Jump to content
Autopareri news
  • Benvenuto su Autopareri - il forum dell'automobile!
Sign in to follow this  
lucaf1

Lancia Musa Restyling (Topic Ufficiale - 2007)

Recommended Posts

Non più in Vendita

002.jpg

003.jpg

100.jpg

111.jpg

001.jpg 002.jpg 003.jpg 004.jpg

005.jpg 006.jpg 007.jpg 008.jpg

009.jpg 010.jpg 011.jpg 012.jpg

013.jpg 014.jpg 015.jpg 016.jpg

017.jpg 018.jpg 019.jpg 020.jpg

100.jpg 101.jpg 102.jpg 103.jpg

104.jpg 105.jpg 106.jpg 107.jpg

108.jpg 109.jpg 110.jpg 111.jpg

Da km77.com

Debutta la nuova Lancia Musa “Poltrona Frau” con il nuovo motore Multijet 1.6 16v da 120cv

Dal 7 giugno sarà in vendita la Lancia Musa “Poltrona Frau”, la nuova versione top di gamma della “City Limousine” - da quasi due anni il monovolume più venduto in Italia - equipaggiata con il nuovo motore 1.6 Multijet da 120 CV.

Disponibile in 11 colori esterni (di cui 4 bicolore) e 3 tonalità di interni (grigio, cuoio, rosso), l’esclusivo allestimento propone sedili e plancia rivestititi interamente in Pelle Frau® e un ricco equipaggiamento di serie che comprende: tetto Granluce, sistema ESP, radio con lettore CD, cerchi in lega da 16”, il climatizzatore bi-zona, 6 airbag e fendinebbia.

In vendita a partire da 21.500 euro (prezzo chiavi in mano) e contraddistinta dal logo Poltrona Frau posto sul montante centrale e ricamato sulla plancia in pelle, la serie speciale di Lancia Musa è un oggetto unico che unisce due nomi per eccellenza del “Made in Italy” in cui allo stile del design, alla cura per il particolare, all’artigianalità della vernice bicolore tipici delle vetture Lancia, associano l’esclusività e la raffinatezza della Pelle e le abilità artigianali di Poltrona Frau.

Del resto, per una Casa automobilistica come Lancia la cura dei dettagli e il pregio dei materiali sono fondamentali. In ogni sua vettura l’ambiente interno è emotivamente “coinvolgente” e dalla spiccata fattura artigianale, per questo Poltrona Frau è il partner più indicato. Un patrimonio di conoscenze e tradizione, quello di Poltrona Frau, che trova la sua massima espressione nella lavorazione della pelle preservandone morbidezza, colore e tattilità. L’attenzione per la qualità, la ricerca per i materiali più innovativi, i processi esclusivi di lavorazione e il rispetto di standard di resistenza specifici rendono la pelle idonea all’uso nel settore automotive.

Senza dimenticare che la collaborazione tra Lancia e Poltrona Frau ha radici profonde. Cominciata già con Vincenzo Lancia che negli anni Venti si rivolse a Renzo Frau per “vestire” le proprie automobili destinate ai clienti VIP, è proseguita nel 1984 quando Poltrona Frau e il Centro Stile Lancia realizzarono l’interno della Thema 8.32, la berlina con motore Ferrari. Di recente la collaborazione si è estesa all’intera gamma Lancia: dalla Dedra alla Y10, dalla Thesis alla Musa alla nuovissima Delta.

Inoltre, la nuova versione Lancia Musa “Poltrona Frau” adotta il nuovo motore 1.6 Multijet da 120 CV, un propulsore dell’ultima generazione dei turbodiesel - appunto Multijet e plurivalvole - che conferma l’eccellenza tecnologica del Gruppo Fiat nel campo della progettazione e dello sviluppo dei motopropulsori diesel.

Il nuovo motore combina perfettamente le doti vincenti dei turbodiesel Multijet con i vantaggi, anche fiscali, della filosofia progettuale “downsizing”. Dunque, è la soluzione ideale per chi ricerca il giusto compromesso tra rispetto ambientale e bassi costi di gestione, senza rinunciare a potenza ed elasticità per un autentico piacere di guida.

In dettaglio, rispetto al noto 1.9 Multijet 100 CV, il 1.6 Multijet migliora prestazioni, comfort, emissioni – è già Euro 5 Ready - e costi di gestione, oltre a presentare notevoli vantaggi: a parità di potenza, una coppia superiore di quasi il 15% (300 Nm a 1.500 giri/min) ed un consumo inferiore del 6% (misurato su ciclo Nedc). Il tutto con un piacere di guida decisamente superiore, grazie soprattutto ai valori di coppia utile a basso regime. Questi obiettivi sono stati raggiunti grazie ad una completa ottimizzazione della combustione che sfrutta al massimo le potenzialità dei nuovi iniettori.

