Vai al contenuto
Autopareri news
  • Buon 2019 da Autopareri e Benvenuti sul nuovo tema grafico! Scegli il tuo tema preferito in fondo alla pagina: chiaro (light) o scuro (dark).
vpn

Avvistamenti vari di auto storiche o quasi-storiche

Messaggi Raccomandati

Mi chiedevo se non le avessero fatte direttamente là...se ricordi, fino agli anni ottanta Alfa produceva alcuni modelli in sudafrica, in uno stabilimento locale ;)

Penzo di si ;)

Da non dimenticare gli esemplari con il 8V di Montreal ......ma qui la richiesta arrivò dalla Germania.

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
Mi chiedevo se non le avessero fatte direttamente là...se ricordi, fino agli anni ottanta Alfa produceva alcuni modelli in sudafrica, in uno stabilimento locale ;)

No, sono giovinotto....degli anni '80 ricordo solo le tette di Drive In :mrgreen:

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Retifico, vennero allestiti 200 esemplari 3.0 6V per il mercato sudafricano, quindi uscirono da Arese.

Mentre i 8V furono solamente 20, su richiesta dell'iporatrore tetesco.

Piccola curiosità, vennero allestiti anche 4 esemplari a livello sperimentale di Giulia GTVeloce con 8V di Montreal.

Uno causa mancanza olio ad una bancata prese fuoco sulla Cisa, alla guida c'era Lodola. ;):D

Comunque mi raccontò che era una macchina brutale ma divertentissima.

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
Guest 75V6
Retifico, vennero allestiti 200 esemplari 3.0 6V per il mercato sudafricano, quindi uscirono da Arese.

Per quanto ne so io le macchine furono allestite in Sud Africa con parti di motore provenienti dall'Italia, mentre alcuni allestimenti di carrozzeria diversi dalla GTV prodotte in Italia (fascioni laterali ecc.) furono commissionati a ditte locali.

Nella pagina del sito che allego ci sono alcune foto delle GTV6 di un fortunato sudafricano, le 3.0 sono quelle con la presa NACA ricavata nella gobba del cofano motore.

ALFAGTV6.COM • View topic - Kevin GTV's and other Alfa's

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
Per quanto ne so io le macchine furono allestite in Sud Africa con parti di motore provenienti dall'Italia, mentre alcuni allestimenti di carrozzeria diversi dalla GTV prodotte in Italia (fascioni laterali ecc.) furono commissionati a ditte locali.

Nella pagina del sito che allego ci sono alcune foto delle GTV6 di un fortunato sudafricano, le 3.0 sono quelle con la presa NACA ricavata nella gobba del cofano motore.

ALFAGTV6.COM • View topic - Kevin GTV's and other Alfa's

.....beh essendo tu un ex (pentito*) GTVista, avrai senz'altro ragione. ;)

* Pentito di essere ex non GTVista :lol:

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
No, sono giovinotto....degli anni '80 ricordo solo le tette di Drive In :mrgreen:

Male male molto male ricordare solo le tette di Drive In, soprattutto perchè erano in mezzo alle Alfa appunto.

La prima edizione, nel 1983, aveva il set pieno di Alfa (non ricordo le edizioni successive... ricordo che poi apparvero le Austin).

In certe inquadrature su Youtube che vedono protagonista Enzo Braschi-Il paninaro compaiono a volte anche ACS e Duetto seduti in Duino gommanera a prendere appunti. 8-)

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Io nel 1983 avevo appena imparato a camminare.....:)

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
Male male molto male ricordare solo le tette di Drive In, soprattutto perchè erano in mezzo alle Alfa appunto.

La prima edizione, nel 1983, aveva il set pieno di Alfa (non ricordo le edizioni successive... ricordo che poi apparvero le Austin).

In certe inquadrature su Youtube che vedono protagonista Enzo Braschi-Il paninaro compaiono a volte anche ACS e Duetto seduti in Duino gommanera a prendere appunti. 8-)

Beh allora il network televisivi avevano ancora un forte legame territoriale, derivato dal fatto che fino la mattina prima erano televisioni locali.

Era normale che la televisone col Biscione avesse come sponsor l'auto col Biscione.

Dove hai toppato è quando dici che ero li per prendere appunti.

Il fenomeno dei paninari nasce nel 1982, il nome non significa "mangiatori di panini" ma frequentatori del bar "Il Panino" (P.zza Liberty, dietro Vittorio Emanuele).

