Jump to content
News Ticker
Benvenuto su Autopareri!

La transizione ecologica ed il futuro della mobilità


Recommended Posts

Guest EC2277

Quando ho aperto questo post,credevo di sviscerare nuove idee,di sfruttare ,in modo alternativo,nuovi modi di spostarsi,sfruttando tutte le varie forme di energia.

Sai com'è, dopo 3'000 e passa anni nei l'uomo ha cercato di risolvere le problematiche inerenti al traffico urbano è difficile trovare nuove idee…

Edited by EC2277
Link to comment
Share on other sites

..io !!

Sappiamo allora a chi far pagare TUTTA la linea 3 :§

son d'accordo. Ad ogni modo una (od anche più di una per le medio-grandi città) linea di circonvallazione esterna rapida e frequente aiuta quasi quanto le ramificazioni. A volte si preferisce prendere la macchina per fare pochi chilometri nella zona di circonvallazione, e giustamente visto che per arrivarci con i mezzi pubblici si dovrebbe passare dal centro.

Una circonvallazione fatta in auto non è un problema.

Quello che si dovrebbe evitare, è che N mila persone vadano ogni giorno dalla periferia al centro (dove hanno sede la maggior parte dei servizi) e viceversa la sera...

E con i mezzi pubblici zonizzati non lo fai...

,stiamo adottando in questi paesi diverse metotologie,tra cui nuove forme di mobilità..

Che sarebbero? :)

Non mi pare che nessun in questo 3D si sia rinchiuso in posizioni da Ancien Regime.

Anzi, sono tutte persone pragmatiche e disposte ad ascoltare idee, anche nuove, che possano risolvere i problemi.

Ma devono essere attuabili. Ovvero ponderate, con uno scopo, con tempistiche di attuazione e con una corretta gestione dei problemi.

Sennò non sono obiettivi, sono solo "affermazioni di intenti". Nobili, ma vanno giusto bene per uno slogan di partito.

Si è partiti con il veicolo elettrico. Va bene, ha i suoi vantaggi. Ma anche i suoi contro. Che vanno gestiti e non si può far finta che non esistono perchè sennò "si è contro il progresso"

Edited by TonyH

[sIGPIC][/sIGPIC]

Some critics have complained that the 4C lacks luxury. To me, complaining about lack of luxury in a sports car is akin to complaining that a supermodel lacks a mustache.

Link to comment
Share on other sites

posto qui una cosa che volevo scrivere nel mio "quale bici da città" ma che è diventato molto più inerente qui:

Penso che spenderò tutti i miei risparmi, che avevo destinato a lavori di carrozzeria per l'auto, per comprare questa:

dahon-cadenza-xl-29b8b.jpg

che è una 26" con cambio Alfine 8 velocità nel mozzo (quasi il top, perché il top è l'Alfine 11 velocità), da corredare con copricatena, luci e portapacchi posteriore. In più si piega e quindi posso andare sulla metro ad ogni ora di ogni giorno* senza pagare sovrapprezzo.

Per ora il prezzo più basso che ho trovato è 660 spedizione inclusa. Che è una FUCILATA IN MEZZO AGLI OCCHI. Però, facendo due conti, solo di benzina è una spesa che ammortizzo in 3 mesi.

Il problema è che io difficilmente parto da casa e arrivo a lavoro "fisso" tutti i giorni, sono un po' uno zingaro. In alcuni mesi, prima di andare a lavoro devo passare dal centro di milano, 2 volte la settimana: ad oggi faccio tutto in auto, ma significa alzarmi alle 4.45 per evitare il traffico abominevole di un percorso di circa 13 km e arrivare in tempo per trovare parcheggio senza girare a vuoto... cosa che potrei risolvere così:

Casa -> Centro Milano: bici per 2 km + 13 fermate di metro = 50 minuti

Centro Milano - > Lavoro: 14 fermate di metro + 5 km bici = 1 ora e 10 abbondanti... o 6 + 10 fermate metro + 500m bici totale 60 minuti contando i cambi...

Se parto da casa della mia ragazza (cerchia esterna milano) -> Lavoro : 20 fermate metro + 5 km bici = 1 ora 10 minuti.

