Jump to content
Autopareri news
  • Benvenuti su Autopareri! La community italiana che dal 2003 riunisce gli appassionati di automobili e di motori
Sign in to follow this  
Aymaro

GP Belgio 2014

Recommended Posts

Alonso forse un po' nervoso per il guaio sulla griglia, non riesce a passare Magnussen e alla fine lo passano anche gli altri.

.

più che nervoso si vedeva la differenza di motore tra le 2 vetture, oltre ad un magnussen molto ostico che non ha mai lasciato spazio ad alonso...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Magnussen tra l'altro penalizzato di 20 secondi precipita in ottava posizione.


Nessun vento è favo​revole per il marinaio che non sa a quale porto vuol approdare


Alfa Romeo 147 JtdM 120CV Distinctive (2008)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Si,però durante la stagione hanno la possibilità di cambiarli,per una volta soltanto,che è quello che ha fatto la RB in questo GP....bho,sarà solo un'impressione perchè se i rapporti fossero davvero troppo lunghi avrebbero già posto rimedio un pò tutti:pen:

Cominciamo con la telenovela:lol:

Lauda e Wolff: "Una situazione inaccettabile!"

I responsabili della Mercedes sono adirati con Rosberg e minacciano provvedimenti

È guerra in casa Mercedes. Il contatto causato da Nico Rosberg su Lewis Hamilton al secondo giro alla chicane di Les Combes avrà delle forti ripercussioni sulla squadra che guida il mondiale piloti. Finora Niki Lauda ha sempre cercato di sedare gli attriti fra i due piloti, ma ora anche l’austriaco ha perso la pazienza…

“Non sono cose che devono succedere! Specie al secondo giro di un Gp. Se fosse stato l’ultimo avremmo potuto discuterne, ma non al secondo”.

Cosa succederà adesso?

“Innanzitutto Toto ed io ne parleremo con i piloti: ci siederemo intorno ad un tavolo per cercare di capire cosa sta succedendo. Così abbiamo regalato la vittoria alla Red Bull. Penso che siano abbastanza intelligenti per capirlo da soli, e allora mi domando perché non hanno ragionato?”.

Toto Wolff è ancora più tranciate…

“L’esito della gara è inaccettabile, non ci sono parole. Questo non è il modo in cui vorremmo continuare la stagione. Nei prossimi giorni succederà qualcosa di grosso…”.

Ma avete lasciato i piloti liberi di fare la loro corsa…

“Certo, ma abbiamo sempre parlato anche delle cose che oggi sono successe. Non tenti il sorpasso con il coltello tra i denti al secondo giro, rovinando entrambe le macchine. Lewis è deluso, lo abbiamo tenuto in pista a lungo con la monoposto che ormai era danneggiata. Ora dobbiamo superare questo momento”.

Rosberg: "Il fatto non è stato messo sotto inchiesta"

Nico prima di commentare vuole rivedere le immagini alla televisione, ma i fischi gli bruciano

A Nico Rosberg i fischi del pubblico devono essere bruciati molto. Un antipasto di quanto gli deve essere stato servito nel de-briefing nel motor-home della Mercedes con i vertici della squadra, Toto Wolff e Niki Lauda, e quello che non è più un avversario, né un rivale, ma un nemico, Lewis Hamilton. In conferenza stampa il tedesco ha preferito non prendere posizione, cercando la via della diplomazia, ma dell’urto al secondo giro che ha provocato su Lewis si continuerà a parlare a lungo…

“Sinceramente preferisco non commentare, siamo ancora nella foga del momento, voglio rivedere l’episodio in tv prima di esprimere la mia opinione“.

Si è gettata al vento la possibilità di fare un’altra doppietta…

“Ovviamente dal punto di vista del team è stato molto deludente, perché avremmo potuto fare molto meglio, piuttosto che chiudere al secondo posto; Del resto che disponessimo di una monoposto veramente forte in questo weekend“.

Toto Wolff ha definito inaccettabile come ti sei comportato: perché hai cercato di forzare se non c’era spazio?

“Forzare? La mia opinione è diversa. Io ero più veloce, molto più veloce e ho provato a passarlo all’esterno, ma purtroppo ci siamo toccati“.

