Jump to content
News Ticker
Benvenuti su Autopareri, il forum dell'Automobile!

Guest -jag-

Recommended Posts

Guest -jag-

JAGUAR 3.0-litre V6 Supercharged

jag13mypowertrain3lv6sc.jpg

Jaguar 2.0-litre I4 Turbo

jag13mypowertrain2lti12.jpg

JAGUAR AMPLIA LA SCELTA DELLE SUE MOTORIZZAZIONI

CON DUE NUOVI MOTORI A BENZINA

  • Jaguar presenta due nuovi motori a benzina che si aggiungono alla gamma MY 2013; il nuovo 3.0 litri V6 Sovralimentato ed il 2.0 litri I4, quattro cilindri Turbo, entrambi a benzina. La loro introduzione amplierà la scelta del cliente nei principali mercati mondiali.
  • Le tecnologie di sovralimentazione e di turbocompressione utilizzate nei nuovi motori offrono in modo altamente efficiente potenza e coppia.
  • La versione 3.0 litri V6 Sovralimentata (3.0 V6 S/C) si basa sulle principali tecnologie utilizzate da Jaguar nell'affermato motore 5.0 litri V8 e ha prestazioni specifiche significativamente più elevate rispetto alla versione di quel motore aspirato
  • Il motore 3.0 V6 S/C sarà disponibile in due versioni: 380Cv/460Nm e 340Cv/450Nm
  • Nella versione da 380 Cv, il 3.0 litri V6 S/C eroga quasi 127 Cv per litro, il rendimento specifico più alto di qualsiasi altro motore Jaguar
  • Il motore 3.0 V6 S/C 380 Cv sarà disponibile solo nella prossima, nuova vettura sportiva Jaguar, la F-Type, mentre la versione da 340 Cv sarà disponibile anche nei modelli XF e XJ
  • Il motore 2.0 litri I4 Ti, eroga 240 Cv e 340 Nm, offrendo prestazioni superiori rispetto all'attuale motore Jaguar aspirato AJ-V6, ma con quattro cilindri.
  • Il 2.0 litri I4 Ti 240 sostituirà il motore 3.0 litri AJ-V6 aspirato, a benzina, nelle berline XF e XJ.
  • Entrambi i motori erogano la loro potenza grazie al cambio automatico ad otto rapporti.
  • Il motore 3.0 V6 S/C sarà disponibile con il sistema intelligente Jaguar Stop/Start.

Introduzione

Jaguar amplia la propria offerta nei principali mercati mondiali, introducendo due nuove unità a benzina alla sua gamma per migliorare la scelta del cliente; il motore 3.0 litri V6 sovralimentato ed il 2.0 litri I4 Turbo, entrambi a benzina.

Adrian Hallmark, Global Brand Director Jaguar, ha detto: "Jaguar ha, attualmente, la sua più forte gamma di prodotti da diversi decenni. La nostra continua crescita dipende da due fattori; attivare la consapevolezza del marchio e ampliare la nostra gamma per consentirci di arrivare a nuovi clienti nei mercati attuali ed in quelli emergenti. L'introduzione di questi due nuovi motori a benzina ad induzione forzata è parte integrante di questo ambizioso progetto."

Il motore 3.0 V6 S/C a benzina è stato sviluppato dall'esperto team Powertrain di Jaguar sulla base dell'attuale, affermato motore 5.0 litri V8 – il motore in lega che ha ricevuto consensi da tutto il mondo nelle sue applicazioni dalle berline a passo lungo sino alle convertibili da 300 km/h. Il motore 3.0 V6 S/C condivide molte delle tecnologie chiave del V8 ad iniezione diretta, a fasatura variabile e la costruzione in alluminio, offrendo livelli di raffinatezza e guidabilità comparabili alla versione aspirata del motore V8, ma con una maggiore potenza specifica ed efficienza grazie alla tecnologia della sovralimentazione.

