Jump to content
News Ticker
Benvenuto su Autopareri!

Caso De Tomaso-Rossignolo: troppe cose non tornano... (UPDATE: infatti è fallita)


Recommended Posts

BMW non è interessata a De Tomaso, non è nemmeno interessata all'impianto ex-pininfarina di Grugliasco, è interessata ad allestire una produzione in piccola serie in una zona ricca di capacità produttive automobilistiche e con facile accesso alla componentistica come è Torino.

La regione Piemonte si è quindi mossa per proporre Grugliasco dove quasi 1000 operai, in parte con ottime capacità sviluppate da anni in Pininfarina, sono prospettive di lavoro.

Chiariamo bene una cosa che mi sembra stia sfuggendo.

A Grugliasco non esiste nessuna De Tomaso, e non esiste nessun impianto se non parte di quelli vecchi di Pininfarina.

L'operazione De Tomaso-Rossignolo non ha mai prodotto niente e nessun investimento da parte di Rossignolo è mai stato fatto a Grugliasco.

Si tratta quindi di uno stabilimento "vuoto" da riattrezzare di proprietà della Regione Piemonte con 1000 dipendenti senza lavoro.

Link to comment
Share on other sites

BMW non è interessata a De Tomaso, non è nemmeno interessata all'impianto ex-pininfarina di Grugliasco, è interessata ad allestire una produzione in piccola serie in una zona ricca di capacità produttive automobilistiche e con facile accesso alla componentistica come è Torino.

La regione Piemonte si è quindi mossa per proporre Grugliasco dove quasi 1000 operai, in parte con ottime capacità sviluppate da anni in Pininfarina, sono prospettive di lavoro.

Chiariamo bene una cosa che mi sembra stia sfuggendo.

A Grugliasco non esiste nessuna De Tomaso, e non esiste nessun impianto se non parte di quelli vecchi di Pininfarina.

L'operazione De Tomaso-Rossignolo non ha mai prodotto niente e nessun investimento da parte di Rossignolo è mai stato fatto a Grugliasco.

Si tratta quindi di uno stabilimento "vuoto" da riattrezzare di proprietà della Regione Piemonte con 1000 dipendenti senza lavoro.

Grazie come sempre il miglior "informatore" del forum chiaro e non di parte.

In effetti pensavo anch'io che di detomaso non ci fosse nulla alla ex-pinin ma le tue parole sono conferma alla mia supposizione.

Fa poi piacere sentire che Torino-Italia venga definita "zona ricca di capacità produttive automobilistiche e con facile accesso alla componentistica" speriamo che la regione piemonte (come ha già fatto con fiat a grugliasco) si adoperi per una riuscita dell'operazione.

Edited by Stefano73

Senza cuore saremmo solo macchine.......

Link to comment
Share on other sites

Chiariamo bene una cosa che mi sembra stia sfuggendo.

A Grugliasco non esiste nessuna De Tomaso

Giusto, tecnicamente lo stabilimento De Tomaso era quello nei pressi di Modena. Chissà che cosa ne è stato.

Link to comment
Share on other sites

BMW non è interessata a De Tomaso, non è nemmeno interessata all'impianto ex-pininfarina di Grugliasco, è interessata ad allestire una produzione in piccola serie in una zona ricca di capacità produttive automobilistiche e con facile accesso alla componentistica come è Torino.

La regione Piemonte si è quindi mossa per proporre Grugliasco dove quasi 1000 operai, in parte con ottime capacità sviluppate da anni in Pininfarina, sono prospettive di lavoro.

Chiariamo bene una cosa che mi sembra stia sfuggendo.

A Grugliasco non esiste nessuna De Tomaso, e non esiste nessun impianto se non parte di quelli vecchi di Pininfarina.

L'operazione De Tomaso-Rossignolo non ha mai prodotto niente e nessun investimento da parte di Rossignolo è mai stato fatto a Grugliasco.

Si tratta quindi di uno stabilimento "vuoto" da riattrezzare di proprietà della Regione Piemonte con 1000 dipendenti senza lavoro.

Oddio e questa cosa è allora?

de_tomaso_pantera_spy.jpg

Link to comment
Share on other sites

Bmw invece farebbe bene ad interessarsi a De Tomaso come marchio, i marchi di auto sportive italiani hanno tutti un potenziale molto alto in termini di immagine, compreso De Tomaso che è ancora oggi ben conosciuto in US dove la Pantera ha avuto buoni risultati di vendita ai suoi tempi.

Certo è un'operazione di nicchia, come Rolls Royce, ma ad elevato potenziale in termini di sinergie e marketing, De Tomaso nasce come marchio sportivo, modelli come Mangusta e Pantera sono conosciuti da tutti gli appassionati d'auto, personalmente non comprerei mai una sportiva a motore centrale Bmw-Baviera, ma comprerei sicuramente una De Tomaso prodotta in Italia con motore Bmw, se venisse prodotta.

