Vai al contenuto

Messaggi Raccomandati

Che brividi leggerti..

Concordo.

Grazie the_gallas27. Non mi ero mai avvicinato troppo all'interesse per il marchio. Ora mi stai spronando ad andare a leggere cos'era stata Bugatti.

Difatti si è sempre mormorato che qualcuno un zona avesse deciso che quell'azienda non doveva continuare a progettare e vendere.

Chissà cosa sarebbe oggi...

...non ci voglio credere...no, non voglio...

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
Concordo.

Grazie the_gallas27. Non mi ero mai avvicinato troppo all'interesse per il marchio. Ora mi stai spronando ad andare a leggere cos'era stata Bugatti.

...non ci voglio credere...no, non voglio...

Credici pure anche se sono solo leggende.

Fai bene a leggere la storia della Bugatti. È interessante. Specie la parentesi Artioli. Ed una volta lettala scava ancora più a fondo e scoprirai tante particolarità

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
Credici pure anche se sono solo leggende.

Fai bene a leggere la storia della Bugatti. È interessante. Specie la parentesi Artioli. Ed una volta lettala scava ancora più a fondo e scoprirai tante particolarità

Piccolo aneddoto che esula dal campo automobili, da noi era già successo in passato che società con i conti in ordine siano da un giorno all'altro fallite, bastava che uno dei vertici litigasse con qualche "grande vecchio" delle banche (tipo Cuccia) ...

Tornando in topic invece và rilevato che dalla EB110 nasce un'evoluzione basata sulla stessa meccanica e con una nuova carrozzeria: la Edonis (fatta dalla B. Engineering) che però senza un marchio nobile sul cofano non avrà grande fortuna.

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
Difatti si è sempre mormorato che qualcuno un zona avesse deciso che quell'azienda non doveva continuare a progettare e vendere.

Chissà cosa sarebbe oggi...

Ti assicuro che queste voci non sono leggende o aneddoti da bar.

Purtroppo sono la triste realtà. La storia che vi è dietro il fallimento è fatta di tradimenti e doppi giochi, con il fine unico di far saltare tutto. Evidentemente sono riusciti nell'intento.

Credo che la "ferita" della Bugatti di Campogalliano non si rimarginerà mai. Se non riportando la Bugatti stessa di nuovo qui, a Campogalliano, il che è pura utopia, purtroppo.

Piccolo aneddoto che esula dal campo automobili, da noi era già successo in passato che società con i conti in ordine siano da un giorno all'altro fallite, bastava che uno dei vertici litigasse con qualche "grande vecchio" delle banche (tipo Cuccia) ...

Tornando in topic invece và rilevato che dalla EB110 nasce un'evoluzione basata sulla stessa meccanica e con una nuova carrozzeria: la Edonis (fatta dalla B. Engineering) che però senza un marchio nobile sul cofano non avrà grande fortuna.

Si, la Edonis fu costruita, ormai quasi 15 anni fa, dalla B.Engineering di Borel. Il capannone tra l'altro è situato proprio dietro alla fabbrica Bugatti.

Da qual che so, la Edonis non è mai riuscita ad ottenere l'omologazione, venendo costruita in soli due esemplari (uno di colore rosso e uno oro/arancione).

Ora l'azienda sopravvive (credo) di riparazioni e manutenzione delle EB110 in giro per il mondo.

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

La storia del "boicottaggio" arriva direttamente dalle labbra del signor Artioli se ricordo bene, in un'intervista abbastanza pepata che mi aveva divertito molto.

My 2 cents:

Sicuramente alla casa del cavallino un gioiellino tecnico come la eb 110 faceva un po' paura, ma prima di andare a scomodare complottistica varia (probabilmente qualcosa c'è pure stato, magari qualche telefonata tra banchieri e AD) bisognerebbe dire anche che:

- Artioli aveva speso un fottio di soldi per rilevare il marchio e ancora di più per promuoverlo in pompa magna con infrastrutture e manifestazioni faraoniche

- Il piano industriale c'era, ma era, per così dire, piuttosto fumoso, e il break even non fu mai raggiunto e nemmeno sfiorato

- L'organigramma industriale della bugatti in pratica era lui che dava ordini a se stesso e ai tecnici

Di suo stava sicuramente bene, anzi benissimo, le auto le conosceva molto, ma non credo che i suoi fondi fossero illimitati e con spese da paura, non supportate da ritorni economici sicuri, le banche qualche perplessità l'avranno pur avuta.