Nella versione da 340CV/450Nm, il motore 3.0 V6 S/C offre prestazioni fluide, senza soluzione di continuità, ideali per una berlina Jaguar, mentre la versione da 380Cv/460Nm offre quelle emozioni e quei brividi che ci si aspetterebbe dalla F-Type, la prossima imminente nuova vettura sportiva Jaguar. In entrambe le versioni, il motore 3.0 V6 S/C offre livelli di prestazioni corrispondenti a motori molto più grandi, mantenendo consumi ed emissioni ridotte.

Il motore a benzina turbo I4 2.0 litri utilizza una serie di tecnologie allo stato dell'arte per l'erogazione della potenza che tradiscono le sue dimensioni, e verrà installato su XF e XJ con un in orientamento nord-sud. Eroga 240 Cv e 340 Nm grazie all'utilizzo di tre principali innovazioni; Il turbocompressore ad inerzia ridotta, l'iniezione diretta e la fasatura variabile degli alberi a camme d'aspirazione e di scarico.

Ron Lee, Group Chief Engineer Powertrain Jaguar, dice: "Sia il motore 3.0 V6 S/C, sia il 2.0 I4 Ti fanno un uso intelligente della tecnologia ad induzione forzata per erogare una potenza d'uscita specifica in modo altamente efficiente, offrendo, allo stesso tempo, l'irresistibile combinazione di flessibilità, raffinatezza e appagamento del guidatore che sono attributi integranti di tutti i motori Jaguar."

Entrambi i motori saranno equipaggiati con il cambio automatico ad otto rapporti, introdotto sui modelli Jaguar 2012, che offre un'ampiezza di rapporti per una combinazione perfettamente equilibrata tra cambi marcia lisci, riduzione dei consumi e controllo del guidatore. Il 3.0 V6 S/C sarà disponibile anche con sistema intelligente Jaguar Stop/Start.

3.0 litri V6 SOVRALIMENTATO A BENZINA (3.0 V6 S/C)

Jaguar si è affermata come leader nel campo della tecnologia della sovralimentazione ad induzione per ricavare la massima efficienza dai propri propulsori. Attualmente, la sovralimentazione è utilizzata alla sua massima efficacia nella XKR-S che eroga 550 Cv e 680 Nm con il motore 5.0 litri V8.

È la stessa architettura di questo motore che costituisce la base per il nuovo 3.0 litri V6 S/C di Jaguar e che favorisce una potenza specifica più elevata rispetto anche alla sorprendente XKR-S. Il motore sarà presentato in due versioni, secondo la sua applicazione; la versione 380Cv/460Nm verrà utilizzata esclusivamente nella futuro vettura sportiva Jaguar F-Type, mentre la versione 340Cv/450Nm si aggiungerà alla gamma delle motorizzazioni delle berline XF e XJ.

Il nuovo V6 quadrialbero condivide la sua costruzione interamente in alluminio con il V8, con il blocco pressofuso leggero completato con i cappellotti dei cuscinetti principali imbullonati a croce per aumentare la rigidità e, quindi, la raffinatezza. Le testate con quattro valvole per cilindro sono costruite in alluminio riciclato.

Le stesse valvole sono soggette al controllo da parte di un sistema di fasatura variabile indipendente (DIVCT) che viene attivato dalle coppie positive e negative generate dal movimento delle valvole d'aspirazione e scarico. Questo sistema di fasatura variabile opera con rapporti d'attivazione di più di 150 gradi il secondo per tutta la gamma dei giri, al fine di ottimizzare la potenza, coppia ed economia a tutte le velocità del motore.

Questa erogazione della potenza così reattiva e senza interruzioni è resa possibile attraverso l'uso di un'iniezione diretta spray-guided (SGDI) che eroga quantità di carburante esattamente misurate direttamente nel centro delle camere di combustione con pressioni fino a 150 bar. Il carburante è immesso più volte nel corso d'ogni ciclo di combustione, creando una miscela aria-carburante più omogenea per una combustione più pulita e più efficiente.

Questo sistema è coadiuvato da un'innovazione apportata al motore al fine di massimizzare l'efficienza di combustione; candele d'accensione precisamente orientate sia in relazione all'iniettore e sia all'interno della camera di combustione. Il rapporto di compressione è portato da 9.5 nel V8 sovralimentato a 10.5:1, migliorando ulteriormente il risparmio di carburante e la riduzione delle emissioni.

