Jump to content

Il "nuovo corso" Lancia


trovi che l'operazione di rimarchiamento dei prodotti Chrysler da parte si Lancia sia una mossa...  

227 members have voted

  1. 1. trovi che l'operazione di rimarchiamento dei prodotti Chrysler da parte si Lancia sia una mossa...

    • indovinata
      111
    • sbagliata
      123


Recommended Posts

è così fantascientifico ipotizzare un decennio in cui verranno presentate solo one off tipo la stratos o la fulvia giusto per tenere in freezer il marchio?

Scusa ma se sono 20 anni che ci dicono che Lancia non è, e non deve essere sportiva?

Spiazzante... a meno che non nasca una gamma Ypsilon con diverse varianti, ma a questo punto non capisco più niente :D

Ma che senso avrebbe?

La gamma di piccola sfiziosa la sta già facendo (bene) 500, è lei l'erede di y10 però con una gamma più completa.

Personalmente vedo (ma parere personale) difficile la anche sopravvivenza di ypsilon (alla fine fatta solo per il mercato Italiano...)

ST_G_02_04_000_1.jpgduetto14yg.jpg
Link to comment
Share on other sites

  • Replies 2.6k
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Io faccio come ho fatto negli ultimi due o tre anni: aspetto e guardo. Per ora ho solo la fortissima impressione che vogliano minimizzare le perdite connesse alla gestione del marchio Lancia, per concentrarsi su quelli meno ostici da rilanciare a livello europeo (Alfa e FIAT) ed aspettare momenti più propizi per decidere se e come investire anche sulla Lancia.

Per ora mi limito a considerare che se avessero deciso di chiuderla, potrebbero trasformare la Ypsilon in una 500 abbastanza economicamente: dovrebbero bastare delle modifiche al frontale ed al posteriore.

da un lato "Il parcheggio" è quello che auspico anch'io, in attesa che st'Alfa e tutto il nuovo gruppone "parta" come si deve e, non da meno, che riparta anche il mercato italiano su numeri che poi sono quelli necessari a Lancia per pensare anche solo ad un rimarchiamento (vedi Vauxall in UK)

Dall'altro lato ho pero' l'impressione che il parcheggio non esista, questo è invece l'inizio della chiusura: fine della attuale Ypsilon e contemporaneo arrivo di una 500 a 5 porte nel giro di poco significa semplicemente che anche Ypsilon non avra piu spazio sull'unico mercato rimasto per una piccola di fascino e italiana. 500 la surclassa.

Riguardo al senso del ritiro marchio Chrysler 2-3 anni fa, ha un senso come lo ha ora il ben piu grosso numericamente Chevrolet qua. Chrysler è un marchio che nella UE dell'auto attuale non aveva e non ha piu senso, ci hanno provato appiccicandoci un marchio italiano/UE con alcuni modelli (vecchi e in modo maldestro... e questo mi fa un po incazz.. perche non era con quelli che si doveva capire se la cosa funzionava o no) ØØØ ed è andata male e ora stop di tutto direi, l'UE non ha bisogno di un Voyager, di una 300c nuova e di una nuova 200c per quel che vale oggi sto mercato. QUa bastera avere ØØØ berlina alfa e sportivette, qualche suv e crossover jeep/Fiat, e utilitarie fiat assieme al lusso di maserati e si è a posto. Rendiamoci conto semplicemente l'UE e in generale l'occidente non è piu "il centro del mondo" da un punto di vista perlomeno industriale/economico (culturale ancora lo rimarrà), questo sposta tutti il baricentro degli investimenti in piu settori.

Come per Alitalia vedo possibilita di "rinascita" solo se arriva qualche "pazzo" imprenditore dall'Asia (cina, India, Arabi) che anche là intende portare il collegamento con una "firma italiana" come "prestigio" rispetto ai loro nomi,

lo stesso vedo come unica possibilita reale la rinascita di Lancia e magari di altri nomi storici italiani semi-morti ora. Marchi che noi italiani, europei ma occidentali non possiamo far rinascere non essendo piu i futuri padroni dell'economia del mondo e avendo gia altri nomi "piu forti" da far sopravvivere (es. Alfa, fiat, ducati, ecc).

