Jump to content
Autopareri news
  • Benvenuto su Autopareri - il forum dell'automobile!

737 MAX  

14 members have voted

  1. 1. Volerai su un 737 MAX quando e se rientrerà in servizio?

    • 3
    • No
      6
    • Vorrei quantomeno attendere abbastanza
      5


Recommended Posts

 
L'augello del malaugurio
 
Comunque persino il brutto tempo cerca di sabotare i 737 MAX:
 
 
Ieri è scesa l'apocalisse, però di solito dura solo una decina di minuti da queste parti.
Comunque sarà un'altra feature nascosta ai piloti, tipo il parcheggio autonomo

☏ LG-H870 ☏

  • Haha! 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Tre giorni fa Boeing ha per la prima volta ammesso che i simulatori del Max non sono fedeli alle situazioni reali che si potrebbero presentare (tipo quando un sensore fa andare a donnacce il MCAS...).

In particolare la famosa rotella per muovere a mano lo stabilizzatore, che nei simulatori si muove con facilità mentre nella realtà diventa impossibile da muovere in situazioni di velocità elevata.

 

Ma tanto, aggiungo io, poco cambia: di simulatori abilitati al Max ce n'è una manciata scarsa in giro per il mondo, perché è stato venduto al grido di "Tanto è uguale al NG".

 

C'è questo cortocircuito irrisolto nella logica di Boeing...

1) Il Max ha avuto problemi perché certi piloti non sono formati adeguatamente (sottotitolo: i piloti non ariani sono delle ciofeche)

2) Gli stessi piloti però sono evidentemente ben formati sul NG, visti i buoni indici di sicurezza

3) Però NG e Max sono la stessa cosa, non c'è differenza di formazione

 

:pen:

 

Ci stanno provando in tutti i modi a scaricarla sui piloti...

 

 

 

Altre considerazioni che leggevo da parte di aviatori (e chiedo a @Damynavy che si spaccia come tale :mrgreen:). L'idea del MCAS era che volevano dare un feedback al pilota dell'approssimarsi di certe situazioni potenzialmente pericolose. Tutto ok.
Ma perché andarlo a fare tramite una modifica dello stabilizzatore? In tanti hanno espresso perplessità sull'usare quel controllo, che tra i vari può essere abbastanza brutale e influenzare in maniera molto pesante l'assetto.

Mi chiedo io: il 737 non ha un'architettura FBW, ma allora l'autopilota quali superfici controlla e come? Non è che sono andati a pasticciare con lo stabilizzatore perché era l'unico comando comodo comodo con un bel motore elettrico a cui dare ordini?

  • I Like! 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Posto un commento, arrivatomi di seconda mano e che quindi può lasciare il tempo che trova.

Un mio collega conosce un pilota che dal 737 NG è passato al MAX: ha raccontato che, quanto l'NG è "amichevole", tanto il MAX risulta "legnoso" e "isterico" nel pilotaggio, tanto da farlo sembrare una macchina completamente diversa dalla precedente.

Share this post


Link to post
Share on other sites
4 ore fa, Wilhem275 scrive:

Tre giorni fa Boeing ha per la prima volta ammesso che i simulatori del Max non sono fedeli alle situazioni reali che si potrebbero presentare (tipo quando un sensore fa andare a donnacce il MCAS...).

In particolare la famosa rotella per muovere a mano lo stabilizzatore, che nei simulatori si muove con facilità mentre nella realtà diventa impossibile da muovere in situazioni di velocità elevata.

 

Ma tanto, aggiungo io, poco cambia: di simulatori abilitati al Max ce n'è una manciata scarsa in giro per il mondo, perché è stato venduto al grido di "Tanto è uguale al NG".

 

C'è questo cortocircuito irrisolto nella logica di Boeing...

1) Il Max ha avuto problemi perché certi piloti non sono formati adeguatamente (sottotitolo: i piloti non ariani sono delle ciofeche)

2) Gli stessi piloti però sono evidentemente ben formati sul NG, visti i buoni indici di sicurezza

3) Però NG e Max sono la stessa cosa, non c'è differenza di formazione

 

:pen:

 

Ci stanno provando in tutti i modi a scaricarla sui piloti...

 

 

 

Altre considerazioni che leggevo da parte di aviatori (e chiedo a @Damynavy che si spaccia come tale :mrgreen:). L'idea del MCAS era che volevano dare un feedback al pilota dell'approssimarsi di certe situazioni potenzialmente pericolose. Tutto ok.
Ma perché andarlo a fare tramite una modifica dello stabilizzatore? In tanti hanno espresso perplessità sull'usare quel controllo, che tra i vari può essere abbastanza brutale e influenzare in maniera molto pesante l'assetto.

Mi chiedo io: il 737 non ha un'architettura FBW, ma allora l'autopilota quali superfici controlla e come? Non è che sono andati a pasticciare con lo stabilizzatore perché era l'unico comando comodo comodo con un bel motore elettrico a cui dare ordini?

Una "infarinatura"

 

http://www.dutchops.com/Portfolio_Marcel/Articles/Flight Controls/B737_Flight_Controls/B737_Primary_Flight_Controls.html

 

Sul 737,

l'autopilota controlla alettoni, elevatore, stabilizzatore e flight spoiler.

 

 

Sono un PENSIONATO.

I tempi da"spacciatore"😂

sono passati...

 

 

 

Il mio ultimo libretto di volo. Notare la "spilla" del 339😂

 

20190522_214012.jpg

 

 

Il mio logoro brevetto.

DAMIANO/DAMY

 

20190522_215754.jpg

Edited by Damynavy

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.
Note: Your post will require moderator approval before it will be visible.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


  • Similar Content

    • By J-Gian
      E' successo ormai quasi 2 anni fa, perciò molti di voi conosceranno già la storia, ma l'episodio è mio avviso curioso e merita di essere riportato
       
      Il 20 luglio 2012, un Boeing C-17 Globemaster III confuse l'aeroporto Peter O'Knight con la poco distante MacDill Air Force Base. L'errore costò la responsabilità di un atterraggio su una pista che è lunga meno di 1/3 rispetto a quella dell'aeroporto predestinato, per la precisione 1.038 m VS. 3.481 m.
       
      Come potrete apprezzare da questa panoramica su Maps, le due piste sono praticamente allineate e poco distanti (ad occhio non più di 10 km) il che deve aver tratto in inganno il distratto equipaggio del C-17...
       
      L'atterraggio è stato ripreso in diretta da un amatore che alle 13:30 si trovava all'interno del Peter O'Knight Airport. Come sentirete nel video, il cameraman era assai preoccupato dall'episodio in cui era incappato, timoroso che il grosso quadrimotore non potesse riuscire ad arrestarsi in tempo:
       
      Il velivolo è poi ripartito alle ore 20 della stessa giornata, dopo le dovute verifiche tecniche ed essere stato debitamente alleggerito del carico.
      Curiosa la retromarcia autonoma grazie all'inversione dei turboventola, caratteristica che contraddistingue questa interessante aeromobile:
    • By Cibus
      Non pensavo lo sviluppassero ancora, non era morto e sepolto?
×
×
  • Create New...

Important Information

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Terms of Use.