yaris Hybrid introduces the first downsizing of Toyota’s HSD technology.

The new powertrain has been optimised for installation within the vehicle’s

compact, extremely efficient packaging design, without detriment to either

system quality and performance, or passenger accommodation and loadspace.

The downsized full hybrid system combines a new, 1.5 litre petrol engine with

a lighter, more compact electric motor, transaxle, inverter and battery pack.

Total system weight is 42 kg less than that of the Auris Hybrid, making the new

powertrain 20% lighter.

The 1.5 litre Atkinson Cycle petrol engine is 16.5 kg lighter and 10% shorter

than the 1.8 litre unit of existing Toyota HSD powertrains. When used in

combination with a cooled Exhaust Gas Recirculation (EGR) system, an

Atkinson cycle engine offers significant gains in fuel efficiency and the

reduction of emissions.

In the Atkinson cycle, compression and expansion are asymmetrical, and the

valves close late, delaying compression. This creates a high expansion ratio

for less compression, converting combustion energy to engine power more

effectively. Though more fuel efficient, an Atkinson cycle engine is marginally

less powerful than the more common, Otto cycle unit. However, it is supported

by an electric motor in Toyota’s Hybrid Synergy Drive®, boosting total system

power under acceleration.

The use of a smaller E-CVT electric continuously variable transmission and

a more compact electric motor effects a 6% reduction in the length of the

Yaris Hybrid’s transaxle, and an 11 kg weight saving over that of the Auris

Hybrid.

The electric motor has been made smaller through the optimisation of the

magnet material, and the winding of the coils with flat, rather than round,

wire. And, due to a reduction in system current and voltage, the system’s

Power Control Unit (PCU) has also been made smaller and lighter through the

development of a more compact inverter and switching unit.

The new, downsized full hybrid powertrain also features a smaller, nickel-metal

hydride battery with a more efficient management system. The number of

cells has been reduced from the 168 of the current Auris Hybrid to only 120,

effecting a decrease in volume of 20% and a weight saving of 11 kg. This has

made it possible to install the new battery entirely under the rear passenger

seats, with no intrusion into the cargo loadspace.

Combining the power of a 55kW petrol engine and the electric motor, the

Yaris Hybrid’s highly efficient, 74 kW/100 DIN hp powertrain will offer the

best balance of performance and fuel consumption/CO2 emissions in the

B-segment, whilst allowing customers frequent driving in modes that emit

zero NOx, PM or CO2 emissions.

Real world tests in an urban environement with Toyota’s Hybrid Synergy Drive powertrain reveal that up to 60% of commuting journey is undertaken with the petrol engine off, resulting in zero emissions driving.

Combining a low centre of gravity with the optimum weight distribution provided by the battery pack’s central layout, the Yaris Hybrid offers customers responsive performance and extremely well balanced driveability.

A thorough review of Noise, Vibration and Harshness (NVH) measures has also

increased the quietness of the HSD powertrain. Most notably, an excessive

increase in engine rpm has been suppressed under acceleration, offering a

more linear relationship between vehicle and engine speeds.

The new Yaris Hybrid is not a niche model. It is designed to appeal to a broad

range of customers from different segments, such as C-segment downsizers

wishing to combine roominess with fuel efficiency, traditional B-segment

buyers looking to combine style with low ownership costs, eco-minded

customers seeking the latest, class-leading green technology, and even

B-premium intenders in search of an alternative proposition.

Every Toyota full hybrid offers customers the lowest possible cost of

ownership. Excellent fuel efficiency and low CO2 emissions bring tax incentives

in some countries, inner city congestion charge exemption and exceptionally

low running costs.

Moreover, Hybrid Synergy Drive® has been designed for low maintenance

and outstanding durability. The full hybrid powertrain does not need a

conventional starter motor or alternator. The engine uses a maintenance-free

timing chain and has no drive belts, improving reliability and bringing further

cost savings.

