Jump to content
News Ticker
Benvenuto su Autopareri!

Beckervdo
 Share

Recommended Posts

Debutta sulla Outlander il nuovo 4 cilindri 2.2 Di-D interamente progettato da Mitsubishi (non è altro che il 1.8 a corsa lunga) e l'introduzione per il mercato britannico della trazione anteriore.

Questo 2.2 Di-D Biturbo da 175 cv è abbinato al cambio manuale a 6 marce, mentre per avere il cambio a doppia frizione, si deve ricorrere al 2.2 Di-D TwinScroll di PSA che eroga 154 cv.

Mitsubishi+Outlander+GX4+11MY+frt34+blue+HR.JPG

Following the limited release of the special edition Outlander Juro in July, Mitsubishi UK has announced details and pricing on the series production version of the facelifted SUV. On sale now, the 2011 Outlander with the Evo-like snout is offered with two turbo diesel engines, a new Mitsubishi-developed 175HP 2.2 Di-D matched to a 6-speed manual gearbox and a 154HP 2.2 Di-D turbo diesel SST PSA unit combined with a twin clutch automated manual transmission.

For the first time in Britain, Mitsubishi is also presenting a two-wheel drive diesel variant of the Outlander which is available only with the 175HP unit that returns a combined fuel economy of 46.3mpg UK compared to 43.5 mpg UK of the equivalent 4WD model.

Prices, including 17.5% VAT and the delivery costs but not Government Road Fund Licence and First Registration Fee, start from £21,549 for the base model with the 154HP diesel and 4WD.

Via Carscoop

Untitled-M2.jpgUntitled-M1.jpg

Link to comment
Share on other sites

Mi chiedo come mai Mitsu abbia deciso di sviluppare i motori da se... :pen:

E' strana come scelta in quest'epoca di condivisioni. Bmw sembra fare lo stesso con il 1.6d, Mazda con il prossimo Sky-D, Volvo con i 5 cilindri... Che succede? Chi fa da sè fa per 3? :)

Comunque, se questi sono i risultati, ben venga! :D Ha tirato fuori due diesel tra i migliori di categoria quasi dal nulla.

Certo... se imparassero anche a disegnare gli interni sarebbero praticamente a posto.

La teoria è quando si conosce il funzionamento di qualcosa ma quel qualcosa non funziona.

La pratica è quando tutto funziona ma non si sa come.

Spesso si finisce con il coniugare la teoria con la pratica: non funziona niente e non si sa il perché.

Link to comment
Share on other sites

Mi chiedo come mai Mitsu abbia deciso di sviluppare i motori da se... :pen:

E' strana come scelta in quest'epoca di condivisioni. Bmw sembra fare lo stesso con il 1.6d, Mazda con il prossimo Sky-D, Volvo con i 5 cilindri... Che succede? Chi fa da sè fa per 3? :)

BMW è un discorso a parte dato che spalma i suoi 6L su un numero amplissimo di vetture(tra cui anche le auto della polizia americana, quelle da concept che non ricordo) e sulle future Saab.

Mazda e Volvo lo avranno fatto per distaccarsi completamente da Ford-PSA

Link to comment
Share on other sites

Mi chiedo come mai Mitsu abbia deciso di sviluppare i motori da se... :pen:

E' strana come scelta in quest'epoca di condivisioni. Bmw sembra fare lo stesso con il 1.6d, Mazda con il prossimo Sky-D, Volvo con i 5 cilindri... Che succede? Chi fa da sè fa per 3? :)

in effetti è un interrogativo che stuzzica anche me. la risposta, che provo ad azzardare, è che in un periodo in cui c'è una corsa a condividere anche la vite e il bullone, chi vuole distinguersi dalla massa lo fa progettando tutto da sè dalla prima vite all'ultimo bullone :lol:.

notare che infatti sono tutti costruttori di nicchia, a parte Bmw, che però infatti le "condivisioni" le fa per le Mini, cioè per i modelli a base della gamma.

e infatti anche Mazda per i diesel piccoli, ricorre sempre ai Ford-Psa, così come Volvo.

insomma, più "sali" di segmento e di prezzo, più hai quel tocco di "esclusività" che non guasta di sicuro.

poi senz'altro è anche un modo per rendersi indipendenti nelle forniture nei confronti dei (ex) gruppi (d'appartenenza). ma anche qui ci credo fin lì: in fin dei conti, non sarebbe più conveniente comprarli questi motori belli e pronti, invece di "buttar via" soldi nel progettarli?

comunque, la notizia non fa che rallegrarmi ulteriormente per le sorti di Mitsubishi, che in passato aveva realizzato davvero delle grandi automobili per poi appannarsi negli ultimi dieci anni. alla fine, pur tra molte traversie, si stanno risollevando alla grande, e non nascondo di provare una certa curiosità per la prossima generazione di Colt ;).

