dabotz

Utente Registrato
  • Numero contenuti

    35
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Forum

58 Excellent

Su dabotz

  • Rank
    Neopatentato
  • Compleanno 14/09/1972

Informazioni Profilo

  • Marca e Modello Auto
    "Nuova Giulietta" terza serie (1984), 2.0, Mercedes Benz W124 200E (1990),
  • Città
    Finis Terrae Mundis
  • Interessi
    Automobili, disegnare donne, programmazione, piccola elettronica industriale
  • Professione
    Pornografo Grafico
  • Biografia
    Nacque, e forse è vivo. Forse.
  • Genere
  1. Fosse solo noi Italiani... non è che Dodge, Ram e Jeep siano esattamente famose per qualità costruttiva ed affidabilità (regolarmente ultime nel sondaggio di JD Power, tre anni in fila, e Chrysler arriva solo in zona "media). Diciamo che è tutto il gruppo FCA che ha una nomea da togliersi di dosso... che credo sia uno degli scopi - non dichiarati, giacché dichiararlo vuol dire pubblicizzare le rogne attuali - del progetto Giorgio, che si incarni esso nelle Alfa, in future Chrysler "comodose" o in Dodge "nerborute". C'è tutta una cultura aziendale da riformare, per non dire due - qui, e di là dell'Atlantico - e le relazioni con i fornitori. Probabilmente è questa la vera missione impossibile dell'Alfa, in un'epoca in cui manco la proverbiale Toyota riesce a evitare svaccamenti.
  2. Ma vieni in Galizia, dove 300 giorni all'anno di pioggia e la mancanza d-industrie garantiscono che nessuno senta la necessità di spaccare la ... solo perché uno ha una Seat 124 Abarth, una Toyota Corolla del '74, la Celica Supra dell'anno dopo o una Mercedes più vecchia della sua ragazza (il W123 diesel spopola)... Chiaro che se il problema è l'assetatezza del veicolo, su quello c'è poco da fare...
  3. A dire il vero, da quel che lessi un po' di tempo fa sul New York Times, non è che il governo cinese stia facendo affari colossali con quel suo giochino di "technology sharing forzato". Passati gli anni dell'illusione ("non riusciranno mai a copiarci, ed intanto gli vendiamo il vendibile" ), le varie imprese si arrangiano perché questo lavoro di "sviluppo coatto", preteso dal governo cinese e spesso svolto da joint ventures create con imprenditori di lá, rimanga il più possibile nominale. Una volta assimilato il dettaglio che la Cina viaggia con livelli di nepotismo e corruzione che fanno sembrare l'Italia di mani pulite un paese di puritani calvinisti (sí, hanno la pena di morte per il reato di corruzione di pubblico ufficiale... e dissuade esattamente quanto dissuade gli americani dal commettere omicidi; alla fini fine, si sa che ti tocca solo se stai sul c...o ad uno dei capi del partito - come negli U.S.A, più o meno, si sconta solo se sei maschio, povero e/o nero), nei centri di sviluppo in Cina si assumono figli e quant'altro di politici locali e meno, cugini dei burocrati che si dovrebbero occupare di verificare che vi si faccia lavoro di sviluppo, nipoti di comandanti dell'equivalente della locale guardia di finanza etc. Nella migliore delle ipotesi con alla guida un tecnico - di grande passato - che ormai ha conati di vomito al solo vedere il disegno in sezione di una vite... Nella peggiore, un manager del marketing che non è mai riuscito a calcolare una derivata. Forse esagero, ma il sunto era quello - le imprese estere si arrangiavano per trasferire un know-how effettivo, al netto delle dichiarazioni d'intenti, variabile tra lo zero ed una montagna di disinformazione. Alla fine, vale sempre " 'cca nisciun'è fesso!". (le mie scuse per la sgrammaticatura nell'appropriarmi di una lingua, il partenopeo non mia - però non mi viene in mente nessun'altra idiomatica che esponga il concetto così brillantemente).
  4. "They say [my friends at the pub] that it's not as sporty as the Jaguar XE", al che, in effetti, ad uno viene da dire "poppycocks!" Peró, in chiusura, quel "Surprisingly Good Car, go out and buy one, so Alfa can make more cars!" assomiglia abbastanza ad una dichiarazione d'amore. È salito sopra con i suoi pregiudizi e "sentito dire" [dal cuggino al bar], però in una mattina ( o quel che è) che ci gira, la macchina di effetto gliene ha fatto. Sarà interessante vedere che ne dirà quando e se si deciderà a farne una disamina più approfondita, dopo averla conosciuta meglio.
  5. No, mio padre aveva il motore prima, quello che il 200D ereditò dalle W114 (al cui confronto quello del 190 era già una roba cavalluta ed inaffidabile[?!]). È vero, i cavalli erano ben 55, non 50 , però, mi sembra fossero cavalli SAE e non DIN - ai 55 in questione si dovrebbero quindi togliere le "utenze" ... servosterzo, pompa dell'acqua, alternatore e tubo di scappamento... O forse no. Risparmio il conteggio dell'efficienza tipica delle trasmissioni (75%, in quegli anni), però aggiungo che io e il babbo passavamo tutti e due i cento kg, per cui i 1485 di libretto erano abbastanza teorici. Comunque, mi ricordo che l'autoblindo, a Naja, mi pareva più prestante (180hp/6 tonnellate= 30 hp/ton) - in effetti, entrambi i mezzi sfioravano il muro degli 0-100 in trenta secondi. Poi, passai da quello a un Giulietta da due litri, e fu così che scoprii che i sorpassi si possono fare anche senza pregare nel mentre..