Based on the feedback from Toyota Hybrid vehicles on the roads, the efficiency

of the Electronically Controlled Braking (ECB) regeneration system means that

brake pads have a life expectancy of more than 100,000 km.

The new Yaris Hybrid will be produced at the Valenciennes plant of Toyota

Motor Manufacturing France. Representing 20% of total Yaris model range

volume sales on a full year basis, it will go on sale throughout Europe from May

Modificato da Touareg 2.5

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Yakamoz    1279

Sono fortemente interessato da quest'auto: se il prezzo di listino non sarà esoso, potrebbe dare una svolta al segmento B. Ma nutro dei dubbi in proposito: l'abbinamento con un propulsore 1.5 credo scoraggerà chi usa l'auto solo in città (cosa che tipicamente accade con un'utilitaria) e non renderà certo basso il prezzo. Però finalmente l'ibrido arriva sul suo vero mercato d'elezione, le auto compatte e destinate a un uso prevalentemente cittadino.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
TonyH    8356

Si vendono tante diesel 1.4 o 1.5 (Renault/nissan), alla fine la cilindrata non è così dissimile ;) saranno importanti i consumi e l'integrazione del pacco batterie, che non rubi spazio :D

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Sandro    1198
Sono fortemente interessato da quest'auto: se il prezzo di listino non sarà esoso, potrebbe dare una svolta al segmento B. Ma nutro dei dubbi in proposito: l'abbinamento con un propulsore 1.5 credo scoraggerà chi usa l'auto solo in città (cosa che tipicamente accade con un'utilitaria) e non renderà certo basso il prezzo. Però finalmente l'ibrido arriva sul suo vero mercato d'elezione, le auto compatte e destinate a un uso prevalentemente cittadino.

Esiste già la Honda Jazz ibrida motorizzata 1,3. So che il tipo di ibrido è diverso, però questa Yaris non è la prima :).

Inoltre permango convinto che abbinare un motore BENZINA 4 cilindri sia abbastanza incoerente per uso puramente urbano.

Se m'inventassero un'utilitaria mossa da un bicilindrico a METANO con ibrido alla Toyota allora sì che la cosa comincerebbe ad interessare, ecologicamente parlando.

Anche se qualcuno deve ancora spiegarmi dove stà l'ecologia quando le pile al litio si esauriscono.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Edolo    132
Se m'inventassero un'utilitaria mossa da un bicilindrico a METANO con ibrido alla Toyota allora sì che la cosa comincerebbe ad interessare, ecologicamente parlando.

Anche se qualcuno deve ancora spiegarmi dove stà l'ecologia quando le pile al litio si esauriscono.

Questione che fa scopa con il silicio dei pannelli PV. Si rimanda semplicemente il problema ai posteri come s'è sempre fatto, solo che ora lo facciamo con presunzione "green". :roll:

Anche l'uso del metano non è che sia più sostenibile della benzina, anzi.

Comunque dal punto di vista prettamente energetico, l'ibrido benzina-elettrico con possibilità di funzionamento solo elettrico è IMHO la soluzione migliore per i veicoli non commerciali.

In Italia però, allo stato attuale, è abbastanza lontano da essere anche quella economicamente conveniente per la maggior parte degli utilizzi.

OT a parte, credo anch'io che cilindrata e potenza siano un po' alte per il tipo d'auto. Chissà come mai non hanno usato il 1.3.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
led zeppelin    610

encomiabile il fatto che non abbiano tolto nemmeno un cm cubo di bagagliaio, alloggiando le batterie sotto i sedili.

imho una valida alternativa al diesel, soprattutto se la si utilizza in città, e un miglioramento tecnologico non da poco.

poi certo, ibrido + metano sarebbe meglio ancora...ma intanto io non me ne lamenterei tanto sopra, rivali a una tecnologia del genere non ce ne sono ancora....un domani magari ....:)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
RiRino    1695

Molto molto molto interessante...curioso di sapere il prezzo...

Esiste già la Honda Jazz ibrida motorizzata 1,3. So che il tipo di ibrido è diverso, però questa Yaris non è la prima :).

