Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di : Motor.it

Messaggi Raccomandati

Vedo già la Panda con l'opzione:

  • guida autonoma livello 5 made by Rolls Royce in Goodwood, United Kingdom
  • Like! 1
  • Ahah! 1

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Non stanno proprio così le cose :D Non vedremo la panda con roba BMW e viceversa. Ma si svilupperà una architettura modulare per la guida altamente automatizzata Livello 3 e completamente autonoma Livello 4/5.
 

 

Cita

 

Firmato stamane un memorandum di intesa per lo sviluppo congiunto di una piattaforma di Livello 4/5 tra BMW Group, Intel Corporation, Mobileye e Fiat Chrysler Automobiles (FCA)

FCA si è unita stamani ai colossi di BMW Group, Intel e Mobileye per lo sviluppo di una piattaforma di guida autonoma leader a livello mondiale. La collaborazione consentirà alle aziende di sfruttare le proprie forze, capacità e risorse individuali

BMW Group ha un nuovo partner automobilistico per lo sviluppo della futura piattaforma a guida autonoma di Livello 4/5: Fiat Chrysler Automobilies. I partner di sviluppo intendono sfruttare le proprie forze, capacità e risorse individuali per migliorare la tecnologia della piattaforma, aumentare l'efficienza dello sviluppo e ridurre il "time-to-market". Uno degli obiettivi per conseguire questo obiettivo sarà la collaborazione tra gli ingegneri delle singole partecipate. FCA porterà ingegneria e altre risorse tecniche e competenze alla cooperazione, così come i suoi significativi volumi di vendita, la portata geografica e la lunga esperienza in Nord America.

"Per promuovere la tecnologia di guida autonoma è fondamentale formare partnership tra produttori di autoveicoli, fornitori di tecnologie e fornitori. L'adesione a questa cooperazione consentirà a FCA di beneficiare direttamente delle sinergie e delle economie di scala che sono possibili quando le aziende si incontrano con una visione ed un obiettivo comuni".

Sergio Marchionne, Chief Executive Officer dell'FCA.

Una piattaforma modulare per la guida autonoma

Nel mese di luglio del 2016, BMW Group, Intel e Mobileye hanno annunciato di voler congiuntamente realizzare una pletora di autovetture che portino in dote soluzioni per la guida altamente automatizzata (Livello 3) e la guida completamente automatizzata (Livello 4/5) in  produzione entro il 2021. Da allora, stanno progettando e sviluppando un'architettura modulare che può essere utilizzata da più produttori di automobili in tutto il mondo, mantenendo contemporaneamente le identità uniche di ogni marchio automobilistico.

La cooperazione rimane in pista per mettere in atto 40 veicoli di prova autonomi su strada entro il 2017. Inoltre, si aspetta di trarre vantaggio dal sfruttamento dei dati e delle conoscenze della flotta dei veicoli di prova di nuova concezione. Tutto è supervisionato ad oltre 100 livelli di controllo da parte di Mobileye, un'azienda Intel, che dimostra quanto l'effetto scala di questo approccio possa esser vincente.

BMW

" I due fattori che restano fondamentali per il successo della collaborazione sono: un'eccellenza senza compromessi nello sviluppo e la modularità della nostra piattaforma di guida autonoma. Con FCA come nostro nuovo partner, rafforziamo il nostro percorso per creare con successo la soluzione più rilevante di livello 3-5, cross-OEM, su scala globale".

Harald Krüger, presidente del consiglio di amministrazione di BMW AG. 

Cartella stampa completa

 

Via BMWNews

  • Ahah! 1

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

BMW si allontana sempre piú dal cartello, molto bene, molto bene..

