Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di : Motor.it

Messaggi Raccomandati

54 minuti fa, vince-991 dice:

Quando si continua a confondere FCA con FIAT....

L'ironia questa sconosciuta eh... ūü§ĒūüėČ

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
Domandone da millemila milioni de euri :mrgreen:: quanto c'entra (se c'entra...) la presenza di MM in FCA nella conclusione di un accordo del genere ? :dubbio:

 

FCA will bring engineering and other technical resources and expertise to the cooperation, as well as its significant sales volumes, geographic reach and long-time experience in North America.

Credo che il comunicato riguardi soprattutto Magneti Marelli.

Lasciatemi comunque felicitarmi del fatto che gli sviluppi concreti sull'ausilio alla guida che si prospettano permetteranno di estendere notevolmente l'età in cui si può condurre (o essere condotti da) un'automobile. Ottime notizie per un paese di vecchi, specie per quelli che vivono soli e/o fuori mano.

 

‚ėŹ Jolla C ‚ėŹ

 

 

 

  • Like! 1

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
3 minuti fa, justjames dice:

Ma per„Ääpiattaforma„Äčintendono la sensoristica?

Tutto: progettazione/sviluppo H&S, standardizzazione ed integrazione con piattaforme produttive/architetture. Inzomma, tutto il cucuzzaro ! :mrgreen:

4 minuti fa, Rohypnol dice:

L'ironia questa sconosciuta eh... ūü§ĒūüėČ

E' che le faccine aiutano, quindi meglio usarle....:D :lol: :mrgreen:.

Modificato da pennellotref
  • Like! 3

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
9 minuti fa, justjames dice:

Ma per„Ääpiattaforma„Äčintendono la sensoristica?

 

 

un'auto a guida semi-autonoma  tipo la classe E con a bordo tutto il possibile come assistenze (vabbè con anche tutta l'elettronica di controllo extra assistenze di guida, motore ,telaio, clima, infotainment ecc)  ha 100 MILIONI di righe di SW scritto appositamente,

 

per me il grosso (se non l'enorme) è il Sistema Operativo della macchina autonoma.

  • Like! 2

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
45 minuti fa, jeby dice:

Ecco. Quando leggo ste cose mi viene da riderissimo a pensare che c'è qualcuno che pensa che un certo brand stia sviluppando da solo queste tecnologie e sia all'avanguardia del campo e per questo molto innovativo.

 

Come per Il 90% dell'infortainment e dell'automotive lighting, che ormai paiono essere l'unica innovazione degna di nota nel campo.

 

31 minuti fa, jameson dice:

Credo che il comunicato riguardi soprattutto Magneti Marelli.

Lasciatemi comunque felicitarmi del fatto che gli sviluppi concreti sull'ausilio alla guida che si prospettano permetteranno di estendere notevolmente l'età in cui si può condurre (o essere condotti da) un'automobile. Ottime notizie per un paese di vecchi, specie per quelli che vivono soli e/o fuori mano.

 

‚ėŹ Jolla C ‚ėŹ

 

 

 

 

ecco.. per gli anziani avrei in lista una cinquantina di idee pi√Ļ utili di una macchina con guida autonom¬†:dubbio:

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
33 minuti fa, justjames dice:

Ma per„Ääpiattaforma„Äčintendono la sensoristica?

Ecco un video esplicativo sul termine "piattaforma"

 

 

23 minuti fa, Matteo B. dice:

 

 

un'auto a guida semi-autonoma  tipo la classe E con a bordo tutto il possibile come assistenze (vabbè con anche tutta l'elettronica di controllo extra assistenze di guida, motore ,telaio, clima, infotainment ecc)  ha 100 MILIONI di righe di SW scritto appositamente,

 

per me il grosso (se non l'enorme) è il Sistema Operativo della macchina autonoma.

