Vai al contenuto

Messaggi Raccomandati

In sostanza...davanti tra ruota e passaruota ci passan 3dita, dietro 2dita...è così anche per voi?

 

Grazie

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Qualcuno ha montato impianti landi renzo o BRC?

Quin in zona provincia Livorno non conosco installatore Romano

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
Inviato (modificato)

A 95,000, peraltro percorsi senza un'esitazione che una da questo bell'impianto Romano, mai manutenuto in nessun modo.

Ricordo che l'impianto ha iniettori (singoli e non in rail ) auto-pulenti e no filtro prima degli iniettori. C'è solo il filtro sul serbatoio, mai cambiato.

Insomma zero lire di manutenzione finora, sgrat, sgrat.

 

E cambiato oggi i pneumatici con questi che segnalo: Pirelli Cinturato P 7 Blue 225 45 R17 91Y TL

Prezzo on-line = 390 eur per il treno , arrivati in 5 giorni lavorativi e montati presso centro convenzionato a tot 50 eur. DOT 1/2018

 

Ho fatto 10 km quindi è un pò presto per dare giudizi ma qualcosa posso dire, paragonando ai Toyo Nanoenergy 2 classe A-C, che avevo dovuto però cambiare già una 20000 km fa, rimontando i trogloditi Dunlop FastResponse classe F-B.

 

Scorrono molto, anche se forse gli scivolosissimi Toyo facevano meglio, ma se non faccio qualche centinaio di km per lisciare la lavorazione, non si può dire. Siamo su livelli molto alti comunque. Ricordo che la scorrevolezza sulle ibride ha un impatto sui consumi molto più forte che sulle normali, a causa dello scivolamento a motore spento.

 

Si sente che sono diversi dai Toyo: messi a 3 bar come tenevo i Toyo, piu confortevoli dei Dunlop alla pressione prescritta di 2,6, qui invece sono duretti. Sicuramente perchè questi sul bagnato terranno ben di piu delle saponette Toyo. 

Il valore della silenziosità in numero sembra non granché. In urbano/extraurbano che ho fatto però non ho notato nulla. Vedrò in autostrada.

 

Vi aggiornerò se interessati.

 

NP71_NC2_RRA_WGA_VCC1.jpg

 

cinturato_p_7_blue.jpg

 

Modificato da Maxwell61
  • Like! 4

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Certo che siamo interessati!
Aggiornaci

☏ WAS-LX1A ☏

  • Like! 1

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Per pneumatici validi e scorrevoli consiglio le Michelin primacy 4, prima sulla Leoncina avevo le Pirelli P7 ecoimpact e le Miche sono superiori in tutto, anche nel prezzo purtroppo, ma sui primi pieni faccio 50 km in più.

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

E ci credo, i Pirelli P7 Ecoimpact dovrebbero essere classe C di rotolamento, i Michelin Primacy 4, ottimo pneumatico, potrebbero essere AB. Ma anche BA o CA, dipende non dalla dimensione né dalla misura ma dal modello specifico (vedi sigla completa). Ma non sono AA in ogni caso.

 

Vedendo quei pochi test che misurano anche la scorrevolezza, avevo visto che i P7 Blue erano superiori per scorrevolezza ai Primacy 4, li ho scelti per quello. Poi naturalmente, e a seconda dello stile di guida e di altre preferenze, si possono scegliere i pneumatici con un equilibrio diverso. Ma i P7 Blue in quelle dimensioni (non so le tue) sembrano essere quelli con l'attrito più basso. 

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
18 ore fa, Maxwell61 scrive:

Si sente che sono diversi dai Toyo: messi a 3 bar come tenevo i Toyo

 

Non è un po' troppo?

 

 

 

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
1 minuto fa, gianmy86 scrive:

 

Non è un po' troppo?

 

 

 

 

Con le strade dissestate che ci sono da me, ho fatto 7km a 2,6 bar. Era insostenibile la situazione. Dopodiché ho rimesso a 2,2 bar come consigliato dal costruttore. 

 

A 3 bar, lo pneumatico si consuma anche in modo anomalo, senza dimenticare una minore aderenza e tenuta di strada. 

 

 

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
Inviato (modificato)
3 ore fa, gianmy86 scrive:

 

Non è un po' troppo?

 

 

 

No, ma questi non sono valori assoluti, dipendono dalla pressione di progetto consigliata dal costruttore per il modello. Nel mio caso 2,6 bar.

Dal valore del costruttore, è buona regola, per migliorare la tenuta di strada, i consumi e ridurre l'inevitabile perdita di pressione con il tempo, aumentare da 0,2 a 0,5 bar. Ma ai valori più alti ne risente il comfort, diventano duri.

Questo è anche il consiglio del Touring club svizzero e di molti altri esperti.