Ti sei preso anche una bordata di fischi sul podio…

“Certo i fan inglesi non sono contenti. Di certo non è una cosa bella da vedere, ma rispetto la loro opinione“.

Nico, poi, invita a una riflessione, ma sembra molto il tentativo di voler mettere le mani avanti…

“L’unica cosa che chiedo è che prima di esprimere un’opinione ci si prepari bene, ad esempio leggendo il regolamento, perché il fatto non è stato neanche investigato dalla FIA come un contatto: questo è un punto che dobbiamo tenere ben presente“.

Hamilton: "Ha ammesso che l'ha fatto apposta!"

Lewis è sconcertato per quanto Nico avrebbe detto nel meeting con la squadra

24 agosto 2014 18:07

Lewis Hamilton dopo il meeting con i vertici della Marcedes e Nico Rosberg è rimasto sbalordito! L'inglese in sostanza ha inteso che il rivale lo ha attacato volutamente nel corso del secondo giro. Un'accusa molto grave che finirà per scatenare un altro pandemonio in Casa della Stella a tre punte...

"Abbiamo appena avuto un incontro per discutere dell'episodio al secondo giro e lui ha detto in sostanza che lo ha fatto apposta. Capite? Ha detto che l'ha fatto apposta! Ha detto che voleva mettere un punto e che avrebbe potuto evitare quel contatto".

Poi consapevole che la questione si fa terribilmente seria Lewis ha aggiunto...

"Non ascoltate solo quello che dico io, andate a chiedere conferma a Toto e Paddy. Ero sbalordito per quanto stavo ascoltando. E avrei bisogno di chiedergli che punto aveva intenzione di mettere".

Lewis poi analizza l'accaduto...

"Non ho davvero capito quello che è successo. Ho sentito un grande botto nella parte posteriore. Il bello è che gli avevo anche lasciato dello spazio. Davvero non capisco, ma sono sicuro che lui è contento…”.

L’inglese ha indossato gli occhiali scuri prima di parlare con i giornalisti. È furioso ma non lo vuole dare da vedere…

"Si è distrutto un grosso lavoro. Sono deluso per tutta la mia squadra. Finora abbiamo vissuto un anno difficile, non solo i ragazzi del mio box, ma tutta la squadra in generale. Questo episodio è un grave danno per il team, perché avremmo potuto cogliere facilmente un altro uno-due”.

Ripetutamente via radio hai chiesto di poterti ritirare. Perché?

"Non sono il tipo che si tira indietro dalla battaglia, ma ho perso almeno 40-50 punti di carico aerodinamico. E in quelle condizioni non ero in grado di avere delle prestazioni decenti: non riuscivo a prendere Romain Grosjean che guida una monoposto più lenta della mia Mercedes. E non aveva senso nemmeno aspettare una safety car, perché una volta nuovamente nel gruppo non sarei stato nella condizione di passare. Sutil si stava allontanando da me”.

Volevi risparmiare il motore…

"Non dimenticatevi che se n’è bruciato uno in Ungheria. E ho già una power unit in meno di Nico".

Wolff: "Nico frainteso, non l'ha fatto apposta"

Il team principal Mercedes spiega le parole che sarebbero state dette da Rosberg nel meeting

La questione sta montando. Lewis Hamilton ha fatto sapere che nel meeting all'interno del motor-home Mercedes, dopo l'urto del secondo giro, Nico Rosberg avrebbe detto di aver cercato il contatto apposta. Toto Wolff, team principal della squadra di Brackley, interviene per precisare che il tedesco è stato frainteso

Secondo il manager austriaco Nico dicendo che voleva tenere il punto non voleva sostenere l'azione deliberata di andare addosso a Lewis, ma di difendere la posizione: "Ho sentito dire a Nico che voleva tenere la sua linea. Aveva bisogno di segnare un punto, nel senso che pensava che sarebbe statoi Lewis a lasciargli lo spazio, cosa che non è avvenuta. Poi è seguita una discussione molto accesa tra di noi, ma non è vero che avrebbe cercato deliberatamente il crash. Che resta comunque una sciocchezza".

Toto Wolff, molto contrariato subito dopo la fine della corsa, ha cercato di restare calmo con i due piloti...

