Jump to content
News Ticker
Benvenuto su Autopareri!

[USA] Saleen FOURSIXTEEN 2015 (Foto Ufficiali)


Touareg 2.5
 Share

Recommended Posts

Messaggio Aggiornato al 17/08/2014

Saleen1.jpg

Saleen3.jpg

Saleen2.jpg

Saleen6.jpg

Saleen5.jpg

Saleen-Tesla-Model-S-1%25255B4%25255D.jpg

Saleen-Tesla-Model-S-2%25255B4%25255D.jpg

Saleen-Tesla-Model-S-3%25255B4%25255D.jpg

Saleen-Tesla-Model-S-4%25255B4%25255D.jpg

carscoops

Press Release :

THE ALL-ELECTRIC ALL-PERFORMANCE SALEEN FOURSIXTEEN

AUGUST 17, 2014

Enhancing the performance, technology, and design of the Tesla Model S.

Saleen Automotive Inc. (OTCQB: SLNN) Monterey, CA – (August 17, 2014)

From the same automotive performance brand that brought the true American Supercar, the S7, Saleen has once again set precedence for a vehicle of epic proportions. The Tesla Model S based Saleen FOURSIXTEEN performance electric car was shown for the first time at the 2014 Pebble Beach Concours d'Elegance.

"Tesla has created an entirely new class of American automobile", explained Steve Saleen. "There are many similarities to this and how Ford created the 'pony car' class in 1964 with the Mustang, which is how these vehicles stand out from the rest of the pack."

Standing out from the pack is Saleen's specialty. Whether it's their winning racing pedigree, expertly engineered Saleen vehicles, or instantly recognizable design. The Saleen legacy is perfectly packaged into the FOURSIXTEEN Model S and hinges on the mantra for the performance luxury electric car that 'status quo won't do'.

Purposefully advanced design

From the outside, the FOURSIXTEEN is a harmonious blend of aerodynamic aggressiveness and subtle classiness. Applying the same championship Saleen DNA used over the last three decades, Saleen has created a car that can drive the streets of Monaco and set records at Laguna Seca. From the Saleen crafted front fascia to the carbon fiber rear diffuser, the FOURSIXTEEN aerodynamic design is as inspired as it is functional.

Front aero management vents helps ensure that the Saleen FOURSIXTEEN model maintains a low pressure field as air acceleration increases around the chassis. Assisting the lower aero management is the unique V-shaped hood architecture efficiently directing hot air away from the drivetrain cooling system all while generating valuable downforce across the front section.

The rear fascia design finalizes the aerodynamic system as air moves across the cabin and onto the Saleen designed high-downforce decklid mounted spoiler. Mid-chassis air is directed across the carbon fiber accents stretching between the taillights. Supplying rear wake diffusion is a Saleen diffuser design that boosts aerodynamic downforce capability.

Electrified Performance

Just like the rest of the Saleen lineup, this car is more than just an eye catching aerodynamic package. Propelling the new FOURSIXTEEN is the 3-phase, four pole AC induction motor and copper rotor with the upgraded Saleen drivetrain including an all-new 11.39:1 final gear ratio for quicker acceleration. Also new for the FOURSIXTEEN is a Saleen specific MAXGRIPTM locking differential that allows each wheel to efficiently apply rotational force and maximize traction and grip in performance environments. All of the Saleen engineered driveline components increase efficiencies in torque management, give a track capable throttle response, and provide faster acceleration. Overall the FOURSIXTEEN is a well-balanced vehicle and sounds great too!

Electric motor cooling has also been made more productive from the Saleen high-efficiency drivetrain cooling system. Comprising the system is a larger volume radiator, upsampled cooling fans, and a high-flow water pump to help maintain consistent temperatures in more stressful performance applications.

"Electric drivetrains are unique in that they can generate an incredible amount of torque at zero RPM", detailed Sven Etzelsberger, VP Advanced Engineering. "Our challenge was really to find methods to manage the energy that is generated by the electric motor and rotor assembly. With the FOURSIXTEEN we have successfully found a comprehensive solution to increase performance and harness power in an efficient manner."

