Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di : Motor.it

gianmy86

Utente Registrato
  • Numero contenuti

    3321
  • Iscritto

  • Ultima visita

  • Giorni Popolarità

    2

gianmy86 last won the day on Ottobre 9

gianmy86 had the most liked content!

Reputazione Forum

2346 Excellent

Su gianmy86

  • Rank
    Leader del campionato
  • Compleanno 20/01/1986

Informazioni Profilo

  • Marca e Modello Auto
    Alfa Romeo MiTo 1.4 TB MultiAir 135 cv Distinctive 2010
    Cinquecento 900 1995
  • Città
    Nocera Inferiore
  • Interessi
    Auto, auto d'epoca, Duran Duran, Rolling Stones, Kraftwerk e Judas Priest!
  • Genere

Visite recenti

5838 visite nel profilo
  1. Vero, essendoci potenziali acquirenti che per 100 € in meno l'avrebbero presa così, se avessero potuto.
  2. ll danno a Fiat credo sia relativo, in quanto anche i muri sanno che questa è ormai un'auto venduta al chilo. Una riflessione, approfondita e parzialmente OT, la farei su Euroncap, perchè con l'attuale metodo di assegnazione punti e stelle rischaia di fare solo confusione. Da un ente come Euroncap vorrei avere soltanto tre info ben definite: - dati i quattro tipi di impatto classico (barriera disassata, muro, impatto laterale e palo), sapere in modo nudo e crudo come e se gli occupanti ne escono. Test su sicurezza passiva. - esami approfonditi su sicurezza attiva (stabilità, test dell'alce, frenata e stabilità su vari tipi di fondo stradale o percorsi random. Test su sicurezza attiva. - esami approfonditi circa il funzionamento degli Adas in situazioni tipo in sede di test (come già esistenti), corredati da test su strada, e in differenti condizioni climatiche. In questo modo tutto sarebbe molto più chiaro, e forse si scoprirebbero molti altarini. Pertanto, meglio così, tutto incasinato e complesso, con di tanto in tanto qualche auto da mettere al rogo.
  3. Tra 4 anni si vedrà quanto conviene...
  4. Alfa Romeo Giulia 2016

    Grazie per la recensione. Mi permetto solo di rimarcare che questa mancanza, a mio avviso inammissibile, non è solo prerogativa o peculiarità di Giulia, ma riguarda un po' tutte le auto recentissime su cui ho viaggato (Megane, Captur, A180cdi, Infiniti Q30...) ed è anche il motivo per cui oggi continuo a preferire il cellulare con Google Maps su appposito supporto (cosa che, del resto, spesso noto anche su auto nuove da 50k € e oltre...)
  5. E' invece oggi una pratica molto comune, anche perchè la revisione riguarda gli organi meccanici, ma in alcun modo non certifica il chilometraggio. Quindi nulla di più semplice per un commerciante che acquistare un'auto, fare un tagliando/messa a posto/lavata di faccia, schilometrarla (bastano 3 min e non c'è neanche bisogno di portarla dall'elettrauto, alcuni di questi girano con il marchingegno portatile e fanno tutto a domicilio) e infine portarla a fare la revisione, dove l'addetto, alla fine, non fa altro che riportare il chilometraggio che legge sul cruscotto. Molti addirittura, anticipano la revisione, pur di poter dire, all'acquirente medio inesperto, "Guarda, il chilometraggio è certificato anche qui!", quando poi il portale dell'automobilista riporta un semplice numero, non certifica un bel niente. Di conseguenza, meglio se un'auto presenta una revisione fatta uno/due anni prima e il sito indica quei 15-20mila km in meno rispetto a quelli che presenta nel piazzale del rivenditore. Da qui, l'ideale sarebbe fare controlli incrociati con libretto service se presente in auto, eventuali tagliandini vari sparsi tra portiera e cofano, cronologia service ufficiale della Casa, eventuali libricini del gommista con data e chilometraggio rilasciati all'ultimo cambio gomme, altri libretti di officine per il tagliando, ecc. Da lì valuti e se ci sono eventuali incongruenze, meglio passare oltre. Così come se non è presente, in auto, nulla di tutto ciò. Troppo strano. Puzza. Quindi meglio andare avanti, che di solito al minimo dubbio non c'è dubbio. PS: meno di una settimana fa ho ritirato la MiTo usata in firma. Comprata dopo aver visionato almeno 20 auto in 30 giorni in 3 province e 2 tentativi di infinocchiarmi quasi riusciti. La fuori "è una giungla, cazo!" CIT.
  6. Invece, paradossalmente, questa mi sembra la versione più credibile/socialmente apprezzabile per gli odierni "Cacciatori Urbani" cit. Solo che a sto giro son cacciatori urbani più danarosi.
  7. Cara vecchia Dedra...

