Jump to content
Autopareri news
  • Benvenuto su Autopareri - il forum dell'automobile!
Sign in to follow this  
duetto80

Passante di Mestre ed altre infrastrutture necessarie

Recommended Posts

mah, 2 settimane fa, passando, mi è sembrato che il raccordo a ovest di mestre tra passante e A4 fosse ancora tutto per aria...

Share this post


Link to post
Share on other sites
sbaglio, o sul sito ufficiale Il Passante di Mestre così a prima vista non c'è scritto nulla.. ?

non sarà l'ennesima (finta) inaugurazione?

Si e no.

E' una inaugurazione, perchè in pratica è finito.

Ma di certo il 9 febbraio non si comincerà a transitarci sopra... :roll:

Comunque è fatta dai... :D

Proprio ora che, a causa della crisi, il traffico della tangenziale di Mestre è diminuito del 30%.... :lol::roll:

Comunque io aspetto con molta più impazienza la conclusione della A28.. :mrgreen: Dopo 9475 anni finalmente hanno deciso di terminare gli ultimi 4km.. :D

Share this post


Link to post
Share on other sites
Si e no.

E' una inaugurazione, perchè in pratica è finito.

Ma di certo il 9 febbraio non si comincerà a transitarci sopra... :roll:

Comunque è fatta dai... :D

Proprio ora che, a causa della crisi, il traffico della tangenziale di Mestre è diminuito del 30%.... :lol::roll:

Comunque io aspetto con molta più impazienza la conclusione della A28.. :mrgreen: Dopo 9475 anni finalmente hanno deciso di terminare gli ultimi 4km.. :D

Edited by Patriottico

Share this post


Link to post
Share on other sites
Sarebbe anche ora managgia. Non so se sei mai passato per pianzano, ma li fino a poco tempo fà c'era un casino assurdo. Quello svincolo è da pazzi poichè lo hanno fatto vicino ad un paesino di campagna. Io il maggio scorso ho visto morire davanti ai miei occhi un ragazzino di 14 anni a causa di quel traffico infernale.

Non auguro a nessuno un esperienza simile; essere la fermo seduto in auto e vedere che sto piccino finire sotto un furgone mi ha fatto uscire fuori di testa.

Non sono mai passato per Pianzano, ma passo molto spesso per San Fior/Godega...e ho ben presente il traffico di quella strada.

Pazzesco che per colpa di pochi, in questi anni si sono sprecate vite..

Senza poi considerare l'inquinamento.... :roll:

Speriamo che concludano davvero per fine anno... :)

Edited by Tommitel

Share this post


Link to post
Share on other sites

Domenica tutto il passante (che non è altro che l'A4) sarà APERTO. Da venerdi sera l'A4 sarà chiusa per collegarlo al nuovo tragitto. I caselli di preganziol e gli altri intermedi nell'A4-Passante di mestre apriranno nel corso dell'anno, così come l'allacciamento diretto con l'A27. La tangenziale di Mestre si chiamerà A57.

Nessun casello quindi da Milano a Trieste.

Edited by lucaf1

Share this post


Link to post
Share on other sites

cartina_passante.jpg

643ch4.jpg

varie_passante.jpg

694un5.jpg

19.jpg

Corsa contro il (mal)tempo

Il Passante s’affida al phon

Impegnato un esercito di 350 operai, gli ultimi due chilometri d’asfalto

saranno stesi anche sotto l’acqua grazie a un gigantesco asciugatore

--------------------------------------------------------------------------------

Giovedì 5 Febbraio 2009,

E se dovesse piovere? «C’è il phon». Come, il phon? Sì, un enorme soffione meccanico che spara aria calda, largo quasi quanto una carreggiata e fatto arrivare ieri sul cantiere più famoso d’Italia (almeno in questo momento). I lavori del Passante di Mestre devono terminare domenica mattina, in tempo per l’inagugurazione, e non c’è pioggia che tenga. I tecnici e gli operai lavorano senza sosta ma scrutano il cielo: ogni nuvola che si avvicina sembra quella di Fantozzi, con scarica di pioggia personalizzata. Non ci volevano i temporali di lunedì e martedì, ma ieri il sole ha dato un po’ di fiducia e gli asfaltatori ne hanno approfittato. Hanno tirato fuori l’asso nella manica, l’amuleto anti-pioggia in grado di farli lavorare anche se dovessero venir giù le cascate del Niagara: il phon. L’ingegner Silvano Vernizzi fa la spola tra il cantiere e gli uffici di Veneto strade, tra una betoniera e una riunione: «Stiamo stendendo gli ultimi metri di tappeto di usura». Il "tappeto di usura" è l’asfalto che si vede e si tocca, quello in superficie, l’ultimo strato sul quale correranno le auto e i camion. È drenante, ovvero non trattiene l’acqua e la fa scivolare a lato: per stenderlo, è necessario predisporre il fondo con un’emulsione particolare che attecchisce solo in situazioni di asciutto. Ieri, il sole ha consentito di lavorare senza problemi. Ma se oggi o domani la nuvola di Fantozzi dovesse colpire ancora, ecco pronto il phon: un macchinario simile a quello usato per asciugare le auto dopo il lavaggio, per capirci. Si asciuga il fondo, subito dietro si stende l’emulsione, e a ruota si tira l’asfalto drenante. Così, per un paio di chilometri.