 

https://www.tcs.ch/it/test-consigli/consigli/pneumatici/domande-frequenti-pressione-pneumatici.php

 

Cita

Una pressione di fino a 0.5 bar superiore a quella indicata dal costruttore migliora la tenuta di strada e fa risparmiare circa il 3% di carburante, a scapito però del comfort di guida. Talune case definiscono questo valore come «pressione ecologica».

 

E c'è un'altro motivo per aumentare almeno un pò dalla pressione prescritta: come si scende dal valore consigliato, inizia un progressivo cedimento dei fianchi e il consumo anomalo su bordo esterno e interno. Mentre se sovragonfi, non è quasi possibile consumarli al centro.

Per inciso, 95,000 km di pneumatici di diverso tipo sempre gonfiati a +0,4 bar, nessun consumo anomalo, accuratamente fatto vedere dal gommista. Anche per farlo capire a lui, che ripeteva la storiella del pericolo del consumo al centro... una favola metropolitana...  che lui ovviamente non aveva mai potuto vedere perchè tutti rovinano i lati per i pneu perennemente sgonfi....

 

http://www.tirereview.com/can-psi-adjustments-fix-handling-and-ride-problems/

Cita

Adjusting air pressure will, without question, change how a vehicle rides and handles. However, journalistic ethics (yes, there is – or was – such a thing) and my own moral compass prevent me from recommending tire pressure ever be set below the vehicle manufacturer’s specifications.

At least for motoring on public roads.

Here’s my check-your-air-pressure stump speech: “I’d rather see your tire pressures 3 to 5 psi higher than the car maker’s recommended pressure rather than 1 psi lower.”

 

The reason: If I convince someone to properly set air pressure today, it may be a couple of months – if not a couple of years – before they do it again. Also, higher pressure better resists hydroplaning: If you run lower than recommended pressure, on a rainy day you’ll be comfortable when the car plows off the road and into the trees. Also, pressure set exactly to specifications on an unseasonably warm October afternoon can be a half dozen or more psi low on a cold November morning. And even quality tires can lose 0.75 psi or more per month.

3 ore fa, Gianlu96 scrive:

A 3 bar, lo pneumatico si consuma anche in modo anomalo, senza dimenticare una minore aderenza e tenuta di strada. 

Totali stupidaggini.

Modificato da Maxwell61

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
2 ore fa, Maxwell61 scrive:

...cut...

Totali stupidaggini.

 

Evitiamo di propagandare comportamenti pericolosi...

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere iscritto per commentare e visualizzare le sezioni protette!

Crea un account

Iscriviti nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

  • Contenuti simili

    • Da xtom
      La notizia è di un paio di mesi fa, ma l'ho scoperta solo oggi tramite un articolo su La Stampa
       
      http://www.lastampa.it/2017/12/26/motori/ambiente/auto-ibrida-e-a-gpl-la-trasformazione-doppio-risparmio-si-pu-fare-BQLlC6SbKbx45IBXvRWIXN/pagina.html
       
      La Toyota ha lanciato in Giappone un Taxi ibrido alimentato a GPL, che percorre quasi 20 Km/l, per capirci oltre 30 Km con un euro.
       
      https://newsroom.toyota.co.jp/en/detail/mail/19173376

      La notizia mi sembra molto interessante, perché dimostra che anche un'azienda giapponese tecnologicamente evoluta come Toyota, non trascuri l'alimentazione a gas, per ridurre le emissioni ed i consumi.
       
      La Mirai è probabilmente l'automobile di serie più evoluta, con celle a combustibile alimentate ad idrogeno che producono l'energia per i motori elettrici. Tuttavia è ancora troppo futuristica per essere l'auto di tutti i giorni, come invece può essere un taxi ibrido a GPL. 
       
      La tecnologia ibrida da il meglio nei percorsi urbani, mentre l'alimentazione a gas è il complemento ideale per i percorsi extraurbani. Entrambe suppliscono a vicenda alla ridotta utonomia che hanno rispetto ai più inquinanti carburanti liquidi.
       
      L'ibrido a gas non è una novità, esistono dei pionieri che hanno montato un impianto a metano sulla loro Prius, ottenendo percorrenze da record, con basso impatto ambientale.
       
      Anche FCA ha studiato l'ibrida a gas metano 

       
      ma Toyota ha portato la soluzione alla produzione in serie, per veicoli che macinano molti km e devono essere ecologici ed affidabili.
       
      Esistono molti modi per realizzare un ibrido gas-elettrico, dalla conversione a gas delle mild hybrid come alcune Suzuki, passando per il Taxi Toyota, fino ad arrivare all'elettrica alimentata con supercondensatori ricaricati da una turbina a gas, un prototipo visto più di vent'anni fa al salone dell'auto di Torino ...
       
      La tecnologia per sostituire i combustibili liquidi esiste, basta solo avere il coraggio di produrla in serie, come ha fatto Toyota, senza farsi prendere dalla smania dell'elettrico a tutti i costi.
       
      E voi la comprereste un'ibrida a gas?
       
×

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use.