 

BMW Group, Intel Corporation, Mobileye, an Intel company, and Fiat Chrysler
Automobiles (FCA)
signed a memorandum of understanding for FCA to join them in
developing a world leading, state-of-the-art autonomous driving platform
• The cooperation allows the companies to leverage each other’s individual strengths,
capabilities and resources
• The platform will be scalable for Level 3 to Level 4/5 automated driving and can be used
by multiple automakers around the world while maintaining their unique brand identities
 

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Comunicato FCA:

 

http://media.fcanorthamerica.com/newsrelease.do?id=18500&mid=1

 

Cita

Fiat Chrysler Automobiles to Join BMW Group, Intel and Mobileye in Developing Autonomous Driving Platform

  • BMW Group, Intel Corporation, Mobileye, an Intel company, and Fiat Chrysler Automobiles (FCA) signed a memorandum of understanding for FCA to join them in developing a world leading, state-of-the-art autonomous driving platform
  • The cooperation allows the companies to leverage each other’s individual strengths, capabilities and resources
  • The platform will be scalable for Level 3 to Level 4/5 automated driving and can be used by multiple automakers around the world while maintaining their unique brand identities
August 16, 2017 , London - BMW Group, Intel and Mobileye announced today that they have signed a memorandum of understanding with the intention for Fiat Chrysler Automobiles (FCA) to be the first automaker to join them in developing a world leading, state-of-the-art autonomous driving platform for global deployment.
 
The development partners intend to leverage each other’s individual strengths, capabilities and resources to enhance the platform’s technology, increase development efficiency and reduce time to market. One enabler to achieve this will be the co-location of engineers in Germany, as well as other locations. FCA will bring engineering and other technical resources and expertise to the cooperation, as well as its significant sales volumes, geographic reach and long-time experience in North America.
 
“In order to advance autonomous driving technology, it is vital to form partnerships among automakers, technology providers and suppliers,” said FCA Chief Executive Officer Sergio Marchionne. “Joining this cooperation will enable FCA to directly benefit from the synergies and economies of scale that are possible when companies come together with a common vision and objective.”

In July 2016, BMW Group, Intel, and Mobileye announced that they were joining forces to make self-driving vehicles a reality by collaborating to bring solutions for highly automated driving (Level 3) and fully automated driving (Level 4/5) into production by 2021. Since then, they have been designing and developing a scalable architecture that can be used by multiple automakers around the world, while at the same time maintaining each automaker’s unique brand identities.
 
The cooperation remains on-track to deploy 40 autonomous test vehicles on the road by 2017 year-end. It also expects to benefit from leveraging data and learnings from the recently announced 100 Level 4 test vehicle fleet of Mobileye, an Intel Company, demonstrating the scale effect of this collaborative approach.
 
“The two factors that remain key to the success of the cooperation are uncompromising excellence in development, and the scalability of our autonomous driving platform,” said Harald Krüger, Chairman of the Board of Management of BMW AG. “With FCA as our new partner, we reinforce our path to successfully create the most relevant state-of-the-art, cross-OEM Level 3-5 solution on a global scale.”

“The future of transportation relies on auto and tech industry leaders working together to develop a scalable architecture that automakers around the globe can adopt and customize,” said Brian Krzanich, Intel CEO. “We’re thrilled to welcome FCA’s contribution, bringing us a step closer to delivering the world’s safest autonomous vehicles.”
 
“We welcome FCA’s contributions and use of the cooperation’s platform, which has made substantial progress over the last year and is rapidly entering the testing and execution phase,” stated Professor Amnon Shashua, Chief Executive Officer and Chief Technology Officer of Mobileye, an Intel Company. “The combination of vision-intense perception and mapping, differentiated sensor fusion, and driving policy solutions offers the highest levels of safety and versatility, in a cost-efficient package that will scale across all geographies and road settings.”
 
BMW Group, Intel, Mobileye and FCA, together with the recently announced development partners and system integrators, invite and welcome additional automakers and technology suppliers to join them in adopting this autonomous driving platform in an effort to create an industry-wide solution.