La curva di Quarto. È questo infatti il tratto che ieri sera ancora mancava. Gli operai prima di mezzanotte hanno ultimato la corsia in direzione Milano, mentre in direzione Trieste manca un pezzo più o meno in corrispondenza dell’innesto a Dolo fino al sottopasso di Vetrego che incrocia la Padova-Venezia: sarà ultimato entro stasera, tempo permettendo. Se piove, non si può stendere l’emulsione perché non attacca: ecco spiegato l’uso del "phon". L’asfalto, quindi, non sembra rappresentare un problema particolare nella corsa contro il tempo per terminare entro domenica. Il massimo impegno di queste ore è concentrato sull’intersezione di Quarto D’Altino: perché se in quella di Dolo è sufficiente spostare sabato notte i guardrail e dipingere qualche centinaio di metri di segnaletica, nell’innesto orientale oltre a questi impegni c’è da fare la modifica della pendenza dell’autostrada. L’asse principale attualmente è infatti dritto, mentre da domenica l’asse principale diventa quello del Passante, che è in curva: va perciò cambiata la pendenza della curva ed è un’operazione che si può fare solo ad autostrada chiusa, per evidenti motivi. Lì ci sarà la vera corsa contro il tempo, e si faranno tutte le danze anti-pioggia possibili: serve una giornata e mezza di lavoro, con il paracadute del phon. «Basta che non diluvi», sospira Vernizzi.

L’ultimo tocco di "arredo urbano" riguarda la segnaletica, che è ormai completata lungo tutto il percorso tranne che nelle due zone di innesto dove ancora si sta stendendo l’asfalto. Anche la segnaletica soffre dell’incognita-pioggia, ma almeno questo è un lavoro che si può "correggere" in un secondo momento senza eccessivi problemi.

Le pozzanghere sparite. E le pozzanghere che ancora ieri mattina si potevano vedere in qualche sottopasso? Sono già sparite. Il "mistero" lo svela lo stesso Commissario straordinario Vernizzi: «Qualcuno si è fatto fuorviare da una foto che riprendeva cento metri sui quali non era ancora stato steso l’asfalto: l’altra notte abbiamo completato la posa del bitume, e immediatamente l’acqua che era ristagnata per le piogge dei giorni scorsi è defluita nelle canalette e nei tombini. Mancavano ancora 25 centimetri di asfalto, se domani dovesse piovere, lì non ristagnerebbe nemmeno una goccia».

In queste ore le imprese stanno producendo lo sforzo massimo, e hanno schierato sul terreno un esercito di 350 operai. Sabato nel solo punto d’innesto di Quarto D’Altino lavoreranno 120 operai per ogni turno, e per tutte le ore necessarie fino all’ultimo istante utile. Ma ciò non significa che gli altri lavori siano stati messi da parte: ieri chi transitava da Padova verso Mestre poteva vedere alla destra dell’innesto con il Passante operai impegnati nella costruzione di un sottopasso, un’opera complementare che riguarda la viabilità comunale e che sarà completata secondo un calendario concordato con i sindaci. Sull’asse principale si è concentrato il lavoro di asfaltatori e addetti alla segnaletica.

Chiude da Padova Ovest.Il piano per arrivare puntuali all’appuntamento procede, quindi, e i responsabili del Passante non si scompongono nemmeno di fronte alla notizia, ufficializzata ieri, che l’autostrada non chiuderà più a partire dal casello di Padova Est, ma da quello di Padova Ovest. La decisione è stata presa dalla società Brescia-Padova, che ieri ha annunciato la chiusura sulla A4 della sola carreggiata in direzione Venezia dalle 6 di sabato mattina alle 14 di domenica, per approfittare della circostanza e svolgere lavori. Quindi, chi arriva da ovest dovrà immettersi nella tangenziale padovana fino a Vigonza e da lì proseguire verso Venezia sulla viabilità ordinaria, mentre chi arriva da est potrà reimmettersi in autostrada già a Padova Est e proseguire in direzione Milano. «Può essere anche un vantaggio - commenta Vernizzi -; così non sarà solo il nodo di Padova Est a sopportare i disagi. Nè penso che ci saranno particolari problemi: negli ultimi 4 anni per lavori abbiamo già chiuso l’autostrada 7-8 volte».