 

Sì ma non è solo quello, l'integrazione di sensori e attuatori e l'apprendimento del sistema (reti neurali ecc) sono quello che fanno la differenza. Con un alto livello di "apprendimento" lato software puoi risparmiare molto a livello hardware, la "piattaforma" è per forza di cose qualcosa di integrato e dallo sviluppo organico 

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
4 minuti fa, jeby dice:

Ecco un video esplicativo sul termine "piattaforma"

 

 

 

Sì ma non è solo quello, l'integrazione di sensori e attuatori e l'apprendimento del sistema (reti neurali ecc) sono quello che fanno la differenza. Con un alto livello di "apprendimento" lato software puoi risparmiare molto a livello hardware, la "piattaforma" è per forza di cose qualcosa di integrato e dallo sviluppo organico 

 

 

ad occhio lo sviluppo SW √® fondamentale per risparmiare peso e costi di HW, si mettono insieme anche per quello IMHO, anche perch√© poi gli aggiornamenti sulla scorta dei dati di feedback sono molto pi√Ļ rapidi ed efficaci.

 

insomma il classico caso di tecnologia elettronica a prescindere dall'automotive.

  • Like! 1

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

http://www.prnewswire.com/news-releases/magneti-marelli-invests-in-solid-state-lidar-expert-leddartech-for-the-joint-development-of-lidar-systems-for-autonomous-driving-643008613.html

 

Cita

Magneti Marelli Invests in Solid-state LiDAR Expert LeddarTech for the Joint Development of LiDAR Systems for Autonomous Driving


NEWS PROVIDED BY

Magneti Marelli SpA 

Sep 07, 2017, 10:13 ET

SHARE THIS ARTICLE

  • ¬†
  • ¬†
  • ¬†
  • ¬†
  • ¬†
  • ¬†
  • ¬†
  • ¬†
  • ¬†
  • ¬†
  • ¬†
  • ¬†
  • ¬†

DETROIT and MILAN, September 7, 2017 /PRNewswire/ --

  • Magneti Marelli acquires¬†a stake in the company and¬†enters into¬†a technical and commercial cooperationagreement¬†
Modular ‚ÄúSmart Corner‚ÄĚ Concept by Magneti Marelli (PRNewsfoto/Magneti Marelli SpA)
Modular ‚ÄúSmart Corner‚ÄĚ Concept by Magneti Marelli (PRNewsfoto/Magneti Marelli SpA)
  • LeddarTech is a Canadian company that develops a proprietary LiDAR (Light Detection And Ranging) technology integrated into semiconductors and sensor modules for self-driving cars and driver assistance systems. LeddarTech specializes in solid-state LiDAR systems that use infrared light to monitor the area around them¬†
  • LiDAR technology naturally aligns with¬†the evolution of Magneti Marelli Automotive Lighting technologies towards autonomous driving purposes, building on the innovative¬†"Smart Corner"¬†solution ¬†presented at the 2017 Consumer Electronics Show (CES) in¬†Las Vegas.¬†¬†

Magneti Marelli has acquired a stake in LeddarTech Inc., a worldwide leader in solid state LiDAR (Light Detection And Ranging) sensing technology. Magneti Marelli and LeddarTech have also entered into a technical and commercial cooperation agreement to jointly develop complete LiDAR systems aimed at autonomous driving applications and destined for integration in automotive lighting products for OEMs worldwide.

     (Photo: http://mma.prnewswire.com/media/553175/Magneti_Marelli_Automotive_Lighting.jpg )

LiDAR is a sensor technology based on laser light that - in combination with cameras and radar - will enable autonomous driving levels 2 through 5 (from partial to full driving automation, as defined by SAE International's standard). 

"Our know-how in high-end lighting technologies paves the way to new applications aimed at autonomous driving systems, which will be crucial in the future of automotive"- said Pietro Gorlier, CEO of Magneti Marelli. "The investment in LeddarTech, with its proven and proprietary competence in solid-state LiDAR sensors, provides Magneti Marelli with the opportunity to partner with a technology leader with key expertise in this strategically important sector."