Suspension

Saleen's design and engineering teams worked together to ensure a functional suspension that doesn't sacrifice ride quality. The Saleen specific S4 track-calibrated suspension includes a monotube coilover, which works in conjunction with an S4 sway bar setup to increase cornering agility without sacrificing ride quality. The FOURSIXTEEN suspension system can also be ordered in a fully adjustable configuration, allowing the driver to easily increase stiffness for a day at the track and revert to a more streetable setting with simple adjustments.

The Stability Control System has also undergone a track tested performance enhancement. A software change gives the FOURSIXTEEN better cornering response and drivability by allowing the driver to maintain power as traction and vehicle weight distribution change.

Working together with the stability control software, wheel, tire, and S4 suspension system are the Saleen-specific brakes. The standard brake package in the FOURSIXTEEN include 14" 2-piece aluminum hat vented rotors and multi-piston front calipers with performance brake pads. An optional upgrade is the carbon ceramic disc brake system for maximum braking, cooling, and weight reduction. Saleen designed wheels fill out the wheel openings and add an air of performance luxury. All of this combined with the ZR-spec tires make sure the car will hug the corners, accelerate true in the straights, and stop effortlessly when needed.

Supercar inspired interior

The interior refinements of the Saleen FOURSIXTEEN are abundant. From the handpicked leather palette to the carbon fiber dash accents, the cabin environment is as supercar stylish as it is functionally chic. Starting with the seating, black leather is contrasted by perforated leather accents and Alcantara suede inlays providing a true luxury atmosphere.

"Our theme of an electric four-seat supercar really comes to life with the interior of this car", said Sean Smith, Design Director. "Our design team spent a lot of time evaluating different materials, fitments, and finishes to accomplish the refined interior design of the FOURSIXTEEN while still keeping the modern sports car inspiration intact. I think the result is appropriate for this new class of electric American performance cars."

A new center console has also been integrated into the interior redesign. This functional aspect gives the driver and front passenger additional center storage, a personal electronic device pocket, and a much needed cupholder all within arm's reach.

Continuing the track-inspired exterior enhancements, the front and rear seating have been remolded to produce four full bucket seats complete with added bolstering to create a discerning interior that is fittingly built around the driver and passengers. Marrying the seating design to the rest of the cockpit are the Saleen tailor-made door panels and a full leather-wrapped dash both artistically complimented with hand sewn contrast stitching. The final stroke of interior craftsmanship draws attention to the seat shells which have been color matched to the black leather, creating a dynamic modern feel in the rear cabin.

Availability, Pricing and Additional Information

MSRP for the FOURSIXTEEN model is set to start at $152,000 for the complete vehicle, which includes the base P85Model S sedan. This is priced before existing state and federal EV incentives which can range from $7,500 to $15,000 depending on the buyers state (i.e. A California resident would pay $142,000.00).

Warranties are also included on all new Saleen vehicles, components, and labor. Each newly purchased Saleen FOURSIXTEEN will include a 4-year / 50,000 mile warranty to match the manufacturer backed limited warranty.

Purchases for this all new electric vehicle can be placed by contacting Saleen directly for an expedited ordering process of the Saleen FOURSIXTEEN. Orders are now being taken for the FOURSIXTEEN with delivery 6-8 weeks following order confirmation and receipt.

Alternatively, individual FOURSIXTEEN components are also available for Model S owners that are looking to just add a touch of performance or styling to their current vehicle without the desire for a serialized version. Installation can be scheduled through the Saleen Performance Parts division. For more information visit www.saleen.com

Saleen

Era nell'aria già da un po', adesso ecco le prime ufficiali della Model S modificata da Saleen.

Edited by Touareg 2.5

 News al 02/12/2015: Mazda 2.