 

P.S.: notizia che non fa che confermare che siamo alla vigilia della smobilitazione e del "moriremo tutti"......Scusate il sarcasmo, ma ogni tanto scappa...:mrgreen:

Modificato da pennellotref
  • Like! 1

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
32 minutes ago, pennellotref said:

Comunicato FCA:

 

http://media.fcanorthamerica.com/newsrelease.do?id=18500&mid=1

 

 

P.S.: notizia che non fa che confermare che siamo alla vigilia della smobilitazione e del "moriremo tutti"......Scusate il sarcasmo, ma ogni tanto scappa...:mrgreen:

Mi hai anticipato, volevo scrivere esattamente la stessa cosa...

1 hour ago, Rohypnol said:

Vedo già la Panda con l'opzione:

  • guida autonoma livello 5 made by Rolls Royce in Goodwood, United Kingdom

Quando si continua a confondere FCA con FIAT....

  • Ahah! 1

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Ecco. Quando leggo ste cose mi viene da riderissimo a pensare che c'è qualcuno che pensa che un certo brand stia sviluppando da solo queste tecnologie e sia all'avanguardia del campo e per questo molto innovativo.

  • Like! 7
  • Ahah! 1

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

http://www.autonews.com/article/20170816/COPY01/308169977/fiat-chrysler-joins-bmw-intel-self-driving-alliance?AID=/20170816/COPY01/308169977

 

Cita

Fiat Chrysler joins BMW, Intel self-driving alliance

 
August 16, 2017 @ 4:05 am
Alexandria Sage
Reuters
 

Have an opinion about this story? Click here to submit a Letter to the Editor, and we may publish it in print.

SAN FRANCISCO -- Fiat Chrysler Automobiles is joining the self-driving alliance led by BMW Group, Intel and Mobileye, becoming the second automaker in the year-old group to opt to partner in developing an autonomous driving platform.

More automakers are seeking alliances to share the high costs of developing self-driving vehicle technology, which requires extensive r&d and software expertise outside the traditional domain of carmakers.

The group, which announced its alliance last year, plans to put its technology for both Level 3 and Level 4/5 autonomous driving into production by 2021, BMW said in a statement on Wednesday. This would match a general timeframe shared by rival automakers and technology companies that are developing such technology alone.

In a separate statement, the partners said FCA, which already has a non-exclusive alliance with Alphabet's self-driving unit, Waymo, would bring engineering and other technical resources and expertise to the deal, as well as experience in North America, the automaker's most profitable market.

FCA CEO Sergio Marchionne cited the "synergies and economies of scale" possible in joining the alliance.

Marchionne has long argued that automakers must merge in order to survive the prohibitively high costs of making more technologically advanced vehicles. In April, he said FCA was looking for new partners in self-driving development because "banking all of our solutions on one possible outcome is going to be disastrous."

Auto suppliers Delphi and Continental are also part of the alliance.

The group said it was still on track to put 40 self-driving test vehicles on the road by the end of 2017, and would learn from the 100 test vehicles to be deployed by Mobileye in the U.S. beginning later this year.

The FCA partnership with Waymo uses Chrysler Pacifica hybrid minivans for testing.

 

 

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Domandone da millemila milioni de euri :mrgreen:: quanto c'entra (se c'entra...) la presenza di MM in FCA nella conclusione di un accordo del genere ? :dubbio:

 

Cita

FCA will bring engineering and other technical resources and expertise to the cooperation, as well as its significant sales volumes, geographic reach and long-time experience in North America.

Citazione dal separate statement di cui sopra:

 

https://www.fcagroup.com/en-US/media_center/fca_press_release/FiatDocuments/2017/august/FCA_to_Join_BMW_Group_Intel_and_Mobileye_in_Developing_Autonomous_Driving_Platform.pdf

Modificato da pennellotref

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere iscritto per commentare e visualizzare le sezioni protette!