Autonomous driving requires a range of sensors to provide information which enables the car to understand and navigate the environment. LiDAR technology is particularly suitable due to its advanced features, including precise object localization and multiple objects detection even if they are moving, or in difficult lighting and weather conditions.

Founded in 2007 in Quebec City, LeddarTech is a reference in optical detection and ranging technology. Thanks to its unique approach in remote object detection, the company has gained a leadership position in LiDAR.

In particular, LeddarTech develops solid-state LiDAR systems, which provide reliable, high-performing and cost effective sensors. LeddarTech uses patented signal acquisition and processing techniques that are used to generate cleaner return signals with better range and sensitivity over other solid-state LiDAR solutions. 

Magneti Marelli has already started to exploit its electronics and lighting know-how, coupling them in the perspective of autonomous driving technology. The first development is the "Smart Corner" solution, already exhibited at CES Las Vegas 2017, that uses the areas of the car traditionally reserved for lighting systems - i.e. the corners - to bring together the various sensors useful for autonomous driving into one unit. Integrated into the advanced projector headlamps and tail lamps are solid state LiDAR, cameras, radar and ultrasonic sensors to create a modular, self-contained, efficient solution to package and locate the many sensors required to support autonomous capability.

.......

 

  • Grazie! 1

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

http://leddartech.com/leddartech-annouces-usd-101-million-series-c-financing/

 

Cita
Press release / 06 September 2017

Major endorsement by key strategic partners led by Osram and including Delphi, Magneti Marelli, IDT, as well as Fonds de solidarité FTQ

See the PDF version

LeddarTech Leads the Charge in Solid-State LiDAR for Autonomous Driving with US$101 Million Series C Financing

 

Quebec City, QC, Canada, September 7, 2017 ‚ÄĒ LeddarTech. Inc. today announced the completion of a combined investment of US$101 million (close to CA$130 million) led by Osram and including Delphi, Magneti Marelli and Integrated Device Technology, Inc. as strategic investors, as well as Fonds de solidarit√© FTQ. Representing the Company‚Äôs largest capital raise to date, this round of funding will allow LeddarTech to enhance its ASIC development efforts, expand its R&D team, and accelerate ongoing LiDAR development programs with select Tier-1 automotive customers for rapid market deployment.

‚ÄúWe are thrilled to welcome such an influential group of companies as strategic investors, with whom we share a common goal of making mobility safer and more efficient,‚Ä̬†stated Charles Boulanger, LeddarTech‚Äôs CEO. ‚ÄúTheir strong endorsement is a testament to the maturity of the Leddar technology and the credibility of our product roadmap to support the ongoing development of autonomous driving. This positions LeddarTech as the definitive reference in solid-state LiDAR and¬†validates our Tier-1 partnership business model to rapidly deploy LiDARs on a commercial scale in automotive applications. We believe this announcement represents a major stepping stone towards achieving market-share leadership in the multibillion-dollar automotive LiDAR market by 2020,‚Ä̬†added Mr. Boulanger.

Said Stefan Kampmann, Chief Technology Officer at OSRAM Licht AG,¬†‚ÄúAs the world‚Äôs leading provider of sensor lights for autonomous vehicles, we are very pleased to endorse and participate in the tremendous promise of the Leddar technology alongside this impressive group of key industry players.‚Ä̬†Added Kampmann,¬†‚ÄúOur company enjoys a well-established working relationship with LeddarTech and we view their advanced optical sensing technology as highly complementary with Osram‚Äôs opto-semiconductor products. Hence, we see the investment in LeddarTech as a unique opportunity to jointly capitalize on the rising demand for solid-state LiDARs.‚ÄĚ

