Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di : Motor.it

Recommended Posts

Io guardo i dati di vendita, l'Italia è il paese in cui si vendono percentualmente più citycar, e nel quale la vettura più venduta è sempre stata una piccola.

Nel resto d'Europa non è così.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
50 minuti fa, LucioFire dice:

si ma non mi riferivo solo alla tedesconia...ci sono altre nazioni con caratteristiche abbastanza simili alle nostre e che anzi avvantaggiano le auto piccole. che poi una panda tanto microscopica non è

 

per me è una cosa a livello di cultura automobilistica

Francia per esempio, poi storicamente L'Inghilterra...Mini, MG, Austin, Hillman, Wolseley e parecchi costruttori di microvetture fuori di testa

 

 

article-0-117862AC000005DC-475_638x429.jpg

  • Like! 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Inviato (modificato)
37 minuti fa, pixhell dice:

Francia per esempio, poi storicamente L'Inghilterra...Mini, MG, Austin, Hillman, Wolseley e parecchi costruttori di microvetture fuori di testa

 

 

article-0-117862AC000005DC-475_638x429.jpg

Con quell'affare rosso (quello piccolo) c'è da morire a sbattere contro un marciapiede :oddio:

Modificato da _reqUiem_
  • Like! 1
  • Ahah! 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

In UK è possibile costruirsi una vettura in casa e omologarla. Moilte di quelle vetture erano vendute in scatola di montaggio. Anche in Germania negli anni '50 erano molto diffuse. Avevano una ragione molto semplice, da noi piove poco e infatti ci siamo inventati la Vespa, mentre da loro il clima non rende uno scooter utilizzabile come da noi, quindi sono nate le microcar, che puoi guidare anche quando piove. Inoltre, fino alla scoprerta del petrolio nel mare del Nord, non è che l'Inghilterra se la passasse benissimo. Tra le classi meno abbienti erano molto diffuse perchè costavano poco.

  • Like! 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Inviato (modificato)

100 anni di distribuzioni bialbero..

 

L’idea di impiegare più di due valvole per cilindro i tecnici l’avevano avuta già nei primissimi anni del Novecento. Il primo brevetto relativo a una testa di questo genere (con le valvole disposte radialmente e non su due piani inclinati tra loro) è dovuto alla casa francese Hotchkiss e risale al 1906.

 

Ben presto c’è stato anche chi ha pensato di impiegare non quattro, ma sei valvole per cilindro (MAN, Borderaux). Il motore Fiat 561 da competizione del 1909 aveva la distribuzione monoalbero a quattro valvole e lo stesso schema adottavano la Opel e la Benz da corsa dell’anno successivo. In tutti questi casi le valvole venivano azionate da bilancieri a due bracci.

 

Ho verificato diverse fonti anche inglesi, americane ecc,  Peugeot L76  con motore 4 cilindri da 7,3 litri fu la prima auto al mondo dotata di motore con doppio albero a camme in testa,(  DOHC (Double Over Head Camshaft), siamo nel 1912..., nel 1913 Peugeot vince la Indy 500, (prima vittoria di un marchio europeo) grazie a Jules Goux.

Mentre nel 1916 la vittoria va al Dario Resta (nativo di Livorno ma cresciuto in Inghilterra)   sempre sulla Peugeot L45..

I risultati straordinari di quel periodo furono opera da un lato del team dei “Les Charlatans” (lo formavano tre piloti: Georges Boillot, Jules Goux e l’italiano Paolo Zuccarelli) e, dall’altro, del brillante ingegnere Ernest Henry.

image.png.72d63725cc9216e3010779e4f7a5aee6.png

Risultati immagini per peugeot l76

http://www.grandprixhistory.org/peug1912.htm

 

http://ruoteclassiche.quattroruote.it/notizie/500-miglia-di-indianapolis-centanni-fa-la-vittoria-della-peugeot/

 

http://hotrodenginetech.com/worlds-first-dohc-4-valve-per-cylinder-racing-engine/

 

Modificato da Pawel72

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere iscritto per commentare e visualizzare le sezioni protette!

Crea un account

Iscriviti nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

×