Noi sara gia tanto se avremo Fiat e i marchi ora sopravvissuti che riusciranno a resistere. in questo marchionne ha gia compiuto un miracolo, in questo bisogna ammetterlo. Poi per quel che mi riguarda da "tifoso" del marchio Lancia, il mio "tifo" per lui è finito qua. Auguri alla sua Alfa e al gruppo perche rimanga italiano almeno come ritorno di tasse e lavoro per il paese dove devo campare anch'io, ma io per un'alfa non spendero' mai un centesimo e una parola di difesa, non posso proprio piu farlo dopo anche questa ultima batosta-

Edited by Lanciaboxer
Link to comment
Share on other sites

Non ci resta che mettere in standby il topic con questa frase:

"Chissà, chissà chi sei, chissà che sarai, chissà che sarà di noi, lo scopriremo solo vivendo"

;)

"Ci sono persone che amano circondarsi di cose il cui valore concreto si esprime anche nel valore formale. Molto probabilmente una Lancia fa parte del loro mondo."

dsarygf.jpg

"Il successo non si improvvisa, ma al contrario è sempre frutto di fantasia, applicazione, dedizione e tenacia." (Vittorio Ghidella)

Link to comment
Share on other sites

da un lato "Il parcheggio" è quello che auspico anch'io, in attesa che st'Alfa e tutto il nuovo gruppone "parta" come si deve e, non da meno, che riparta anche il mercato italiano su numeri che poi sono quelli necessari a Lancia per pensare anche solo ad un rimarchiamento.

Dall'altro lato ho pero' l'impressione che il parcheggio non esista, questo è invece l'inizio della chiusura: fine della attuale Ypsilon e contemporaneo arrivo di una 500 a 5 porte nel giro di poco significa semplicemente che anche Ypsilon non avra piu spazio sull'unico mercato rimasto per una piccola di fascino e italiana. 500 la surclassa.

Riguardo al senso del ritiro marchio Chrysler 2-3 anni fa, ha un senso come lo ha ora il ben piu grosso numericamente Chevrolet qua. Chrysler è un marchio che nella UE dell'auto attuale non aveva e non ha piu senso, ci hanno provato appiccicandoci un marchio italiano/UE con alcuni modelli (vecchi e in modo maldestro... e questo mi fa un po incazz.. perche non era con quelli che si doveva capire se la cosa funzionava o no) ØØØ ed è andata male e ora stop di tutto direi, l'UE non ha bisogno di un Voyager, di una 300c nuova e di una nuova 200c per quel che vale oggi sto mercato. QUa bastera avere ØØØ berlina alfa e sportivette, qualche suv e crossover jeep/Fiat, e utilitarie fiat assieme al lusso di maserati e si è a posto. Rendiamoci conto semplicemente l'UE e in generale l'occidente non è piu "il centro del mondo" da un punto di vista perlomeno industriale/economico (culturale ancora lo rimarrà), questo sposta tutti il baricentro degli investimenti in piu settori.

Come per Alitalia vedo possibilita di "rinascita" solo se arriva qualche "pazzo" imprenditore dall'Asia (cina, India, Arabi) che anche là intende portare il collegamento con una "firma italiana" come "prestigio" rispetto ai loro nomi,

lo stesso vedo come unica possibilita reale la rinascita di Lancia e magari di altri nomi storici italiani semi-morti ora. Marchi che noi italiani, europei ma occidentali non possiamo far rinascere non essendo piu i futuri padroni dell'economia del mondo e avendo gia altri nomi "piu forti" da far sopravvivere (es. Alfa, fiat, ducati, ecc).

Noi sara gia tanto se avremo Fiat e i marchi ora sopravvissuti che riusciranno a resistere. in questo marchionne ha gia compiuto un miracolo, in questo bisogna ammetterlo. Poi per quel che mi riguarda da "tifoso" del marchio Lancia, il mio "tifo" per lui è finito qua. Auguri alla sua Alfa e al gruppo perche rimanga italiano almeno come ritorno di tasse e lavoro per il paese dove devo campare anch'io, ma io per un'alfa non spendero' mai un centesimo e una parola di difesa, non posso proprio piu farlo dopo anche questa ultima batosta-

Condivido (a parte il discorso sui cent spesi per Alfa :D ) al 100%

Ma questo fantomatico compratore cinese, arabo ecc. ecc. che cosa comprerebbe oggi?