 LeddarTech is commercializing automotive-grade solid-state LiDARs that meet the industry’s stringent requirements in terms of cost, performance, and reliability. The patented Leddar technology stems from more than a decade of R&D and has been optimized through multiple deployments in different applications. Packaged into LeddarCore integrated circuits (ICs) and standard microcontrollers, Leddar’s light wave digital signal processing and powerful software algorithms generate significantly higher sensitivity than other LiDAR methods. This enhanced sensitivity allows LeddarTech to achieve the automotive industry’s targeted performance levels using more affordable, readily available components, as well as simple, robust sensor designs with no moving parts. LeddarTech works in close collaboration with Tier-1 automotive suppliers to offer customized LiDAR solutions that meet the unique requirements of each current or prospective OEM, fleet and mobility service provider customer.

‚ÄúDelphi aims to be at the forefront of autonomous driving developments and LiDAR is a key component thereof‚ÄĚsaid¬†Glen De Vos,¬†Delphi Automotive¬†senior vice president and chief technology officer.¬†‚ÄúWe are delighted to partner with LeddarTech to leverage its innovative and proprietary signal processing technology to rapidly commercialize low-cost, high-performing LiDARs.‚ÄĚ

Said Pietro Gorlier, CEO of Magneti Marelli,¬†‚ÄúOur investment in LeddarTech, with its proven and proprietary competence in solid-state LiDAR sensors, provides Magneti Marelli with the opportunity to partner with a technology leader with key expertise in the strategic sector of autonomous driving systems.‚ÄĚ

Said Mario Montana, Vice President and General Manager of IDT Automotive and Industrial Group,¬†‚ÄúOur investment in LeddarTech cements the strong technology relationship between our two companies.¬†LeddarTech‚Äôs deep systems knowledge in solid-state LIDAR, combined with IDT‚Äôs automotive sensor technology leadership, creates a powerful solution for the autonomous driving market.‚ÄĚ

GCA Advisors, LLC acted as sole placement agent for this transaction.

A quanto pare MM ha stretto un'alleanza col "nemico": OSRAM intendo.....:lol:

https://www.allpar.com/forums/threads/fca-in-self-driving-alliance.168666/page-3#post-1084885677

 

Cita

The integration of LeddarTech solid state LIDAR sensors was shown in Portal concept at 
Magneti Marelli / Automotive Lighting (the Magneti Marelli lighting company) multi sensors "Smart corners" display at CES 2017.

......

leddartech-chrysler-fiat-magneti-marelli.thumb.jpg.aa8991b126baa927ef9767d8d23b9060.jpg

 

Post di MJAB da Allpar ;)

  • Like! 1

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere iscritto per commentare e visualizzare le sezioni protette!

Crea un account

Iscriviti nella nostra community. √ą facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

  • Contenuti simili

    • Da Pandino

       
      Autoevolution
       
      Teaser del concept della Kia Sportage BMW X3 elettrica.
    • Da KimKardashian
      Oggi oltre alla Grand Commander standard 7 posti, Jeep presenta in Cina la Commander PHEV,  ovvero il modello che abbina il 2.0 litri turbo ad un elettrico posteriore con abitacolo 5 posti (per questo perde la denominazione Grand e la terza fila di sedili). I consumi dichiarati nel misto sono inferiori a 2 litri per 100 km nel ciclo di omologazione cinese (diverso dall europeo). 
      La tecnologia é derivata dalla Pacifica Hybrid. 
       
      Piu avanti Jeep presentera anche la Commander standard ovvero con soli 5 posti e motori tradizionali, piu economica rispetto la Grand Commander. 
       