Poche decine di ragazzi, che li si ritrovano (inizialmente aveva una forte valenza politica) poi comincia ad allargarsi ai vari Fast Food e diviene meno elittario è più diffuso.

A quel punto la trasmissione decide di dedicare a questo tipo di giovane metropolitano un personaggio che verrà scelto in Enzo Braschi.

Ed il fenomeno diviene di massa e si allarga oltre Milano.

Ma siccome io nel '82 in p.za Libery Io c'ero :!:

...sul Duino in gommanera non prendevo appunti davo suggerimenti 8-):D:D

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

.... il mio toppare era voluto, per farti uscire allo scoperto. :D

Hai scritto esattamente ciò che io volevo che tu scrivessi.

Però hai dimenticato "ualbois! ualbois!"

(curiosità da scartabellatore di vecchiume... giusto per segnare negli appunti storici casomai servisse il dettaglio: fra Duetto e ACS chi era a prendere le compilescion di schiaffazzi?)

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
No, sono giovinotto....degli anni '80 ricordo solo le tette di Drive In :mrgreen:

E allora? Solo perchè non sei ottuagenario come me, mica sei giustificato :mrgreen: Fila subito a ripassare le annate di 4R e Gente Motori della prima metà anni ottanta :lol:

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere iscritto per commentare e visualizzare le sezioni protette!

Crea un account

Iscriviti nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

  • Contenuti simili

    • Da Beckervdo
      L'ottava generazione della Porsche 911 debutta al Salone di Los Angeles con un design evoluto, interni totalmente ridisegnati e nuove dotazioni tecniche: caratteristiche che indicano con precisione gli obiettivi della Casa tedesca, intenzionata a proporre un prodotto rinnovato sotto molteplici aspetti ma al tempo stesso fedele all’impostazione originale. La Porsche ha già comunicato i prezzi di lancio della 992 per il mercato italiano: 123.999 euro per la Carrera S e 132.051 euro per la Carrera 4S.
       
      Senza tempo, ma con tante novità stilistiche. Come ampiamente anticipato dalle foto spia, la Porsche ha voluto mantenere le proporzioni e gli stilemi tipici del modello, rivoluzionando però la zona posteriore con un nuovo gruppo ottico Led che si sviluppa in senso orizzontale. L'aumento importante delle carreggiate, con 45 mm in più all'anteriore, coda larga per tutte le versioni e l'adozione di cerchi di lega da 20" anteriori e 21" posteriori, ha reso ancora più sensuale la fiancata. Qui troviamo per la prima volta anche le maniglie a filo carrozzeria, mentre il frontale è caratterizzato dai gruppi ottici Led ridisegnati e dal profilo del cofano anteriore che cita apertamente le 911 classiche. In coda si fanno notare anche i nuovi scarichi integrati nel paraurti e l'appendice aerodinamica attiva cresciuta in dimensioni rispetto al passato.
       
      Le Carrera S e 4S da 450 CV con il Pdk otto marce. Quando una nuova 911 si affaccia sul mercato il primo sguardo va sempre alla scheda tecnica. In questo caso la Porsche ha evoluto senza rivoluzionare e senza dare spazio, per il momento, all’elettrificazione, ma ha voluto introdurre per prima solo la Carrera S nelle versioni a due e quattro ruote motrici. Il propulsore 3.0 boxer biturbo è stato aggiornato rispetto alla 991 lavorando sulla sovralimentazione e sul sistema di iniezione, passando da 420 a 450 CV. Ma la vera novità è l'introduzione del cambio automatico doppia frizione Pdk a otto marce, comandabile, oltre che dai paddles, anche dalla piccola leva verticale integrata nel tunnel centrale. Per il momento non si parla di una variante manuale, ma sono già noti i dati prestazionali: 3,7 secondi per toccare i 100 km/h da fermo (3,6 per la Carrera 4S) e 308 km/h di velocità massima (306 per l'integrale), con ulteriori due decimi limati in accelerazione (3,4 secondi) optando per il pacchetto Sport Chrono opzionale, che include anche il selettore rotativo sul volante. I consumi medi si attestano a quota 8,9 l/100 km secondo il ciclo Nedc ricalcolato (9,0 per la 4S). Debutta infine la modalità di guida Wet, pensata per le condizioni stradali più difficili e per i guidatori meno smaliziati.
       