Link to comment
Share on other sites

Sbaglio o il muso è storto in entrambi i bozzetti? :pen:

  • Merdeces E220 CDI Coupé Executive (2011) VENDUTA
  • BMW 118d F20 LCI Urban (2015) VENDUTA
  • Mercedes E220 CDI Coupé Avantgarde AMG (2012) VENDUTA
  • Porsche Cayenne Diesel Platinum Edition (2014) VENDUTA
  • BMW 420d F33 Cabrio Sport Bianca (2014) VENDUTA
  • BMW 420d F33 Cabrio Sport Nera (2014) VENDUTA
  • BMW 320d F31 Touring Modern (2014) VENDUTA
  • MERCEDES E 220 CDI Cabrio Sport (2015) VENDUTA
  • MERCEDES ML 250 Bluetec Sport (2015) VENDUTA
  • MERCEDES E 250d Cabrio Premium (2016) VENDUTA
  • LANCIA Musa 1.4 Platino (2011) VENDUTA
  • RANGE ROVER SPORT HSE Dynamic 3.0 TDV6 (2017) VENDUTA
  • BMW X5 xDrive25d Business (2017) VENDUTA
  • BMW Z4 sDrive18i (2016) VENDUTA
  • BMW 116i F21 MSport (2018)
  • BMW 420d GranCoupé xDrive MSport (2018)

 

Link to comment
Share on other sites

  • 4 months later...

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.
Note: Your post will require moderator approval before it will be visible.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

 Share

  • Similar Content

    • By A.Masera
      Ciao a tutti,
      apro questa nuova discussione per correttezza in quanto la precedente era basata sulla Long Range Performance.
      Ho finora percorso circa 1100 km e sebbene mi manchi ancora un percorso autostradale lungo ed un percorso di montagna per chiudere il cerchio, credo comunque di averla compresa, capita ed in grado di esprimermi in merito.
      La frase che riassume principalmente il mio pensiero è “mi aspettavo un’auto mediocre con un software eccezionale ed invece è il contrario”. Ebbene si, sono rimasto alquanto deluso del SW Tesla.
       
       
       
      Ma procediamo con ordine:
       
      1.       Ordine e consegna
       
      Tesla basa tutto il suo successo sul passaparola e la “missione” e propone un’esperienza d’acquisto paragonabile tra l’avere un consulente bancario per prelevare denaro e l’avere un Bancomat. Il processo avviene in maniera molto semplice che può spiazzare i più: prenoti un test drive sul sito, ti richiamano, fissi un appuntamento presso un luogo di ritrovo o vengono da te. Stop. Niente concessionari, niente di niente. Ti viene affidato un consulente di zona (generalmente giovanissimi e carichi a molla) che ti mostra la macchina e te ne fa innamorare. Seguono poi preventivi via mail con banalissime proposte economiche da tabella Excel: niente incontro con rivenditore in giacca e cravatta con scrivania e biglietto da visita insomma. Due righe per mail e se sei interessato a proseguire la blocchi sul sito con 100 Euro e la tua carta di credito. Stop.
      Una volta bloccata ti vengono inviati i vari moduli richiesti fino all’aggiornamento dello status sul sito. Ti viene dato il VIN ovvero il codice telaio assegnato finché non paghi l’acconto e nient’altro. Una volta fatte le dovute carte (a macchina arrivata in EU) ti viene mandata copia del libretto di circolazione: in seguito il tuo consulente ti comunica una data di consegna. Il giorno della consegna si viene contattati dall’autista (!!!) del tir che ti trasporta la macchina solitamente all’uscita dell’autostrada: una firma e la macchina è tua. Non c’è nessuno, basta quel che hai visto durante la prova. L’app ti verrà attivata successivamente, nel frattempo usi le card. Stop.
       
      Sarebbe bello per me dire che sia andato tutto liscio ma così non è stato. Il venditore era molto inesperto e ho dovuto rivolgermi al suo superiore: in generale in ogni caso ho scoperto che sanno molto poco e se ti vendono certezze, mentono.
       