      Non vi saranno differenze estetiche tra Commander e Grand Comander. 
       
      https://www.autohome.com.con/news/201804/915861.html#p7




    • Da MotorPassion

       

       

       

       

       
      La BMW M2 Competition sostituisce la precedente BMW M2 in toto. Sotto al cofano il 6 cilindri TwinTurbo della BMW M3 e BMW M4 depotenziato a 410 CV e 550 Nm di coppia
      Estetica affinata e trazione esclusivamente posteriore attraverso il cambio manuale a 6 rapporti o DCT a sette marce
      La BMW M2 rappresenta attualmente la vettura BMW M purosangue del 21¬į secolo e con la nuova BMW M2 Competition ‚Ästpresentata al Salone dell‚ÄôAuto di Pechino¬†‚Äď provvede a spostare pi√Ļ in alto il limite. Sotto al cofano¬†il 6 cilindri in linea da 3.0 litri con doppio turbocompressore della BMW M3 e BMW M4. In versione depotenziata ‚Äď of course ‚Äď per non ledere la¬†noblesse¬†delle ‚Äúsorelle‚ÄĚ maggiori.¬† Dai 431 CV si √® scesi ad appena¬†410 CV costanti tra 5‚Äô250 e 7‚Äô000 rpm. Mentre la coppia motrice rimane stabile a 550 Nm costante tra 2‚Äô350 a 5‚Äô230 rpm.¬†Un risultato che comunque garantisce circa 40 CV e 100 Nm in pi√Ļ¬†rispetto alla M2 di serie, che con il precedente N55 si ferma a 370 CV e 465 Nm di coppia (500 in overboost).¬†Questo le consente di limitare di un decimo di secondo lo scatto da fermo a 100 km/h, che scende a 4.2 secondi (4.4 con il manuale a 6 rapporti).
      La velocità massima è limitata a 250 km/h che sale a 280 km/h (sempre limitati) con l’adozione del BMW M Driver’s Package.
       
      Il sei cilindri delle M3 ed M4, ma rivisto completamente

      Il¬†6 cilindri 3.0 litri BMW M TwinPower Turbo S55¬†che equipaggia le BMW M3 e BMW M4¬†non √® stato trapiantato ‚Äútout-court‚ÄĚ all‚Äôinterno del vano motore della BMW M2, ma ha subito alcuni affinamenti importanti.
      Prima di tutto abbiamo¬†una linea di scarico specifica, progettata ex-novo che utilizza sempre il sistema di controllo delle valvole ‚Äúanti-rumore‚ÄĚ per cambiare timbro quando √® necessario. Una diversa logica di gestione della ECU si associa all‚Äôadozione di un¬†Filtro Anti Particolato che BMW chiama Otto Particulate Filter (OPF) in grado di garantire le normative Euro6d-Temp¬†per la BMW M2 Competition.
      Il sistema di lubrificazione √® stato ripreso dalle BMW M impegnate nel Motorsport con il medesimo propulsore, mentre il sistema di raffreddamento √® mutuato integralmente dalla BMW M4 con Competition Package. Quindi la BMW M2 Competition utilizza sistemi di raffreddamento e lubrificazione ‚Äúpronto corsa‚ÄĚ derivate dall‚Äôesperienza BMW Motorsport.
      Ad esempio, una paratia supplementare della coppa dell’olio aiuta a limitare il movimento dei lubrificanti quando l’auto cambia improvvisamente direzione. Sotto estrema accelerazione e decelerazione longitudinale, una pompa di estrazione dell’olio ed un sofisticato sistema di ritorno dell’olio situati vicino al turbocompressore contribuiscono anche a mantenere una circolazione dell’olio ininterrotta. Pertanto, l’olio viene fornito continuamente a tutti i componenti del motore in tutte le situazioni di guida, sia durante la guida quotidiana o durante la guida impegnativa in pista.
      Se la BMW M2 Competition è equipaggiata con la trasmissione doppia frizione a 7 rapporti, è previsto un ulteriore radiatore dell’olio per la trasmissione.
      Estetica che segue la funzione