Certi numeri le fai solo se hai il culo politicamente parato, probabilmente lui non l'aveva. Alla fine magari non son nemmeno servite le pressioni interessate dei possibili concorrenti.

A proposito.. dimenticavo la moglie che, a quanto pare, era pure lei una discreta fonte di spesa :lol:

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Se realmente ci vogliono fare un centro commerciale spero vivamente salvino almeno la porta in legno della prima fabbrica. Avevo letto da qualche parte che Ettore Bugatti durante la Guerra per salvare alcune sue Auto le fece seppellire sotto terra . :shock:

  • Like! 1

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Un mio amico ingegnere ci lavorò dentro per qualche tempo, mi ricordo vagamente che disse che avevano dei costi di riscaldamento/climatizzazione a dir poco aberranti..... Lo stabilimento era bellissimo da vedere ma un disastro totale come isolamento termico.....

La qual cosa potrebbe essere anche vera, visto che un mio cliente quando si trovò a valutarlo per trasferirvi la produzione ....decise che era più conveniente costruire Ex novo uno stabilimento intero.....( cosa che poi ha fatto)

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
Un mio amico ingegnere ci lavorò dentro per qualche tempo, mi ricordo vagamente che disse che avevano dei costi di riscaldamento/climatizzazione a dir poco aberranti..... Lo stabilimento era bellissimo da vedere ma un disastro totale come isolamento termico.....

La qual cosa potrebbe essere anche vera, visto che un mio cliente quando si trovò a valutarlo per trasferirvi la produzione ....decise che era più conveniente costruire Ex novo uno stabilimento intero.....( cosa che poi ha fatto)

con una facciata strutturale del genere....

Bugatti-CEO-Romano-Artioli.jpg

se vedo bene è la versione precedente alla schuco che ho in una parte dell'ufficio.. questa addirittura potrebbe non essere nemmeno a taglio termico.. in pratica ha le caratteristiche di una bidonville di lusso e costava come una rolls :lol:

Per un certo periodo nel nord italia si son comprati sistemi costruttivi convinti di essere in california :disp2:

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Quella struttura con tutto quel metallo ha vinto il campionato mondiale del ponte termico :-)

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

E quello continentale della condensa :lol:

Il signor Calogero Glaser si sta rivoltando nella tomba :lol:

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere iscritto per commentare e visualizzare le sezioni protette!

Crea un account

Iscriviti nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

  • Contenuti simili

    • Da Beckervdo
      Il W16 sarà presto sostituito secondo le dichiarazioni del CEO Winkelmann. Nato dall'unione di due W8 Volkswagen, o se vogliamo un mezzo W8 + un W12, ha una gestazione molto travagliata.
      All'inizio 3 bancate, 6 cilindri, per realizzare il propulsore aspirato W18 (18 cilindri) da 6.3 litri che muove la Concept Bugatti Chiron 18/3. Poco meno di 600 CV sono pochi.
      4 bancate da 4 cilindri suonano meglio, ecco apparire la Concept Bugatti Veyron 16/4, spinta da un W16 da 8.0 litri sovralimentato con quattro turbocompressori single scroll.
      Si parte con 735 kW o se vogliamo 1001 CV. Per poi salire a circa 1200 CV con la Veyron SuperSport.
       
      Parentesi diversa con la Bugatti 16C Galibier Concept, dove il W16 rinuncia ai 4 turbocompressori per averne due di tipo TwinScroll. La potenza scende a "soli" 800 CV, ma ora il W16 può girare anche a Bioetanolo. 
       