      2.       L’auto
       
      La macchina è di presenza, molto più che in foto. La pelle è ecopelle ma veramente ben fatta e apparentemente indistruttibile: l’assemblaggio è in linea con qualsiasi altra auto in commercio, il vero difetto secondo me (almeno con M3) è dato da scelte non in linea con la concorrenza (prevalentemente tedesca). Non vi sono imbottiture nel cofano frontale. Non vi sono nel cofano posteriore. Le “fughe” tra portiere o tra tetto in vetro e lamiera sono elevate e ciò aumenta l’attrito ed il rumore interno. Non ci sono accessori particolari, non ci sono i ganci per fermare il carico posteriore, ad esempio, o un cassettino interno al tunnel. C’è un mondo di optional di terze parti in vendita, Tesla probabilmente tenta in tutti i modi di mantenere i costi contenuti.
      Al primo colpo lo schermo unico spiazza. Siamo abituati a cercare informazioni visive immediate davanti agli occhi, a far ricorso a tasti fisici: qui non c’è niente! Basta un’ora per abituarsi, giuro. D’altronde anche la Lancia Ypsilon è così… Come sempre è solo questione di abitudine, ma occorre conoscere il SW. All’inizio non è facile destreggiarsi nei menu per fare qualsiasi cosa, ma si impara in fretta. Se devo muovere una critica avrei montato almeno un hud sul parabrezza per il percorso da seguire, velocità o altre informazioni fondamentali. Gli interni sono minimalisti e con un secondo restyling a sorpresa nel 2021 sono migliorati tantissimo in quanto la radica è stata estesa sulle portiere, aumentando la percezione di qualità. Dal punto di vista qualitativo non posso assolutamente lamentarmi e anzi, la trovo fantastica. Pulita, essenziale, minimalista. Attenzione non intendo vuota!
      Lo spazio a bordo è tanto. La piattaforma skateboard rende di fatto il tunnel pieno di spazio per oggetti e nessuna trasmissione per i passeggeri dietro. Il bagagliaio è profondo ma quel che fa la differenza sono i pozzetti anteriore e posteriore, nel quale carichi tranquillamente due trolley da viaggio (anche se in parte occupati dai cavi di ricarica purtroppo). Avrebbe fatto comodo una presa 220V nel pozzetto così da poter mettere un frigo o altro.
       
      3.       Le prestazioni
       
      Beh, sono un fan dell’elettrico. Accelerazione spaventosa, hai scatto istantaneo anche sopra i 100km/h. Ufficialmente sono 478CV alla ruota anche se Tesla notoriamente fa la furbetta e dichiara potenze inferiori. La macchina è fluidissima, un missile terra terra. Sempre silenziosa, la sua trazione 4x4 la trasforma in un treno su binari. Non si scompone mai ma al tempo stesso è molto rigida e percepisci tutti i suoi 1940 Kg così come il suo baricentro bassissimo.
      La distribuzione pesi è 48-52. Doppio motore che tira fino a 16.000 rpm/minuto, quadrilateri all’anteriore e multilink 5 bracci al posteriore. Monta pneumatici MICHELIN Pilot Sport. La macchina C’E’.
      Il recupero energetico è poderoso, frena tantissimo e recupera tanto, ma una critica la devo muovere ai freni, non incisivi quanto la performance probabilmente in quanto in Tesla fanno affidamento sulla frenata combinata.
       
      4.       Il software (recensito con SW V10 in attesa del V11)
       
      Vera amara sorpresa e nota dolente. Uno compra la Tesla e si aspetta un UFO… ed invece non è così.
      Ci sono molte funzioni utili come il mantenimento della temperatura dell’abitacolo (opzionale), la modalità camp per accamparsi e dormire, la modalità per tenere i cani in macchina e via dicendo. Ma i limiti sono altri.
       
      4.1
      La macchina utilizza un processore Intel Atom ed un OS basato su piattaforma Linux che molto spesso non garantisce prestazioni ottimali. Per fare un esempio, la navigazione nel browser è laggosa e lenta, la riproduzione di contenuti video molto spesso incerta. Le app di base vanno bene ma il resto no. Ciò mi preoccupa non poco in previsione del futuro aggiornamento V11 che ha debuttato pochi giorni fa sulle Model S Plaid, modello però supportato da un SoC AMD da ben 10TFLOPS. Tutt’altra caratura e potenza.
       
      4.2
      Il menu è molto confuso e la barra delle funzioni è statica e non personalizzabile. Per intenderci, sotto hai l’icona per il menu e controllo dell’auto, tergi, della musica, riscaldamento sedili, passeggero, ecc. Questi non sono modificabili o spostabili. Per intenderci l’icona che ti consente di accedere al telefono è selezionabile solamente selezionando prima la freccia in su e poi il telefono! Questa è ovviamente una assurdità in quanto difficilmente azionerò il riscaldamento dei sedili, mentre il telefono lo userò senz’altro sempre.