Lavoro -> Casa: bici per 12 km = 45 minuti circa ( per non pezzare :lol: )

Attualmente per gli stessi percorso ci metto tempi analoghi in auto, o solo lievemente inferiori (15 minuti... poi bisogna trovar parcheggio però!) con ovviamente mooolto più stress e spesa.

L'abbonamento ANNUALE a milano + hinterland "area piccola" con inclusa rete ferroviaria delle nord, costa 470 euro che pagherei "rateizzato" sulla busta paga.

Io ad oggi spendo 70 euro circa di benzina a settimana che per 52 settimane lavorative fa la bellezza di: 3640 euro (non conto gli extra tipo weekend e viaggi estivi)

Se riuscissi ad usare il misto bici + metrò per 15 settimane lavorative all'anno, rientrerei nella spesa il primo anno, ovvero dall'acquisto di quel costosissimo modello di bici. Dall'anno successivo mi basterebbero 6 settimane lavorative all'anno. Questo calcolo considerando che:

1. Il prezzo della benzina non salga

2. La manutenzione della bici costi quanto quella dell'auto...

Quindi penso che almeno per me il futuro della mobilità sarà questo.

*l'ATM (Azienda Trasporti Milanesi) dice che se hai una bici non pieghevole la puoi portare in metro solo dall'inizio del servizio alle 7 del mattino e dalle 20 fino a fine servizio. Assolutamente inutile quindi una bici non pieghevole.

Edited by jeby

Mazda MX-5 20th anniversary "barbone edition" - Tutto quello che scrivo è IMHO

k21x8z.png

Link to comment
Share on other sites

ammazza se costano quelle pieghevoli...non si trovano usate?

cmq, è un'ottima idea, e mi sa che alla fine risparmierai di più, vista la minore manutenzione alla macchina (che non si conta mai...si pensa solo alla broda).

è vero che così inciderà maggiormente la svalutazione, ma solo perchè diminuisce di parecchio il totale.

e tra l'altro, in bici altro che più sfigato...si diventa più fighi a forza di pedalare...perdi la panzetta da bevitore di birra.

e anche il sudare, più si è allenati, meno si suda....

[sIGPIC][/sIGPIC]

Some critics have complained that the 4C lacks luxury. To me, complaining about lack of luxury in a sports car is akin to complaining that a supermodel lacks a mustache.

Link to comment
Share on other sites

Quando ho aperto questo post,credevo di sviscerare nuove idee,di sfruttare ,in modo alternativo,nuovi modi di spostarsi,sfruttando tutte le varie forme di energia.Le discussioni si sono arenate,giustamente,sui casi di mobilità specifiche,delle singole città,delle necessità del singolo individuo.Questi problemi,vedo che affliggono,sia voi in Italia,ma tutti i paesi industrializzati.Purtroppo vedo e constato,che no si è ancora maturi per svincolarsi da tanti pregiudizi.Noi da diversi anni,in diversi parti del mondo sottosviluppato,abbiamo dovuto ingegnarci,nel risolvere vari problemi con scarsità sia di mezzi,che di energia.Come gruppo volontari,stiamo adottando in questi paesi diverse metotologie,tra cui nuove forme di mobilità.Tra qualche giorno,partiamo per la Cina,spero che quando rientreremo,qualcuno dei vostri problemi si sia risolto.Spero anche,che almeno questo ultimo post non venga censurato.

interessante. HAi esempi pratici di tue esperienze?

CI SEDEMMO DALLA PARTE DEL TORTO VISTO CHE TUTTI GLI ALTRI POSTI ERANO OCCUPATI

Link to comment
Share on other sites

ammazza se costano quelle pieghevoli...non si trovano usate?

cmq, è un'ottima idea, e mi sa che alla fine risparmierai di più, vista la minore manutenzione alla macchina (che non si conta mai...si pensa solo alla broda).

è vero che così inciderà maggiormente la svalutazione, ma solo perchè diminuisce di parecchio il totale.

e tra l'altro, in bici altro che più sfigato...si diventa più fighi a forza di pedalare...perdi la panzetta da bevitore di birra.

e anche il sudare, più si è allenati, meno si suda....

ho preso questa decisione anche per liberarmi della panza da olandese mangiaburroingurgitaheiniken! Le pieghevoli con ruote da 20" si trovano a prezzi anche moooolto più abbordabili, al decathlon ci sono le B'TWIN che partono dai 160, mapperò non me la sento di andare in strada con le ruotine da 20". Anche perché alcuni di quei tragitti che ho specificato come "metro+bici" potrebbero essere accorciati e velocizzati in "solo bici" con distanze di circa 15 km, fattibili in 45 - 50 minuti andando ad andatura tranquilla.