Inoltre permango convinto che abbinare un motore BENZINA 4 cilindri sia abbastanza incoerente per uso puramente urbano.

Se m'inventassero un'utilitaria mossa da un bicilindrico a METANO con ibrido alla Toyota allora sì che la cosa comincerebbe ad interessare, ecologicamente parlando.

Anche se qualcuno deve ancora spiegarmi dove stà l'ecologia quando le pile al litio si esauriscono.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Teknos    299

IMHO esteticamente è più piacevole della normale ;)

Per il resto nulla da dire, più passa il tempo e più questi ibridi mi interessano...peccato che una Cessoyota non riuscirei mai a comprarla :( ..speriamo che altri costruttori propongano in fretta versioni simili.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Sandro    1198
Molto molto molto interessante...curioso di sapere il prezzo...

Certo, ma se yaris:jazz=prius:insight,direi che la yaris,sotto il punto di vista economico(a parte il prezzo d'acquisto,che non sappiamo)e tecnologico è uno o due gradini sopra...;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
ykdg1984    291

Io davanti la trovo orrenda... allora che la normale mi piace... :muto:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere iscritto per commentare e visualizzare le sezioni protette!

Crea un account

Iscriviti nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

  • Risposte

    • Premetto, è la mia prima recensione, quindi siate benevoli.   Appena tornato da viaggetto nell'amata terra iberica, più precisamente comunità valenciana, atterrato ad Alicante ho noleggiato una clio dci 90 cv limited nera, ad occhio e croce con non più di 4 mesi di vita (10.000 km).   L'estetica in generale ormai la si conosce, auto carina che in questo allestimento spagnolo limited offre di serie cerchi da 16 (195/55/16 gommati conti eco), vetri oscurati, battitacco con scritta limited abbastanza pacchiani, cruise classico Renault non adattivo, infotainment tipo tablet comprensivo di navigatore, clima manuale bello potente, nota dolente, vetri elettrici solo anteriori e senza automatismo (la skoda fabia prima serie, nata 17 anni fa, li aveva automatici sia salita che discesa). A mio avviso il nero non le dona molto, la seconda che mi hanno dato (causa rottura vetro a Valencia per tentato furto) era identica ma grigio piombo e a me pareva molto più figosa.   Veniamo agli interni, cioè, la parte più criticata di questa serie della piccola renault, premettendo che ho avuto per quasi 15 anni una skoda fabia sostituita l'anno scorso con una megane terza serie e negli ultimi 5 anni avrò noleggiato una quindicina di auto seg. b-c, bhè, non mi sono parsi poi così scandalosi per il tipo di auto, le plastiche sono dure però piacevoli alla vista, comandi tutti al posto giusto, sedili abbastanza comodi, niente dolori anche dopo 400 km di fila (dannato ladro), abitabilità buona per 4 con il plus per gli spilungoni della graandissima escursione del sedile guida, ovviamente, se la si sfrutta tutta, dietro resta pochissimo spazio per le gambe, bagagliaio nella media, noi eravamo in 3 e ci abbiamo infilato una valigia da stiva da 80 litri più 3 trolley da cabina.   La guida è piacevole, l'auto è bella incollata, sterzo preciso, rolla poco ma assorbe abbastanza bene le pochissime buche delle ottime strade spagnole (TOMBINO A LIVELLO griderebbe ogni 10 secondi il buon lambre), in 1400 km non mi ha mai dato brutte sensazioni, tolta la visibilità dietro scarsa per il resto anche in mezzo al traffico dell'ora di punta in centro a Valencia non ho avuto il minimo problema, s-s puntuale, ma non lo vorrei mai sulla mia auto. Il motore è tutt'altro che sportivo, avendo una megane sportour 110 cv, mi sarei aspettato qualcosina in più visto i 250 kg di differenza, ma comunque si muove bene, il cambio è abbastanza preciso, la rapportatura delle sole 5 marce è piuttosto lunga (110 kmh di gps corrispondono a 2000 giri spaccati in quinta) e aiuta i consumi, ma anche qui, pensavo meglio, i conti della serva (non precisissimi perché non si sa mai se il cliente precedente ha riempito a tappo oppure gli è venuto il braccino) parlano di circa 22 km litro su 1400 km fatti per il 90% su extraurbano-superstrada scorrevole con velocità comprese tra gli 80 ed i 120.   