Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di : Motor.it

Mazinga76

Utente Registrato
  • Numero contenuti

    9083
  • Iscritto

  • Ultima visita

  • Giorni Popolarità

    1

Mazinga76 last won the day on Dicembre 18 2016

Mazinga76 had the most liked content!

Reputazione Forum

1411 Excellent

Su Mazinga76

  • Rank
    HALL OF FAME
  • Compleanno 14/02/1976

Informazioni Profilo

  • Marca e Modello Auto
    Uno 1988
  • Città
    Casoria (NA)
  • Interessi
    Automobilismo, automodellismo, calcio, lettura
  • Genere
    Maschio

Visite recenti

4193 visite nel profilo
  1. Cara vecchia Dedra...

    Qualche anno fa postai nella sezione degli avvistamenti una Dedra monougello. In quell'occasione il buon @CiccioSX (mi pare di ricordare fosse lui, ma potrei ricordare male...) si soffermò su quel particolare dando qualche delucidazione in merito, se ben ricordo. Bisognerebbe andare a ravanare molto indietro nel tempo nella sezione degli avvistamenti; sinceramente non saprei nemmeno darmi un riferimento temporale. Attendiamo che Ciccio ci dia qualche delucidazione.
  2. A onor del vero ci sarebbe più di qualcosa che non torna in quella 11: osservando bene la conformazione del paraurti anteriore direi che non sia lo stesso della 11 Turbo postata da Abarth03. Inoltre, oltre alla mancanza delle già citate fasce adesive laterali (con le scritte Turbo) e dei fendinebbia, i brancardi dovrebbero essere neri. Anche la fascia sottoparabrezza, i montanti delle portiere, i montanti centrali e il portellone, dovrebbero essere in nero opaco. Infine, se la vista non mi inganna, credo manchino anche i gocciolatoi, sempre in nero opaco.
  3. Altro particolare che distingueva "base" ed "S" era il vano portaoggetti dotato di sportello su quest'ultima.
  4. Ma infatti mi sembrava strano: se tutti quegli accessori fossero stati opzionali sulla S, quale differenza ci sarebbe stata con la base?
  5. Hai avuto occhi di falco. Infatti la 126 rossa è una prima serie, riconoscibile chiaramente dal cerchione e dal paraurti metallico. La Mercedes beige è proprio una W123, apparentemente in ottime condizioni.
  6. Non ne sono sicurissimo, ma potrebbe essere il giallo tahiti.
  7. Sinceramente cogli in castagna pure me. In ogni caso questa qui non è proprio l'ultima estetica delle Special; dopo di questa seguì quella con il logo FIAT in orizzontale in luogo di quello verticale con sfondo rosso, forse anche una diversa trama della mascherina e l'assenza della modanatura centrale (ma questo andrebbe verificato perchè non lo ricordo al 100%). Le plastiche delle frecce anteriori inoltre diventarono di colore arancio. Comunque l'ultima Special T, la 1600, era un attrezzo di tutto rispetto. Coi suoi 170 km/h di velocità di punta effettiva credo avesse poco e niente da invidiare alla concorrente per antonomasia Giulia Super 1600.
  8. Questa è una 124 Special, non una 125.
  9. Dico forse una cavolata... che si trattasse di qualche esperimento per una eventuale versione tipo Energy Saving? Ricordo che qualcosa del genere, anche se un tantino più discreto, c'era pure sul posteriore della suddetta versione della Regata.
  10. Un po' di avvistamenti delle ultime settimane... Alfa Romeo Spider 2.0, dell'aprile '88. Un vecchio FIAT IVECO 160 NC, ancora regolarmente operativo. FIAT 126, del giugno '84. FIAT Cinquecento Sporting, del maggio '95, in condizioni disastrate. FIAT Scudo Combinato 1.9 TD, del novembre '96. Opel Kadett GSi, del gennaio '85, non in ottime condizioni. Volkswagen Maggiolino, del gennaio '76. E infine, chiudo con questa Volkswagen Jetta del dicembre '87. E' tutto.
  11. Identica a quella che aveva mio nonno, bianca ma senza ruote fasciate. Che classe...
  12. La Seicento Citymatic... ne aveva una l'allora parroco della mia parrocchia.
  13. Probabilmente, il fatto che l'Alfa Romeo ai tempi appartenesse all'IRI costituiva una corsia preferenziale per le forniture ad enti pubblici. Io, ad esempio, come ebbi già a dire, ne ho qualche sbiadito ricordo anche nelle livree ANAS e forse ENEL. Per quanto riguardava invece il mercato privato, non c'è nessun dubbio, il Daily la faceva da padrone assoluto. Quello della foto, nello specifico, più che un vero e proprio cassonato, è un pianale a sponde basse sul quale è montato un braccio idraulico con cestello aereo per la riparazione/spicconatura di cornicioni, grondaie e roba del genere. Ed infatti era proprio quello il lavoro che stavano eseguendo alcuni operai. Sono assolutamente d'accordo. A parte il FIAT di turno, che era ovviamente il re incontrastato sulle strade di tutta Italia, per quanto riguardava la penetrazione straniera sul nostro mercato, negli anni '70/'80 direi che il Transit faceva la parte del leone; il CF dal canto suo se la cavava senz'altro bene perchè pure io, dalle mie parti, me lo ricordo come una presenza tutt'altro che esigua.
  14. Con minor frequenza rispetto a prima, cerco di fare il possibile per dare il mio contributo. Ecco qualcosa di raccattato in giro negli ultimi tempi... Alfa Romeo AR8, del settembre '87, ormai trentennale ma pienamente in attività. Bedford CF Diesel, autocaravan della Elnagh del luglio '81, un po' trascurato. Mercedes Benz 200 E, del febbraio '93. Porsche 356 S, del '62, in riparazione presso il mio carburatorista di fiducia. Condizioni eccezionali. Chiudo con una Rover Mini Cooper, del giugno '91.
  15. Ai tempi mi pare di ricordare che la T5 fosse la Vespa 125 più veloce mai prodotta, con una punta massima di ben 105 Km/h (teniamo ben presente che parliamo di oltre trent'anni fa). Se non sbaglio, la velocità di punta era superiore di 12/13 Km/h rispetto ad una normale PX 125.
×