bik

Utente Registrato
  • Numero contenuti

    3181
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Forum

766 Excellent

Su bik

  • Rank
    World Championship Winner
  • Compleanno 19/09/1968

Informazioni Profilo

  • Città
    Prov.Bologna
  1. Nell'articolo dicono che è il prodotto che producono che è in crisi, e parlano anche di spostare una linea di produzione, attualmente in Germania, a Bari. Poi, più che per il dieselgate, è il calo dei diesel per auto a provocare la crisi.
  2. Un netbook 12" pesa e ingombra poco più di un tablet, ed ha la tastiera e la possibilità di utilizzare programmi win X86, visto il peso e l'ingombro dei libri di scuola non penso che l'utilizzo del tablet sia preferibile. Discorso diverso se la scuola consente l'utilizzo degli e-book al posto dei libri cartacei, in tal caso il tablet è preferibile per le modalità di visualizzazione degli e-book. In alternativa, per la lettura degli e-book, è possibile affiancare al netbook un e-reader, come il Kindle.
  3. Innanzitutto valutare se è sicuro portarlo in classe, le prime sono sempre molto "vivaci", ed il rischio danneggiamento o furto è sempre molto alto. Per il PC, i miei ragazzi usano dei Netbook, io consiglio uno da 12" a 14" con processore Atom e memoria solida, che garantisce l'autonomia per tutta la giornata, valuta le porte USB e le varie espansioni per SD o microSD in quanto la memoria solida, usualmente di 32Gb, è insufficiente. Ce ne sono diversi, da Acer, Asus, HP... la cosa migliore sarebbe di vederli dal vivo per testare la qualità dello schermo e di tastiera e cerniere. Oltre a quello, per gli appunti, valuta anche la smartpen, se viene consigliata o permessa dagli insegnanti.
  4. Mia figlia è, invece, rimasta delusa dell'organizzazione dell' I-day. Lei è andata Sabato, già il divieto di portare qualsiasi cosa che non sia un panino o una bottiglia di plastica da mezzo litro stappata, unita alla vendita di bevande e cibo con il sistema dei token, la aveva fortemente delusa, poi una fila assurda in ingresso, dovuta alla disorganizzazione che ha dirottato la quasi totalità dei biglietti in un unico ingresso, ha provocato una fila di due ore nell'ingresso assegnato al suo biglietto (mentre negli altri due ingressi la fila non superava i 5min.), al punto che ha perso metà concerto del primo gruppo. A fine concerto ha detto che non andrà più ai prossimi I-day se verranno organizzati a Monza, visto che a quello di Bologna, dove è andata in precedenza, l'organizzazione era decisamente migliore.
  5. Confermo, non ce la possiamo fare! Adesso interpretiamo anche i dati come ci pare. P.S. come ulteriore promemoria, i blocchi attuali vengono attuati al 99.9999% per sforamento del particolato.
  6. Non ce la possiamo fare! Come promemoria: Euro 5 CO - 0.5 g/km (diesel) HC + NOx - 0.23 g/km NOx - 0.18 g/km PMx - 0.005 g/km Euro 1 CO - 2.72 g/km (+444%) HC + NOx - 0.97 g/km (+321%) PMx - 0.14 g/km (28 volte).
  7. Per i furgoni fortemente personalizzati ci sono dei kit omologati che trasformano i vecchi motori diesel a metano, non sono assolutamente economici, si parla di diverse migliaia di €, conviene solo se il costo dell'allestimento è alto. Per i furgoni normali, senza allestimenti particolari, conviene cambiare furgone. Altra cosa :se vuoi usare il furgone vecchio in zone dove puoi circolare nessuno te lo vieta, oltretutto, nella mia zona, in caso che un veicolo sia adibito a car-pooling può circolare, ovvero il Daily €0 con due persone a bordo può circolare.
  8. Quindi se lavoro posso permettermi di fregarmene degli altri? Quindi anch'io per andare al lavoro posso usare una €0? E il mi vicino, che ha una piccola ditta di edilizia a cambia il furgone ogni tot anni è uno sprovveduto? E il "vuccumprà" può usare tranquillamente il suo Peugeot 204, rigorosamente diesel, perché lo usa per lavoro? Se è così smettiamo di rompere gli zebedei con i vari FAP-DPF-SCR e tutto il resto, alimentiamo le centrali elettriche ad olio combustibile così risparmiamo qualche decina di € in bolletta e non diamo incentivi energetici, tanto chi se ne frega dell'inquinamento.
  9. Non ho detto che non devono circolare, devono stare alle stesse regole degli altri veicoli. Altrimenti facciamo circolare in centro anche la Ford Escort del pensionato minimo o la Peugeot 204 del "vuccumprà" perché non possono permetterselo. Per quale motivo dovresti proibire i diesel sulle vetture? Se rispettano le norme non ne vedo la ragione di proibirlo sulle autovetture, e lasciarli sugli autocarri con norme meno restrittive, non ne vedo la logica.
  10. Allora per quale motivo dovrei comprare un auto nuova euroX e usare mezzi meno inquinanti se agli altri non importa un fico secco di "affumicare" i propri vicini? Le regole sulla circolazione dei mezzi inquinanti le fai per migliorare la situazione dell'inquinamento delle aree cittadine, e vanno rispettate da tutti (salvo poche deroghe), altrimenti ognuno fa quel caxxo che vuole, e poi contiamo i morti o i ricoveri a spese del contribuente (noi!).
  11. Ma porcappuppapppera! dopo neanche metà campionato bollano Lowes come bollito? Ma la moto è un "fulmine" per avere una così impellente esigenza di un top driver? Mi sa che Aprilia, tra la MotoGP e la SBK, ha "cannato" clamorosamente i programmi, piuttosto di Lowes manderei a zappare una buona fetta della dirigenza che pensa e delibera i progetti racing (e, ad essere sincero, non solo quelli....).
  12. Ci sarebbe da chiedere perché (es.) la VAG, dopo la terza rigenerazione forzata del DPF, prevede per il quarto recovery il cambio del suddetto a prezzi da rapina, invece che prevedere una rigenerazione o un ricambio revisionato. Che quando arrivi a quel punto, o sei uno che lo usi sempre in città o qualcosa nella progettazione dell'impianto di depurazione delle polveri lo hai un filino sbagliato, e non puoi fregartene e scaricare sul cliente i tuoi errori. P.S. per par-condicio anche i primi 1.3 jtd con DPF non erano poi così perfetti, visto che un mio conoscente, che percorre con la sua 500 jtd percorsi prevalentemente extraurbani di almeno 20km a tratta, ha problemi simili.
  13. Il tagliando per te sarà così, ma per le case costruttrici è diverso. E se vogliamo parlare di confronto sulle spese di manutenzione lo facciamo sui dati ufficiali, altrimenti sono opinioni personali, come la seconda parte del tuo intervento.