Di pieghevoli "full size" ce ne sono pochissime, la Dahon è una delle poche che le fa.

Mazda MX-5 20th anniversary "barbone edition" - Tutto quello che scrivo è IMHO

k21x8z.png

Link to comment
Share on other sites

Mi sembra oltremodo interessante... anche se la questione della pieghevolezza mi fa paura, avrei paura di smontarla dopo qualche buca. Non per colpa della bici ma del mio dolce peso :lol:

Comunque le tue considerazioni su tempi/costi sono corrette. Faccio l'avvocato del diavolo: e se piove/nevica?

Automobile o tutazza impermeabile (con sotto il completo Hugo Boss) da bravo nordico?

non potrebbe essere meglio che il tram tangenzi il centro, passando per le direttrici maggiori, e affidando a un interscambio di navette l'interazione con la piazza centrale, il duomo e quant'altro?

No. I motivi sono stati già elencati da più persone, e le evidenze storiche sono tutte consolidate sul modello giusto. Fine.

There's no replacement for displacement.

5967677fbce20_autohabenbahnfahren.jpg.4606d45af194e6808929d7c2a9023828.jpg

Anche tu ti ecciti palpeggiando pezzi di plastica? Perché stare qui a discutere con chi non ti può capire? Esprimi la tua vera passione passando a questo sito!

Link to comment
Share on other sites

ho preso questa decisione anche per liberarmi della panza da olandese mangiaburroingurgitaheiniken! Le pieghevoli con ruote da 20" si trovano a prezzi anche moooolto più abbordabili, al decathlon ci sono le B'TWIN che partono dai 160, mapperò non me la sento di andare in strada con le ruotine da 20". Anche perché alcuni di quei tragitti che ho specificato come "metro+bici" potrebbero essere accorciati e velocizzati in "solo bici" con distanze di circa 15 km, fattibili in 45 - 50 minuti andando ad andatura tranquilla.

Di pieghevoli "full size" ce ne sono pochissime, la Dahon è una delle poche che le fa.

nella filiale giapponese della precedente azienda c'erano 2 bici pieghevoli mini come quella che hai postato prima ad uso di chi faceva metro+bici per andare a fare commissioni in giro..

"post fata resurgam." (cit.)

Link to comment
Share on other sites

Non mi pare che nessun in questo 3D si sia rinchiuso in posizioni da Ancien Regime.

Anzi, sono tutte persone pragmatiche e disposte ad ascoltare idee, anche nuove, che possano risolvere i problemi.

Mi dispiace,ho provato,a dare la giusta via,ma sono stato censurato.Sarà da approfondire al mio ritorno dalla prossima avventura in Cina.:agree:

Link to comment
Share on other sites

  • __P changed the title to La transizione ecologica ed il futuro della mobilità

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.
Note: Your post will require moderator approval before it will be visible.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