Montato nella «V» del motore, l'ultima generazione del compressore volumetrico tipo Roots a doppio rotore, il cui utilizzo è fondamentale per la a potenza specifica e l'efficienza del motore 3.0 V6 S/C. Più compatto rispetto al modello utilizzato sul V8, un intercooler raffreddato ad acqua riduce la temperatura dell'aria d'aspirazione per ottimizzare la potenza e l'efficienza. Nuovo per il 3.0 V6 S/C è anche il controllo di spinta del compressore controllato elettronicamente dal nuovo software di gestione motore Bosch, che offre guadagni d'efficienza fino al 20 per cento.

L'integrità ingegneristica intrinseca della progettazione del 3.0 V6 S/C ha fatto sì che non fosse necessaria alcuna modifica all'hardware o alle apparecchiature ausiliarie per ottenere ulteriore potenza e coppia della versione maggiorata che equipaggerà la F-Type. In questa versione, il 3.0 V6 S/C eroga la più grande potenza specifica di qualsiasi altro motore Jaguar prodotto fino ad oggi, 127 Cv/litro. Questo risultato è stato ottenuto grazie alla ricalibrazione della valvola bypass e della farfalla del compressore volumetrico al fine di aumentare la spinta senza impattare i livelli delle emissioni.

Nel creare il nuovo 3.0 V6 S/C, gli ingegneri Jaguar hanno messo a punto un innovativo sistema di bilanciamento dei pesi controrotanti anteriore e posteriore che offrono le stesse caratteristiche di scorrevolezza e raffinatezza del V8.

La trasmissione automatica Jaguar ad otto marce, perfezionata dai tecnici ZF, completa il powertrain del 3.0 V6 S/C. L'ampiezza dei rapporti di questo cambio consentono che la prodigiosa potenza del motore sia pienamente sfruttata pur ottimizzando i consumi e le emissioni. L'efficienza è anche incrementata dalla compatibilità del motore con il sistema intelligente Jaguar Stop/Start, che riduce il consumo di carburante da fino al sette per cento nel ciclo combinato EU. Utilizzando uno starter a doppio solenoide, il sistema è in grado di riavviare il motore in meno tempo di quanto impieghi il piede del guidatore nel passare dal freno all'acceleratore, ed è in grado di rialimentare rIfornendo rapidamente i cilindri.

Nella XF il motore 3.0 V6 S/C andrà a sostituire la versione 5.0 litri V8 aspirato in tutti i mercati nel 2013. Nella XJ, il 3.0 V6 S/C sostituirà la versione 5.0 litri V8 aspirato nella maggior parte dei mercati per il 2013.

2.0 litri I4 TI 240 TURBOCOMPRESSO A BENZINA

L'introduzione del 2.0 litri I4 Ti 240 nella gamma delle berline Jaguar XF e XJ è una risposta chiave alle sempre crescenti richieste della legislazione e dei clienti. Il motore 2.0 I4 Ti 240 utilizzato nella XF e nella XJ è orientato in una configurazione nord-sud ed è accoppiato alla stessa trasmissione automatica ad otto rapporti della 3.0 V6 S/C. Ancora una volta, l'ampiezza dei rapporti di questo cambio ottimizza sia le prestazioni sia l'efficienza.

Erogando 240 Cv a 5.500 g/minuto (con una potenza specifica di 120 Cv per litro) e 340 Nm di coppia tra i 1.800 e 4 000 giri/min, il motore 2.0 I4 Ti 240 offre una distribuzione della potenza flessibile, e con un peso di 138 kg, grazie alle sue dimensioni compatte ed alla costruzione interamente in alluminio, è anche il più leggero motore mai prodotto da Jaguar. La sua piccola massa favorisce l'agilità dinamica, portando, naturalmente, ulteriori vantaggi per la riduzione delle emissioni e la riduzione dei consumi.

