Vai al contenuto
Autopareri news
  • Benvenuti sul nuovo tema grafico! Scegli il tuo tema preferito in fondo alla pagina: chiaro (light) o scuro (dark).
vpn

Avvistamenti vari di auto storiche o quasi-storiche

Messaggi Raccomandati

2 hours ago, Abarth03 said:

 

 

 

Pezzo interessante, l'R21. Pero' più che di versione sportiva, io parlerei di una "alto di gamma". Il 4L 2.2 Renault non è che fosse sto fulmine; da noi comunque non è mai arrivata perchè per i motori a benzina, fino ad inizio anni novanta, oltre i 2 litri di cilindrata scattava l'IVA al 38%.

 

il 2.2 era il motore giusto per far muovere in scioltezza una segmento D, ma sportivo, appunto, non lo era di certo :-)

A maggior ragione inuna fase storica in cui motori ormai con una certa età venivano dotati di iniezione e catalizzatore e ne risentivano un po'.

2 hours ago, Abarth03 said:

 

 

E' un pastrocchio unico, tanto che risulta praticamente impossibile risalire alla sua vera identità :pen:

beh, dài, è una 30 base, quello è chiaro. Vista l'abbondanza di pezzi da sfasciacarrozze le Panda venivano spesso riparate con due lire con quello che si aveva sottomano visto che la maggior parte dei pezzi delle varie versioni erano intercambiabili. Forse solo i fanali posteriori della seconda serie "Supernova" non calzavano bene...

  • Mi Piace 3

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
 

Vero, il dettaglio della guarnizione merita anch’esso attenzione: in effetti la soluzione riportata per i vetri fissi è molto meno moderna di quella incassata per gli apribili a compasso.

Guardando bene anche il tergilunotto ha una sua valenza: la soluzione della seconda serie è più moderna, avendo l’attaccatura direttamente sul lunotto anziché sul portellone.

A livello tecnico è più efficace quella adottata dalla seconda serie, mentre la soluzione per la prima versione è più economica oltre ad essere leggermente meno comoda nella visuale, ma nulla di drammatico.

Il tergilunotto in posizione laterale verticale è stato molto utilizzato anche dalle auto giapponesi degli anni ‘80 e ‘90, ma non solo.

Pensandoci bene anche tra le versioni di base e le S (come le successive SL, SX, Smart etc) i ripetitori angolari anteriori, rispettivamente di color ambra e bianco, avevano una resa differente, secondo me a vantaggio delle seconde, nonostante la tendenza/moda (in generale, per molte auto dei primi anni ‘80) di averle di colore arancio.

Paradossalmente il decennio precedente, ma non solo, vedeva la preferenza (salvo eccezioni) di frecce bianche o, per il nostro mercato e per un periodo, con una parte bianca e una arancione per i ripetitori.

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
5 ore fa, Abarth03 scrive:

Queste, invece, se le danneggi rischi di doverle buttare via.

 

E rischi anche di farti piuttosto male...

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
6 ore fa, v13 scrive:

 

il 2.2 era il motore giusto per far muovere in scioltezza una segmento D, ma sportivo, appunto, non lo era di certo :-)

A maggior ragione inuna fase storica in cui motori ormai con una certa età venivano dotati di iniezione e catalizzatore e ne risentivano un po'.

...

Decisamente non era sportivo. Era forse un motore di impronta europea, ma sicuramente non adatto al mercato Italiano.

Nelle versioni non cat e a carburatore, erogava 115CV: con questa potenza, in Italia non c'era storia. Negli anni ottanta, il 2 litri Fiat erogava grosso modo la stessa potenza e l'IVA al 38% rendeva improponibile un motore del genere; non a caso, e vado a memoria, le uniche case che si permettevano il lusso di tenere a listino versioni con motori a benzina di cilindrata superiori ai 2 litri (diciamo nella fascia tra i 2 e i 2,5 litri) e potenze "normali" erano guarda caso BMW e Mercedes, le cui 325i e 525i oppure 230E e 260E erano normalmente in vendita (quante ne abbiano vendute, è un altro discorso).

Perfino Volvo e Saab preferivano vendere le loro berline con motori 2 litri, anzichè il 2,3 litri previsto per i mercati nordeuropei.
Unica eccezione la Citroen, che commercializzava in Italia la sua CX GTi con lo stesso 4L da 2,4 e 2,5 litri (in un secondo momento) previsto per tutti i mercati, probabilmente perchè non potevano fare diversamente.
Tornando al "nostro" 2.2 Renault, la potenza delle versioni a iniezione (non cat, sempre) oscillava tra i 110 e i 130CV a seconda dell'applicazione, e più che altro anche in relazione all'impianto di iniezione montato, con la versione più potente che andava nel cofano delle ammiraglie come la Renault 25 o la Peugeot 505. Sicuramente avevano più coppia di un 2 litri (dovrei verificare rispetto ai 2 litri Fiat, il bialbero Alfa non lo inserisco nel confronto perchè sarebbe come sparare sulla croce rossa) ma come dicevo precedente, le caratteristiche fiscali del nostro mercato lo mettevano fuori gioco.

3 ore fa, Pandino scrive:

 

E rischi anche di farti piuttosto male...

