Yakamoz

Utente Registrato
  • Numero contenuti

    2445
  • Iscritto

  • Ultima visita

  • Days Won

    1

Reputazione Forum

1180 Excellent

3 Seguaci

Su Yakamoz

  • Rank
    World Championship Winner
  • Compleanno April 1

Informazioni Profilo

  • Marca e Modello Auto
    Serie 1 E87
    CityClass (con autista)
  • Genere

Visite recenti

2856 visite nel profilo
  1. Ah, pensavo che la Proterv Southern Countryman fosse la versione sportiva, quella con assetto rasoterra, cerchi da 21 e adesivo bocchettone rifornimento tipo Formula 1 sullo sportello del serbatoio...
  2. Preferisco la Giulia Bburino, la versione specifica per il mercato anglosassone: gancio traino con palla da tennis di serie, paraspruzzi con scritta rossa "Cuore Sportivo", pomello cambio in finto legno vintage già scolorito sull'impugnatura, e protesi di braccio in legno con gomito flesso, fissata fuori dal finestrino anteriore sinistro per compensare la guida a destra.
  3. F1 2017 - Gran Premio d'Inghilterra

    Mettono miscela al 3 o al 4%? OT: quanto al discorso Schumacher uomo squadra / Alonso solito stronzo, se tralasciamo per un attimo il fatto che Schumi è il più grande di tutti, avrei diverse cose da dire. Prima di tutto che un pilota non deve essere per forza un padre, ma è un professionista che sale su una monoposto (rischiando anche la cotenna) e si aspetta che l'auto vada quanto promesso, così come deve far lui. Se poi uno è più temperante e un altro più intransigente, sono particolari secondari, o almeno dovrebbero esserlo. Il suo lavoro non è motivare la squadra ma guidare al meglio delle sue possibilità, far guadagnare punti iridati e fornire buone indicazioni ai tecnici. Alonso di sicuro non è tra i personaggi più facili caratterialmente, d'altronde neanche la "sua" Ferrari era la Ferrari di Schumi. Perdere un mondiale come è successo nel 2010, ma anche nel 2012, ti lascia un segno indelebile. Ma ricordo anche un Alonso sempre molto presente a Maranello, elogiativo verso la squadra, e che, ad esempio, nel 2010 in prova ruppe il telaio della macchina, e dovendo partire dal fondo scrisse una lettera di scuse indirizzata ad ognuno dei suoi meccanici.
  4. F1 2017 - Gran Premio d'Inghilterra

    In Inghilterra la debacle è stata comunque prevalentemente strategica. Ovvio: errori commessi per cercare di rimediare a un'inferiorità tecnica. Ma sul reparto gomme sono stati commessi gravi sbagli: 1- le prove del venerdì e le proiezioni della Pirelli non permettevano di prevedere che quel tipo di gomma avrebbe retto solo tot giri? 2- anche non fosse stato un evento prevedibile a priori (che due macchine su due avrebbero forato) a posteriori lo era eccome: dopo che Vettel è stato superato da Bottas, ha perso dai due ai tre secondi al giro. Quelle gomme erano logore oltre ogni dire, si vedeva a occhio nudo, figuriamoci guidarci. 3 - Dalle immagini che ho visto, il fuoripista di Vettel con la gomma già dechappata è avvenuto abbondantemente prima della corsia d'ingresso in corsia box. Perché diamine non è rientrato subito, e si è fatto un intero altro giro con le quattro frecce? 4 - Con Vettel è andata così anche perché il cambio gomme anticipato serviva per togliersi quel paracarro di Verstappen, ma Raikkonen stava facendo la sua corsa, non doveva guardarsi le spalle da nessuno e poteva impostare la sua strategia su quella di Hamilton, che è arrivato al traguardo sano e fresco come una rosa. Sghignazziamo quando quelli della Mercedes fanno errori di valutazione sotto pressione, ma questa è stata una figura da peracottari, e molto dannosa.
  5. F1 2017 - Gran Premio d'Inghilterra

    Fatte comunque le doverose premesse sul buon lavoro Ferrari, è bene andare giù piatti: adesso si va all'Hungaroring, che date le sue caratteristiche da pista da go-kart pantografata si sposa molto bene con il passo corto, e con la Ferrari in generale. Ricordiamo la quasi vittoria nel 2014 con la miserrima F14, guidata da Alonso, e la quasi doppietta del 2015. Se non si racimola almeno lì una vittoria, allora la vedo veramente brutta per il resto della stagione.
  6. L'autoparerista in cucina

    Ma era zest di limone?... Perdonami. Volevo dire: era buccia grattuggiata di limone?
  7. Ferrari F16x Crossover 2021 (Rumors)

    Ma se fino a ieri il problema era fino a che soglia contingentare i modelli/anno prodotti, come si concilia con l'aggiunta di un modello che ha come unico scopo quello di fare volumi? Che un giorno o l'altro anche Ferrari dovrà quantomeno confrontarsi con questa realtà, è fuor di dubbio. Sono vent'anni che il mercato punta stabilmente in questa direzione, la difesa del dna del marchio va bene fin quando non diventa anacronistica. Posso giusto sperare che questo avvenga il più tardi possibile.
  8. Come primo feedback di utilizzo del computer, c'è da dire che è effettivamente velocissimo all'avvio, grazie all'SSD (e anche al fatto che è la memoria è ancora quasi completamente libera), però ci mette parecchio a spegnersi. Windows si chiude subito, lo schermo si disattiva, ma la macchina continua a lavorare per uno-due minuti buoni prima che la spia si spenga. Abbastanza seccante per uno come me, che diligentemente stacca la spina dell'alimentatore dopo l'uso. Secondo voi è normale ragazzi?
  9. F1 2017 - Gran Premio d'Inghilterra