    Io ho invece un quesito per anni rimasto irrisolto sulla Dedra prima serie, e credo continuerò ad esserlo, trattandosi di un particolare credo ignoto ai più. La versione che abbiamo avuto in famiglia, immatricolata nel 1990, era una delle pochissime ad avere sul cofano anteriore un unico ugello lavavetri centrale: era in pratica identica, colore a parte, a questa qui presa da wikipedia, una versione base, ma in realtà poi munita di vari optional come i 4 cerchi in lega, 4 vetri elettrici, climatizzatore manuale, bracciolo e infine il volante Momo 4 razze. In pratica tradiva il suo esser "base" solo dalla mancanza dei fendinebbia. La mia domanda/pippa che mi porto dietro da tanti anni, riguarda il momento in cui quell'ugello centrale è stato sostituito da due ugelli più piccini: da "indagini" fotografiche e spulciando i vari annunci di Dedra visibili negli anni, mi sento di dedurre che i due ugelli non sono stati inseriti in occasione del restyling, bensì a fine 1990 o inizio 1991. Infatti, come è ben visibile nella foto in seguito, l'esemplare fotografato (del 1991) differisce dalla prima foto, allestimento a parte, solo per quei......due ugelli. Si potrebbe ben obiettare che il cofano potrebbe essere stato sostituito (cosi come girano tanti pastiche con gruppi ottici della restyling), ma mi sento di escluderlo, data la rarità delle monougello e dalla conseguente frequenza delle prima serie bi-ugello). Capisco il pippone e che possa essere dettaglio di poco conto per i più.....ma qualcuno se sa qualcosa?
  8. Cara vecchia Dedra...

    Dedra mi sembra la più "equilibrata" tra le tre, ma forse, anzi senza forse, sono di parte. Tuttavia anche Prisma è assolutamente un bel mezzo e, da amante dei cadaveri, dico che anche una Lybra berlina a benzina e ben tenuta già oggi a mio avviso ha il suo perchè. Noto solo ora la domanda... francamente non ricordo. Non saprei dirti nemmeno se in marcia restasse acceso o meno, proprio perchè la luce era abbastanza fioca, quanto bastava affinchè si notasse al buio, come ad esempio in un garage (giustamente...la sua funzione quella era....)
  9. Per prima cosa recati presso un concessionario Renault ufficiale con il libretto ed fai effettuare una verifica sul loro database circa gli interventi di manutenzione programmata realmente effettuati in rete ufficiale. (potresti scoprire che non c'è mai entrata, come invece che nel nel 2016 ha effettuato un tagliando a 153mila km, ad esempio) In seguito, sopratutto se hai accertato il vizio, contatterei il venditore per proporgli il ritiro al prezzo da te pagato e la sostituzione con un'auto senza vizi (e nel caso ti diremo cosa controllare prima dell'acquisto). Nel caso in cui il venditore non accettasse con solerzia mi rivolgerei o ad un avvocato, se ne hai già uno di massima stima e fiducia professionale, o in alternativa chiederei lumi contattando l'associazione indicatati da drucker. Non lesinando, nel frattempo, nel fare un po' di cattiva pubblicità al suddetto venditore, sia orale, sia segnalando il misfatto, ad esempio, a Striscia la Notizia, a Le Iene, alla pagina Facebook e al sito http://www.nonprendermiperilchilometro.it/ In bocca al lupo e facci sapere.
  10. Alfa Romeo torna in Formula 1

    E io che cercavo di leggere in francese...
  11. Elenco alcune meraviglie storiche in zona sconosciute ai più: - Ponte borbonico sul Garigliano, a Minturno, primo esempio in Europa di ponte sospeso. - Anfiteatro Capuano, che fu d'ispirazione per il Colosseo, a Santa Maria Capua Vetere, da visitare con relativo museo. - I Ponti della Valle, a Valle di Maddaloni; un ponte di circa 500 metri (a memoria) che unisce due colline: fa parte dell'Acquedotto Carolino, un'opera lunga 38 km, in larga parte interrata, che porta acqua dal beneventano ai giardini della Reggia di Caserta e al Belvedere di San Leucio. Forse il maggior lascito del Vanvitelli. Aggiungo gli Scavi archeologici di Ercolano e quelli di Oplonti-Villa di Poppea a Torre Annunziata (praticamente questi ultimi, sotto casa mia). Se il tempo lo consente e vi piace l'idea di un po' di trekking non impegnativo (con annessa passeggiata panoramica in auto) una capatina a Massa Lubrense, frazione Termini. Lì prendete il sentiero verso Punta Campanella, dove potrete toccare quasi con mano Capri.
  12. Alfa Romeo Giulia 2016

    Non dire bugie, maramaldo! Che hanno appena inserito in Lineaccessori un mezzo manico di scopa di per tenerlo aperto. E per il MY18 altro che Matrix Led. Avremo questi!
×