Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di : Motor.it

Quanto ti piace l'Alfa Romeo Giulia 2016?  

536 voti

  1. 1. Quanto ti piace l'Alfa Romeo Giulia 2016?

    • Molto
      456
    • Abbastanza
      55
    • Poco
      15
    • Per niente
      7
  2. 2. Se esistessero più tipologie di carrozzeria, come la sceglieresti?

    • Giulia Berlna
      63
    • Giulia Wagon
      64
    • Giulia Coupé
      107
    • Giulia Cabrio
      5


Recommended Posts

10 ore fa, select dice:

 

ecco qui ci starebbe bene il volante con corona in legno... sarebbe un bell'accoppiamento con queste modanature

bellissimo l'accoppiamento dei colori, ma.........

che cavolo è quella botola nera sul lato passeggero? poggia piedi? è un pugno in un occhio...

meglio classico nero va... almeno non si nota

 

Dubito che sia un poggiapiedi, normalmente non si sta con i piedi dritti in avanti in verticale. 

A meno che non sia una base di spinta per quando fai il missionario.

 

Sotto si vede una struttura a nido d'ape, assai probabile che abbia qualche funzione tecnica.

 

Oltretutto si nota perché la foto è presa in posizione particolare, di solito quella zona lì è invisibile dai posti anteriori.

  • Like! 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
25 minuti fa, McNab dice:

Concordo

mostra sotto un'altra luce un approccio diverso da quello dei tedeschi che spesso viene preso come pietra di paragone.
O perlomeno vende bene la spiegazione  :D 

 

Non posso vedere il video, di cosa parla?

Quale sarebbe il famoso problema ed il famoso approccio?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
1 minuto fa, TurboGimmo dice:

 

Non posso vedere il video, di cosa parla?

 

Idem purtroppo, magari stasera. Nel frattempo riuscite ad anticiparmi qualcosa? graaaaaaaaazie!!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
5 minuti fa, TurboGimmo dice:

 

Non posso vedere il video, di cosa parla?

Quale sarebbe il famoso problema ed il famoso approccio?

 

Come soddisfare la problematica del potere tricotraente del vello femminile.

I tedeschi sono per il submission, noi no.

  • Like! 3

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Scusate ma qui....

 

 

 

cosa ci collegano...????

Cattura.PNG

Modificato da MauMicra
aggiunta imm.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
2 ore fa, kombos dice:

Abbiamo una donna tra noi? :oddio:

Ma soprattutto c'entra qualcosa con la pubblicità della Rio che mi appare in continuazione?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
2 ore fa, kombos dice:

Abbiamo una donna tra noi? :oddio:

Sì...beccata....;)

Però giuro che non ho niente a che fare con la pubblicità Rio,

jameson

!

 

Apprendo!

  • Like! 3

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, TonyH dice:

 

Dubito che sia un poggiapiedi, normalmente non si sta con i piedi dritti in avanti in verticale. 

A meno che non sia una base di spinta per quando fai il missionario.

 

Sotto si vede una struttura a nido d'ape, assai probabile che abbia qualche funzione tecnica.

 

Oltretutto si nota perché la foto è presa in posizione particolare, di solito quella zona lì è invisibile dai posti anteriori.

Sulla mia quando il sedile e' abbassato del tutto i piedi stanno proprio li, volendo. Specialmente se si regola l'inclinazione su mod "dentista". :D

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, TurboGimmo dice:

 

Non posso vedere il video, di cosa parla?

Quale sarebbe il famoso problema ed il famoso approccio?

 

1 ora fa, KiaKia dice:

Idem purtroppo, magari stasera. Nel frattempo riuscite ad anticiparmi qualcosa? graaaaaaaaazie!!

Cita

La Giulia, lo sappiamo, ha riportato il marchio Alfa Romeo al centro dell'attenzione planetaria dal giugno dello scorso anno, quando venne presentata ad Arese. In occasione della nostra prima presa di contatto con la Quadrifoglio Verde e con la 2.2 diesel da 180 CV, abbiamo avuto l'occasione di chiaccherare con Roberto Fedeli, CTO del Biscione, con cui abbiamo analizzato i retroscena più curiosi celati dietro la nascita della vettura.