Bmw ha i capitali e la tecnologia, può farlo, è necessario convincerla, chi come me è appassionato di sportive italiane vuole che De Tomaso ritorni, che poi lo stabilimento possa servire anche per produrre suv o altro va bene, ormai lo fanno tutti, ma è indispensabile una sportiva a motore centrale erede della Pantera, la richiesta ci sarebbe senz'altro, sarebbe un'operazione win-win come è avvenuto per VW-Lamborghini.

Link to comment
Share on other sites

Oddio e questa cosa è allora?

Quello in realtà era il muletto della Spectre, supercar inglese che non vide mai la luce. Rossignolo si limitò semplicemente a comprare il muletto. Nulla di più. Doveva servire solo a fare un pò di scena, come il "Brevetto Univis" del resto, già visto sulla Rayton Fissore Magnum. :|

VPN's Garage

Clicca sul link e registrati per scoprire un mondo tutto nuovo per i tuoi sims!

Uniche auto simlesi d'epoca per The Sims 2, storie ambientate in un nuovo mondo, e molto di più!

Questo è VPN's Garage! Il sito è in lingua inglese!

Link to comment
Share on other sites

Quello in realtà era il muletto della Spectre, supercar inglese che non vide mai la luce. Rossignolo si limitò semplicemente a comprare il muletto. Nulla di più. Doveva servire solo a fare un pò di scena, come il "Brevetto Univis" del resto, già visto sulla Rayton Fissore Magnum. :|

-________-

Link to comment
Share on other sites

Quello in realtà era il muletto della Spectre, supercar inglese che non vide mai la luce. Rossignolo si limitò semplicemente a comprare il muletto. Nulla di più. Doveva servire solo a fare un pò di scena, come il "Brevetto Univis" del resto, già visto sulla Rayton Fissore Magnum. :|

E la Cadillac Escalade (o quello che era) ricarrozzata per esporla in qualche salone.

Link to comment
Share on other sites

Quello in realtà era il muletto della Spectre, supercar inglese che non vide mai la luce. Rossignolo si limitò semplicemente a comprare il muletto. Nulla di più. Doveva servire solo a fare un pò di scena, come il "Brevetto Univis" del resto, già visto sulla Rayton Fissore Magnum. :|

:disp:

Alfiat Bravetta senza pomello con 170 cavalli asmatici che vanno a broda; pack "Terrone Protervo" (by Cosimo) contro lo sguardo da triglia. Questa è la "culona".

Link to comment
Share on other sites

Grazie come sempre il miglior "informatore" del forum chiaro e non di parte.

In effetti pensavo anch'io che di detomaso non ci fosse nulla alla ex-pinin ma le tue parole sono conferma alla mia supposizione.

Fa poi piacere sentire che Torino-Italia venga definita "zona ricca di capacità produttive automobilistiche e con facile accesso alla componentistica" speriamo che la regione piemonte (come ha già fatto con fiat a grugliasco) si adoperi per una riuscita dell'operazione.

Grazie per la stima!

La BMW per allestire la piccola serie avrebbe individuato idoneo lo stabilimento di San Giorgio della Pininfarina che potrebbe dare lavoro a 500 operai.

La Regione Piemonte avrebbe allora rilanciato con lo stabilimento di Grugliasco ex De Tomaso che però ha dimensioni maggiori ed è più anziano.

Se andrà in porto questo progetto non sarà la prima "BMW made in Torino".

La BMW M1 era infatti assemblata su una piccola linea della Italdesign a Moncalieri.

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.
Note: Your post will require moderator approval before it will be visible.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

 Share

  • Similar Content

    • By Touareg 2.5
      Il Marchio Tata non è più presente in Italia









      es.autoblog - omniauto
      Press Release :
    • By PaoloGTC
      Chiudo con due chicche un po' fuori dal seminato?
      Ve la ricordate? (fonte Quattroruote)


      Isotta Fraschini. Una storia, per quel che ne so, fatta di promesse, finanziamenti, mistero, bilanci sballati, raggiri, truffe e denunce. Una storia tutta italiana, insomma.
      Ricordo che da loro veniva dichiarata la collaborazione con Audi, che dal canto suo smentiva, e tutto ciò c'era in comune, era la A8 4.2 da cui era stata presa la meccanica, se non vado errato.
    • By Pawel72
      Se il progetto della P72 dovesse avere un seguito produttivo, come annunciato dal gruppo Ideal Venture, il marchio De Tomaso tornerebbe finalmente in vita con un modello di alto prestigio, erede della celebre one-off P70 del 1965. Tanti, del resto, sono i costruttori italiani che tra lo scorso secolo e il nuovo millennio hanno chiuso i battenti, con buona pace di molti appassionati, che oggi vorrebbero queste Case di nuovo in attività. Le abbiamo raccolte nella nostra galleria di immagini, dove troverete produttori dai grandi numeri, come la Innocenti, ma anche aziende specializzate in kit car, marchi di lusso, meteore dell’industria automotive e brand che hanno segnato la storia del motorsport.
      https://www.quattroruote.it/news/curiosita/2019/10/12/marchi_spariti_quelle_case_italiane_che_non_ci_sono_piu_foto_gallery.html
       






×
×
  • Create New...

Important Information

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Terms of Use.