Un marchio, una storia e (forse) una collezione.

Diversa era la situazione di Volvo, Saab e financo Rover/MG.

Li esistevano stabilimenti, progettisti, centro stile, motori ecc. ecc.

Avevano perfino una rete vendita mondiale (o giù di li....)

Oggi è come comprare Panhard o OM.

Solo Vag con Bugatti è riuscita (tra 10.000 difficoltà) nel miracolo. Tenendo però conto che negli anni '90 Artioli tirò fuori un missile, in poche decine di esemplari, ma lo tirò fuori...

ST_G_02_04_000_1.jpgduetto14yg.jpg
Link to comment
Share on other sites

ma io per un'alfa non spendero' mai un centesimo e una parola di difesa, non posso proprio piu farlo dopo anche questa ultima batosta-

Sottoscrivo tutto tranne la parte citata, poiché non capisco cosa intendi con difesa. Ma in fondo non ha importanza: la Lancia sconta le conseguenze della scellerata gestione del marchio negli anni '90, del mancato fallimento del Gruppo agli inizi degli anni 2000 e dell'attuale tracollo del mercato interno.

Tutti fattori nei quali l'attuale gestione non ha alcuna voce in capitolo, ma con i quali è costretta a fare i conti e sono impietosi.

:|

Link to comment
Share on other sites

D'altra parte, Lancia era ed è un marchio prettamente italiano.

E se gli italiani per primi la schifano , anche quando il prodotto c'e', che dovrebbe fare Marchionne o chi per lui ?

A mio parere tutte le Lancia moderne hanno introdotto qualcosa di nuovo, ma questo non è stato capito/apprezzato.

Favvio una breve analisi a partire dal 1969

Lancia Beta: viene considerata una fiat, ( e non lo era ) , non si apprezzano la linea della berlina ( invece innovativa e nella tradizione ) e le finiture interne ( parzialmente vero ) Riultato vendite basse. Eppure è la prima della sua categoria ad avere servosterzo e condizionatore, oltre ad avere una TA trasversale .

Lancia Gamma: ultima Lancia completa , anch'essa soffre di scarso apprezzamento della linea e dei problemi di produzione del boxer . All'estero non viene apprezzata la scelta dei 4 cilindri .

lancia Delta I: gran successo, ma viene lasciata invecchiare troppo. Introduce nel seg C tutta una serie di chicche non disponibili prima

Lancia Prisma : come Delta. Porta al debutto la TI non sportiva esasperata della sorella minore.

Lancia Thema : grande successo, ma per certi versi una falsa partenza. Le dimensioni a cavallo tra i segmenti premiano in Italia, ma penalizzano in Europa. Ciononstante ha il coraggio di portare al debutto un V8 trasversale.

Lancia Dedra : ok, ma anch'essa viene lasciata invecchiare troppo, paga il passaggio alla catalizzazione. prima vettura europea seg D. ad avere al lancio tutti i motori ad iniezione ed il servosterzo di serie su tutta la gamma

Lancia Delta II : concepita nel 1987, va in produzione 5 anni dopo , per "colpa" dei successi sportivi della genitrice. Un flop, nonostante sia la prima C "premium" vera europea ( confrontate i suoi interni con quelli della Golf III , per esmpio. )

Lancia K: E' la prima lancia dai tempi di Gamma ad essere pienamente comparabile per dimensioni e motorizzazioni con le E della triade. Paga la linea anonima e le motorizzazioni non a punto all'epoca.

Lancia Lybra. Si sacrifica per non togliere spazio a 156, ma porta al debutto lo schermo integrato nella plancia.

Lancia Thesis. Auto a mio parere splendida, porta al debutto le quattro sospensioni multilink ed una struttura dual frame .

Lancia Delta III . Prima auto che al debutto ha tutte versioni con motorizzazioni turbo e con cambi a 6 marce ( anche automatici )

Io non voglio assolvere il costruttore dai suoi errori, ma lo sforzo di differenziare il prodotto e di dargli una sfumatura premium c'e' sempre stato.

Edited by stev66

Archepensevoli spanciasentire Socing.