Il 2.0 I4 Ti 240 è un motore che mantiene tutte le qualità Jaguar, ma con un'efficienza di gran lunga maggiore rispetto ad un motore multicilindrico che avrebbe richiesto una cilindrata più grande per produrre simili livelli di potenza. Ad esempio, il picco della coppia del 2.0 I4 Ti 240 supera quella del 3.2 litri V8 Jaguar aspirato di appena dieci anni fa.

Nonostante la sua ridotta cilindrata, il 2.0 I4 Ti 240 utilizza un turbocompressore a bassa inerzia che gli consente di erogare la sua potenza specifica e la coppia. Il turbocompressore del 2.0 I4 Ti 240 è alimentato tramite un collettore di scarico leggero, a parete sottile, che consente un warm-up motore in un tempo più breve, abbassando ulteriormente le emissioni.

Al fine di fornire le caratteristiche d'usabilità muscolare richieste, la fasatura variabile è applicata alle valvole d'aspirazione e di scarico per massimizzare l'ampiezza della coppia, le prestazioni in basso e l'eccezionale guidabilità.

Progettato fin dall'inizio con l'obiettivo di ottenere una maggiore efficienza, il motore utilizza degli speciali rivestimenti sui pistoni e le punterie al fine di ridurre l'attrito interno. Questo stesso scopo ha portato all'adozione della tecnologia dell'iniezione diretta controllata in maniera molto precisa. Il carburante viene iniettato in dosi precisamente misurate diverse volte durante ogni ciclo di combustione per assicurare la bruciatura più efficiente possibile, con il massimo beneficio in termini di generazione di potenza e il più basso consumo di carburante e riduzione delle emissioni.

I livelli di raffinatezza Jaguar sono garantiti dai supporti del motore attivi, da una copertura e dall'uso di schiuma ad alta densità fonoassorbente.

L'introduzione del motore 2.0 I4 Ti 240 sarà la chiave per soddisfare la domanda dei clienti nei mercati globali che attualmente acquistano la XF e la XJ con l'attuale motore aspirato Jaguar 3.0 litri AJV6. Il motore 2.0 I4 Ti 240 sostituirà quest'unità.

SPECIFICHE TECNICHE

3.0 litri V6 340 Cv Sovralimentato a benzina

Tipo di motore: V6, benzina, sovralimentato

Cilindrata (cc): 2,995

Alesaggio/corsa (mm): 84.5/89

Potenza massimao (PS@rpm): 340@6,500

Coppia massima (ft@rpm Nm/lb): 450/332@1,800-4,000rpm

0-60 mph (secs): 5.7 (in XF e XJ) *

Velocità massima: 155 mph (autolimitata nel XF e XJ) *

3.0 litri V6 380 Cv sovralimentato a benzina (F-TYPE)

Tipo di motore: V6, benzina, sovralimentato

Cilindrata (cc): 2,995

Alesaggio/corsa (mm): 84.5/89

Potenza massima (PS@rpm): 380@6,500

Coppia massima (ft@rpm Nm/lb): 460/339@1,800-4,000rpm

Velocità massima: dato non ancora disponibile

2.0 I4 240 Cv Turbo a benzina

Tipo di motore: benzina a quattro cilindri, in linea, Turbo

Cilindrata (cc): 1999

Alesaggio/corsa (mm): 87.5/83.1

Potenza massima (PS@rpm): 240@5500

Coppia massima (Nm/lb ft@rpm): 340/251@1800 - 4000

0-60 mph (secs): 7.5 (in XF e XJ) *

Velocità massima: 150 mph (in XF e XJ) *

* Stime del produttore. Tutti i dati corretti al momento di andare in stampa.

Note

I motori 3.0 V6 S/C 340/380 e 2.0 I4 Ti 240 si aggiungono alla gamma dei motori Jaguar attualmente esistenti che comprendono: 5.0 litri V8 aspirato, 5.0 litri V8 sovralimentato, 2.2 litri I4 Td (turbo-diesel), 3.0 litri V6 Td (twin-turbo diesel).

Il 2.0 I4 Ti 240 sarà disponibile su XF in Europa, Nord America, Cina e altri mercati mondiali selezionati.