Crea un account

Iscriviti nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

  • Contenuti simili

    • Da Pandino

       
      Autoevolution
       
      Teaser del concept della Kia Sportage BMW X3 elettrica.
    • Da KimKardashian
      Oggi oltre alla Grand Commander standard 7 posti, Jeep presenta in Cina la Commander PHEV,  ovvero il modello che abbina il 2.0 litri turbo ad un elettrico posteriore con abitacolo 5 posti (per questo perde la denominazione Grand e la terza fila di sedili). I consumi dichiarati nel misto sono inferiori a 2 litri per 100 km nel ciclo di omologazione cinese (diverso dall europeo). 
      La tecnologia é derivata dalla Pacifica Hybrid. 
       
      Piu avanti Jeep presentera anche la Commander standard ovvero con soli 5 posti e motori tradizionali, piu economica rispetto la Grand Commander. 
       
      Non vi saranno differenze estetiche tra Commander e Grand Comander. 
       
      https://www.autohome.com.con/news/201804/915861.html#p7




    • Da MotorPassion

       

       

       

       

       
      La BMW M2 Competition sostituisce la precedente BMW M2 in toto. Sotto al cofano il 6 cilindri TwinTurbo della BMW M3 e BMW M4 depotenziato a 410 CV e 550 Nm di coppia
      Estetica affinata e trazione esclusivamente posteriore attraverso il cambio manuale a 6 rapporti o DCT a sette marce
      La BMW M2 rappresenta attualmente la vettura BMW M purosangue del 21° secolo e con la nuova BMW M2 Competition – presentata al Salone dell’Auto di Pechino – provvede a spostare più in alto il limite. Sotto al cofano il 6 cilindri in linea da 3.0 litri con doppio turbocompressore della BMW M3 e BMW M4. In versione depotenziata – of course – per non ledere la noblesse delle “sorelle” maggiori.  Dai 431 CV si è scesi ad appena 410 CV costanti tra 5’250 e 7’000 rpm. Mentre la coppia motrice rimane stabile a 550 Nm costante tra 2’350 a 5’230 rpm. Un risultato che comunque garantisce circa 40 CV e 100 Nm in più rispetto alla M2 di serie, che con il precedente N55 si ferma a 370 CV e 465 Nm di coppia (500 in overboost). Questo le consente di limitare di un decimo di secondo lo scatto da fermo a 100 km/h, che scende a 4.2 secondi (4.4 con il manuale a 6 rapporti).
      La velocità massima è limitata a 250 km/h che sale a 280 km/h (sempre limitati) con l’adozione del BMW M Driver’s Package.
       
      Il sei cilindri delle M3 ed M4, ma rivisto completamente

      Il 6 cilindri 3.0 litri BMW M TwinPower Turbo S55 che equipaggia le BMW M3 e BMW M4 non è stato trapiantato “tout-court” all’interno del vano motore della BMW M2, ma ha subito alcuni affinamenti importanti.
      Prima di tutto abbiamo una linea di scarico specifica, progettata ex-novo che utilizza sempre il sistema di controllo delle valvole “anti-rumore” per cambiare timbro quando è necessario. Una diversa logica di gestione della ECU si associa all’adozione di un Filtro Anti Particolato che BMW chiama Otto Particulate Filter (OPF) in grado di garantire le normative Euro6d-Temp per la BMW M2 Competition.
      Il sistema di lubrificazione è stato ripreso dalle BMW M impegnate nel Motorsport con il medesimo propulsore, mentre il sistema di raffreddamento è mutuato integralmente dalla BMW M4 con Competition Package. Quindi la BMW M2 Competition utilizza sistemi di raffreddamento e lubrificazione “pronto corsa” derivate dall’esperienza BMW Motorsport.
      Ad esempio, una paratia supplementare della coppa dell’olio aiuta a limitare il movimento dei lubrificanti quando l’auto cambia improvvisamente direzione. Sotto estrema accelerazione e decelerazione longitudinale, una pompa di estrazione dell’olio ed un sofisticato sistema di ritorno dell’olio situati vicino al turbocompressore contribuiscono anche a mantenere una circolazione dell’olio ininterrotta. Pertanto, l’olio viene fornito continuamente a tutti i componenti del motore in tutte le situazioni di guida, sia durante la guida quotidiana o durante la guida impegnativa in pista.
      Se la BMW M2 Competition è equipaggiata con la trasmissione doppia frizione a 7 rapporti, è previsto un ulteriore radiatore dell’olio per la trasmissione.
      Estetica che segue la funzione