       
      4.3
      I servizi multimediali sono limitatissimi e senza senso quali videogame base, Netflix, YouTube, l’emanatore di scoregge o meglio dire “emissioni”, babbo natale al posto dell’auto, il caminetto, e altro… tutte cose che non userai mai e poi mai e che comunque (giochi a parte) non sono utilizzabili mentre viaggi per questioni di sicurezza. L’app YouTube non è altro che un redirect della pagina web e non ti consente di fare il login con il proprio account in quanto considerato “browser vecchio o non sicuro”. Male, malissimo. Questo ovviamente restringe le funzioni in fase di guida a quelle di una qualsiasi auto in vendita negli ultimi 10 anni.
      E’ possibile utilizzare il browser ma è bloccato, i siti di streaming non funzionano in movimento ed è talmente lento da essere esasperante
       
      4.4
      La macchina possiede una eSIM che però naviga solo in LTE e presenta banda limitata: gli aggiornamenti SW devono essere eseguite collegando l’auto ad un hotspot Wi-Fi e la riproduzione video da fermo di Netflix qualitativamente è molto limitata a meno che tu non sia collegato tramite hotspot. Il primo anno è incluso il servizio premium che include traffico dati, navigazione browser, utilizzo app da fermo senza hotspot e traffico. Poi sono 9,99 Euro /mese.
      4.5
      Manca Apple CarPlay e Android Auto. Ed è una grave mancanza.
      Niente Google Maps, niente WhatsApp, Waze, app per parcheggio, ecc ecc. Il telefono una volta connesso fa solo da telefono e tra l’altro in caso di chiamata da assistente vocale non è in grado di selezionare il telefono predefinito ma ti obbliga a farlo via touch. Assurdo. Per aggirare parzialmente queste limitazioni vi sono degli escamotage quali il sito www.abettertheather.com che consente di visualizzare servizi terzi mentre si viaggia ma lo fa male e non lo usi mai.
       
      4.6
      Lo schermo può essere bianco o nero ma in caso di ingresso in galleria questo non cambia modalità in quanto basato sull’orario e non sulla luminosità
       
      4.7
      La cosa più assurda è però la seguente.
      Un’auto elettrica non può essere usata quando si vuole come una termica. Occorre pianificare.
      Se vado dal punto A al punto B, per esempio, devo fare un calcolo: devo sapere che se parto con il 70% ed arrivo al punto B con il 25% dovrò per forza caricare per rientrare al punto A. Il problema è che se non trovo colonnine rapide il viaggio rischia di diventare della speranza.
      Si è quindi costretti a pianificare un viaggio mettendo tappe intermedie, ovvero pianificando A > B > A, pianificando rifornimenti rapidi prima di partire: ebbene, la pianificazione per punti intermedi (cosa possibile con qualunque navigatore al mondo) sulle Tesla non è fattibile. Il navigatore è banale all’inverosimile: parti da qua, vai là, arrivi col 10%, cazzi tuoi.
       
      Eh no, Elon. Non è così che si fa. Non è possibile una cosa del genere.
       
      Ho trovato tweet del 2019 nei quali lui negava questa funzione in futuro, ed è inaccettabile.
      A quanto pare, dico a quanto pare le cose stanno cambiando e pare con il nuovo SW V11 sarà possibile farlo, ma non trovo video in merito.
      Per il momento quindi si è costretti a ripiegare su app per smartphone come l’ottima ABRP A Better Routeplanner non avendo però il reale controllo dei consumi o dello stato delle batterie. Ed è una cosa assurda.
       
      Ancora più scandaloso è il fatto che, per effettuare una carica rapida se fa freddo (sotto i 15 gradi) le batterie devono essere scaldate. Tesla lo fa solo se da navigatore imposti un Supercharger lungo il percorso. Quindi se non è previsto che tu carichi, se ti fermi a colonnine di terze parti le batterie non le puoi scaldare. Devi quindi impostare un SC vicino alla colonnina di terze parti che vuoi selezionare sperando che sia vicina e che riesca a scaldare le batterie.
       