"Anche perché lo scenario finale non cambia: l'incidente resta inaccettabile per come lo vedo io. Quello che abbiamo visto è che Nico non è stato disposto a prendere la via di fuga per evitare la collisione. Così non va bene".

Tirato per la giacchetta, Toto Wolff approfiondisce l'argomento...

"Abbiamo avuto una collisione al secondo che poteva essere evitata. E' stato Nico ad andare all'attacco e non avrebbe dovuto farlo. L'ha fatto per dimostrare che non era disposto a cedere la posizione. Con il senno di poi, sono sicuro che se si potesse tornare indietro, Nico probabilmente non ripeterebbe più ciò che ha fatto".

A quanto pare Alonso aveva problemi di potenza

Alonso: "Mi sono mancati 140 cavalli"

Lo spagnolo era senza la potenza dei motori ibridi e recrimina per la penalizzazione

Per la prima volta Fernando Alonso è finito dietro a Kimi Raikkonen. Lo spagnolo non commenta e analizza il Gp del Belgio da un altro punto di vista: "Senza la penalizzazione, potevo arrivare sul podio con facilità".

E, invece, ha raccolto solo un ottavo posto. Lo spagnolo ha pagato una penalizzazione di cinque secondi perché la F14 T non è andata in moto sulla griglia di partenza a causa di una batteria difettosa:

"Con la Mercedes di Hamilton fuori dai giochi, potevamo puntare al podio. Avevamo un buon passo, Raikkonen con l'altra monoposto ha lottato fino alla fine per il terzo posto. Purtroppo la mia macchina non partiva, abbiamo dovuto utilizzare una batteria supplementare per la messa in moto. La penalizzazione mi ha fatto perdere del terreno prezioso: sapevamo che la velocità di punta sarebbe stata il nostro punto debole per cui non eravano in grado di effettuare sorpassi".

In realtà la Ferrari dell’asturiano ha patito dei seri problemi tecnici…

"Avevo circa 140 cavalli in meno, quelli dei sistemi ibridi. Per tutto il weekend, poi, abbiamo avuto difficoltà con il flusso del carburante. Però devo aggiungere che stiamo migliorando lentamente, perché i pezzi nuovi che inseriamo danno un contributo. Ora dobbiamo guardare avanti e pensare a Monza, il circuito non ci facilita le cose perché ci saranno ancora molti rettilinei".

tutti gli articoli da Omnicorse

Mi fà molto piacere per il quarto posto di Raikkonen,speravo per il podio ma ha fatto quello che poteva


I motori sono come le donne, bisogna saperli toccare nelle parti più sensibili.(Enzo Ferrari)

Share this post


Link to post
Share on other sites
Magnussen tra l'altro penalizzato di 20 secondi precipita in ottava posizione.

E direi giustamente. Sul Kemmel nel momento in cui effettuano il doppiaggio spinge Alonso verso l'erba quando già gli era in fianco.

formula1 - Jiffier gifs through HTML5 Video Conversion.

Mentre negli episodi alla curva Rivage, K-Mag si è difeso duramente ma a mio parere entro il regolamento.

Alonso purtroppo non aveva grosse chances con quello svantaggio sul rettilineo. Doveva sfruttare opportunisticamente occasioni come il doppiaggio o le battaglie tra i suoi avversari. Si è preso dei rischi che lottando per quelle posizioni valeva la pena prendersi, ma non hanno pagato.

Bel casino in Mercedes. Nico l'ha fatta grossa (indipendentemente da quello comunque brutta partenza, scarsa gestione delle gomme, difficoltà ad effettuare sorpassi). Ora sarà dura disinnescare la situazione. (vedi anche 2007)

Intanto nelle ultime 6 gare Ricciardo (102) ha fatto più punti di Rosberg (98) e Bottas (76) più di Hamilton (73). Gestione della gara ed in particolare dell'ultimo stint eccellente da parte di ricciardo. Con Rosberg che si avvicinava a 2s più veloce al giro, l'australiano ha mantenuto un ritmo costante conservando le gomme in modo da avere ancora un po' di prestazione per l'ultimo giro dove ha fatto il record personale.

