Jump to content

Rohypnol
 Share

Recommended Posts

5 ore fa, L' informatore d'auto scrive:

Pure quello de "La Stampa" è gratuito.

 

Anche il mio è gratis.

Infatti sono ancora povero nonostante tutto l'ambaradan che ho organizzato in casa negli ultimi 30 anni :D

  • Haha! 7

"... guarda la libidine sarebbe per il si, ma il pilota dopo il gran premio ha bisogno il suo descanso... e poi è scattata la regola numero due: perlustrazione del pueblo e ricerca de los amigos... ah Ivana, mi raccomando il panta nell'armadio, il pantalone bello diritto. E un po' d'ordine in stanza... see you later!" (Il Dogui, Vacanze di Natale)

Link to comment
Share on other sites

124 coupè molto provvisoria.

Fiat 124 coupè proto 1966 2.jpg

Fiat 124 coupè proto provvisorio.jpg

Ogni tanto passiamo a trovare anche lei :D

f.jpg

  • I Like! 8

"... guarda la libidine sarebbe per il si, ma il pilota dopo il gran premio ha bisogno il suo descanso... e poi è scattata la regola numero due: perlustrazione del pueblo e ricerca de los amigos... ah Ivana, mi raccomando il panta nell'armadio, il pantalone bello diritto. E un po' d'ordine in stanza... see you later!" (Il Dogui, Vacanze di Natale)

Link to comment
Share on other sites

4 ore fa, PaoloGTC scrive:

124 coupè molto provvisoria.

Fiat 124 coupè proto 1966 2.jpg

Fiat 124 coupè proto provvisorio.jpg

Ogni tanto passiamo a trovare anche lei :D

f.jpg

 

La 124 coupè "provvisoria" non è neppure male, per il suo periodo. Il frontale fa molto 850 spider.

La seconda è l'Unone o sbaglio? Vista da questa prospettiva conferma ancora di più la sensazione che mi ha sempre dato, cioè quella di una sorta di Y10 ingrandita e con cinque porte.

--------------------------

Link to comment
Share on other sites

On 21/3/2022 at 18:01, PaoloGTC scrive:

Parere mio, l'unica maniera in cui Cinquecento nel 1992 poteva sembrare qualcosa di nuovo era confrontandola con ciò che andava a sostituire, e cioè l'ultima evoluzione di un'utilitaria nata all'inizio degli anni '70 la quale era a sua volta un rifacimento del concetto base di una nata negli anni '50.

Vista in quel senso, cioè con una visione centrata sul basso di gamma Fiat, era un cambiamento, ma non proponeva nulla di nuovo al mondo dell'auto.

La trazione anteriore e un apprezzabile spazio rispetto alle dimensioni esterne? Già fatto con la Panda.

La linea? La Y10 era stata imbastita nel 1981 e lanciata a metà della decade.

I motori (vecchi) catalizzati? Era così per tutti.

Solo guardandola come post-126 era un passo avanti, ma lo era perchè 126 ormai era preistoria.

Un "compitino" se paragonato a ciò di cui s'era parlato negli anni '80, e cioè le varie X1/7 o "Topolino" del futuro che dir si voglia.

Anche Quattroruote nel 1986 quando ebbe modo di provare il prototipo della futura "Topolino", con una carrozzeria non definitiva ma mossa da un bicilindrico... a caso... si sperticò in lodi riguardo la guida, l'abitabilità, la sensazione di guidare un'auto di altra categoria... "rispetto alla 126".

Eh, ho capito.

La 126.

Stavano guidando una Y10 bicilindrica/povera, così a spanne.

Detto ciò, a me esteticamente al lancio non era dispiaciuta. C'era una certa discrezione tutta torinese nelle linee ed il frontale con il paraurtone nero unito all'insieme fari/assenza di calandra secondo me le davano quell'aria amichevole che ebbe poi anche la Punto un anno più tardi.

Già che siamo qui, mettiamoci questo (sempre di Piovano) che mostra un paio di studi ispirati all'antenata.

Più sotto, la cosiddetta "Topolino" provata da Quattroruote nel 1986. In realtà loro ne provarono un esemplare leggermente camuffato, ma "pulita" era così. Credo comunque si trattasse di una carrozzeria "tanto per".

N.B. qui, come molti noteranno, vediamo ancora un'ipotesi più vicina alla vetturetta che alla "segmento A evoluta e spaziosa"... dimensioni e passo non sono quelli della Cinquecento.

 

 

 

 

Infatti, magari sbaglio ma a me pare di ricordare che la prima ad arrivare sul mercato (magari in anticipo di pochi mesi o settimane soltanto) con la nuova calandra sia stata la Panda Super. Se la memoria non mi inganna Auto & Design pubblicò l'intervista a Maioli (assai noiosa e pesante... scusate lo devo dire ma che duepppalle leggere Maioli oh...) proprio in occasione del suo lancio.