      Interni ridisegnati per il display da 10,9”. Gli interni riflettono l'impostazione dei più recenti modelli Porsche con un marcato sviluppo orizzontale e introducono un’impostazione incentrata sul display da 10,9” dell'infotainment, che ora sovrasta le bocchette di aerazione. Oltre alla funzione touch sono disponibili cinque pulsanti fisici per accedere alle principali aree. Inoltre, funzioni come la navigazione, la connettività e gli altri servizi del Porsche Connect Plus sono di serie. La nuova strumentazione, con contagiri analogico centrale e due display laterali inseriti in una lunga palpebra ispirata alle 911 classiche con cinque strumenti affiancati, integra per la prima volta il sistema Night Vision con le immagini proiettate dalla telecamera con sensore termico. Sono infine previsti anche altri Adas aggiornati: il Cruise Control adattivo con funzione stop & go e l'Emergency Assist.  
        Tre app per il lifestyle Porsche. La Porsche ha diffuso anche le prime informazioni su alcune nuove iniziative dedicate ai clienti: si tratta di tre diverse applicazioni che offrono contenuti dedicati agli appassionati e che coinvolgono il tempo trascorso dentro e fuori della propria 911. Con l’app Porsche Road Trip è possibile ricevere suggerimenti per organizzare un viaggio abbinando punti di interesse, hotel e ristoranti esclusivi. Con l’applicazione Porsche 360+ viene messo a disposizione un assistente digitale per ogni esigenza, mentre con la Porsche Impact si può rimanere informati sulle attività della Porsche dedicate all'ambiente: di fatto la Casa di Stoccarda vuole dimostrare ai propri clienti di adoperarsi per ridurre le emissioni CO2 attraverso investimenti in progetti legati alle energie rinnovabili e alla protezione della natura per bilanciare il proprio impatto sull'ambiente.
       
      Quattroruote.it
       









       
       
      Spy topic ⤵️
       
       
    • Da lukka1982
      Porsche utilizza il suo account su Instagram per presentare le immagini della nuova 911 cabriolet.
      La nuova scoperta condivide motori, cambi ed accessori di serie ed opzionali con la coupé.
      Il tetto in tela, disponibile in quattro colori, può essere aperto o chiuso in 12 secondi anche in marcia fino ad una velocità di 50 km/h.
      Prezzi in Italia a partire da 138.639,00 € per la versione S, e di 146.691,00 per la 4S.
       
       






       
      Configuratore
      - 911 Carrera S Cabriolet
      - 911 Carrera 4S Cabriolet
       
      ————————————————————————————————
      Spy topic ⤵️
      https://www.autopareri.com/forums/topic/59863-porsche-911-cabriolet-pag-33-prj-992-spy
      ————————————————————————————————
    • Da lukka1982
      Porsche presenta l’allestimento T anche per il modelli della gamma 718, la Cayman e la Boxster.
      La coupé e la roadster di Stoccarda in allestimento “T” hanno di serie il cambio manuale a 6 m con sistema PADM (Porsche Active Drivetrain Mounts), il PTV (Porsche Torque Vectoring), il differenziale posteriore a bloccaggio meccanico ed il pacchetto Sport Chrono, grazie al quale, tramite il selettore “Mode”, si possono selezionare quattro modalità di guida: Normal, Sport, Sport Plus ed Individual.
      Per limare peso, il sistema multimediale PCM (Porsche Communication Management) diventa opzionale. Peso che ammonta a 1350 per le versioni manuali e a
      1380 per quelle dotate di cambio PDK, il doppia frizione di casa Porsche, con funzione di launch control.
      L’allestimento T è basato sulla versione con 
      motore boxer turbo a 4 cilindri da 2000 cc, ora dotato di filtro antiparticolato GPF, che eroga 300 cv e 380 Nm di coppia, che permette accelerazioni 0-100 = 5,1 s con cambio manuale, di 4,9 s con il cambio PDKedi 4,7 s con cambio PDK e con modalità Sport Plus attiva. La velocità massima raggiungibile è di 275 km/h.
      Ambo le sportive sono già ordinabili nel mercato italiano con prezzi di 66.004 € per la Cayman e 68.078 € per la Boxster.
       
       















       
      Configuratore
      • 718 Cayman T
      • 718 Boxster T
       
      __________________________________________
      Spy topic ⤵️
      https://www.autopareri.com/forums/topic/66094-porsche-718-cayman-t-spy
      __________________________________________
×

Important Information

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Terms of Use.