Sì beh, anche. Ma senza andare a considerare casi così estremi, penso solamente ad un radiatore rotto o un pezzo della meccanica, o per esempio le gomme...io non dico che siano introvabili, ma più passano gli anni e più chi le ha se le fa pagare.

Non è certamente il caso della 127, ma qualcuno ha presente le Michelin TRX? Gomme diciamo "singolari" diffuse su alcune auto degli anni ottanta tra cui una certa Alfa Romeo Giulietta Turbodelta.
Ecco, mi risulta che oggi vengano vendute non dico a peso d'oro, ma poco manca...

Modificato da Abarth03
  • Mi Piace 1

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Avvistamento un pochino curioso fatto sull'A1, una vecchia Opel Corsa A  GSI, ante restyling sopra ad una bisarca piena di 500X e Renegade nuove!!

Modificato da nucarote
  • Mi Piace 1

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Toyota Celica T200, molto bella ma un po’ trascurata e con la vernice opacizzata:
23cd1abe4847892ed31f5b48397830ba.jpg
Mitsubishi Colt 1.3 GL, molto ben tenuta:
8a8d4697e1ab2f75c7708671edcc87fc.jpg
Volvo 240 GLE Injection, un po’ trasandata:
afb66060223dc4286dc94c309ec069ea.jpg
Vw Passat (B3) Variant 1.8 GL, in condizioni ottime:
99630feb458e7d1948bac9322fe9f0bb.jpg

  • Mi Piace 4

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

MB 190 E, già versione post-restyling:
51e0355e8cd12fd4034ccb339296707d.jpg
VW Golf III 1.4 GL, in buono stato, paraurti posteriore a parte:
b4c0ec0fe5ac397e29a7b3e03ef78ed2.jpg
Mitsubishi Space Wagon II 1.8 GLX:
f4914fbbce40bfd9aa78a4abdaee71b2.jpg
Ford Fiesta MK3 1.3 Newport:
24fcdee7f9ef489667c73b7280dd25cb.jpg
Chiudo con una incredibile BMW 502, in questo color crema e in condizioni pazzesche:
be058ee39c2cebfd61426b9db8cf48b9.jpg
5f7827c29921d2c69bf92f5b021a44f7.jpg

  • Mi Piace 5
  • Wow! 1

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
54 minutes ago, MarcoGT said:

MB 190 E, già versione post-restyling:
51e0355e8cd12fd4034ccb339296707d.jpg

 

 

la più bella serie della 190

 

54 minutes ago, MarcoGT said:

 

VW Golf III 1.4 GL, in buono stato, paraurti posteriore a parte:
b4c0ec0fe5ac397e29a7b3e03ef78ed2.jpg

 

con questa VW fece il compitino di svecchiare la Golf 2. Risultato così così (sia dentro che fuori), anche se devo dire che la peggiore Golf per me rimane la 5.

 

  • Mi Piace 2

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
On 2/12/2018 at 22:48, Roy De Rome scrive:

Madonnina ! 94 anni e ancora guida ?!? 😱

Ragazzo devo correggerLa : la 127 non è "turchese farfalla", benchè quello sia realmente un turchese Fiat lo chiamò "blu adriatico"  mentre il "farfalla" apparve con la presentazione di 126, 500R e sulla 127 solo dal novembre del '72 fino alla fine della 1a serie, ma soprattutto era ben più chiaro dell' Adriatico, era questo :

 

8289955521_62092c182f_z.jpg

 

 

 

A Nocera ne gira una identica e apperentemente verniciata da poco. Prima o poi riuscirò ad immortalarla.

  • Mi Piace 2

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere iscritto per commentare e visualizzare le sezioni protette!

Crea un account

Iscriviti nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

  • Contenuti simili

    • Da sonicwp7
      https://www.motor1.com/news/182383/porsche-mission-e-spy-photos/






    • Da Beckervdo
      Come da titolo, ecco la GT4 Touring Package

    • Da Beckervdo
      Alfa Romeo presenta al Salone dell'Auto di Chicago, l'Alfa Romeo 4C Spider Italia.
      Destinata esclusivamente al suolo Americano, sarà realizzata in appena 15 esemplari.
      Inalterata la meccanica, con il 4 cilindri 1750 TBi da 240 CV e trasmissione doppia frizione a 6 rapporti. 
      Credo che l'esigenza di questo modello sia nata per far fuori le rimanenze, dato che la commercializzazione della 4C Coupe' è cessata l'anno scorso in USA ed appena 240 esemplari sono stati immatricolati nel 2018 in USA.
       
      La caratteristica di questo allestimento ha come base la tinta esterna Blu Misano associata ad una verniciatura a contrasto nero opaco. Cerchi in lega leggera di alluminio da 19" e design a "fiore" completano l'estetica esterna. 
       
      All'interno sedili rivestiti in pelle con cuciture gialle, inserti in fibra di carbonio e dello stesso colore esterno completano l'opera. Il cruscotto presenta applicazioni in alluminio ed il logo con il nome "4C Spider Italia" inciso. Una targa sulla console centrale con il numero progressivo di produzione rafforza esclusività.
      Inoltre, vengono aggiunti di serie il sistema Cruise Control ed i sensori di parcheggio al posteriore. 
       

       
      Via Alfa Romeo
×

INFORMAZIONE IMPORTANTE

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Termini e condizioni di utilizzo.