Sempre per quanto riguarda il motore, un piccolo raffronto tra 1.5 dci 110 cv anno 2012 euro 5 con all'attivo 93000 km e questo 1.5 dci 90 cv euro 6 con circa 10000 km, pare assurdo, ma i 2 motori non sembrano neanche lontani parenti, innanzitutto il 90 cv sembra più ruvido (si dovrà ancora rodare bene?) mentre il 110 fila via più liscio con molto meno freno motore, rumorosità completamente differente e qui l'hanno migliorata parecchio eliminando il fastidioso rumoraccio di valvole che fa il vecchio 110 intorno ai 1600 giri (parlo di rumore a finestrini aperti, a finestrini chiusi la megane terza serie è 2 se non 3 spanne sopra come confort), erogazione, ma qui ci stà, completamente diversa, il piccolino è decisamente più consistente ai bassissimi giri, ma poi gli manca un po' di cattiveria e dopo i 3000 la festa è belle che terminata (turbina a geometria fissa?), il 110 invece è praticamente assente sotto i 1500 ma poi si sveglia e va via senza grosse murate fin oltre i 4000.   In definitiva, la comprerei? Ni, per tutta la settimana che l'ho usata mi è piaciuta parecchio, le prestazioni mi andrebbero più che bene, i consumi sono buoni, esteticamente è bellina, però poi quando a Malpensa ho ripreso la mia vecchietta e mi sono sparato 200 km fino a casa mi sono ricordato il motivo per cui sono passato dal segmento b al c, innanzitutto il comfort e poi la sensazione generale di avere sotto al sedere qualcosa di più sostanzioso, più macchina, diciamo.    
    •   Gli mca cosa sono?
      Altri 3 anni senza modelli non sono pochi.. Praticamente nel 2020 Giulia e Stelvio saranno già a metà della loro vita, Giulietta avrà 10 anni e MiTo 12 (!).   P.s. Si parlava anche di un'Alfa per sostituire la produzione della Panda a Pomigliano. Nulla anche lì?
    •     Vorrei sapere quanto ha consumato in 3 km e che temperatura hanno raggiunto i freni
    • L'unico particolare di rilievo è il tubo di scappamento destro che ha una forma inusuale e diversa da quello sinistro che mi fa pensare al 350 Cv.... o versione ibrida?  Molto difficile dirlo. Sarebbe utile sapere se la foto è stata scattata nei dintorni di Orbassano o dove altro...
    •   Vero eh...sicuramente la motorizzazione 1.5 L3 abbasserà sensibilmente il prezzo. Detto ciò, non mi pare che l'allestimento Momentum offra chissà quali mirabolanti optional di serie...se escludiamo i cerchi da 18 (che comunque su un SUV sono quasi un entry level) e la pelle dei sedili, il resto è tutto da mettere....manca il clima bizona, mancano tutti gli assistenti alla guida, mancano i fari full-led, manca il navigatore, manca la radio dab, mancano svariati altri pacchetti. Buona parte degli optional, su un allestimento top di gamma, potrebbero anche essere di serie.

      in sostanza, senza mettere proprio tutte le cazzate disponibili, arrivare da 43 a 50k è davvero un attimo. e con 50k euro, si può davvero pensare anche ad altro genere di vetture. Siamo sul segmento C e i prezzi rispecchiano ormai quelli del segmento D di una generazione fa 0.o! lo trovo fenomeno preoccupante e ai limiti dello scandaloso... (e non voglio nemmeno pensare a SUV di segmento B che arrivano molto molto vicini alla zona 50k.)
  • Discussioni

×