Jump to content
News Ticker
Benvenuto su Autopareri!

Recommended Posts

Al Salone di Ginevra 2011 debutta "500 Coupé Zagato", il concept realizzato da una delle firme più note del design automobilistico mondiale, in collaborazione con il Centro Stile di Fiat Group Automobiles.

Ospitato presso lo stand Fiat, il prototipo è contraddistinto da linee sinuose ma decisamente sportive e contemporanee, che si ispirano all'omonima progenitrice realizzata negli anni 50 dal famoso carrozziere italiano sul telaio della 500. Ma se allora Zagato aveva completamente reinterpretato lo stile esterno del modello di base, oggi i designer hanno enfatizzato la silhouette della Fiat 500, già simile a un coupé, conferendole un'impronta ancora più aggressiva. Inoltre, la forma del tetto risulta unica con la caratteristica "doppia gobba", vero emblema di Zagato, che coniuga l'abbassamento della vettura al mantenimento di un'ottima abitabilità.

Come molte fuoriserie storiche, il concept propone la classica formula "2+2 posti" conservando le dimensioni contenute del modello di base: infatti, è lungo 355 centimetri, largo 163, alto 149 cm e con un passo di 230 centimetri. Automobile compatta, dunque, che "nasconde" sotto il cofano il rivoluzionario motore TwinAir in versione 105 CV che esalta al massimo il "fun to drive" di questa vettura assicurando, in perfetta coerenza con la filosofia del downsizing, ottime performance a fronte di una sensibile riduzione dei consumi ed emissioni. Per raggiungere questo obiettivo il propulsore adotta uno specifico "turbomatching" (accoppiamento motore-turbocompressore).

Il TwinAir da 105 CV, finora non impiegato su alcun modello del Gruppo, è quindi il motore ideale per equipaggiare vetture sportive di dimensioni compatte come dimostrano l'elevata coppia erogata (155 Nm a 2500 rpm) e l'assoluto primato in termini di potenza assoluta (105 CV a 5500 rpm). Inoltre, con un valore di 124 CV/Litro, questo propulsore si afferma come una delle migliori realizzazioni in termini di potenza specifica. Il tutto a fronte di consumi ridotti e livelli di emissione di CO2 senza eguali nel segmento: 95 g/km.

Pensata principalmente per un pubblico maschile giovane e dinamico, la "500 Coupé Zagato" soddisfa anche la clientela femminile grazie all'accurata ricerca di soluzioni stilistiche tratte dai più interessanti trend sui colori e materiali. Per esempio, la livrea del prototipo è Giallo Pop, una particolare tinta di carrozzeria tristrato con interferenze verso il bianco che mettono in risalto le linee della vettura conferendole un'immagine pop, divertente, carica di energia e di grande personalità.

La stessa impronta estetica si ritrova all'interno dove spiccano i sedili che prendono ispirazione dalla tradizionale selleria sportiva "a rombi" e il tessuto tecnico abbinato alla pelle scamosciata gialla e alla pelle naturale nera dei fasciami che le attribuiscono un look giovane e contemporaneo. L'aspetto decisamente sportivo si ritrova anche sul volante - anch'esso rivestito in pelle con impunture a contrasto in tono con le impugnature in scamosciato giallo - e sulla fascia della plancia che, abbinata alla tinta esterna, è stata trattata in "eco-chrome" brunito per uno stile più aggressivo. Infine, altro elemento tipico dei coupé, è il rivestimento del padiglione con tessuto tecnico scuro impreziosito da un filato "monobava" trasparente che gli dona una brillantezza delicata.

In perfetta sintonia con il suo carattere sportivo, "500 Coupé Zagato" presenta elementi esterni in cromo brunito, cerchi in lega da 17" in "chrome shadow" con un'inedita forma a razze sdoppiate e inserti in materiale sintetico (realizzati da APP-TECH), pneumatici 205/40 R17 e 4 dischi freni forati.

Automobile di grande appeal, dunque, il prototipo risulta coerente con la storia e la missione di Fiat: realizzare vetture contraddistinte da stile originale, tecnologia avanzata resa accessibile a tutti e soluzioni intelligenti che semplificano e migliorano la vita a bordo. Un esempio? Come sul modello di base anche sulla "500 Coupé Zagato" è presente il "my-port", la comoda porta multimediale posta sulla plancia che permette di collegarsi col mondo attraverso uno smartphone di ultima generazione abilitato sia all'accesso a internet sia alla navigazione satellitare.

Torino 1° marzo 2011

Debutta a Ginevra il concept “500 Coupé Zagato” - Comunicati Stampa - Fiat Group Automobiles Press

Edited by J-Gian
Link to comment
Share on other sites

  • Replies 99
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.
Note: Your post will require moderator approval before it will be visible.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