Il 2.0 I4 Ti 240 sarà disponibile su XJ nel Regno Unito, Europa, Cina e altri mercati mondiali selezionati.

Il 3.0 V6 S/C 340 sarà disponibile su XF e XJ nel Regno Unito, Europa, Nord America, Cina e altri mercati mondiali selezionati.

Via | Jaguar Italia

Link to post
Share on other sites

Sono sempre più fan di JLR e della proprietà che sta investendo in modo mirato ed eccezionale.. Fralaltro rispettando sempre le tempistiche! :-)

Il 2.0 potrebbe essere molto interessante su XF ed il 3.0 di certo sarà ampiamente utilizzato anche sui Range..

Sono curioso di scoprire i consumi su strada soprattutto del 2.0 rispetto al 3.0 (uscente) che va a sostituire. :-)

Link to post
Share on other sites
Guest -jag-

Si il 2.0 I4 Turbocharged viene introdotto, sostituendo di fatto il 3.0 V6 aspirato, proprio per richiesta specifica dei clienti che desiderano cilindrata minore così come costi e consumi, è il mercato che lo chiede a gran voce. E' molto leggero, pesa solo 138Kg, tutto in alluminio ed ha un nuovo turbcompressore più efficiente che permette migliori performance ma anche minor consumi. Qui potete altre immagini:

jag13mypowertrain2ltiva.jpg

jag13mypowertrain2ltitu.jpg

jag13mypowertrain2ltipi.jpg

Link to post
Share on other sites
Guest -jag-
E' lui. Identico al Ford-Volvo con il corpo unico chiocciola turbocompressore e collettori scarico. Bel motore.

E' l'ecoboost, si. Praticamente già presente su Range Rover Evoque, uniche differenze qui sono alcune finezze adottate da Jaguar ma in buona sostanza è lo stesso.

Link to post
Share on other sites
  • 4 weeks later...

Sottolineo che il V6 deriva strettamente dal V8, penso che possano essere addirittura costruiti sulla medesima linea produttiva!

[sIGPIC][/sIGPIC]

Il mio sito "Gruppo Hainz": http://www.gruppohainz.it - I miei articoli su Automotivespace http://www.automotivespace.it/author/enzo/ - E quando ci sarà il nuovo sito di Autopareri anche su http://www.autopareri.com - I video del salone di Ginevra 2012 http://www.youtube.com/playlist?list=PL7CA738888644DB9

Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.
Note: Your post will require moderator approval before it will be visible.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

  • Similar Content

    • By makluf95
      Dopo 5 anni ed 80000 km, come raccontato qui:
       
       
      la Peugeot 206 in mio possesso, presa usata di 10 anni con 120 mila km già percorsi iniziava definitivamente a cedere. Fumate bianche, temperatura alle stelle in salita, retrotreno, avantreno talmente rovinati da far sembrare una buca una bomba atomica, il tutto condito da una carrozzeria vissuta la rendevano una macchina si marciante, ma per nulla sicura, e con lo spettro dell’ennesimo guasto che si vedeva sempre più dietro l’angolo.
      Una ricerca, iniziata senza fretta particolare, poi accelerata lievemente dagli ultimi sintomi mi hanno portato a bologna, per vedere e poi acquistare una Ford Fiesta 1.0 100 cv ecoboost titanium individual 5 porte
      L’ automobile, usata di 7 anni (marzo 2013) e con 100000 km sopra mi è apparsa subito veramente ben tenuta, sempre tagliandata in Ford, l’ultimo a maggio 2020 è stata, a detta del precedente proprietario sempre tenuta in garage (e penso, vedendola sia la verità).
       
      ESTERNI:
       
      Esteticamente, essendo la versione restyling, presenta il tipico frontale con la "boccona" in stile Aston Martin delle ultime Ford. Il colore è copper pulse metallizzato, che varia dall’ arancione al bronzo in base alla luce, donando comunque una bella estetica. Numerose sono le cromature che impreziosiscono la linea
      Ho sempre apprezzato Fiesta come modello, e questa ha subito attirato la mia attenzione, complici anche i cerchi in lega da 16 montati di serie
      La versione Individial, basata su Fiesta Titanium la arricchisce nello stile che in questa versione, 5 porte più elegante che sportiva, con i cerchi in lega da 16 pollici multirazza.
       
