Vai al contenuto
The Summarizer

FPT - 0.9 SGE Bicilindrico Twinair

Messaggi Raccomandati

aggiungo questo sulla straordinaria novità del gruppo fiat a francoforte,

la panda aria è dotata di un bicilindrico turbo da 80 hp della nuova famiglia denominata SGE che in questa versione ha la

particolarita di essere a doppia alimentazione Benzina- GAs , in realtà il gas è composto da unas miscela al 70% di metano

e il 30% di idrogeno e inoltre dispone della funzione START-STOP e del cambio motorizzato MTA. Questo propulsore riprende

Downzing ormai tanto di moda tra i costruttori e quindi il passaggio da un motore a 4 cilindri

a questo bicilindrico dotato dell'avanzato sistema di gestione valvole d'aspirazione MULTIAIR comporta una riduzione di

peso all'incirca del 20% e una riduzione di ingombro del 25% rispetto ad uno convenzionale come il FIRE di pari potenza.

La potenza massima di questa famiglia bicilindrica SGE è compresa tra i 65 hp dell'aspirata(in sviluppo), sempre con MULTIAIR,e i 105 HP.

Inoltre è stato particolarmente curato nella sua equilibratura riuscendo a raggiungere livelli di vibrazione e rumorosità

ridotti rispetto ad altri 2 e 3 cilindri attualmente sul mercato.Il Multiair riesce a controllare l'aria in aspirazione

senza la tradizionale valvola a farfalla grazie ad un elevata flessibilità di funzionamento delle valvole di aspirazione

rispetto ad una tradizionale distribuzione meccanica, in quanto abbiamo un attuatore idraulico , posto tra la valvola e l'asse

a camme di aspirazione, controllato da una centralina elettronica specifica.Ciò permette che l'alzata della valvola di

aspirazione sia modificato a seconda della richiesta d'aria del motore che è legata come sappiamo alla richiesta di potenza.

Inoltre l'elevata flessibilità di comando delle valvole permette particolari strategie di funzionamento del motore

(apertura ritarda o anticipata della valvola combinate ad una particolare alzata e altro) e inoltre la contropressione nei

condotti di aspirazione non varia e inoltre la colonna d'aria è sempre in prossimità delle valvole di ammissione migliorando

la prontezza del motore sia aspirato che TURBO

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Articolo piuttosto descrittivo da automobilismo.it:

A Francoforte debutta, in anteprima mondiale, la concept car Panda Aria che mostra il punto di vista Fiat sulle vetture a minimo impatto ambientale: infatti, la concept rappresenta la più avanzata frontiera conseguibile, in termini di emissioni e consumi, associando in maniera sinergica tecnologie sostenibili esistenti o di prossima industrializzazione, una sorta di dimostratore dell’impegno di Fiat per l’ambiente.

La concept car, unisce un’architettura innovativa del powertrain – costituita da un nuovo motore bicilindrico (SGE 900 cc Turbo) dotato di sistema Multiair® a doppia alimentazione benzina/ miscela metano idrogeno, cambio MTA e dispositivo Stop&Start – con l’impiego di materiali ecocompatibili (riciclati, riciclabili o di origine naturale) sia per esterni sia per interni. I rivestimenti interni sono, infatti, realizzati con fibre naturali (cotone e lino), intrecci in cocco e dettagli in materiali biodegradabili, mentre le pannellature esterne sono in eco-resina semitrasparente e verniciatura della struttura in “totouch” opaco.

Il tutto reso ancora più interessante, dalla minimizzazione degli assorbimenti energetici degli ausiliari veicolo e motore (per esempio il gruppo di climatizzazione a basso consumo energetico), dalla riduzione di peso del veicolo (downsizing del motore, impiego di acciai di nuova generazione alto resistenziali, bombole per lo stoccaggio del metano in acciaio altoprestazionale e fibra di carbonio) e dall’adozione di pneumatici sperimentali Pirelli “ultraverdi”, caratterizzati da nuove mescole e nuove gommature tessuti AOF (Aromatic Oil Free) che garantiscono una ridotta resistenza al rotolamento senza penalizzazione delle prestazioni di sicurezza dinamica (spazi di arresto in frenata e handling sia sul bagnato sia sull’asciutto).

Infine, la Panda Aria è dotata di un sistema telematico, basato sull’impiego dell’architettura Blue&Me, predisposto all’implementazione di nuovi servizi di infomobilità. È dotata inoltre, di un’applicazione originale che, attraverso la porta USB del sistema Blue&Me, consente di registrare su una chiavetta USB consumi ed emissioni di ciascun viaggio effettuato e, successivamente, di analizzare su un computer lo stile di guida del cliente e quindi ricevere consigli su come guidare in modo più “ecologico”.