      Partenza da casa con il 77% di batteria, destinazione Riccione e ritorno.
      Il navi Tesla mi propone una carica di 20 minuti ad Affi ed un arrivo a Riccione con il 15%. Stop.
       
      A Riccione praticamente non si trovano colonnine rapide o comunque sono poche e dovrei spostare la macchina di qualche km dal mio hotel, senza contare che mi occorre magari considerare imprevisti, l'uso della sentinella, ecc ecc.
       

       
       
      Ed ecco un percorso fatto bene con ABRP
       

       
      Considerando da app partenza sempre con il 77% e richiesta di arrivare ai supercharger con non meno di 35% residui onde evitare imprevisti
       
      4.8
      Il summon.
      Beh va quando vuole. Innanzitutto, occorre posizionarsi dal lato opposto di marcia della macchina, mantenere neanche un metro di distanza e camminare al fianco o continua ad interrompersi. Seriamente, se la devo tirare fuori da un posto molto stretto, come faccio?? Non ha alcun senso.
      4.9
      Il parcheggio autonomo.
      Va una volta su 30. Nel senso che proprio non individua i parcheggi! Occorre passare quasi a passo d’uomo finché la macchina non ti propone un posto con la “P” sullo schermo. Sempre che accada in quanto funziona solo se ci sono strisce ben evidenti a terra. Se hai la fortuna poi tra tempi, lentezza, stop ed annullamento a causa di persone che ti passano vicine…
      4.9.1
      La guida autonoma.
      Un grande meh. Ci sono due livelli, il primo consente di sterzare manualmente lasciando acceleratore e freno alla macchina, il secondo la guida autonoma su strade a scorrimento veloce.
      Beh il primo livello è comodo tranne per il fatto che il rallentamento del veicolo che precede si trasforma in un andamento abbastanza scattoso e poco fluido con molte correzioni, il secondo va quando decide che può andare… ieri ad esempio in superstrada me l’ha disinserito solo con un avviso leggero sullo schermo (che peraltro non ho di fronte). In pratica lo userò solo su 3 corsie e scarso traffico.
       
      4.9.2
      I servizi dell’app. La sentinella è un game changer perché registra ogni movimento intorno all’auto così da individuare atteggiamenti scorretti quali danneggiamenti o incidenti. Il problema è che scarica la batteria, anche il 12% al giorno. E se vai al mare e la parcheggi o prendi un aereo e la lasci 10 giorni ferma semplicemente non lo puoi fare. Devi spegnere tutto come una macchina normale.
      La qualità del SW in generale.
      Si è bloccato l’audio delle app, ho dovuto riavviare.
      Mi si è riavviata la macchina in autostrada, panico di mia moglie, per fortuna il sistema di guida è tecnicamente indipendente dal resto del sistema. Guidi, selezioni ma non vedi cosa. Ma va.
      E tante altre cose che non mi vengono in mente.
       
      5.       La ricarica
       
      Ed eccoci alla croce e vero punto debole di tutte le elettriche… la carica.
      In primis per chi non lo sapesse la carica non è lineare ma segue una curva. Carichi veloce se parti da poco e man mano questa rallenta sempre più… con 140kW impieghi 20 minuti per passare dal 30 al 70%, per poi impiegarne altri 30 per fare dal 70 al 100… e dal 90 al 100 è molto lento, scendendo fino a 8kW/h. Questo è da tenere in considerazione.
      Altra cosa i limiti. La batteria la userai sempre nel range 20-80. Sopra l’80 la caricherai preventivamente solo per i viaggi, per l’utilizzo settimanale impari a limitarti. Questo non solo per prevenire il deterioramento ma anche per evitare tempi lunghi e soprattutto perché dal 90 al 100% la batteria dura molto meno perché la frenata rigenerativa semplicemente non funziona o funziona poco.
       