Possiamo dire che la Giulia sia una vera Alfa?

«Si. Abbiamo una differenza fondamentale rispetto l'approccio dei nostri amici tedeschi ed europei. Loro sviluppano le vetture altoprestazionali come un business separato, quasi come se fosse un accessorio al mercato centrale delle vetture da 35 o 40 mila euro. Prima si focalizzano sulla versione base, poi un altro gruppo totalmente differente dal primo sviluppa l'auto prestazionale, sia essa marchiata AMG, RS o M. Ciò ha sicuramente dei lati positivi – due gruppi distinti vantano un maggior numero di idee e di creatività – ma altresì ne ha di negativi, perché entrambe le vetture nascono dalla stessa linea di montaggio, quindi vi sono dei vincoli enormi da rispettare.»

alfa-romeo-giulia-quadrifoglio-test-25.j
La percezione di guida al volante della Giulia QV è quella di un'auto molto armoniosa

Su quale, tra la QV e le Giulia “standard” vi siete focalizzati maggiormente?

«Prima è nata la Quadrifoglio Verde, senza alcun vincolo o costrizione. La derivata ne ha ereditato l'architettura. Sostanzialmente, differiscono solo per il numero di cavalli e per alcuni particolari in fibra di carbonio.»

Chi acquista una Giulia da 150 CV ha così la stessa guidabilità della Quadrifoglio Verde?

«È esattamente così. Non si tratta di una semplice sensazione, dato che i pezzi fisici sono gli stessi.»

alfa-romeo-giulia-quadrifoglio-test-22.j

Alla guida della Giulia si ha una percezione molto armonica, di un'auto ben riuscita. Ciò è frutto della capacità italiana nel settore oppure l'esasperazione della schematizzazione ingegneristica porta a risultati non armoniosi?

«A tal proposito bisogna soffermarci su due aspetti. Per prima cosa, devo dire che noi abbiamo una visione sistemica che altri non hanno: noi vediamo da subito una vettura, non delle componenti che – una volta assemblati – diano come risultato l'auto. Questo è il retaggio della cultura Ferrari e della Formula 1. Alcune persone che hanno lavorato a questo progetto arrivano proprio da quell'ambiente. Secondariamente, poi, va detto che la Giulia è nata al simulatore. I pezzi necessari alla sua realizzazione sono stati modificati solo dopo che chi aveva provato la simulazione ha testato la versione stradale, poi si è trattato unicamente di metterla a punto. C'è stato un lavoro di preparazione importante, ma nel complesso possiamo dire che la vettura sia nata davvero bene.»

Per un progetto di tale portata, solitamente sono necessari 5 anni di duro lavoro. A voi ne son serviti solo 3. Come avete fatto?

«La gente ha lavorato davvero il doppio, e non sto facendo una battuta. Ho visto persone lavorare a Modena fino alle 20:00 o alle 21:00, per poi partire e andare a Cassino – dove abbiamo lo stabilimento in cui nascono le Giulia – per stare vicino a dove si producono le vetture e capire cosa bisognasse cambiare per standardizzare il processo produttivo. Dormivano 3 ore in autostrada, poi al mattino erano in fabbrica per meglio capire come stessero nascendo le loro “figlie”. Credo proprio siano stati 3 anni irripetibili.»

http://www.automoto.it/news/roberto-fedeli-cto-alfa-romeo-la-giulia-e-diversa-dalle-tedesche.html

  • Like! 8

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, TurboGimmo dice:

 

Non posso vedere il video, di cosa parla?

Quale sarebbe il famoso problema ed il famoso approccio?

Ha risposto RiRino, stavo per scriverlo ma decisamente meglio quello che ha postato!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere iscritto per commentare e visualizzare le sezioni protette!

Crea un account

Iscriviti nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

×