Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di : Motor.it
TonyH

Autopareri - Finanza e Economia

Messaggi Raccomandati

Oggi per quasi ogni cosa l'acquisto online conviene rispetto all'andare in un negozio fisico. Hai scelta illimitata, possibilita' di confrontare i prezzi, ti portano a casa cio' che ordini.

I centri commerciali hanno costi elevatissimi, che si riflettono sui clienti. Ovviamente spesso risultano comodi in citta' caotiche come Roma, dove sarebbe molto scomodo fare il giro delle sette chiese per comprare cio' che serve.

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
7 ore fa, TurboGimmo dice:

 

i centri commerciali potrebbero chiudere domani. Il problema e' che prima han portato alla chiusura dei piccoli negozietti di centro paese, causando spopolamento dei centri e quel che ne consegue.

una merda insomma. Ma meglio mettersi l'animo in pace. Io nel mio piccolo cerco di evitarli, ci sono giusto andato per prendere il surface in offertissima

 

Sui piccoli negozi io sto notando una inversione di tendenza. Con un miglioramento, quelli che aprono nuovi si sbattono per avere clientela. Come qualità di prodotto e qualità di servizio.

 

Molti dei precedenti perdevano rispetto al centro commerciale perché pensavano di andare avanti pensando che per il solo fatto che esistono i clienti devono comprare da loro.

Cosa che sta affliggendo adesso i negozi nei centri commerciali. Visto che sono lì tanti vendere a prescindere da bontà dell'offerta e dalla cortesia.

 

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Da me so di due macellerie che ti preparano la roba, basta che gli mandi un wazzappino con la lista della spesa ;)

Il verduraio invece continua a regalarmi roba che non ho mai provato perché sa che poi torno.

Però il primo passo lo deve fare il consumatore.

Da me in centro, strano a dirsi, alcune vetrine sono vuote. Chi resiste tra chi vende vestiti di solito ti fa anche un minimo di servizio sartoriale (allarga allunga stringi) che se vai ad Arese non trovi. A tal proposito leggevo qualche settimana fa che quando hanno aperto i saldi il centro di Arese ha preso gran parte della clientela. Che amarezza.

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
Inviato (modificato)

Sono contento che al sud e nel napoletano in particolare la grande distribuzione non abbia preso cosi' piede come da altre parti. Altro che whatsappino, chiami il fruttivendolo/macellaio/salumiere, gli dici quello che vuoi, e non solo lo prepara ma te lo manda anche a casa tramite "o' guaglione" (cioe' il garzone che si occupa delle consegne a domicilio)! Altro che Amazon!

Vivendo ora a Roma quando sono in Italia, mi manca tanto tutto cio'!

Modificato da Dodicicilindri

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Giusta considerazione. Ci sarebbe da valutare il "corretto" inquadramento del Guaglione....

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
On 7/8/2017 at 08:25, TonyH dice:

 

Sui piccoli negozi io sto notando una inversione di tendenza. Con un miglioramento, quelli che aprono nuovi si sbattono per avere clientela. Come qualità di prodotto e qualità di servizio.

 

Molti dei precedenti perdevano rispetto al centro commerciale perché pensavano di andare avanti pensando che per il solo fatto che esistono i clienti devono comprare da loro.

Cosa che sta affliggendo adesso i negozi nei centri commerciali. Visto che sono lì tanti vendere a prescindere da bontà dell'offerta e dalla cortesia.

 

I piccoli negozi non possono sognare di sopravvivere vendendo pasta Barilla, perchè per ragioni di economie di scala la grande distribuzione sarà sempre più competitiva sul prezzo.

Dove possono e devono fare la differenza è sulla qualità della merce, specie sul fresco, e sui servizi aggiuntivi, perchè in quei settori la necessità di acquisti in grande quantità si ritorce contro la grande distribuzione, che non riesce ad accedere ai piccoli produttori di alto livello.

E così io compro scatolame, sale, zucchero, acqua, pasta, birra, detersivi e simili al'iper, ma carne, salumi, formaggi, frutta, verdura nei piccoli negozi (che magari hanno prezzi da gioielliere ma una qualità incomparabile)

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere iscritto per commentare e visualizzare le sezioni protette!

Crea un account

Iscriviti nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

×