      L‚Äôutilizzo di un doppio rene maggiorato¬†‚Äď e dall‚Äôestetica completamente rinnovata ‚Ästprovvede a far incamerare una maggior quantit√† d‚Äôaria al propulsore.¬†Questo vale anche per i flap laterali sulle feritorie anteriori che hanno una maggior sezione e finitura in Dark Shadow. Nella stessa finitura √®¬†il quadruplo scarico, tipico delle BMW M.
      Il badge M Competition abbellisce la parte posteriore dell’auto. Il design dei nuovi specchietti laterali a doppio braccio migliora l’aerodinamica e sono caratteristici della nuova BMW M2 Competition.
      Gli ingegneri della BMW M hanno anche adattato le dinamiche di guida della BMW M2 Competition per tenere conto delle maggiori prestazioni.
      Il telaio sopra-motore realizzato in CFRP della BMW M3 / M4 (dalla massa di 1.5 kg) è immediatamente visibile nel vano motore. Ciò migliora la rigidità della sezione anteriore ed aumenta la precisione dello sterzo. Anche le curve caratteristiche del servosterzo elettromeccanico, il differenziale Active M e il sistema Dynamic Steering Control (DSC) sono state regolate.
      Telaio completamente rivisto

      Il telaio √® stato completamente stravolto.¬†Si sono presi i due telaietti anteriori e posteriori ‚Äď in alluminio ‚Äď della BMW M3 e BMW M4. Per garantire una precisione di guida senza paragoni,¬†vengono utilizzati giunti a sfera senza giochi in accoppiamento.¬† Le forze longitudinali che passano attraverso il telaio¬†vengono trasmesse direttamente nei montanti di torsione tramite speciali cuscinetti in elastomero, che offrono contemporaneamente il comfort di rotolamento desiderato.
      Tutti i bracci sospensivi e di tenuta dell’asse posteriore a cinque bracci sono realizzati in alluminio forgiato. Inoltre, una connessione rigida derivata dalle corse, con boccole in gomma, viene utilizzata per fissare il sottotelaio dell’assale posteriore a griglia in acciaio leggero al corpo vettura. Questo migliora ulteriormente la posizione della ruota e la stabilità del tracciamento.
      Gli ingegneri della BMW M hanno adattato le curve caratteristiche del servosterzo elettromeccanico per migliorare le prestazioni ed aumentare la rigidità della sezione anteriore. La funzione Servotronic integrata con caratteristiche specifiche M controlla il livello dell’assistenza dello sterzo elettronicamente in base alla velocità dell’auto e alle impostazioni effettuate con Drivelogic, che consentono ai conducenti di regolare l’assistenza del servosterzo in qualsiasi momento secondo le proprie preferenze.
      Una M2 personalizzabile a piacimento

      La BMW M2 Comeptition è il primo modello ad essere dotato di selettori sulla consolle centrale che consentono il controllo istantaneo delle caratteristiche e delle impostazioni per le funzioni motore, sterzo e Drivelogic, se equipaggiata con la trasmissione M DCT. Le varie configurazioni possono essere combinate tra loro in qualsiasi modo il guidatore preferisca; inoltre possono esser memorizzate per un facile accesso utilizzando i pulsanti M1 e M2 sul volante. La gamma standard di equipaggiamenti include ora il pulsante rosso di Star Engine, i fari adattivi a LED e il Park Distance Control (PDC) anteriore.
      Interni completamente rinnovati ed accessori unici

      I nuovi sedili M Sport (optional) sono il primo colpo d’occhio che si osserva all’interno dell’abitacolo della nuova BMW M2 Competition. La forma avvolgente è di chiara ispirazione Motorsport ed offre ai guidatori un supporto ottimale, mentre ipoggiatesta sono integrati nello schienale del sedile. Lo schienale presenta anche un logo M2 illuminato all’altezza delle spalle. Il rivestimento in pelle nera presenta perforazioni di design nella seduta e nello schienale, disponibile in blu o arancione. I sedili sportivi standard sono disponibili anche con rivestimento in pelle nera, con cuciture a contrasto in blu o arancio.
      Impianto frenante con dischi ‚Äúmonstre‚ÄĚ