In dettaglio, la Panda Aria è equipaggiata con il nuovo motore bicilindrico turbo da 80 CV, appartenente alla famiglia SGE, in questa versione dotato di sistema Multiair® a doppia alimentazione benzina-metano. Il raffinato sistema di alimentazione prevede già la predisposizione all’impiego di una miscela metano (70%) idrogeno (30%). Il motore bicilindrico è abbinato ad un dispositivo Stop&Start e all’innovativo cambio MTA (Manual Trasmission Automated).

In particolare, l’innovativo motore bicilindrico, sviluppato da Fiat Powertrain Technologies, è frutto di una filosofia focalizzata alla riduzione dei consumi e, di conseguenza, delle emissioni di CO2, nel rispetto dei futuri limiti di emissioni Euro 5 ed Euro 6 ed a parità di prestazioni rispetto ai motori di cilindrata maggiore.

Concetto alla base di questo nuovo motore è il downsizing da un motore tradizionale a 4 cilindri ad un 2 cilindri sovralimentato, al quale è stato abbinato l’innovativo sistema elettronico di controllo delle valvole d’aspirazione Multiair®. Oltre ai vantaggi in termini di riduzione consumi, il motore bicilindrico consente una riduzione del 20% del peso e del 25% d’ingombro nel vano motore rispetto ad un 4 cilindri di analoga potenza.

La potenza massima raggiungibile dal nuovo motore bicilindrico nella versione benzina mono fuel, è di 105 CV (è in sviluppo una versione aspirata da 65 CV sempre dotata di sistema Multiair®). Inoltre, la famiglia dei motori SGE adotta un sistema di bilanciamento dell’albero motore, che garantisce un notevole contenimento delle vibrazioni e rumorosità in confronto ad altri motori benzina a due/tre cilindri.

L’innovativo sistema Multiair® consente di controllare l’aria nei motori ad accensione comandata (motori a benzina) senza dover utilizzare la tradizionale farfalla e, quindi, con un elevato grado di flessibilità rispetto ai sistemi di distribuzione meccanici.

Questa tecnologia di attuazione delle valvole elettro-idraulica si basa sull’interposizione, tra la camma e la valvola d’aspirazione motore, di un volume d’olio (camera ad alta pressione) che può essere variato attraverso l’utilizzo di una valvola controllata a sua volta da un’apposita centralina elettronica.

In questo modo il profilo di alzata della valvola può essere variato in diversi modi in funzione della richiesta d’aria del motore e del regime di funzionamento. Differenti strategie (Chiusura Anticipata della Valvola – EIVC, Apertura Posticipata della Valvola – LIVO o Multi-Lift) possono essere utilizzate per ottimizzare l’efficienza della combustione con notevoli benefici in termini di potenza, coppia, consumi ed emissioni. Un altro vantaggio di questo sistema è dato dalla pressione dell’aria a monte delle valvole che è sempre costante. Questa caratteristica, abbinata ad un’elevata dinamica di attuazione del sistema (da carico parziale a pieno carico in un ciclo motore) consentono di aumentare la risposta in coppia del motore senza alcun ritardo, sia nel caso dell’aspirato sia nel caso del motore sovralimentato, aumentando così il cosiddetto Fun-to-Drive.

Nella Panda Aria il nuovo motore bicilindrico viene abbinato all’impiego della doppia alimentazione benzina e miscela metano (70%) idrogeno (30%); questa soluzione apporta un ulteriore contributo alle riduzioni delle emissioni inquinanti, assicurando una combustione più efficiente e completa. Inoltre, permette di incrementare il rendimento termodinamico del motore e di raggiungere, in particolari condizioni di funzionamento, valori di stabilità della combustione superiori anche a quelli ottenibili con il solo metano. Quindi, i veicoli a miscele di metano-idrogeno si pongono come evoluzione graduale di un sistema tecnologico già esistente e aperto a ulteriori affinamenti e a nuove applicazioni. Le miscele metano idrogeno, infatti, rappresentano un ponte, che consentirebbe nel medio periodo lo sviluppo di infrastrutture per la diffusione futura dell’idrogeno.

La Panda Aria è dotata del sistema “Stop&Start”, il dispositivo che gestisce lo spegnimento temporaneo del motore e il suo successivo riavviamento, in corrispondenza delle fasi di funzionamento al minimo con veicolo fermo: in queste situazioni, tipiche del traffico congestionato delle aree urbane e durante le soste al semaforo, e qualora le logiche di controllo lo consentano, il sistema spegne automaticamente il motore consentendo in tal modo un sensibile risparmio di combustibile (riduzione dei consumi nel ciclo urbano di oltre il 10%). In seguito, non appena viene rilasciato il pedale del freno o innestata la marcia, il sistema provvede a riavviare tempestivamente il motore assicurando all’utente un’immediata risposta ai comandi.