Se non sbaglio la Ritmo fu presentata in autunno. La Panda sinceramente non ricordo.

Ma si sa niente di questa Giardiniera/Weekend? Sempre opere degli indipendenti FSM?

FSM_Beskid_170X_Kombi_-_model_-_BOSMAL.jpg

Questa 5 porte poteva fare furore...

Beskid long - samochód miał 3,5 m długości, a sercem przedłużonego auta był silnik z bisa

Edited by Insidek
  • I Like! 2
  • Absurd! 1
  • Confused... 1
  • Wow! 4
  • Adoro! 2
Link to comment
Share on other sites

2 ore fa, Insidek scrive:

Ma si sa niente di questa Giardiniera/Weekend? Sempre opere degli indipendenti FSM?

 

Questa 5 porte poteva fare furore...

 

 

Personalmente non ho mai visto nulla, riguardo questa ipotesi, che si potesse identificare come "venuto da Torino", inteso come variante pensata "qui".

In effetti pure io credo che avrebbe potuto soddisfare certe esigenze una versione del genere. Tipo quelle delle persone che in seguito hanno comprato le varie Agila, Wagon R e via dicendo, e magari hanno scartato sia Cinquecento che Panda perchè avevano solo due porte.

Il conce di famiglia (che è ancora lì, nonostante tutto...) ricorda sempre che l'Agila, la prima Agila, è stata un bellissimo regalo. Vettura presa in giro spesso e volentieri per l'estetica, ma che è stata venduta assai bene, almeno qui dove i paesi "di una volta" su per le rive non sono pochi, ed erano abitati soprattutto da persone di una certa età, che magari non badavano tantissimo al fashion ma hanno trovato in quella scatoletta ciò che serviva.

Lo spazio necessario, una larghezza contenuta ideale per infilarsi in vecchi passi carrai e garages di una volta, la praticità di una seduta comoda per chi ha qualche anno in più ("nell'Agila non si scendeva o saliva per entrare, il sedile era messo al punto giusto, e questo non sembra ma mi ha fatto vendere un sacco di auto").

La larghezza non esagerata era caratteristica anche delle Cinquecento e Panda, le quali però avevano solo due porte.

Posso capire la Cinquecento, ma in effetti ho sempre trovato questa mancanza un grosso neo della geniale Panda di Giugiaro. Ispirarsi alla semplicità di una R4 o di una 2CV, e poi farla due porte. Mah. Costi, probabilmente. Filosofia torinese, anche... però....

Certe vetture, a cui a volte non si presta molta attenzione, per alcuni possono essere l'ideale.

Ho un parente ad esempio che è stato molto contento quando ha trovato nella gamma Peugeot la 206 SW. Lui ha sempre guidato Peugeot e ha sempre avuto il problema della larghezza del box che è situato in un'abitazione di concezione molto vecchia. Dovendo cambiare l'auto, aveva apprezzato la 206 normale e aveva fatto una prova con quella di un conoscente, appurando che era possibile ritirarla nel box, ma si era bloccato perchè aveva bisogno di un po' di bagagliaio in più.

Quando Peugeot ha tirato fuori la SW, gli ha dato la macchina perfetta.

19 ore fa, Abarth03 scrive:

 

La 124 coupè "provvisoria" non è neppure male, per il suo periodo. Il frontale fa molto 850 spider.

La seconda è l'Unone o sbaglio? Vista da questa prospettiva conferma ancora di più la sensazione che mi ha sempre dato, cioè quella di una sorta di Y10 ingrandita e con cinque porte.

 

Personalmente devo dire di preferire la 124 coupè che abbiamo visto sul mercato... non la trovo riuscitissima al posteriore, ma amo il suo frontale.

Sì, è il mitico Unone. Ho scelto una foto in bianco e nero con quell'atmosfera un po' "Torino nella nebbia del mattino" che è tanto romantica.

 

  • I Like! 4
  • Thanks! 5

"... guarda la libidine sarebbe per il si, ma il pilota dopo il gran premio ha bisogno il suo descanso... e poi è scattata la regola numero due: perlustrazione del pueblo e ricerca de los amigos... ah Ivana, mi raccomando il panta nell'armadio, il pantalone bello diritto. E un po' d'ordine in stanza... see you later!" (Il Dogui, Vacanze di Natale)

Link to comment
Share on other sites

2 ore fa, PaoloGTC scrive:

 

Personalmente non ho mai visto nulla, riguardo questa ipotesi, che si potesse identificare come "venuto da Torino", inteso come variante pensata "qui".

In effetti pure io credo che avrebbe potuto soddisfare certe esigenze una versione del genere. Tipo quelle delle persone che in seguito hanno comprato le varie Agila, Wagon R e via dicendo, e magari hanno scartato sia Cinquecento che Panda perchè avevano solo due porte.