Bene finalmente Kimi, ma fa sempre pena vedere la Ferrari prenderle in quel modo da RB e Williams

Share this post


Link to post
Share on other sites

Riguardo a Rosberg penso che il più deluso di quanto accaduto in pista fosse lui stesso. ihmo l'incidente non è stato volontario come asserisce Hamilton.


Nessun vento è favo​revole per il marinaio che non sa a quale porto vuol approdare


Alfa Romeo 147 JtdM 120CV Distinctive (2008)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Comunque rispetto ai primi GP dove pareva che le MB le avrebbero vinte tutte in scioltezza,il campionato si stà un filo vivacizzando:)...idem la scorsa gara di motoGP che ha visto fuori il monopolio di Marquez,ormai mi ero rassegnato in entrambe le categorie,e chi se l'aspettava:lol:


I motori sono come le donne, bisogna saperli toccare nelle parti più sensibili.(Enzo Ferrari)

Share this post


Link to post
Share on other sites
Riguardo a Rosberg penso che il più deluso di quanto accaduto in pista fosse lui stesso. ihmo l'incidente non è stato volontario come asserisce Hamilton.
Be peró Nico sa benissimo che Hamilton reagisce bruscamente a certi "atteggiamenti" in pista quindi che sia totalmente estraneo o che non abbia cercato il contatto non lo darei per scontato. Gli bruciava aver sbagliato la partenza e ha cercato di innervosire il compagno ... come accendere un cerino a pochi centimetri da una tanica di benzina per poi stupirsi dell´esplosione:lol:;)

Share this post


Link to post
Share on other sites
Riguardo a Rosberg penso che il più deluso di quanto accaduto in pista fosse lui stesso. ihmo l'incidente non è stato volontario come asserisce Hamilton.

Il contatto per me non è stato intenzionale. Anche perché in quel tipo di contatto è forse più probabile che si rompa l'ala e l'altro non fori la gomma. Però è stato intenzionale il fatto di forzare un sorpasso che non era nemmeno per metà completato prendendosi rischi inutili e mettendo in difficoltà il compagno che deve cedere per evitare il contatto. Poi ha pure sbagliato la misura nel lasciar sfilare Hamilton ed è successo quello che è successo.

Rosberg mi sembra uno intelligente, sarà certamente deluso.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Anche secondo me il contatto non è stato volontario, magari Rosberg nell'occasione è stato un pò grossolano ed azzardato sapendo anche cosa rischiava ma nulla più..ho trovato un pò eccessivi i fischi, sarà sicuramente deluso da questo..per quanto riguarda la gara, meno male che dopo l'inizio tutt'altro che entusiasmante ed i regolamenti sempre più ridicoli le ultime gare ci stanno portando spettacolo ed incertezza nonostante la superiorità sempre netta della MB (poi se i piloti ci mettono del loro :D), grazie anche ad una RB sorprendente grazie alle modifiche azzeccate (bisognerà vedere come reagirà la vettura su altre piste però) e ad un Ricciardo sempre più autorevole e leader nel team.

Ah, che peccato che Raikkonen non sia riuscito ad agguantare un podio che sarebbe stato meritatissimo, ma spero che la bella gara fatta giovi al suo morale per il resto della stagione..se non altro un minimo di crescita sembrerebbe esserci in casa Ferrari..

Share this post


Link to post
Share on other sites
Be peró Nico sa benissimo che Hamilton reagisce bruscamente a certi "atteggiamenti" in pista quindi che sia totalmente estraneo o che non abbia cercato il contatto non lo darei per scontato. Gli bruciava aver sbagliato la partenza e ha cercato di innervosire il compagno ... come accendere un cerino a pochi centimetri da una tanica di benzina per poi stupirsi dell´esplosione:lol:;)

Si ha cercato un improbabile attacco esterno, poi la situazione gli è sfuggita di mano, Hamilton chiaramente non ha mollato di un cm.


Nessun vento è favo​revole per il marinaio che non sa a quale porto vuol approdare


Alfa Romeo 147 JtdM 120CV Distinctive (2008)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.
Note: Your post will require moderator approval before it will be visible.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Sign in to follow this  



×
×
  • Create New...

Important Information

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Terms of Use.