    Il bottoncino mi sta parecchio sugli ammenicoli, ma non sarei mai favorevole a vietarlo, alla fine è solo una mappatura più spinta, richiamabile con un semplice bottone invece che con un manettino o una sequenza alfanumerica. Buon per loro che sono riusciti ad avere un motore che regge bene anche delle strippate momentanee, e che evidentemente raggiunge ancora un picco di potenza non eguagliabile dagli altri. Lo confermava Turrini tempo fa al programma "Tutti convocati" su Radio 24, al momento per la Ferrari il bottoncino non è fattibile. Comunque, il fatto che anche senza questo espediente la Ferrari riesca talvolta a piazzarsi davanti alle Mercy sia in gara che soprattutto in qualifica, dimostra il lavoro da applauso che hanno fatto in quel di Maranello.
  10. Io un'annata 2006 con i dorsi giusti non l'ho mai vista. Tra l'altro quello fu, se non erro, il terz'ultimo anno di Tedeschini come direttore. Personaggio eclettico ma non ho dei gran bei ricordi, così come, la rivista, non mi piace oggi. Se non sbaglio era sotto la sua direzione che ci furono i listini del nuovo stampati per lungo, e un numero con una copertina semirigida, realizzata con una tecnica tipografica particolare, che avrebbe dovuto diventare la norma, e invece venne accantonata già dal numero successivo.
  11. F1 2017 - Gran Premio d'Inghilterra

    Vicenda vergognosa sul piano sportivo, ma pagare ha pagato. In ogni caso credo che di rimettere piede lui non ne voglia sapere proprio, né Marchionne di tirarlo dentro. Ciò non toglie che sul piano della capacità pura, ha pochissimi rivali. Forse solo Ross Brawn, che tra l'altro era un suo sottoposto in Benetton. Todt era esecutivo eccome, è Lauda quello non esecutivo. Il mutatis mutandis riguardava proprio questo Ma se sul piano della escutività sono due incarichi completamente diversi, su quello dell'influenza le due figure sono profondamente affini.
  12. F1 2017 - Gran Premio d'Inghilterra

    però pare che Wolff e Lauda non lavorino male assieme, ma siano ognuno padrone nel proprio ambito. In ogni caso sono anche molto abili a dribblare possibili contrasti, niente da dire. Specie per quanto riguarda le decisioni che riguardano l'interno del team.
  13. F1 2017 - Gran Premio d'Inghilterra

    Per come mi sforzo di vederla, siamo semplicemente in una fase del campionato in cui l'andamento sinusoidale di MB e Ferrari si trova agli estremi opposti: MB sta finalmente capitalizzando le enormi modifiche introdotte negli ultimi gp, mentre il pacchetto Ferrari comincia a risentire tangibilmente del tempo trascorso. A questo aggiungiamo la questione olio e fondo pieghevole e il calo della Ferrari è verosimilmente spiegato. Credo che la risposta da Maranello a questo deficit prestazionale arriverà presto. Ben più diffcile dire se sarà sufficiente: la pausa estiva aiuterà un po' tutti. Per il momento escluderei parallelismi con gli anni precedenti: la Ferrari di quest'anno non ha niente a che spartire con quella vista dal 2011 fino all'anno scorso: ve li siete già dimenticati gli sviluppi-gambero, la cronica inadeguatezza in qualifica, la mancanza di downforce, le difformità tra galleria del vento e pista e tutto il resto del campionario che abbiamo subìto per anni? La macchina di quest'anno riesce a utilizzare le gomme, è forte sul giro secco, e pure nella debacle di ieri, le prestazioni rimangono nettamente superiori alla Red Bull sia in gara che in qualifica. Tutto questo comunque non significa e non serve a niente, se non per vincere il premio rivelazione dell'anno. Resto dell'idea che la Mercedes sia complessivamente l'auto dal potenziale migliore, oggi come in Australia. La Ferrari ha una buonissima base, un approccio notevolmente cambiato (finalmente si lavora sul filo del regolamento tecnico, pure troppo...), adesso deve mostrare di saper sviluppare l'auto fino alla fine. Quanto alla questione politica, Arrivabene (che mi piace abbastanza, ma senza esagerare) deve fare il lavoro di due persone: Wolff e Lauda. Dieter Zetsche fa le sue comparsate ogni tanto, e per il resto del tempo cura gli affari dell'azienda, ordisce le sue trame, fa le riunioni strategiche, il tutto senza mai calarsi nell'agone. Diversamente da Marchionne che "copre" molto Arrivabene. In Ferrari manca questa curiosa figura di raccordo, l'eminenza grigia, il "presidente non esecutivo", che Lauda svolge impagabilmente, e che ai tempi di Schumi era, mutatis mutandis, coperta da Todt. E sì che il nome ce l'avremmo: Sarebbe l'ideale: un piede dentro e uno fuori dal Circus, vastissima conoscenza dell'ambiente, doti negoziali di prim'ordine, capacità manageriali, faccia come il culo. Ho sempre avuto la curiosità di cosa potrebbe fare uno come lui alla guida di una corazzata come la Ferrari. E Arrivabene a occuparsi al 100% della squadra e del muretto, che lo fa benino. Fine delle fantasie.
  14. Come sei caduto in basso QUATTRORUORE. Che pasticcio Undici anni che mi ci cade l'occhio: doveva essere la celebrazione del cinquantenario, invece hanno "deturpato" la collezione a migliaia di collezionisti con una trovata già di suo discutibile sul piano estetico, e, quel che è peggio, superiore alle loro possibilità tipografiche. Per non parlare del dorso del numero di agosto...