Link to comment
Share on other sites

Lancia Delta II : concepita nel 1987, va in produzione 5 anni dopo , per "colpa" dei successi sportivi della genitrice. Un flop, nonostante sia la prima C "premium" vera europea ( confrontate i suoi interni con quelli della Golf III , per esmpio. )

Lancia Lybra. Si sacrifica per non togliere spazio a 156, ma porta al debutto lo schermo integrato nella plancia.

Ho apportato un paio di correzioni ed aggiungo una considerazione sulla Thesis: l'estetica discutibile.

Per il resto concordo: la volontà di darle una certa caratterizzazione c'è sempre stata. Il dramma è stato come non sono state sfruttate certe opportunità (1ª serie della Thema), come si è abusato di altre (i successi sportivi della Delta) e come hanno gestito la coesistenza con l'Alfa.

Ma questi sono discorsi triti, ritriti ed incapaci di cambiare la realtà, percui eviterei di approfondirli nuovamente e colgo il suggerimento di Nick for Speed: metto a riposare questa discussione.

Edited by EC2277
Link to comment
Share on other sites

Sottoscrivo tutto tranne la parte citata, poiché non capisco cosa intendi con difesa. Ma in fondo non ha importanza: la Lancia sconta le conseguenze della scellerata gestione del marchio negli anni '90, del mancato fallimento del Gruppo agli inizi degli anni 2000 e dell'attuale tracollo del mercato interno.

Tutti fattori nei quali l'attuale gestione non ha alcuna voce in capitolo, ma con i quali è costretta a fare i conti e sono impietosi.

:|

Certamente, l'ho sempre vista cosi e la vedro' sempre cosi, il vero distruttore della Lancia è Cantarella mica Marchionne. A quest'ultimo non posso solo che imputare il fatto di non averci almeno provato almeno aspettando i primi modelli Ue di Chrysler.. almeno quelli che proprio adesso stavano arrivando, ca@@o..

Ma certo la condizione di tutto il gruppo, la fusione, il mercato italiano distrutto come non mai nella storia di 30 anni e pure UE, che erano fondamentali per Lancia hanno giocato TUTTI CONTRO, x ennesima sfiga della storia Lancia.

X il resto dico Semplicemente che fino ad oggi chiunque mi chiedesse un parere es- Golf/A3 ecc vs Giulietta, mi sperticavo in difesa della seconda, da italiano e da difensore di un gruppo del paese ma anche di un marchio che vale 100 tedeschi al contrario "del pensiero unico italico"; cioè dell'esterofilismo sempre e in ogni caso

Oggi pero' non mi sento piu di farlo, nè di farne contro ovviamente: non me ne frega piu niente.

Diciamo forse piu semplicemente che il mio tifo automobilistico o meglio passione automobilistica finisce qua per quel che riguarda l'auto e il mercato moderno e per questo da domani un marchio mi vale l'altro come accade per un telefono o un televisore.

Anzi se devo essere sincero oggi a parte "i super-marchi" italiani (Maserati e Ferrari) l'unico marchio le cui auto mi dicono qualcosa in termini di piacere strettamente estetico e di possesso è tornato ad essere Bmw (finalmente senza piu ombre di Bangle) e qualche oggetto di nicchia qua e la (es. Slk), cose pero' alla fine per cui non vale la pena spendere una parola come si fa quando "si è tifosi" o appassionati di qualcosa.

Link to comment
Share on other sites

Certamente, l'ho sempre vista cosi e la vedro' sempre cosi, il vero distruttore della Lancia è Cantarella mica Marchionne. A quest'ultimo non posso solo che imputare il fatto di non averci almeno provato almeno aspettando i primi modelli Ue di Chrysler.. almeno quelli che proprio adesso stavano arrivando, ca@@o..

Ecco, secondo me invece ci volevano provare però…

Ma certo la condizione di tutto il gruppo, la fusione, il mercato italiano distrutto come non mai nella storia di 30 anni e pure UE, che erano fondamentali per Lancia hanno giocato TUTTI CONTRO, x ennesima sfiga della storia Lancia.

Motivo per il quale pensoc che abbiano deciso di rinunciare a combattere (forse di rinviare) una battaglia che al momento ritengono di non essere in grado di affrontare.

Edited by EC2277
Link to comment
Share on other sites

Guest
This topic is now closed to further replies.
 Share


×
×
  • Create New...

Important Information

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Terms of Use.