 Share

  • Similar Content

    • By AngeloUPugliis
      Buongiorno, ho avuto modo di testare la Tipo 1.3 da 95cv e 5 marce in versione 3 volumi. 
      Il posto guida è comodo per me che sono circa 1.70 e così lo spazio per i posti posteriori per chi sedeva alle mie spalle. Sedile imbottito il giusto e che ho solo trovato poco contenitivo nelle curve più disinvolte ( la tipo ha un bel comportamento su strada e ne parlerò tra poco ). Nessun problema durante i trasferimenti più lunghi. Volante comodo, forse un po’ troppo grande con comandi per la regolazione del cdb a mio avviso un po’ confusionari; ci si abitua con l’utilizzo ma possono distrarre. Tra le informazioni del cdb lodevole il Voltmetro e la temperatura olio motore, seppur non espressa in gradi, un po’ in stile Giulia. Radio u connect dab con sistema Bluetooth con una buona potenza sonora al pari di tante auto più blasonate, mi è piaciuta la resa acustica per essere un sistema non Premium. Sedile con regolazione in altezza manuale. Trovare la posizione di guida non è stato semplicissimo perché in alcune configurazioni ero troppo vicino al volante ( regolabile in altezza e profondità ) mentre in altre troppo lontano per premere la frizione. Ho trovato un compromesso accettabile a cui mi sono poi adattato. La leva del cambio ed i relativi innesti sono promossi entrambi. In ambito Fiat ho trovato il 6 marce della 500x 1.0t 120cv tra i migliori manuali mai provati ( secondo credo solo a quelli Honda ), ma questo 5 marce gli e’ abbastanza vicino, se non fosse per quel senso di “ vuoto “ che ho avvertito nel passaggio seconda/terza e nel mettere la retro. La visibilità esterna è molto buona, nonostante la mancanza dei sensori posteriori si percepisce facilmente la fine del posteriore ed i montanti non creano problemi neanche nelle svolte più strette. Le finiture degli interni sono votate al risparmio e ci sta tutto: è la classica auto razionale e per me va pure troppo bene per il suo ruolo di auto essenziale, perché ho visto e provato auto molto più costose che alla guida sono risultate più noiose ed assetate. Vani portaoggetti nelle portiere anteriori, uno davanti al cambio profondo per uno smartphone ed un portafogli, ed uno dietro il freno a mano profondo circa 30 cm e largo abbastanza da farci entrare 4 bottigliette d’acqua, che possono trovare spazio anche nel portabicchieri, posto tra il treno a mano ed il sedile passeggero. I cani sono in plastica rigida quindi è consigliato applicare un rivestimento in velcro per poggiare spiccioli o chiavi, altrimenti è un continuo ticchettio. Climatizzazione efficace che pecca solo in rumorosità già dalla 2 velocità della ventola. Distribuzione dell’aria mediante le bocchette anteriori che sono spartane ma ben solide. Alla guida sorprende per il rapporto tra spazio e prestazioni. L’auto e’ spaziosa per 4, con un bagagliaio grande e ben sfruttabile, ed il 1.3 mjet da 95cv va in crisi solo in 4 con bagagli, clima acceso e strade in forte salita, più che altro per la mancanza di coppia sotto i 2000 giri, poco avvertibile nell’uso tranquillo ma che si avverte nelle altre circostanze. Rimprovero a Fiat di non aver introdotto un 1.6 depotenziato a 110cv come via di mezzo tra i diesel da 95 e da 130cv. Il rumore del motore è poco avvertibile, segno che si sia lavorato veramente bene a livello di insonorizzazione, ed anche ad andature autostradali, 140 km/h di tachimetro ed oltre 3000 giri, non posso non evidenziare la mancanza di fruscii. I lamierati esterni della vettura in prova sono esenti da disaccoppiamenti, e le maniglie porta non in tinta, con questo colore della carrozzeria, le preferisco a quelle in tinta. Dispiace la mancanza del bracciolo posteriore e, non tanto la mancanza dei finestrini posteriori elettrici, optional, quanto delle tasche portaoggetti dietro i sedili anteriori. 
      In città si muove bene, frizione leggera, sterzo che con il tasto city diventa fin troppo piuma, e consumi mai sotto i 15 km/L. Difetta solo un po’ l’erogazione a cui ci si abitua ma che trovo in alcuni frangenti seghettata, cioè mentre parzializzo il gas avverto quasi un piccolo assestamento dell’ acceleratore. Assorbimento delle buche buono in rapporto al segmento, i dissuasori di velocità vengono filtrati egregiamente .Fuori città l’auto si guida benissimo. Cerchi da 16 con Continental EcoContact6 misura 205/55 r16 significa avere una gomma molto turistica con poco grip. L’auto, ciononostante, ha mostrato un comportamento dinamico a mio avviso superbo, con un avantreno molto reattivo ed un posteriore sovrasterzante già in rilascio, facilmente controllabile e con un esp neanche troppo invasivo. Lo sterzo è molto comunicativo e non da nessuna sensazione di galleggiamento. A mio avviso è un auto che con 4 gomme giuste ( Michelin pilot sport 4, Continental premiumContact6, Toyo Tr1 ) può giocarsela benissimo con auto dall’appeal più sportivo. Il cambio è ben rapportato e la marcia successiva “ cade “ sempre nel range giusto per non finire sotto coppia, purché si cambi ad almeno 2500 giri, questo se si viaggia in due con pochi bagagli, altrimenti leggere problema erogazione citato ad inizio post. In autostrada avrei giradito una sesta marcia perché l’auto inizia a mostrare un po’ di fiato corto dopo i 140 come è giusto che sia; credo che il 1.6 130cv a 130 consumi un pelino meno. 
      Visibilità notturna ok, con le lampade alogene il fascio di luce è sufficientemente valido per illuminare il manto stradale. Frenata ok con un feeling forse un po’ approssimativo, si passa da frenare poco a frenare con più decisione ma ci si abitua. 
      Conclusione: per meno di 20.000 euro di listino la Tipo 3 volumi è un ottima alternativa ad octavia che parte da listìni decisamente più alti. Si guida bene, è poliedrica. 




    • By Cole_90
      Ho letto su Worldscoop che la terza generazione di Doblò sarebbe prevista per inizi 2022 con produzione a Vigo.
       
      Confermate? 👀
       
       
    • By j
      Ecco la versione del Fiat Toro per i mercati del Centro e Sud America dove il marchio RAM è più forte a livello di mercato
       
       








×
×
  • Create New...

Important Information

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Terms of Use.