      Altra gabola gli standard di carica. Il vero punto di forte di Tesla è la rete dei Supercharger. Arrivi, attacchi e te ne vai. Gli addebiti avvengono sul CC o sulla Carta. Stop. L’agonia è usare colonnine di terze parti…
      A 11 kW conviene solo per lasciare lì l’auto la notte, e anche qui abbiamo problemi. È illegale e soprattutto scorretto occupare la colonnina più del dovuto. Quindi se arrivi a casa alle 17 con il 30% e la vuoi portare a 100, con 11 kW finirai a mezzanotte. A Mezzanotte scendi in strada a spostarla? Difficile.
       
       
      Foto degli standard europei: Tesla sui SC fa trovare sia in Tesla SC che i CCS2, ma sulle Ionity, Neogy & co. si possono trovare facilmente anche i CHAdeMO (connettore non fornito con l'auto, l'adattatore costa 320 Euro).
      Le colonnine da 11kW hanno tutte il Type 2 con attacco Mannekes.
       
      Per la cronaca, con l'auto è incluso un Mannekes da 3 metri circa che ti costringe a parcheggiare in retromarcia. Il cavo da 7,5 mt sul sito Tesla costa una follia (200 Euro).
       

       
      6.       Le fighetterie!
       
      Perché non sono solo note negative!
      La macchina fa da apripista a comodità che possono sembrare sciocchezze ma di fatto non lo sono. 
       
      - con l’app installata su smartphone puoi avvicinarti alla macchina ed aprirla senza fare nulla
      - puoi impostare il mantenimento della temperatura al superamento di una determinata soglia (Ovviamente consuma batteria)
      - quando è in carica puoi mantenere la temperatura dell’ abitacolo senza impattare sulla batteria
      - puoi far guidare la macchina da remoto impostando un codice Vallet, la apri da app o la fai aprire e partire da chiunque con il codice
      - appena la apri la trovi come l’hai lasciata: clima, musica e quant’altro senza tempi morti
      - se la lasci a qualcuno del quale non ti fidi (figlio, amico, ecc) puoi impostare un limite di velocita
      - puoi aprire il bagagliaio anteriore o posteriore, clacson o quel che vuoi da remoto
      - quando in carica puoi impostare la velocità di carica senza impattare sull’impianto di casa
      - se un tuo amico compra una Tesla ricevete sia tu che lui 1500km gratuiti ai supercharger
       
      7.       I punti forti

       
      Beh, a differenza delle auto qualsiasi praticamente non devi fare nulla. 
       
      - non esistono tagliandi
      - non c’è manutenzione
       
      cosa devi fare allora?

      - cambiare il filtro dell’aria ogni due anni (lo fai da solo e lo compri sul sito a 15 Euro https://shop.tesla.com/it_it/product/filtro-aria-per-model-3 )
      - rabboccare il liquido tergicristalli
      - cambiare l’olio dei freni ogni 2 anni (per sicurezza dato che possono formarsi bolle per l’umidità, vale per tutte le auto)
      - al cambio gomme equilibrare 
       
      BASTA. Niente tagliandi di prassi o necessità, cinghie, cambi olio, o altro: neanche le pastiglie dei freni dato che il 90% delle frenate sono garantite alla rigenerazione
       
      Concludo temporaneamente per non perdere il testo, ma mi mancano ulteriori informazioni, foto e soprattutto spiegazione dettagliata sui consumi reali e tecniche di carica… intanto vi lascio questo papiro sperando vi sia utile!
       
      A presto



    • By Sandro
      Che la rivoluzione dell'auto elettrica abbia inizio?
      Tesla raggiunge una capitalizzazione di 20 miliardi di dollari: qual è il segreto della Apple dell'auto? - Il Sole 24 ORE
      In verità non capisco come possa avere così tanto credito in borsa; ma forse è solo una nuova bolla speculativa.
      É anche vero che già nel 2009 la Daimler era entrata in Tesla con una quota significativa Daimler acquista il 10% di Tesla - Il Sole 24 ORE e poi c'è anche lo zampino di Google Google e Tesla trattano per la vettura «senza autista» - Il Sole 24 ORE.
      Qualche bene informato può illuminarci col suo sapere?
×
×
  • Create New...

Important Information

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Terms of Use.