Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di : Motor.it
  • 0
Ario_

Avviamento con cavi, da diesel a benzina?

Domanda

Buon pomeriggio a tutti!

Purtroppo o dei problemi ad avviare la mia Punto (seconda serie pre-rest), il motore è un 1,2 FIRE 8v.

A casa ho i cavi ed ho pensato di fare ponte con la seconda auto di casa, una 159 1,9JTDm 120Cv.

Da quel poco che so, però, la batteria di un diesel è grossa il doppio di quella di un benzina e non vorrei fare danni.

Qualcuno ha qualche consiglio?

Note: i sintomi sono proprio quelli della batteria troppo scarica: le luci funziano ma il motorino d'avviamento non "dura" abbastanza a lungo.

La batteria ha meno di un anno e fino a ieri sera si avviava al primo colpo.

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

25 risposte a questa domanda

Messaggi Raccomandati

  • 0

Nessun problema, potrebbe essere un problema al contrario.

Se proprio si vuol essere sicuri, quello che bisogna guardare è la capacità di spunto delle batteria scarica (A e non la capacità di carica, espressa in Ah) che dev'essere <= della "donatrice". Questo per accertarsi se la batteria è capace di avviare quel motore. In ogni caso, collegando i cavi, parte della capacità viene impiegata per ricaricare la batteria, quindi conviene lasciarla caricare per qualche minuto col motore della donatrice acceso prima di provare ad avviare.

Quello che non ti so consigliare è l'ordine di collegamento dei cavi, ho letto su internet varie cose sui rischi di scariche elettrostatiche che possano danneggiare la centralina, ect, ect. Qualcuno consigliava di collegare il negativo alla carrozzeria invece che alla batteria e cose del genere.

Non so quante di queste cose siano vere, a naso direi che i circuiti in auto dovrebbero essere adeguatamente schermati e dimensionati per sopportare il collegamento di una batteria (= cavi in parallelo *) (appunto perchè prima o poi questo collegamento viene fatto :mrgreen:), però se qualcuno ha qualcosa da dire in merito sarei curioso.

* naturalmente con batteria molto a terra il discorso cambia e può essere anche pericoloso, però non credo che la scintilla di un tale collegamento possa fare danni in auto. Se ho torto mi interessa saperlo :)

Modificato da elmad
  • Like! 1

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
  • 0
Nessun problema, potrebbe essere un problema al contrario.

Se proprio si vuol essere sicuri, quello che bisogna guardare è la capacità di spunto delle batteria scarica (A e non la capacità di carica, espressa in Ah) che dev'essere <= della "donatrice". Questo per accertarsi se la batteria è capace di avviare quel motore. In ogni caso, collegando i cavi, parte della capacità viene impiegata per ricaricare la batteria, quindi conviene lasciarla caricare per qualche minuto col motore della donatrice acceso prima di provare ad avviare.

Quello che non ti so consigliare è l'ordine di collegamento dei cavi, ho letto su internet varie cose sui rischi di scariche elettrostatiche che possano danneggiare la centralina, ect, ect. Qualcuno consigliava di collegare il negativo alla carrozzeria invece che alla batteria e cose del genere.

Non so quante di queste cose siano vere, a naso direi che i circuiti in auto dovrebbero essere adeguatamente schermati e dimensionati per sopportare il collegamento di una batteria (= cavi in parallelo *) (appunto perchè prima o poi questo collegamento viene fatto :mrgreen:), però se qualcuno ha qualcosa da dire in merito sarei curioso.

* naturalmente con batteria molto a terra il discorso cambia e può essere anche pericoloso, però non credo che la scintilla di un tale collegamento possa fare danni in auto. Se ho torto mi interessa saperlo :)

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
  • 0

da non fare e' tentare la manovra opposta: avviare un diesel 2.0 con un piccolo benza:

non ce la farebbe e se i cavi sono quelli sottili, venduti per pochi euro al supermercato quasi certamente li fondi e rischi di dar fuoco al resto.

per collegarsi ad un diesel 2.0 occorrono i cavi professionali, a "treccia", spessore un pollice (inteso come dito ;) )

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
  • 0
non ce la farebbe e se i cavi sono quelli sottili, venduti per pochi euro al supermercato quasi certamente li fondi e rischi di dar fuoco al resto.

per collegarsi ad un diesel 2.0 occorrono i cavi professionali, a "treccia", spessore un pollice (inteso come dito ;) )

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
  • 0
I

Maggiore è la sezione maggiore è l'ingombro,

.

una buona posizione è arrotolarli intorno al ruotino di scorta nella intercapedine che si crea fra la ruota smussata e il piano di copertura;)

posto di avere il ruotino :D

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
  • 0
da non fare e' tentare la manovra opposta: avviare un diesel 2.0 con un piccolo benza:

Con un 1.6 benza ce la si fa senza problemi :)

Devi però avere cavi belli grossi

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
  • 0

Grazie, ragazzi! Emergenza risolta, siete grandi! :D

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
  • 0
Con un 1.6 benza ce la si fa senza problemi :)

Devi però avere cavi belli grossi

e la batteria solo scarica ma sana;) altrimenti niente da fare, provato con AUdi 1.6 vs 1.9 jtd

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
  • 0

Batteria di nuovo a terra.

Questa volta è colpa mia che ho lasciato le luci di parcheggio accese di notte.

 

Basta tenere acceso il motore per ricaricarla?

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
  • 0
On 7/3/2018 at 10:08, Ario_ dice:

Batteria di nuovo a terra.

Questa volta è colpa mia che ho lasciato le luci di parcheggio accese di notte.

 

Basta tenere acceso il motore per ricaricarla?

In alcuni casi può essere sufficiente, in altri casi, se la batteria ha subito dei "traumi", si può provare a recuperarla con un apposito caricatore professionale, che fa dei cicli di carica particolari. 

  • Like! 1

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere iscritto per commentare e visualizzare le sezioni protette!

Crea un account

Iscriviti nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

×