Protocollo incidenti. La corsa contro il tempo non è solo quella degli operai: ci sono anche aspetti burocratici che giungono a conclusione in queste ore. Come il protocollo d’intesa per la gestione dell'accesso al Passante in caso di incidenti, firmato ieri pomeriggio. L'intesa coinvolge le Prefetture di Venezia e Treviso, il Commissario per il Passante, il Compartimento della polizia stradale in Veneto, i Comandi delle Polizie Stradali di Venezia e Treviso, il Suem 118 di Venezia, Treviso e Mirano, i comandi dei Vigili del fuoco di Venezia e Treviso, Cav spa, Autovie Venete e la società delle Autostrade di Venezia e Padova. «Sono normali procedure per regolare gli interventi di sicurezza - spiega Vernizzi - e non potevano essere siglate prima perché c’era la necessità di effettuare sopralluoghi sulla struttura già quasi ultimata. Regolano nei dettagli le azioni da prendere in caso di incidenti: la sicurezza lungo il passante è totalmente garantita, e non c’è alcuna difficoltà di accesso dei mezzi di soccorso».

Dettagli, dubbi e piccole polemiche inevitabili, che comunque sembrano scivolare sulle spalle di chi ha lavorato per quattro anni con il solo obbiettivo di vedere il traguardo. È ormai questione di ore, alle 9-10 di domenica mattina l’ultimo operaio si toglierà la tuta. Dalle 14, liberi tutti.

Ario Gervasutti

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mi chiedo: ci sarà qualche controllo sui camion che passeranno per la tangenziale di Mestre??

Non è che magari dei camionisti decideranno di percorrere ugualmente la gratuita tangenziale di mestre piuttosto di affrontare la più lunga e a pagamento variante??

Teoricamente... con la tangenziale più sgombra, ci si metterebbe meno tempo, si percorrerebbero meno km, e si eviterebbe di pagare l'autostrada per quel tratto....

Edited by Tommitel

Share this post


Link to post
Share on other sites

La commissione è stata istituita. Speriamo, anche se:

Dal punto di vista del traffico non dovrebbero esserci code visto che non ci sarà nè il casello di entrata nè di uscita. Inoltre il nuovo tratto avrà 3 corsie a larghezza normale + quella di emergenza mentre la tangenziale di mestre - A57 ha 3 corsie a larghezza ridotta senza corsia di emergenza. Anche dal punto di vista dei limiti di velocità : 130 contro 80.

L'unico problema è quindi solo la lunghezza del tragitto in più ma con i limiti più elevati si risolve da se il problema.

Quindi molti vantaggi non dovrebbero esserci a percorrere l'A57-Tangenziale

Share this post


Link to post
Share on other sites
Gli ultimi lavori sul Passante di Mestre,

un “super-phon” per asciugare l'asfalto

MARTELLAGO (8 febbraio) - (ndr) Una corsa contro il tempo, fino alla fine, notte compresa, e con mega “phon” in azione, ma per oggi, il gran giorno, sarà tutto pronto.

Per gli “uomini del Passante” quella di ieri è stata un’altra giornata campale, anzi, una delle più impegnative del tour de force finale, tra interventi da concludere, controlli da fare, dettagli da mettere a punto: oggi non c’è solo la cerimonia del taglio del nastro, e tutto deve essere perfetto, ma il Passante si apre anche al traffico.

Ma parlare di “giornata” è riduttivo perché imprese e operai hanno fatto un’altra nottata e continueranno la tirata fino a un paio d’orette prima, forse anche meno, della inaugurazione per mano del Presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, che non si sa ancora se arriverà in elicottero.

Appena scattata la chiusura dell’autostrada, appositamente disposta, alle sei del mattino, gli operai si sono messi all’opera per effettuare quei lavori sulle due interconnessioni di Dolo e Quarto d’Altino che non si potevano altresì fare con i mezzi in transito.