      INTERNI:
       
      In questa versione gli interni sono un misto tra pelle e tessuto, che dà subito una impressione di qualità. La pelle è nera e non traspirante, un problema in queste giornate estive, ho già bruciato una gamba sedendomi l’altro giorno.
      I sedili sono poi ben profilati, e trattengono a dovere nelle curve, optional non comune montato sono i sedili riscaldati, che verranno testati in inverno, ma potrebbero tornare utili. è presente inoltre un bracciolo portaoggetti, per me troppo arretrato per appoggiarvi il braccio, ma comodo per riporre oggetti da nascondere all’ occhio.
      I sedili posteriori riprendono il rivestimento degli anteriori. Due persone, come sempre siedono comode, una terza potrebbe aggiungersi senza stare eccessivamente scomoda grazie al tunnel centrale non ingombrante. Comoda la presa 12v alla quale si può collegare un caricabatterie usb da auto.
      4 sono i finestrini elettrici, che si possono abbassare e rialzare completamente ad auto spenta schiacciando sul telecomando, una comoda funzione nel caso in cui si voglia areare l’auto oppure ci si sia dimenticati un finestrino abbassato.
      Passando al cruscotto, sono presenti clima automatico, autoradio con lettore cd, presa usb ed aux e sync, con il quale è possibile telefonare, ascoltare musica anche da spotify (purtroppo senza possibilità di leggere i titoli delle canzoni) comandando tutto dai comandi al volante o comandi vocali (ancora non testati)
      Lo schermo si presenta monocromatico (color blu) e semplice. Fornisce comunque tutte le informazioni necessarie, su autoradio, climatizzatore ed altre funzioni, pur non essendo per me più di tanto necessario, preferendo l’utilizzo del mio smartphone su supporto apposito per visualizzare il navigatore, musica di spotify e rubrica telefonica. La potenza dell’impianto è comunque degna di nota, il suono è pulito ed i bassi ben riprodotti e non si perde di qualità quando si alza il volume.
      Il quadro strumenti è completo, sono presenti contagiri, indicatore carburante e contachilometri a lancetta, il piccolo schermo digitale riporta la temperatura dell' acqua ed il trip computer che mostra autonomia, velocità medio, consumo istantaneo e medio e contachilometri parziale.
      Poco sotto la radio sono presenti i pulsanti di blocco portiere e 4 frecce, piccoli e non sempre facili da notare, ma facili da raggiungere.
      Dietro la leva del cambio è presente una piccola tasca portaoggetti e due porta lattine, uno verrà impiegato da un cestino portarifiuti appena acquistato
      Il parabrezza presenta diverse chicche, una è lo sbrinamento rapido, assicurato da delle resistenze termiche poste su tutta la superficie, che in inverno mi sarà di grande aiuto, l’altra è l’active city brake, radar anticollisione da città, che si attiva sotto i 30km/h (urge quindi al prossimo rinnovo la polizza cristalli, che non era possibile aggiungere all' acquisto avendo trasferito la polizza della 206 (alla quale ho comunque aggiunto kasko collisione, infortuni conducente e furto/incendio)
      Il bagagliaio, con i suoi 295 litri permette un carico più che buono, per il mio utilizzo è pienamente sufficiente e molto spazio resta ancora utilizzabile, ma presenta una soglia di carico alta ed i sedili posteriori, quando ribaltati, non restano a filo, creando uno scalino fastidioso.
       
