Vai al contenuto
vpn

Avvistamenti vari di auto storiche o quasi-storiche

Messaggi Raccomandati

Mi chiedevo se non le avessero fatte direttamente là...se ricordi, fino agli anni ottanta Alfa produceva alcuni modelli in sudafrica, in uno stabilimento locale ;)

Penzo di si ;)

Da non dimenticare gli esemplari con il 8V di Montreal ......ma qui la richiesta arrivò dalla Germania.

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
Mi chiedevo se non le avessero fatte direttamente là...se ricordi, fino agli anni ottanta Alfa produceva alcuni modelli in sudafrica, in uno stabilimento locale ;)

No, sono giovinotto....degli anni '80 ricordo solo le tette di Drive In :mrgreen:

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Retifico, vennero allestiti 200 esemplari 3.0 6V per il mercato sudafricano, quindi uscirono da Arese.

Mentre i 8V furono solamente 20, su richiesta dell'iporatrore tetesco.

Piccola curiosità, vennero allestiti anche 4 esemplari a livello sperimentale di Giulia GTVeloce con 8V di Montreal.

Uno causa mancanza olio ad una bancata prese fuoco sulla Cisa, alla guida c'era Lodola. ;):D

Comunque mi raccontò che era una macchina brutale ma divertentissima.

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
Guest 75V6
Retifico, vennero allestiti 200 esemplari 3.0 6V per il mercato sudafricano, quindi uscirono da Arese.

Per quanto ne so io le macchine furono allestite in Sud Africa con parti di motore provenienti dall'Italia, mentre alcuni allestimenti di carrozzeria diversi dalla GTV prodotte in Italia (fascioni laterali ecc.) furono commissionati a ditte locali.

Nella pagina del sito che allego ci sono alcune foto delle GTV6 di un fortunato sudafricano, le 3.0 sono quelle con la presa NACA ricavata nella gobba del cofano motore.

ALFAGTV6.COM • View topic - Kevin GTV's and other Alfa's

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
Per quanto ne so io le macchine furono allestite in Sud Africa con parti di motore provenienti dall'Italia, mentre alcuni allestimenti di carrozzeria diversi dalla GTV prodotte in Italia (fascioni laterali ecc.) furono commissionati a ditte locali.

Nella pagina del sito che allego ci sono alcune foto delle GTV6 di un fortunato sudafricano, le 3.0 sono quelle con la presa NACA ricavata nella gobba del cofano motore.

ALFAGTV6.COM • View topic - Kevin GTV's and other Alfa's

.....beh essendo tu un ex (pentito*) GTVista, avrai senz'altro ragione. ;)

* Pentito di essere ex non GTVista :lol:

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
No, sono giovinotto....degli anni '80 ricordo solo le tette di Drive In :mrgreen:

Male male molto male ricordare solo le tette di Drive In, soprattutto perchè erano in mezzo alle Alfa appunto.

La prima edizione, nel 1983, aveva il set pieno di Alfa (non ricordo le edizioni successive... ricordo che poi apparvero le Austin).

In certe inquadrature su Youtube che vedono protagonista Enzo Braschi-Il paninaro compaiono a volte anche ACS e Duetto seduti in Duino gommanera a prendere appunti. 8-)

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Io nel 1983 avevo appena imparato a camminare.....:)

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
Male male molto male ricordare solo le tette di Drive In, soprattutto perchè erano in mezzo alle Alfa appunto.

La prima edizione, nel 1983, aveva il set pieno di Alfa (non ricordo le edizioni successive... ricordo che poi apparvero le Austin).

In certe inquadrature su Youtube che vedono protagonista Enzo Braschi-Il paninaro compaiono a volte anche ACS e Duetto seduti in Duino gommanera a prendere appunti. 8-)

Beh allora il network televisivi avevano ancora un forte legame territoriale, derivato dal fatto che fino la mattina prima erano televisioni locali.

Era normale che la televisone col Biscione avesse come sponsor l'auto col Biscione.

Dove hai toppato è quando dici che ero li per prendere appunti.

Il fenomeno dei paninari nasce nel 1982, il nome non significa "mangiatori di panini" ma frequentatori del bar "Il Panino" (P.zza Liberty, dietro Vittorio Emanuele).

Poche decine di ragazzi, che li si ritrovano (inizialmente aveva una forte valenza politica) poi comincia ad allargarsi ai vari Fast Food e diviene meno elittario è più diffuso.