Il 1.6 Multijet ha un'erogazione eccellente di coppia in valore assoluto, tanto più apprezzabile se si considera la cilindrata: la coppia di 300 Nm rende tale motore leader di performance tra i propulsori di cilindrata inferiore o uguale a 1,8 litri. Se poi si considera la coppia specifica (cioè divisa per la cilindrata) il 1.6 è il motore più performante della categoria fino a potenze di 200 CV, escludendo solo i propulsori “supersportivi”. Non solo. Se si tiene conto che la coppia massima viene erogata a soli 1.500 giri, si può comprendere immediatamente come il 1.6 Multijet sia una rivoluzione rispetto agli attuali motori diesel: nessun altro, anche di ultima generazione, può offrire un’erogazione così elevata e ad un regime così basso di giri. Insomma, il nuovo 1.6 Multijet offre un piacere di guida esaltante e difficilmente eguagliabile, come dimostrano anche i valori di accelerazione (da 0 a 100 km/h in soli 9,9 secondi) e di velocità massima (190 km/h).

Non ultimo, l’abbinamento del nuovo sistema di iniezione ai turbo di nuova generazione a geometria variabile completa un quadro tecnologico di rilievo assoluto. Allo stesso modo, il 1.6 da 120 CV adotta le più avanzate tecnologie di trattamento dei gas di scarico quali la trappola per il particolato ravvicinata (Close Coupled Diesel Particulate Filter) e il sistema EGR (Exhaust Gas Recirculation) integrato, che migliora il controllo della temperatura e il flusso dei gas, garantendo al contempo minori emissioni e riduzione dei consumi. L’insieme di queste soluzioni consentono al propulsore di essere Euro5-ready in largo anticipo rispetto all’entrata in vigore della normativa: è il miglior esempio del grande impegno profuso da tutto il Gruppo Fiat per una mobilità rispettosa dell’ambiente.

Infine, equipaggiata con il nuovo 1.6 Multijet, Lancia Musa “Poltrona Frau” necessita del tagliando soltanto a 35.000 km con un abbattimento del 25% dei costi di manutenzione ordinaria (calcolata su percorrenze di 90.000 km o 100.000 km, quelle più frequenti nei contratti di noleggio a lungo termine). "

Edited by Touareg 2.5

Share this post


Link to post
Share on other sites

L'anteriore è molto più "importante" di quanto mi aspettassi.

Il posteriore sembra meno pesante di quello visto su strada, ma la prospettiva è parecchio sbilenca, quindi si vedrà. :)

p.s. Niente da fare per un bicolore meglio "concluso" sul montante anteriore. :(

Share this post


Link to post
Share on other sites

la cornicetta cromata è carina, per il resto niente di imprevisto mi sembra cmq non malaccio imho

Share this post


Link to post
Share on other sites

Decisamente meglio questo Rest. di quello fatto a Y... non per riaprire ferite mai cicatrizzatesi, ma credo che la cosa più brutta di questa vettura sia il nuovo logo :(

Share this post


Link to post
Share on other sites

A primo acchito appare risucito come quello di ypsilon, da all'auto un aria più elegante e importante in particolare nella vista anteriori, interessante la cornice cromata laterale,il posteriore è da rivedersi...per una volta per il gruppo fiat le foto appaiono molto ricercate e in prospettive particolari che potrebbero anche farla apparire migliore che dal vero.

Peccato come sempre quelle porte con quella sezione lavorata solo di grafica della idea che cozzano con tutto il resto.

Abbandono dell'alcantara?

Spero cmq in qualche sorpresa per i motori....ma mi sa che è solo speranza

Share this post


Link to post
Share on other sites

Restyling riuscito, la macchina sembra più matura e importante.

Confermato: il bagagliaio guadagna 70 litri

Share this post


Link to post
Share on other sites

non male, anzi, così secondo me invecchierà onorevolmente!

mi chiedo.. per caso hanno allungato il portellone posteriore "sul paraurti"?

aspetto comunque ulteriori foto per valutare meglio, ma sicuramente molto positivo!!

Share this post


Link to post
Share on other sites
...ma credo che la cosa più brutta di questa vettura sia il nuovo logo :(

Davvero meglio non pensarci.

Vederlo dal vivo per la prima volta su una bellissima Momo Sport bianco integrale mi ha fatto davvero male: brutto, banale, piattissimo.