Il conce di famiglia (che è ancora lì, nonostante tutto...) ricorda sempre che l'Agila, la prima Agila, è stata un bellissimo regalo. Vettura presa in giro spesso e volentieri per l'estetica, ma che è stata venduta assai bene, almeno qui dove i paesi "di una volta" su per le rive non sono pochi, ed erano abitati soprattutto da persone di una certa età, che magari non badavano tantissimo al fashion ma hanno trovato in quella scatoletta ciò che serviva.

Lo spazio necessario, una larghezza contenuta ideale per infilarsi in vecchi passi carrai e garages di una volta, la praticità di una seduta comoda per chi ha qualche anno in più ("nell'Agila non si scendeva o saliva per entrare, il sedile era messo al punto giusto, e questo non sembra ma mi ha fatto vendere un sacco di auto").

La larghezza non esagerata era caratteristica anche delle Cinquecento e Panda, le quali però avevano solo due porte.

Posso capire la Cinquecento, ma in effetti ho sempre trovato questa mancanza un grosso neo della geniale Panda di Giugiaro. Ispirarsi alla semplicità di una R4 o di una 2CV, e poi farla due porte. Mah. Costi, probabilmente. Filosofia torinese, anche... però....

Certe vetture, a cui a volte non si presta molta attenzione, per alcuni possono essere l'ideale.

Ho un parente ad esempio che è stato molto contento quando ha trovato nella gamma Peugeot la 206 SW. Lui ha sempre guidato Peugeot e ha sempre avuto il problema della larghezza del box che è situato in un'abitazione di concezione molto vecchia. Dovendo cambiare l'auto, aveva apprezzato la 206 normale e aveva fatto una prova con quella di un conoscente, appurando che era possibile ritirarla nel box, ma si era bloccato perchè aveva bisogno di un po' di bagagliaio in più.

Quando Peugeot ha tirato fuori la SW, gli ha dato la macchina perfetta.

 

Personalmente devo dire di preferire la 124 coupè che abbiamo visto sul mercato... non la trovo riuscitissima al posteriore, ma amo il suo frontale.

Sì, è il mitico Unone. Ho scelto una foto in bianco e nero con quell'atmosfera un po' "Torino nella nebbia del mattino" che è tanto romantica.

 

La vulgata dice che la rigidezza della 5 porte derivata dal pianale Cinquecento fosse, diciamo, subottima 😜

E la stessa Matiz non era esemplare, diciamo.

Ma per restare in casa Opel, anche Corsa A prima di avere le 5p peno' un po'. 

Archepensevoli spanciasentire Socing.

Link to comment
Share on other sites

6 minuti fa, stev66 scrive:

La vulgata dice che la rigidezza della 5 porte derivata dal pianale Cinquecento fosse, diciamo, subottima 😜

...

Le lamiere della carrozzeria avevano la rigidità del Domopack. Provato di persona.😄 Con Seicento rimediarono e misero mano anche al pianale se non erro, per cui avrebbero potuto riprovarci con la 5 porte.

Link to comment
Share on other sites

34 minutes ago, stev66 said:

La vulgata dice che la rigidezza della 5 porte derivata dal pianale Cinquecento fosse, diciamo, subottima 😜

E la stessa Matiz non era esemplare, diciamo.

Ma per restare in casa Opel, anche Corsa A prima di avere le 5p peno' un po'. 

 

vero!

anche per la Fiesta le 5 porte arrivarono quasi nel 1990

E le Uno 5 porte non brillavano per certo per rigidità torsionale :-D

  • I Like! 1
Link to comment
Share on other sites

11 ore fa, stev66 scrive:

La vulgata dice che la rigidezza della 5 porte derivata dal pianale Cinquecento fosse, diciamo, subottima 😜

E la stessa Matiz non era esemplare, diciamo.

Ma per restare in casa Opel, anche Corsa A prima di avere le 5p peno' un po'. 

A questo punto sono curioso di sapere se quello della scarsa rigidezza fosse un problema che affliggeva anche la Seat 127 4p, variazione di un modello che era stato previsto dalla casa madre solo a 3p. E se ci fu lo stesso problema col lancio della 5p autoctona nel 1980.

  • I Like! 1
Link to comment
Share on other sites

12 ore fa, nucarote scrive:

Le lamiere della carrozzeria avevano la rigidità del Domopack. Provato di persona.😄 Con Seicento rimediarono e misero mano anche al pianale se non erro, per cui avrebbero potuto riprovarci con la 5 porte.

 

Beh... oddio..... si passò dalla carta igienica monovelo a quella a doppio velo...................

  • Haha! 4
  • Thanks! 1

Dino246GTS_1972.jpg.edd5a59f6846051aaf0975468b5985a7.jpg "A Ferrari is a scaled down version of god while a Porsche is a Beetle with mustard up its bottom." J.Clarkson

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.
Note: Your post will require moderator approval before it will be visible.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

 Share


×
×
  • Create New...

Important Information

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Terms of Use.