      Rivoluzione ancora per il W16 della Chiron e della Divo.
      I turbocompressori sono sempre 4, ma sono in sovralimentazione bistadio, quindi un turbocompressore lavora a cascata dell'altro. In questo modo si riduce molto il turbolag ed ogni sistema turbosovralimentatore serve 8 cilindri. Inoltre guadagna la doppia iniezione (diretta + indiretta) per le normative anti-inquinamento Euro6d-Temp.
      La potenza cresce fino a 1500 CV (+50% rispetto alla Veyron d'origine) e la coppia è di 1600 Nm. 
       
      Secondo le parole del CEO Winkelmann, Bugatti darà il canto del cigno al W16 con una potenza che potrebbe avvicinarsi pericolosamente ai 1470 kW....2000 CV. Con cosa verrà sostituito? Magari con un W12 ed un bel sistema elettrico a supporto, così da avere una hypercar ibrida.
      Nei piani di Bugatti c'è anche una halo car completamente elettrica, che sarà sviluppata con l'aiuto della casa Balcanica, RIMAC.
       
       
    • Da Beckervdo
      Serie limitata a 40 esemplari per la Bugatti Divo che, pur essendo basata sulla Chiron, ha oltre il 90% di componenti riprogettati per migliorare la dinamica di guida.
      Il telaio frontale è completamente nuovo ed è sottolineato dal nuovo muso frontale che mantiene la tradizionale griglia Bugatti riducendo al contempo l'area della sezione trasversale della Divo. 
      La nuova forma dei fari ad orientamento verticale, con le prese d'aria aggiunte che migliorano anche il flusso d'aria per il raffreddamento è il segno distintivo della Divo. E non possiamo dimenticare il grande spoiler anteriore, che è parte integrante del nuovo pacchetto aerodinamico della Divo.
      Il nuovo tetto, progettato per formare una presa NACA per convogliare meglio l'aria al massiccio motore W16 della Divo. 
      Un nuovo spoiler attivo si trova sul retro - circa il 23 percento più largo dell'ala del Chiron - che può funzionare anche come aerofreno. 
      Un nuovo diffusore posteriore aiuta la Divo ad aderire alla strada, cosa che può fare fino ad una forza laterale di 1,6 G. Tutti i nuovi cambiamenti aerodinamici aggiungono fino a 90 chilogrammi (198 libbre) di carico aerodinamico aggiuntivo rispetto alla Chiron, mentre forniscono anche un migliore raffreddamento per il motore e i freni. Non male.
      Bugatti rimuove un materiale fonoassorbente e aggiunge una copertura intercooler in fibra di carbonio e cerchi più leggeri. I vani portaoggetti nell'abitacolo vengono rimossi ed uno stereo meno complicato sostituisce l'unità di serie. La perdita di massa non è molta, solo 35 kg (77 libbre) dalla massa approssimativa di Chiron di 1,996 kg (4.400 lb). Comunque, è un piccolo aiuto.
      E l'aiuto lo fa. Bugatti afferma che la Divo può affrontare il test di Nardò otto secondi più veloce della Chiron. Questo è interamente merito dei cambiamenti aerodinamici, perché il motore W16 della Divo rimane intatto a 1.500 cavalli. Tuttavia, il carico aerodinamico ha un costo di pura velocità, ed è piuttosto significativo. La Divo rinuncia alla speciale modalità di velocità massima del Chiron, e le modifiche aerodinamiche limitano l'hypercar a soli  380 km / h.
       Non commettere errori - è ancora follemente veloce, ma è ben lontano dalla velocità elettronicamente limitata della Chiron di 420 km / h (261 mph).
       
      La Bugatti Divo è costosa. Ci vorranno non meno di € 5 milioni ($ 5,8 milioni) per metterne una nel tuo garage ed inoltre solo 40 esemplari verranno realizzati. Sfortuna vuole che siano stati tutti venduti.
      Fonte: Bugatti
       
       
       
       
      Foto LIVE Monterey


       


       
       
      Press Stampa tradotta con traduttore.
       
       
      Topic Spy -> https://www.autopareri.com/forums/topic/65425-bugatti-chiron-divo-2018-teaser
       
    • Da crabble
      http://www.dday.it/redazione/21637/nella-fabbrica-delle-meraviglie-ford-dove-la-tecnologia-incontra-luomo-wip-mancano-mini-video
×