Jump to content
News Ticker
Benvenuto su Autopareri!

Ma dove sono le future leggende della musica ?


Archaon
 Share

Recommended Posts

Quello non è propriamente Jazz. Quella è musica completamente annotata. Il Jazz è invece improvvisazione. Scusate ma qua tempero supposte a 1000. La definizione è tutta italiana e se devo dire troppo semplicistica visto che oltreoceano tutto questo viene chiamato third stream, giusto per differenziarlo dalla classica e dal jazz.

Link to comment
Share on other sites

  • 4 weeks later...
  • Replies 121
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

topic molto interessante, lo scopro con un pò di ritardo :)!

mettiamola così: probabilmente rock e leggenda oggi non vanno più così d'accordo...forse per eccesso di leggende del passato, ma anche perché penso che il rock, come movimento propulsore anche sociale e non solo musicale/artistico, abbia da tempo esaurito questa funzione.

però di musica buona, ce n'è eccome. e continua a saltarne fuori, solo che persa nel meandro fa molta più fatica a emergere, nonostante abbiamo 100mila modi in più di trovarla che non nel passato :).

come la si trova? leggete un pò di riviste del settore, siate un pò curiosi provando a cercare su youtube, e vedrete che troverete senz'altro qualcosa che vi colpisce ;).

cinque artisti che ho scoperto quest'anno e che mi hanno piacevolmente sorpreso:

- Smoke Fairies

- Tami Impala

- Jonathan Wilson

- John Murry

- Anna Calvi

Link to comment
Share on other sites

Qunado nel terzo millennio uscirà un gruppo così...............allora svegliatemi dal letargo !!!!!!!!!!!:mrgreen:

Agevolo un piccolo esempio:

. “There are varying degrees of hugs. I can hug you nicely, I can hug you tightly, I can hug you like a bear, I can really hug you. Everything starts with physical contact. Then it can degrade, but it starts with physical contact." SM su Autonews :rotfl:

Link to comment
Share on other sites

  • 3 months later...
Il discorso è lungo e sto col cellulare, brevemente ti dico che da un lato è difficile essere creativi o essere percepiti come tali dopo decenni e decenni di album rivoluzionari o innovatori, dall'altro la capacità di fare musica con poco da parte di chiunque fa si che sia più difficile scovare le perle e venderle al grande pubblico.

Poi c'è la questione del marketing delle case discografiche e della cultura musicale media, un uroboro.

Imho anche i daft punk nel loro genere diventeranno pietre miliari.

Esattamente... ma non è mai detta l'ultima...!

Il problema principale sono intanto le mode e la tecnologia, unite al mercato dei cd e mp3.

I daft punk devo dire che riescono un po' ad innovare.

La tecnologia in essenza è un bene, ma il "nuovo mestiere" da dj o dj producer, secondo me sminuisce di molto chi realmente fa musica dal vivo, e non parliamo delle disco....

Per quale motivo si dovrebbe imparare uno strumento quando con un semplice programmino e una tastierina collegati al pc si può produrre musica...?

SONO AL TOP DEI TOP!!!!!!:b9

Link to comment
Share on other sites

«Quando un DJ dice: "Io suono", da qualche parte nel mondo un musicista muore.» Anonimo

.....il problema è che ogni dj lo dice spesso, e questo diventa mentalità di tutti i giovani....!

ah e tra l'altro recentemente ho fatto anch'io un corso da dj e dj producer......

e pensare che un o come david guetta viene pagato diecimilaeuro e più per andare lì con un pc.... mentre quelli che suonano cover dal vivo li pagheranno duecento euro se va bene......... bhe meno male che però la musica non è morta del tutto quando si vedono i suonatori dal vivo... 8-)

SONO AL TOP DEI TOP!!!!!!:b9

Link to comment
Share on other sites

  • 2 weeks later...
«Quando un DJ dice: "Io suono", da qualche parte nel mondo un musicista muore.» Anonimo

pura e semplice verità, loro lo dicono perché gli fa fico

ma non hanno minimamente idea delle capocciate che uno deve sbattere per poter dire "io suono"

Ogni volta che un DJ dice "IO SUONO" un musicista, nel mondo, muore...

Primo estratto del nostro nuovo album!

 

Link to comment
Share on other sites

Un tempo la professione del DJ aveva una sua dignità: era infatti molto difficile riuscire ad interpretare la serata, scegliere il brano giusto tra tutti i dischi che avava a disposizione e scegliere ad orecchio il giusto momento nel quale passare da un pezzo a quello successivo. Oggi grazie all'informatica è tutto molto più banale: il DJ ha a disposizione un'enorme quantità di brani stipati nel calcolatore e la sincronizzazione tra i vari brani è fatta tutta dall'apposito programma (come Traktor DJ Studio) e quindi il lavoro del DJ è molto più semplice.

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.
Note: Your post will require moderator approval before it will be visible.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

 Share


×
×
  • Create New...

Important Information

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Terms of Use.