 Share

  • Similar Content

    • By Beckervdo
      Dal concept al modello di serie...la Nissan Ariya che tra ispirazione dal Concept IMX e dalla Nissan Rogue.
      Lungo 4.595 metri, Largo 1.85, con passo di 2.775 metri ed una altezza di 1.66 metri,  sarà disponibile con motori elettrici sull'asse anteriore o su entrambi gli assi, così da avere una trazione integrale elettrica.sarò disponibile.
      La variante a motore singolo 2WD offrirà 160 kW /  218 CV e 300 Nm di coppia mentre, in configurazione a doppio motore AWD arriverà a ben 290 kW / 394 CV e 600 Nm.
      In termini di prestazioni, le varianti AWD avranno bisogno di circa sette secondi e mezzo per completare la corsa 0-100 km / h prima di raggiungere il massimo a 160 km / h. Il più veloce di tutti con il doppio motore farà lo sprint in 5,1 secondi e raggiungerà i 200 km / h.
      Sulla base della stima fatta da Nissan, l'Ariya offrirà fino a circa 483 chilometri di autonomia negli Stati Uniti. Tale numero sarà applicabile per la variante a lunga percorrenza a due ruote motrici con il pacco batterie da 90 kWh che ha una capacità utilizzabile di 87 kWh. Ci sarà anche una batteria più piccola da 65 kWh di cui sarai in grado di utilizzare 63 kWh.
      La scelta della AWD andrà ad impattare sul vano bagagli che passa da 467 litri a 413 litri.
      Dotato di doppi display da 12,3 pollici e Apple CarPlay e Android Auto wireless standard, Ariya integrerà anche Alexa e offrirà supporto per gli aggiornamenti over-the-air: una novità per una Nissan. Conterrà inoltre gli ultimi sviluppi dell'azienda in merito ai sistemi di sicurezza, con ProPILOT Assist 2.0 che offre la guida a mani libere in determinate condizioni.
      La Nissan Ariya sarà inizialmente in vendita in Giappone dalla metà del 2021 prima di arrivare negli Stati Uniti più tardi nello stesso anno con un prezzo di partenza stimato di $ 40.000.
      Gamma per l'Europa
        2WD 63 KWH 2WD 87 KWH 4WD 63 KWH 4WD 87 KWH 4WD 87 KWH PERFORMANCE POTENZA MAX 218 CV 242 CV 279 CV 306 CV 394 CV COPPIA MAX 300 Nm 300 Nm 560 Nm 600 Nm 600 Nm 0-100 KM/H 7,5 s 7,6 s 5,9 s 5,7 s 5,1 s V- MAX 160 km/h 160 km/h 200 km/h 200 km/h 200 km/h CONSUMO ND ND ND ND ND AUTONOMIA 360 km 500 km 340 km 460 km 400 km             TRAZIONE 2WD 2WD 4WD 4WD 4WD  
      Cartella stampa completa Nissan
       
      Via Nissan
       
       
       
       
       
       
       
       
       

























    • By Beckervdo
      SUV 100 % Elettrico di Mitsubishi che presenta l'Airtrek che sarà prodotto in Cina assieme alla sua JV con GAC.
      In effetti, il nome AIRTREK non è la prima volta che compare nella linea di prodotti Mitsubishi: il primo nome locale per l'auto giapponese Outlander di prima generazione fu AIRTREK. Resta quindi da vedere se il ritorno del nome AIRTREK significhi che questa nuova auto elettrica è legata a Outlander.
      Mitsubishi ha sottolineato che AIRTREK sarà costruito utilizzando il concetto di "SUV Crusing Electric", che include tre centri di gravità, "Electric", "Expanding" ed "Expressive".
      "Electric" rappresenta veicoli elettrici e "Expanding" rappresenta veicoli a guida estesa."Expressive" rappresenta l'unicità dei veicoli Mitsubishi.
      Dal punto di vista estetico, oltre ai fari separati e ad altri importanti elementi del Dynamic Shield in passato, la carrozzeria ha anche delle forti linee di rigonfiamento, lo scudo Dynamic Shield è leggermente squadrato, e le luci posteriori sono realizzate con tecnologia LED a forma di L rovesciata su entrambi i lati. 
      John Signoriello, responsabile del marketing e delle vendite globali di MMC, ha sottolineato che "Mitsubishi ha creato AIRTREK, un veicolo ricreativo esclusivamente elettrico, principalmente per consentire ai consumatori di essere più immersi in avventure illimitate". Ha anche sottolineato che "AIRTREK sarà esclusiva appartenente al mercato cinese. ", e sarà la quarta linea di prodotti in Cina dopo i marchi Outlander, ASX ed Eclipse Cross.
      La nuova vettura sarà ufficialmente rilasciata sul mercato cinese alla fine del 2021.
      A breve nuove foto e cartella stampa
       













       
      Press Release:
       
      Mitsubishi Global
       
    • By Cole_90
      Il piccolo di MG viene aggiornato al nuovo linguaggio stilistico del brand cinosassone e ottiene anche la strumentazione digitale da 7’’ e schermo infotainment (con nuovo sistema) fino a 10’’; si aggiungono nuovi ADAS e due varianti potenza per l’elettrica.
      - Batteria da 51 kWh con 179 cv e autonomia di 320 km WLTP
      - Batteria da 69,9 kWh con 156 cv e 440 km in WLTP.
       
       












       
      Press Release:
       
      MG Europe
       

×
×
  • Create New...

Important Information

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Terms of Use.