A quel punto la trasmissione decide di dedicare a questo tipo di giovane metropolitano un personaggio che verrà scelto in Enzo Braschi.

Ed il fenomeno diviene di massa e si allarga oltre Milano.

Ma siccome io nel '82 in p.za Libery Io c'ero :!:

...sul Duino in gommanera non prendevo appunti davo suggerimenti 8-):D:D

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

.... il mio toppare era voluto, per farti uscire allo scoperto. :D

Hai scritto esattamente ciò che io volevo che tu scrivessi.

Però hai dimenticato "ualbois! ualbois!"

(curiosità da scartabellatore di vecchiume... giusto per segnare negli appunti storici casomai servisse il dettaglio: fra Duetto e ACS chi era a prendere le compilescion di schiaffazzi?)

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
No, sono giovinotto....degli anni '80 ricordo solo le tette di Drive In :mrgreen:

E allora? Solo perchè non sei ottuagenario come me, mica sei giustificato :mrgreen: Fila subito a ripassare le annate di 4R e Gente Motori della prima metà anni ottanta :lol:

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere iscritto per commentare e visualizzare le sezioni protette!

Crea un account

Iscriviti nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

  • Contenuti simili

    • Da DJTaurus
      Messaggio Aggiornato al 27/07/2010


















    • Da Beckervdo
      Il V8 4.0 litri TwinTurbo di Porsche sale a 338 kW / 460 CV e 620 Nm di coppia, che lo pone a metà strada tra la Panamera S e la Turbo. Le sospensioni sono con molle ad aria su tutte e quattro le ruote, è stata ridotta l'altezza dal suolo (-10 mm) ed il sistema PSM (Porsche Suspension Management) ha subito un aggiornamento specifico per questa versione.
      Di serie i cerchi Porsche Panamera Design da 20", nuovi paraurti anteriori e posteriori ed il badge GTS sulle fiancate. 
      Il V8 così "accordato" fa scattare la Porsche Panamera GTS da ferma fino a 100 km/h in 4.1 secondi e raggiunge una velocità massima di 292 km/h (per la Sport Turismo la v-max è di 289 km/h).
      In Germania è già disponibile e parte da 138'493 Euro per la Porsche Panamera GTS, mentre ne occorrono 2'856 Euro in più per portarsi a casa la declinazione Sport Turismo.
      7
       
      New GTS models: two athletes join the Porsche Panamera family

       
       
      Via Porsche
    • Da lukka1982
      La Porsche ha ufficializzato a Parigi il debutto in serie limitata della 911 Speedster. Dopo aver presentato la Concept in occasione dei festeggiamenti per i propri 70 anni, la Casa tedesca ha svelato un secondo prototipo più vicino al modello definitivo, annunciandone una produzione di 1.948 unità. Il prezzo, per il momento, non è stato reso noto.
       
      Debuttano gli Heritage Design Packages. La 911 Speedster è il frutto del lavoro congiunto della Porsche Motorsport, del centro stile e del reparto Exclusive e porterà al debutto gli Heritage Design Packages dedicati alla personalizzazione della vettura e ispirati ai modelli vintage e non ancora svelati nel dettaglio. Il propulsore è il 4.0 aspirato da 500 CV e 9.000 giri della versione GT con scarico di titanio, abbinato al cambio manuale a sei marce. 
       
      La seconda concept sfoggia dettagli inediti. La nuova concept sfoggia alcuni dettagli comuni alla prima versione presentata, come gli specchietti retrovisori compatti e il tappo del serbatoio sul cofano con una diversa finitura superficiale, ma introduce anche soluzioni inedite come i cerchi di lega da 21" diamantati ispirati alla RSR da competizione, le luci diurne Led arancioni e gli interni di pelle bicolore con sezioni traforate. La 911 Speedster nasce sulla base della scocca della GT3, mentre la carrozzeria deriva in parte dalla Carrera 4 Cabriolet e adotta nuovi cofani di carbonio e l'inedito parabrezza ad altezza ridotta e i cristalli laterali ribassati. L'elemento posteriore con la classica doppia gobba è totalmente inedito ed è di fibra di carbonio, mentre al posto della capote è previsto un tonneau con fissaggi a bottone. 
       
      Quattroruote.it
       
       
       





×