Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di : Motor.it

lelao

Utente Registrato
  • Numero contenuti

    67
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Forum

171 Excellent

Su lelao

  • Rank
    Neopatentato
  • Compleanno 01/10/1979

Informazioni Profilo

  • Marca e Modello Auto
    Alfa mito
  • Genere
  1. Il mooblocco facilmente potrebbe essere imparentato, insieme ad altri componenti, ma non mi è dato sapere; quello che si sa è che questo è bialbero con doppio variatore di fase, mentre l'alfa ha il sistema multiair (gestione fase/alzata solo aspirazione); inoltre il "jeep" ha il sistema simil-ibrido a 48V, che alfa non ha. Per il resto le caratteristiche sono simili. Quindi sono "cugini", ma non uguali.
  2. Si, ho idea. No,non ce l'ha. Ha il sistema multi air solo lato aspirazione. La novità è che è stata implementata l'iniezione diretta.
  3. Google =>ricerca per immagini. 片山萌美 (Megumi Katayama)
  4. Il restauro della mia X1/9

    Al di là dell'apprezzabilissimo lavoro ingegneristico, mi trovo a modestamente biasimare il concetto estetico.
  5. Ferrari Portofino 2017

    Occhio che il V6 di giulia è un 2.9 litri contro 3.8 della Ferrari. I due cilindri meno si portano via anche quasi un litro di cilindrata.
  6. L'autoparerista in cucina

    Ehm...
  7. [USA] Chrysler Pacifica 2016

    Mi chiedo come si possa chiamare un minivan con un nome che richiama un viaggio (involontariamente) lungo, travagliato in cui sono morti tutti tranne uno. Avrebbero dovuto chiamarlo Odysseus (ma c'era già l'Ulysse ), se avessero voluto richiamare l'instancabile mitico viaggiatore; invece hanno richiamato la sua "epopea". Da toccarsi i maroni ad ogni partenza.
  8. Alfa Romeo Stelvio 2017

    Se è per quello a momenti faccio la stessa cosa con la mito che pesa la metà. Vero che il q7 è un cassone, ma in quella particolare curva è sufficiente esagerare un po' e salti fuori.
  9. Audi RS5 2017

    Mi sa che mi sono spiegato male. Il rally era un esempio di come si possa fare un'auto sportiva col motore davanti a sbalzo (trasversale o longitudinale). Il punto era sul poter far sovrasterzare un'auto con quel layout, che è possibilissimo oltre che tendenzialmente più semplice. Sull'efficacia del tutto poi non rimane che portarla in pista e vedere cosa fa, detto che a quanto pare non è comunque l'obiettivo primario di audi, ma tant'è. La delta ha il grosso della massa tra gli assi? Ma davèro? Non l'avrei detto. Non è ironico, con il motore ed il cambio davanti, il differenziale posteriore dietro, tra gli assi rimane un albero di ferro ed i due uomini dell'equipaggio.
  10. Audi RS5 2017

    Tutto il motore è davanti all'asse anteriore. E' stato però fatto un grande lavoro di compattazione per contenere lo sbalzo. E' fatto cosi per facilitare l'adozione della trasmissione integrale, che è praticamente obbligatoria da una certa potenza in su. Per quanto riguarda il sovrasterzo, è in realtà più semplice da ottenere avendo meno peso sull'asse posteriore: la quantità di coppia necessaria per provocare l'imbardata è inferiore. Alla fine giocando coi differenziali puoi rendere l'auto agile o stabile a seconda delle necessità o preferenze. La stessa cosa avveniva per le auto da rally derivate dalla serie come la delta, la escort etc.. tutte di base tutt'avanti a sbalzo, ma rese efficaci e divertenti grazie alla trazione integrale.
  11. Non sono d'accordo. L'arte va benissimo, ma sono convinto che, soprattutto su mezzi di un certo livello, vada assogettata ai dettami tecnologici e funzionali. E' il contrario che è del tutto deleterio e gli esempi non mancano: veyron e new beetle per dirne due. E poi una volta qualcuno disse che se una cosa è bella va anche bene; è un concetto romantico che posso anche accettare, ma credo che oggi si possa girare la frase in:"Se una cosa funziona bene è anche bella( in senso compiuto od in senso lato)".
  12. Me vs dossi dissuasori

    La foto è vecchia. Quello che si vede è una bella barriera architettonica; non contenti ne hanno fatto uno nuovo dall'altra parte dell'incrocio ed un altro verso la SS33 (oltre ad un'altra miriade nelle viette laterali con dipinto enorme recante scritta "zona 30"). Per la cronaca ho una mito con assetto ribassato e la mia posizione sull'argomento è che metterei gli ideatori, gli approvatori ed anche i costruttori di questi bei manufatti sdraiati per terra a fungere da "rallentatori". Li. Mortacci. Vostra.
×