  6. Hmmm benzina super-barbon con un 1.5? Se posso dire la mia, a me una macchina sotto-potenziata e col motore piccolo non la vende più nessuno. Il ricordo del MB 200D da cinquanta cavalli (/1485kg) di mio padre, e dei suoi sorpassi del TIR occasionale sulla strada vecchia del lago, mi perseguirà finché scampo (non finivano mai, in compenso i rettilinei si che finivano). E poi non beveva neppure tanto meno del mio Giulietta benza due litri (era sempre in giro a tavoletta, il poveretto). Ammetto di non fidarmi troppo di me sopra i 120 hp/ton - l'età avanza ed i miei riflessi sono al massimo quel che erano, cioè mica stupendi - però, sotto i cento, no grazie.
  7. A dire il vero,se ricordo bene, 250 all'ora è il limite tra due categorie di pneumatici, con costi abbastanza diversi. E probabilmente ci saranno posti dove a 240 cambiano le classi di rischio dell'assicurazione etc. - che è poi la ragione per cui i tedeschi si "autolimitano" a 250 all'ora. È interamente possibile che i 240 siano sorpassati allegramente, o limitati elettronicamente (come i 250 su tante tedesche). Ha senso che dichiarino 251 all'ora invece di 240, se il 90% dei clienti che a 240 non ci andrà mai o quasi deve perdere un bel po' di euro ad ogni cambio gomme - premio assicurativo? (il mio record è 160, ai tempi in cui avevo ancora la Giulietta [tipo 116]... per me il divertente di una macchina è un bel misto medio in montagna, non la velocità di punta in autobahn) Data potenza e CX, a meno di un errore nelle rapportature del cambio o proprio sulla velocità riportata, penso anch'io che sia una velocità "politica".
  8. Nei restyling si toccano i fari perché non implica ridefinire le lamiere, nella maggior parte dei casi. Che poi il faro nuovo tecnicamente sia meglio di quello pre-facelift, già è un altro discorso, credo. Casi a parte, quelli in cui il restyling dei fari rimette "in forma" la macchina. A me viene in mente la MB W212 - pre-restyling, aveva proprio dei fari atroci. Post-restyling (costato un'enormità), la macchina è carina, però continuo a trovare nettamente più bella la precedente W211. Però, non è che il faro ammodernato (anche se lo è, nettamente, dal punto di vista tecnico)da solo avrebbe fatto miracoli ... han dovuto ridisegnare mezza macchina, perché c'era da sparare a chi ha disegnato la prima versione.
  9. (Arrivo in ritardo su questa, però, ricordate, vale su tutto... non solo per gli articoli e le riviste di auto. Scopri da dove arrivano i fondi, e le politiche editoriali si spiegano. Alla fine, il giornalista è un altro di quei lavori che, a farlo bene devi essere - o diventi - un po' un santo, a farlo male... Per lo meno, sulle auto qualche "dato reale" si ha in mano, per dedurre la presenza di biases, in gran parte degli altri casi son volatili per diabetici.) Visto la prima Giulia per strada, in quel di Noia (ridente cittadina, dal nome terrificante, nell'estremo occidente della Spagna, dove al momento vivo). Bianca... invero, pensavo fosse più massiccia. Dal vero, tutta 'sta somiglianza con le BMW non ce l'ho vista. Bella macchina. Che devo dire... grazie, Marchionne.
  10. https://it.wikipedia.org/wiki/Furniphilia Sospetto che qualcuno, in FCA, conoscesse già la pagina - o l'Histoire d'O di Guido Crepax.
  11. Cironi si è agGiuliato. È riuscito a contenersi, ma i pre-sintomi dell'orgasmo sono chiaramente visibili...
  12. Ho letto su uno dei post precedenti (il mio grazie e le mie scuse all'autore... il problema dei tarli del giorno dopo, trovare la citazione di chi me li ha provocati) che la distribuzione sui benzina usa una catena invece della cinghia (o viceversa i diesel usano una cinghia invece della catena). A parte essere un'altra ragione per volere il benzina, la cosa mi fa venire una curiosità scimmia... Qualcuno ha idea delle ragioni tecniche - o tecnico/commerciali, ché in un prodotto industriale le due cose sono intimamente legate - dietro le due scelte? Il mio grazie anticipato a chiunque possa aiutarmi a colmare questa lacuna (e togliermi il tarlo)..
  13. Che i motori li si faccia meglio a sud delke Alpi, non è una novità... durante la guerra. i DB-601 fattopi su licenza Daimler-Benz dall'Alfa avevano una cinquantina di cavalli in più e bevevano meno degli originali tedeschi (se mi sbaglio, sparatemi). Poi, da quando in qua la BMW fa motori affidabili?