Edited by led zeppelin
Link to comment
Share on other sites

Non vi sembra una scelta strana quella di avere 175cv? Voglio dire: con così poca differenza tra i due diesel, in molti preferiranno puntare sul 156cv + doppia frizione. Perchè secondo me, oggi, i consumatori preferiscono un doppia frizione a 19cv extra; mentre se il confronto fosse stato doppia frizione/30cv extra, allora credo che il biturbo avrebbe potuto avere la sua fetta di estimatori, ma così la vedo dura. Voi che ne pensate?

Link to comment
Share on other sites

Secondo me è anche un effetto della corsa all'efficienza: i motori sono meno standard e il progetto comincia a diventare più importante. Un motore fatto bene diventa costoso e il produttore di auto si fa due conti.

Piuttosto io mi chiedo a che pro biturbizzare un 2,2 per tirare fuori solo 174Cv.

Sotto i 6000rpm è un mezzo agricolo.

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.
Note: Your post will require moderator approval before it will be visible.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

 Share

  • Similar Content

    • By Beckervdo
      SUV 100 % Elettrico di Mitsubishi che presenta l'Airtrek che sarà prodotto in Cina assieme alla sua JV con GAC.
      In effetti, il nome AIRTREK non è la prima volta che compare nella linea di prodotti Mitsubishi: il primo nome locale per l'auto giapponese Outlander di prima generazione fu AIRTREK. Resta quindi da vedere se il ritorno del nome AIRTREK significhi che questa nuova auto elettrica è legata a Outlander.
      Mitsubishi ha sottolineato che AIRTREK sarà costruito utilizzando il concetto di "SUV Crusing Electric", che include tre centri di gravità, "Electric", "Expanding" ed "Expressive".
      "Electric" rappresenta veicoli elettrici e "Expanding" rappresenta veicoli a guida estesa."Expressive" rappresenta l'unicità dei veicoli Mitsubishi.
      Dal punto di vista estetico, oltre ai fari separati e ad altri importanti elementi del Dynamic Shield in passato, la carrozzeria ha anche delle forti linee di rigonfiamento, lo scudo Dynamic Shield è leggermente squadrato, e le luci posteriori sono realizzate con tecnologia LED a forma di L rovesciata su entrambi i lati. 
      John Signoriello, responsabile del marketing e delle vendite globali di MMC, ha sottolineato che "Mitsubishi ha creato AIRTREK, un veicolo ricreativo esclusivamente elettrico, principalmente per consentire ai consumatori di essere più immersi in avventure illimitate". Ha anche sottolineato che "AIRTREK sarà esclusiva appartenente al mercato cinese. ", e sarà la quarta linea di prodotti in Cina dopo i marchi Outlander, ASX ed Eclipse Cross.
      La nuova vettura sarà ufficialmente rilasciata sul mercato cinese alla fine del 2021.
      A breve nuove foto e cartella stampa
       





    • By Cole_90
      Debutta la quarta generazione di Outlander, dopo anni di attesa, ritrovando quel suo coraggio stilistico che da sempre l’ha contraddistinta.
      Basato sul Nissan Rogue, cresce di 5 centimetri rispetto al precedente e guadagna due posti in più  di fortuna.
      Esternamente troviamo un’evoluzione del Dynamic Shield all’anteriore, finalmente reso realmente dinamico secondo me, ed un approccio più classico ma non spiacevole al posteriore.
      Rivoluzione anche dentro, con degli interni semplici, lineari e ben strutturati che fanno dimenticare i precedenti e mal pensati di ammassi di plastica a cui ci ha fatto abituare Mitsu.
      Momentaneamente viene presentata in variante USDM con un 2.5 da 181 hp di origine Nissan e trazione anche 4WD. Nessuna news sull’attesa variante PHEV o sulla commercializzazione in Europa.
       










































       
       
       
       
      Press Release:
       
      Mitsubishi
       
      Topic Spy: ➡️ Mitsubishi Outlander IV 2021 (Spy)
       
       
       
    • By AleMcGir
      https://www.facebook.com/gabetzspyunit
       
×
×
  • Create New...

Important Information

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Terms of Use.