      SU STRADA:
       
      Veniamo al motore: al momento di questa prova sono stati percorsi pressoché tutti i percorsi possibili ed immaginabili: autostrada, superstrada, provinciali e città. Il motore è un tricilindrico mille benzina, e coglie l’occasione per ricordarmelo quando al minimo si avvertono vibrazioni, che però si attenuano appena si inizia a muovere l’auto. L’ ottimo lavoro di insonorizzazione, con doppie guarnizioni sulle portiere e pannelli fonoassorbenti lo rendono in movimento quasi muto, solo in accelerazione si inizia a sentirne la voce, ma comunque con un sound gradevole.
      Vivo tra due città, una in provincia, l’altro capoluogo di regione, che però condividono uno stato pietoso delle strade. L’ auto si è dimostrata, grazie alle sue sospensioni, in grado di assorbire le imperfezioni trasmettendo qualche minima vibrazione comunque nella norma. Anche su i sampietrini su muove agevolmente, mentre la cara vecchia Peugeot ormai stava diventando Beirut sotto bombardamento ad ogni buca che prendeva.
      Uno dei fattori che più apprezzo è lo sterzo, leggerissimo, che permette di fare manovre con facilità, specie nei parcheggi, dove i sensori dI parcheggio aiutano ulteriormente a non rovinare la fragile carrozzeria completamente verniciata, escludendo un fascione posteriore
      Per quanto riguarda le strade provinciali, è stata provata su un percorso di 50 km tra andata e ritorno, in una strada con diversi saliscendi. Date le curve strette e ripide ho dovuto più volte scalare di marcia, ma ogni volta la risposta del motore in accelerazione era pronta e scattante, permettendo anche dei rapidi sorpassi in sicurezza.
      Su superstrada ed autostrada si apprezza ancora di più il motore. A velocità stabile ed in quinta marcia il motore gira fluidamente e silenziosamente, e la velocità è facile da mantenere con un filo di gas. Qui però avrei apprezzato, al posto di optional come l’avviamento keyless, la presenza del cruise control (che però sembra essere montabile aftermarket, valuterò se installarlo.
      Buono l’impianto frenante e, come già detto apprezzabile la leggerezza e precisione dello sterzo, che permette una guida sicura anche con una guida più sportiva.
       
      Cosa mi piace dell’auto? 
       
      Innanzitutto l’estetica: Essendo la mia vera prima auto, da me scelta e pagata e che verrà utilizzata esclusivamente da me doveva necessariamente essere una macchina che ogni volta che la si guardava e guidava mi rassicurasse di aver speso bene i miei soldi. Avrei potuto, con lo stesso budget, acquistare auto più funzionali ed economiche da gestire, ma le auto elettrodomestico sono una tipologia di automobile che al momento non voglio considerare, il fattore emotivo da giovane che sono ancora deve avere la meglio.
      Secondo: il motore: Ford da anni vince grazie all’ Ecoboost montato da questa Fiesta premi per il motore dell’anno, e a ragione. Il motore su fiesta è perfetto, permette una guida fluida dalla città all’autostrada, non ha rumorosità eccesiva (e questo, dopo 5 anni con un diesel di inizio anni 2000 è molto importante, i miei timpani stavano per cedere) e restituisce sempre una risposta decisa ad ogni colpo di acceleratore
      il consumo al momento (da trip computer è di 6.4l/100 km, ho ad oggi percorso 400 km, prevalentemente tra statali ed autostrada. L'uso standard prevederà principalmente strade statali ed è quindi destinato ad abbassarsi ulteriormente, ma sarà comunque distante dai 20km/ fissi della mia vecchia peugeot che faceva a prescindere da come la si usava.
      Terzo: tante piccole chicche, come l’aletta parasole che è veramente parasole, abbassata del tutto finisce per coprire anche la visuale sulla strada, basta quindi regolarla a dovere per guidare senza accecarsi, il poter comandare i 4 finestrini dalla chiave, l’avere un sistema multimediale che ha tutto quello che cerco io e di ottima qualità del suono
       
      Cpsa si potrebbe miigliorare, ma posso conviverci: 
       
      Gli optional: La versione individual era ai tempi il top del top di gamma: e lo si vede dagli interni in materiale pregiato e dai numerosi altri accessori. Molti di questi mi sembrano però dare solo un effetto “wow” invece che una reale utilità. Avrei volentieri barattato l’accensione con pulsante (girare una chiave non ha mai ammazzato nessuno) e l’illuminazione soffusa con un Cruise control presente di serie.
      Per il resto la dotazione è invidiabile, molte sono difficilmente reperibili anche su segmenti superiori attuali e forniscono, come il parabrezza termico ed i sedili riscaldabili un aiuto concreto nella guida. Va però notato che molti di questi sono optional aggiunti a pagamento, su di una macchina che di listino sforava i 17000 euro era assente di serie il ruotino di scorta e questo non è normale a mio avviso.
       