Infine, il sistema “Sport & Start” viene abbinato al cambio MTA permette una gestione ottimale dei cambi marcia ed è caratterizzato da una elevata efficienza meccanica. In dettaglio, la trasmissione automatizzata pone le basi per una gestione “intelligente” dello stato acceso/spento del motore. Infatti, attraverso il controllo della frizione, il sistema consente di disaccoppiare il motore termico dalla trasmissione ogni qualvolta non sia richiesta trazione e il motore possa essere spento.

L’insieme di queste soluzioni, sviluppate dal Gruppo Fiat (Fiat Group Automobiles, Fiat Powertrain Technologies e Centro Ricerche Fiat), già esistenti o disponibili a breve sulle vetture di normale produzione o future, assicura una drastica riduzione delle emissioni. In particolare le emissioni di CO2 del concept car Panda Aria raggiungono il valore record di 69 g/km.

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

COPPIA DEL 900 MULTIAIR idrogeno+ gas : 125 Nm a 3000 giri con 90Nm a 2000 giri

alesaggio :72 mm

corsa:non riesco a leggerla.

coppiaepotenzasgemx1.jpg

Fonte Gruppo FIAT

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
Guest SHIRAKAWA Akira

sgeqx7.png

Two-cylinder ????? engine (684 cc)

Bore diameter = 72mm

Stroke = 84mm

ndr: PI*(72/2)^2*84 * 2 cyl = 684.01 cm3

Torque @ 2000 RPM = 90 Nm

Max Torque @ 3000 RPM = 125 Nm (~180 Nm/L)

Max Power @ 5750 RPM = 81 HP (60 kW) (~120 HP/L)

sgetorquechartic4.png

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

sgebifuel1bbassaau4.jpg

FPT

sgebifuel5bbassacl4.jpg

Sito FPT

Design cubista.

Salta all'occhio il lungo percorso dello scarico e poii disporrà del disinserimento della pompa acqua?

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Two-cylinder ????? engine (684 cc)

Bore diameter = 72mm

Stroke = 84mm

ndr: PI*(72/2)^2*84 * 2 cyl = 684.01 cm3

Torque @ 2000 RPM = 90 Nm

Max Torque @ 3000 RPM = 125 Nm (~180 Nm/L)

Max Power @ 5750 RPM = 81 HP (60 kW) (~120 HP/L)

sgetorquechartic4.png

Stavo valutando se acquistare la GP Natural Power 1.4 77 Cv in uscita a set/ott.......dunque.......fatemi capì:

FIRE 1368cc

Potenza:77 Cv (57 Kw) @ 6.000 giri

Coppia:115 Nm (1.128 Kgm) @ 3.000 giri

SGE 684cc (1/2 del 1368cc)

Max Power @ 5750 RPM = 81 HP (60 kW) (~120 HP/L)

Max Torque @ 3000 RPM = 125 Nm (~180 Nm/L)

E sarebbe interessante confrontare anche i pesi ed i consumi........

Va bene che l'SGE è avanzatissimo, ma non è un pò troppo forte il salto? Non è che ci hanno lasciato un pò di tempo in balia a motori paleolitici e beoni, facendoci arricchire pure le assicurazioni?

Ma che bella novità la futura Grande Punto Natural Power !!!

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Veramente, questo insieme al 1.8 JTS (di cui il 0.9 SGE è la metà esatta) sono i primi motori sviluppati e sostenuti (ma pure quà ho qualche dubbi) nell'era Marchionne, mentre il 1.4 Fire è un vecchio progetto tirato fuori nel momento di peggiore crisi Fiat, per avere uno straccio di gamma motori benza vendibile dal A al C in tempi brevi, decidendo così la morte del 1.2 16V Fire, strozzato con i vari €.

Modificato da nucarote

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
FIRE 1368cc

Potenza:77 Cv (57 Kw) @ 6.000 giri

Coppia:115 Nm (1.128 Kgm) @ 3.000 giri

SGE 684cc (1/2 del 1368cc)

Max Power @ 5750 RPM = 81 HP (60 kW) (~120 HP/L)

Max Torque @ 3000 RPM = 125 Nm (~180 Nm/L)

Attenzione che quei dati del 700cc bicilindrico molto probabilmente sono di una versione "prototipo".

La versione stadale del 700cc dovrebbe avere circa 65cv (e penso circa 100/110Nm di coppia).

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere iscritto per commentare e visualizzare le sezioni protette!

Crea un account

Iscriviti nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

×

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use.