      L’utilizzo di un doppio rene maggiorato – e dall’estetica completamente rinnovata – provvede a far incamerare una maggior quantità d’aria al propulsore. Questo vale anche per i flap laterali sulle feritorie anteriori che hanno una maggior sezione e finitura in Dark Shadow. Nella stessa finitura è il quadruplo scarico, tipico delle BMW M.
      Il badge M Competition abbellisce la parte posteriore dell’auto. Il design dei nuovi specchietti laterali a doppio braccio migliora l’aerodinamica e sono caratteristici della nuova BMW M2 Competition.
      Gli ingegneri della BMW M hanno anche adattato le dinamiche di guida della BMW M2 Competition per tenere conto delle maggiori prestazioni.
      Il telaio sopra-motore realizzato in CFRP della BMW M3 / M4 (dalla massa di 1.5 kg) è immediatamente visibile nel vano motore. Ciò migliora la rigidità della sezione anteriore ed aumenta la precisione dello sterzo. Anche le curve caratteristiche del servosterzo elettromeccanico, il differenziale Active M e il sistema Dynamic Steering Control (DSC) sono state regolate.
      Telaio completamente rivisto

      Il telaio è stato completamente stravolto. Si sono presi i due telaietti anteriori e posteriori – in alluminio – della BMW M3 e BMW M4. Per garantire una precisione di guida senza paragoni, vengono utilizzati giunti a sfera senza giochi in accoppiamento.  Le forze longitudinali che passano attraverso il telaio vengono trasmesse direttamente nei montanti di torsione tramite speciali cuscinetti in elastomero, che offrono contemporaneamente il comfort di rotolamento desiderato.
      Tutti i bracci sospensivi e di tenuta dell’asse posteriore a cinque bracci sono realizzati in alluminio forgiato. Inoltre, una connessione rigida derivata dalle corse, con boccole in gomma, viene utilizzata per fissare il sottotelaio dell’assale posteriore a griglia in acciaio leggero al corpo vettura. Questo migliora ulteriormente la posizione della ruota e la stabilità del tracciamento.
      Gli ingegneri della BMW M hanno adattato le curve caratteristiche del servosterzo elettromeccanico per migliorare le prestazioni ed aumentare la rigidità della sezione anteriore. La funzione Servotronic integrata con caratteristiche specifiche M controlla il livello dell’assistenza dello sterzo elettronicamente in base alla velocità dell’auto e alle impostazioni effettuate con Drivelogic, che consentono ai conducenti di regolare l’assistenza del servosterzo in qualsiasi momento secondo le proprie preferenze.
      Una M2 personalizzabile a piacimento

      La BMW M2 Comeptition è il primo modello ad essere dotato di selettori sulla consolle centrale che consentono il controllo istantaneo delle caratteristiche e delle impostazioni per le funzioni motore, sterzo e Drivelogic, se equipaggiata con la trasmissione M DCT. Le varie configurazioni possono essere combinate tra loro in qualsiasi modo il guidatore preferisca; inoltre possono esser memorizzate per un facile accesso utilizzando i pulsanti M1 e M2 sul volante. La gamma standard di equipaggiamenti include ora il pulsante rosso di Star Engine, i fari adattivi a LED e il Park Distance Control (PDC) anteriore.
      Interni completamente rinnovati ed accessori unici