      Cosa non mi è piaciuto:
       
      I pochi portaoggetti: Assenti nei sedili posteriori, dove sono presenti solo delle tasche del retro del sedile (poco male, raramente carico persone nei sedili posteriori) all’ anteriore si hanno due tasche abbastanza ampiE nelle portiere, che ho già riempito con accessori per l’auto, nella parte centrale sento però la mancanza di uno "svuotatasche", che avevo sulla Peugeot. Se riesco a riporre il telefono nella tasca della presa aux, per il portafogli invece mi ritrovo a doverlo mettere nella porta lattine, togliendo spazio alla sua funzione
      designata. Il piccolo vano sotto ai comandi del climatizzatore si riempie già con un cavo usb che uso per caricare il telefono ed ha una forma irregolare che non permette nemmeno L’ ingresso del telefono.
      il cassetto portaoggetti inoltre si riempe già con i soli manuali di uso e manutenzione e blocchetto dei documenti per la circolazione.
      Sono inoltre assenti le “maniglie della suocera” una cosa che sta sparendo dalle auto moderne, senza senso secondo me, dato il costo irrisorio lo avrei preferito su di una versione così accessoriata.
       
      Per il resto, ho già pronto il set di gomme invernali, grazie ad una combinazione di buoni affari ho preso a 120 euro 4 falken eurowinter hs01 prodotte nel 2019 e con 4000 km
      il chilometraggio è plausibile, essendo state montate ad ottobre 2019, che sono praticamente nuove, compresi i 20 euro di montaggio, ed i 40 euro pagati per un set di cerchi in acciaio da 15, completi di copricerchi pagherò 180 euro il set completo.
      Le gomme estive montate ora sono ancora in buone condizioni, e almeno per questa stagione reggeranno senza problemi. Ho poi acquistato e già montato un supporto per smartphone,  per utilizzare il telefono come navigatore ed altre funzioni android auto, mentre devono ancora arrivare un cestino portarifiuti da mettere nel portalattine ed un caricabatterie da auto usb per ricaricare lo smartphone in maniera rapida.
       
      Tra i futuri acquisti ho in mente un kit di tappetini invernali, per non danneggiare i belli ma delicati tappetini in velluto, ma è un acquisto che può aspettare.
       
      In sintesi: cercavo una macchina sfiziosa, che mi facesse girare ogni volta che la parcheggiavo, ben accessoriata e tenuta da un precedente proprietario abbastanza scrupoloso da mantenerla in forma, e con un motore brioso. Con questa Ford sento di avere fatto bingo. L' aver scelto un turbobenzina anzichè un diesel, come avevo inizialmente considerato, si è dimostrata una valida scelta, che pagherò in maggiori consumi ma minori costi di gestione.
       
      Ed ora, una piccola galleria fotografica. 
       
       
       
       
       







    • By Beckervdo
      Saranno presentate al Salone dell'Auto di Amsterdam le nuove Ford Fiesta e Ford Focus EcoBoost Hybrid. Le due vetture saranno disponibili sul mercato alla fine del 2019.
      Il motore è il 3 cilindri 1.0 Ecoboost a cui è abbinato un sistema moto-generatore (al posto di alternatore e motorino di avviamento) che ricarica una batteria gli ioni di litio con una tensione operativa di 48V. 
      In questo modo è stato possibile adottare un turbocompressore più grande, poiché per il "lag" interviene la spinta del moto-generatore.
       
      Ford dichiara un consumo medio di 4.9 litri / 100 km ed emissioni di 112 g/km per la Fiesta EcoBoost Hybrid e 4.7 litri / 100 km ed emissioni di 107 g/km di CO2 per la Focus EcoBoost Hybrid.


       
      Cartella stampa
       
       
       
      Via Ford Europe






×
×
  • Create New...

Important Information

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Terms of Use.