Share this post


Link to post
Share on other sites
A primo acchito appare risucito come quello di ypsilon, da all'auto un aria più elegante e importante in particolare nella vista anteriori, intressate la cornice cromata laterale,il posteriore è da rivedersi...per una volta per il gruppo fiat le foto appaiono molto ricercate e in prospettive particolari che potrebbero anche farla apparire migliore che dal vero.

Peccato come sempre quelle porte con quella sezione lavorata solo di grafica della idea che cozzano con tutto il resto.

Abbandono dell'alcantara?

Spero cmq in qualche sorpresa per i motori....ma mi sa che è solo speranza

stessi di prima i motori 1.3 mjt da 70 e 90cv, 1.9 da 100cv e 1.4 da 77cv e 95 cv

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.
Note: Your post will require moderator approval before it will be visible.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Sign in to follow this  

  • Similar Content

    • By Pawel72
      Quanti di noi si sono chiesti.., ma il grande Drake oltre alle sue magnifiche Ferrari , quali automobili apprezzava e guidava nella vita privata ? 
      La E-Type  è rimasta in vendita per 14 anni, e ne sono stati assemblati oltre 70 mila esemplari.
      Ma quando si parla di macchine così eleganti i numeri non contano. Le parole però sì, come quelle di Enzo Ferrari, che nel 1961 vedendo una E-Type Roadster disse che era “l’auto più bella mai costruita”.
      Enzo Ferrari aveva una Renault 5 Turbo e ora va all’ asta per un prezzo base di 80.000 euro.
      Si tratta di un’ unità prodotta nel 1982, anno in cui “il commendatore” l’ha acquistata. E’ dotata di un quattro cilindri da 1,4 litri di cilindrata e turbocompressore. Associato ad un cambio manuale a cinque marce, eroga 160 CV e accelera da 0 a 100 km/h in 7,7 secondi. La velocità massima è 218 km/h.
      Una caratteristica speciale di questo modello è che Enzo Ferrari ha ordinato l’installazione di una radio Pioneer Ferrari originale. Inoltre, ha ordinato con la vernice rosso granata e tappezzeria dello stesso colore, e tappeti blu.
      Era 1960 all’epoca Ferrari aveva l’abitudine di viaggiare sei mesi su una Fiat, poi sei mesi con una Lancia e sei mesi su un’Alfa Romeo. Guidava anche una Peugeot 404, di proprietà di un suo cognato che viveva in Francia. Inoltre, aveva una Ferrari regolarmente acquistata e per la quale il direttore commerciale Gardini gli aveva praticato uno sconto, peraltro contenuto.
      Il grande Drake ha sempre apprezzato le Peugeot per il loro comfort, il design e la qualità costruttiva, al punto che aveva diverse 404 e 504 per uso personale e addirittura una versione Sw per l’assistenza in pista. Era anche un modo per stuzzicare i vertici della Fiat – erano gli anni successivi alla famosa trasformazione dell’accordo di collaborazione tecnica del 1965 in partecipazione societaria paritetica – che ovviamente non apprezzavano per nulla la cosa…
      Ma Ferrari era caparbio, si sa, e continuava ad andare con una Peugeot 404 all’Autodromo di Modena per assistere ai test di collaudo delle sue macchine… La Fiat, però, fingeva con eleganza di non accorgersi delle divertite provocazioni del Grande Vecchio. E in tanti anni di passeggiate in Peugeot a Ferrari non venne mai contestato nulla…
       






    • By AndreaB
      Da https://www.lastampa.it/2019/04/02/cronaca/fca-heritage-hub-a-mirafiori-nasce-uno-spazio-per-valorizzare-il-passato-e-guardare-al-futuro-HxeEnWTSs2i0CCSGLB3lXN/pagina.html
       
    • By BruceLee89
      Salve ragazzi, ho un problema fastidioso alle chiusure centralizzate, a volte quando apro l'auto con il telecomando non si apre, si accende la luce, il segnale arriva ma non si apre, e devo aprire con la chiave( a chiudere si chiude con il telecomado), poi dopo un giorno o un paio di giorni si aggiusta da sola.Sono andato dall'elettrauto e dice che bisogna cambiare la body, c'è un problema nel relè ecc. e devo spendere intorno ai 200 euro. Io penso sia una sciocchezza in quanto si guasta solo a volte, e a volte passano mesi prima che riaccade. Adesso ho cambiato la pila del telecomando, ho apero l'auto, l'ho richiusa, l'ho riaperta è si è guastata di nuovo, quando non si apre si sente un tic nel vano dove sta la body. Cosa può essere?Qualcuno può aiutarmi?Grazie!
×
×
  • Create New...

Important Information

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Terms of Use.