      I nuovi sedili M Sport (optional) sono il primo colpo d’occhio che si osserva all’interno dell’abitacolo della nuova BMW M2 Competition. La forma avvolgente è di chiara ispirazione Motorsport ed offre ai guidatori un supporto ottimale, mentre ipoggiatesta sono integrati nello schienale del sedile. Lo schienale presenta anche un logo M2 illuminato all’altezza delle spalle. Il rivestimento in pelle nera presenta perforazioni di design nella seduta e nello schienale, disponibile in blu o arancione. I sedili sportivi standard sono disponibili anche con rivestimento in pelle nera, con cuciture a contrasto in blu o arancio.
      Impianto frenante con dischi “monstre”

      I numerosi anni di esperienza nel motorsport della BMW M GmbH si riflettono nella disponibilità dei nuovi freni sportivi M, che offrono le massime prestazioni dei freni grazie ai dischi dei freni più grandi (asse anteriore: diametro 400 mm, asse posteriore: diametro 380 mm) e pinze dei freni verniciato grigio (asse anteriore: pinza fissa a 6 pistoncini, asse posteriore: pinza fissa a 4 pistoncini). I cerchi in lega forgiati da 19 pollici (asse anteriore: 9J x 19, asse posteriore: 10J x 19) sono disponibili anche con il nuovo design Y-Spoke. Inoltre, un nuovo colore della vernice metallizzata è ora disponibile esclusivamente per la BMW M2 Competition: Hockenheim Silver.
      Differenziale a controllo attivo – Active M – di serie

      Il differenziale a controllo attivo – Active M – è un differenziale a slittamento limitato a più piastre controllato elettronicamente che porta la trazione e la stabilità ad un nuovo livello di precisione e velocità. L’effetto di bloccaggio può variare tra 0 e 100 percento, in base alla situazione di guida, e reagisce all’angolo di sterzata della vettura, alla posizione dell’acceleratore, alla pressione del freno, alla coppia del motore, alla velocità della ruota e alla velocità d’imbardata.
      L’unità di controllo utilizza questa analisi della situazione di guida per rilevare la minaccia di perdita di trazione su un lato della vettura e calcola l’effetto di blocco richiesto, che è impegnato da un motore elettrico. La piena capacità di chiusura di 2.500 Nm è disponibile entro 150 millisecondi. Ciò consente al sistema di impedire a una ruota di girare in condizioni estreme su superfici stradali scivolose o quando le due ruote posteriori presentano differenze significative nel coefficiente di attrito.
      In determinate situazioni, Active M Differential funziona anche in modo proattivo. Quando si viaggia su superfici scivolose, il bloccaggio viene chiuso di una percentuale definita ancor prima che una ruota possa iniziare a pattinare, per assicurare che entrambe le ruote si muovano all’unisono. Il bloccaggio è anche chiuso della percentuale richiesta attraverso gli angoli di imbardata, in base ai livelli di accelerazione laterale e di guida. Questo impedisce alla bassa trazione all’interno della ruota di iniziare a girare troppo velocemente. Questo controllo attivo del differenziale permanente e infinitamente variabile aumenta anche l’agilità, evita il sottosterzo e migliora la stabilità direzionale in frenata e cambi di carico.
      MDM – M Dynamic Mode per ogni situazione del sistema DSC

      M Dynamic Mode (MDM) è una sottofunzione del Dynamic Stability Control (DSC) che può essere attivata automaticamente in modalità SPORT + o attivata manualmente. In determinate situazioni, ad es. guida sportiva e dinamica in pista: consente un maggior grado di pattinamento delle ruote. Le misure di stabilizzazione familiari dalla modalità DSC ora intervengono in ritardo, aumentando la libertà a disposizione dei conducenti al limite dinamico. Lo slittamento extra della ruota migliora la trazione e quindi la prontezza. Sono possibili sovrasterzo e sottosterzo più significativi, così come sbandate moderate e controllate, ma gli ausili di sicurezza attiva del controllo dinamico della stabilità possono ancora essere considerati affidabili in situazioni critiche.
      Dati tecnici completi
      Cartella stampa completa
       
      Via BMWNews
       


       
      Topic Spy -> http://www.autopareri.com/forums/topic/64384-bmw-m2-competition-prj-f87m-spy
       
×