      I numerosi anni di esperienza nel motorsport della BMW M GmbH si riflettono nella disponibilit√† dei nuovi freni sportivi M, che offrono le massime prestazioni dei freni grazie ai dischi dei freni pi√Ļ grandi (asse anteriore: diametro 400 mm, asse posteriore: diametro 380 mm) e pinze dei freni verniciato grigio (asse anteriore: pinza fissa a 6 pistoncini, asse posteriore: pinza fissa a 4 pistoncini). I cerchi in lega forgiati da 19 pollici (asse anteriore: 9J x 19, asse posteriore: 10J x 19) sono disponibili anche con il nuovo design Y-Spoke. Inoltre, un nuovo colore della¬†vernice metallizzata √® ora disponibile esclusivamente per la BMW M2 Competition: Hockenheim Silver.
      Differenziale a controllo attivo ‚Äď Active M ‚Äď di serie

      Il differenziale a controllo attivo ‚Äď Active M ‚Äď √® un differenziale a slittamento limitato a pi√Ļ piastre controllato elettronicamente che porta la trazione e la stabilit√† ad un nuovo livello di precisione e velocit√†.¬†L‚Äôeffetto di bloccaggio pu√≤ variare tra 0 e 100 percento, in base alla situazione di guida, e reagisce all‚Äôangolo di sterzata della vettura, alla posizione dell‚Äôacceleratore, alla pressione del freno, alla coppia del motore, alla velocit√† della ruota e alla velocit√† d‚Äôimbardata.
      L’unità di controllo utilizza questa analisi della situazione di guida per rilevare la minaccia di perdita di trazione su un lato della vettura e calcola l’effetto di blocco richiesto, che è impegnato da un motore elettrico. La piena capacità di chiusura di 2.500 Nm è disponibile entro 150 millisecondi. Ciò consente al sistema di impedire a una ruota di girare in condizioni estreme su superfici stradali scivolose o quando le due ruote posteriori presentano differenze significative nel coefficiente di attrito.
      In determinate situazioni, Active M Differential funziona anche in modo proattivo. Quando si viaggia su superfici scivolose, il bloccaggio viene chiuso di una percentuale definita ancor prima che una ruota possa iniziare a pattinare, per assicurare che entrambe le ruote si muovano all’unisono. Il bloccaggio è anche chiuso della percentuale richiesta attraverso gli angoli di imbardata, in base ai livelli di accelerazione laterale e di guida. Questo impedisce alla bassa trazione all’interno della ruota di iniziare a girare troppo velocemente. Questo controllo attivo del differenziale permanente e infinitamente variabile aumenta anche l’agilità, evita il sottosterzo e migliora la stabilità direzionale in frenata e cambi di carico.
      MDM ‚Äď M Dynamic Mode per ogni situazione del sistema DSC

      M¬†Dynamic Mode (MDM) √® una sottofunzione del Dynamic Stability Control (DSC) che pu√≤ essere attivata automaticamente in modalit√† SPORT + o attivata manualmente. In determinate situazioni, ad es. guida sportiva e dinamica in pista: consente un maggior grado di pattinamento delle ruote. Le misure di stabilizzazione familiari dalla modalit√† DSC ora intervengono in ritardo, aumentando la libert√† a disposizione dei conducenti al limite dinamico.¬†Lo slittamento extra della ruota migliora la trazione e quindi la prontezza.¬†Sono possibili sovrasterzo e sottosterzo pi√Ļ significativi, cos√¨ come sbandate moderate e controllate, ma gli ausili di sicurezza attiva del controllo dinamico della stabilit√† possono ancora essere considerati affidabili in situazioni critiche.
      Dati tecnici completi
      Cartella stampa completa
       
      Via BMWNews
       


       
      Topic Spy -> http://www.autopareri.com/forums/topic/64384-bmw-m2-competition-prj-f87m-spy
       
√ó