«I lavori hanno consistito nel togliere i guardrail centrali e laterali, raschiare l’asfalto, risagomare le sezioni stradali per dare loro la pendenza corretta, riasfaltare il tutto in questi punti, rifare la segnaletica orizzontale e riposizionare i guardrail. Il grosso degli interventi è stato questo: all’interno del tracciato si sono più che altro effettuati gli ultimi controlli degli impianti e della segnaletica» spiegava ieri sera verso le 20, dal cantiere, l’ingegner Giuseppe Fasiol, braccio destro del Commissario Silvano Vernizzi che proprio in quel momento stava firmando gli ultimi verbali di consegna delle opere. E che, intercettato telefonicamente poco dopo durante l’ennesimo giro – il primo alle otto di mattina - lungo i trentadue chilometri (per non parlare dei due sopralluoghi, al mattino e al pomeriggio, fatti con l’assessore regionale alla Mobilità, Renato Chisso, a Bonisiolo nella tensostruttura che ospiterà il grande evento) ha assicurato, scherzando: «Tranquilli, domani (oggi, ndr) l’inaugurazione non salta. L’asfaltatura delle interconnessioni è praticamente finita e a Quarto d’Altino, essendosi messo a piovere, abbiamo usato ed è venuto utile anche il “phon" (il tir con dentro il mega sistema di aspiratori, ndr). Manca da completare alcuni tratti di segnaletica orizzontale negli imbocchi e da chiudere alcuni varchi lasciati aperti per consentire i lavori e il movimento dei mezzi di cantiere – ha concluso il Commissario al Passante – Si continuerà a lavorare a oltranza, ma per la tarda mattinata (odierna, ndr) sarà tutto pronto».

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.
Note: Your post will require moderator approval before it will be visible.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Sign in to follow this  

  • Similar Content

    • By J-Gian
      Non ho avuto modo di seguire i TG nazionali questa settimana, sicuramente si saranno focalizzati sul maltempo che ha colpito tutta l'Italia provocando danni e perdite di vite umane.
       
      Da veneto, mi sento di dover portare all'attenzione di tutti quanto successo nella mia regione.
       
      I danni peggiori sono occorsi in montagna.
      Torrenti diventati vere e proprie cascate, hanno spazzato via di tutto in un sacco di paesi, tant'è che in questo momento mi trovo impreparato nell'elencarvi i nomi. 
       
      La cosa più impressionante è successa nella Val Visdende, dove una sorta di uragano ha letteralmente sradicato ed abbattuto migliaia e migliaia di alberi. 
       
      Lascio parlare alle immagini ed al video, di cui uno realizzato dalla CNN, giusto per rendere l'idea di quanto il fenomeno abbia avuto eco nel resto del monto.
       
       
       




       
       
       
       
       
      Nel resto della regione, i fiumi principali sono arrivati oltre la soglia di guardia, si pensi al Piave che, è arrivato a lambire il secondo argine, causando la chiusura delle arterie principali: come altezza ha sfiorare un ponte ferroviario, provocato l'allagamento e cedimento di un ponte provvisorio, oltre ad aver allagato tutte le case dell'aera golenaria. 
       
        
       
       
      L'Adige è stato contenuto grazie ad un'intelligente galleria, che ha permesso di sversare l'acqua in eccesso sul Garda, non senza qualche conseguenza per il lago, che nella fase iniziale si è trovato pieno di detriti e melma.

       
       
      Venezia ha avuto un picco di alta marea da record, con ben 156 cm ed oltre il 75% della città sott'acqua, con tanto di meduse a passeggio per la città  

       
       
       
       
      Si parla di oltre un miliardo di euro di danni monetari, ma sappiamo essere una stima molto approssimativa, che non tiene conto dei problemi a livello capillare (ci sono ancora territori senza linea elettrica, telefonica ed acqua, manca anche la strada in alcuni posti di montagna...). 
       
      Se qualcuno volesse contribuire economicamente, c'è già un conto:
       
      Da mezzanotte, attiveranno anche un conto per dare un contributo via sms:
       
       
       
    • By Cosimo
      Purtroppo temo la notizia non abbia avuto la giusta enfasi sui tg e sui giornali, vuoi perchè si preferisce parlare di zoccolette o di politici che litigano tra loro come zitelle pre meno pausa, ma quello che è capitato in Veneto negli ultimi giorni è stata una vera catastofe.
      I veneti son gente che parla poco e si da da fare, quindi la notizia è passata ancora di più in sordina, ma mi pare doverosissimo dare loro una mano.
      Pensate che da un servizio del tg5 ho appreso che la tt di tommy è stata avvistata dalla guardia costiera albanese mentre galleggiava verso il peloponneso
      Scherzi a parte, la cosa più facile e immediata da fare è un indolore sms come indicato qui sotto:



      Naturalmente qualsiasi altro mezzo è altrettanto benvenuto...
      forza ragazzuoli, usate sti cellulari multifunzione per fare qualcosa di utile!
×
×
  • Create New...

Important Information

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Terms of Use.