Jump to content
Autopareri news
  • Benvenuto su Autopareri! La community italiana che dal 2003 riunisce gli appassionati di automobili e di motori
  • EMERGENZA COVID-19 - E' un momento particolarmente difficile
  • ma grazie alla collaborazione di tutti
  • ne usciremo sicuramente vincitori! Nel quotidiano occorre rispettare alcune regole ed accortezze
  • ma nel mondo virtuale non c'è pericolo
  • ed Autopareri vi è virtualmente vicino ed attivo
  • per tenervi compagnia!

Recommended Posts

Mo non ricominciamo con sta tiritera dell'infotaiment, sembra un loop....

☏ ONE A2003 ☏

  • I Like! 9

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 ora fa, Davialfa dice:

 

Stai attento a cosa dici perche ci sono alcuni integralisti dell'anti infotainment

 

image.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

In addition to SUVs and crossovers, a sportscar, a station wagon version of the Giulia and a full-size sedan, Alfa is also considering bringing back the Giulietta. The compact hatch may ride on the rear-wheel drive Giorgio platform that underpins the Giulia

Read more: http://fcauthority.com/2016/11/alfa-romeo-pledges-to-introduce-nine-new-cars-by-2021/#ixzz4PoTzfZa7

Edited by chizzola
  • I Like! 2

Share this post


Link to post
Share on other sites
4 ore fa, RayLaMontagna dice:

 

Il punto non è mica questo eh...Io posso anche essere d'accordo sul fatto che in un Alfa Romeo l'infotainment (posto che già un Suv è un concetto "nuovo" per il marchio del biscione...) non deve essere un aspetto centrale...

Il punto è che loro hanno scritto esplicitamente che Stelvio sarà dotato di Infotainment allo stato dell'arte... Questo è il punto.

 

Centra niente l'alfa, vale per tutte.

Si da sempre più risalto al navigatore che deve essere sempre più grande sempre più touch, sempre più connesso sempre più distraente.

  • I Like! 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
53 minuti fa, Nicola_P dice:

 

Centra niente l'alfa, vale per tutte.

Si da sempre più risalto al navigatore che deve essere sempre più grande sempre più touch, sempre più connesso sempre più distraente.

 

Beh...in un'Audi, ad esempio, è centrale a livello marketing proprio. Loro ti parlano di hi-tech e poi ti mostrano schermone, virtual cockpit e fari led matrix... Dico che per alfa non è così centrale...se evitavano di citare l'infotainment all'interno del discorso su Stelvio (salvo che poi la cosa non sia veritiera, si sa mai...potrebbero essere andati avanti con lo sviluppo)...era meglio.

Detto ciò....io credo ci sia poco da fare...l'infotainment, su qualsiasi auto, è ormai indispensabile...nel mercato premium anche più che indispensabile (altrimenti non si capirebbe nemmeno perchè Ferrari abbia rivisto totalmente la sua politica a riguardo con gtc4lusso). Il problema sta tutto nel come si progetta e come si fa.

 

Alfa deve piano piano (ma neanche troppo) arrivare ad offrire un sistema di infotainment molto completo, molto integrato nel design e studiato per non distrarre troppo il guidatore dall'esperienza di guida (vero plus del marchio).
Trovo, oltretutto, che abbiano ben chiara la cosa e che abbiano intrapreso questa strada...a conti fatti, la grafica del sistema Alfa è la meno distraente e minimale fra tutte.

  • I Like! 7

Share this post


Link to post
Share on other sites
46 minuti fa, RayLaMontagna dice:

 

Beh...in un'Audi, ad esempio, è centrale a livello marketing proprio. Loro ti parlano di hi-tech e poi ti mostrano schermone, virtual cockpit e fari led matrix... Dico che per alfa non è così centrale...se evitavano di citare l'infotainment all'interno del discorso su Stelvio (salvo che poi la cosa non sia veritiera, si sa mai...potrebbero essere andati avanti con lo sviluppo)...era meglio.

Detto ciò....io credo ci sia poco da fare...l'infotainment, su qualsiasi auto, è ormai indispensabile...nel mercato premium anche più che indispensabile (altrimenti non si capirebbe nemmeno perchè Ferrari abbia rivisto totalmente la sua politica a riguardo con gtc4lusso). Il problema sta tutto nel come si progetta e come si fa.

 

Alfa deve piano piano (ma neanche troppo) arrivare ad offrire un sistema di infotainment molto completo, molto integrato nel design e studiato per non distrarre troppo il guidatore dall'esperienza di guida (vero plus del marchio).
Trovo, oltretutto, che abbiano ben chiara la cosa e che abbiano intrapreso questa strada...a conti fatti, la grafica del sistema Alfa è la meno distraente e minimale fra tutte.

Infatti per me quello della GTC4 e' uno scempio.

C__Data_Users_DefApps_AppData_INTERNETEXPLORER_Temp_Saved Images_nuova-ferrari-gtc4lusso-schermo-touch.jpg

  • I Like! 2

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest
This topic is now closed to further replies.

  • Similar Content

    • By Savage
      Un forumista ed Alfista di altro forum..davvero davvero credibile e di mia conoscenza...mi ha scritto oggi dicendo di aver visto il mulo...parafanghi ad hoc...estrattore ad hoc...scarico centrale..600 hp..e riduzione di peso.Ma ha anche detto che nemmeno i collaudatori sanno confermare se verrà o meno prodotta (e cosa potevano dire poveretti)..
    • By MikeMito
      Ed eccomi ancora qui a parlare della mia nuova Stelvio. 
      Lo so, probabilmente vi ho stufato abbastanza, ma giuro che dopo questa recensione smetto. 
      Come ben sapete, a fine novembre ho ordinato la mia nuova Stelvio Veloce My2020 2.2 210cv Q4 AT8 nero Vulcano con interni sportivi in pelle rossa. 
      Vengo già da altre vetture su pianale Giorgio, in particolar modo da due Giulia, per cui, anche questa volta, la scelta non poteva non ricadere su di lui, un pianale a dir poco favoloso. 
      Ma vorrei un attimo lasciare da parte le incredibili doti dinamiche di queste auto che ormai tutti conosciamo, e concentrarmi sugli aggiornamenti che questo My ha portato con se. Inoltre, avendo già posseduto due Alfa “Giorgio”, fare il confronto con i precedenti My mi sembra alquanto doveroso.
       
      Partiamo quindi dagli esterni, che sostanzialmente sono rimasti invariati. L’unico aggiornamento che interessa questa Veloce sono i passaruota ed il paraurti posteriore in tinta carrozzeria, scelta stilistica che apprezzo molto, sopratutto con i colori scuri. 
       

       

       
      I maggiori aggiornamenti però hanno interessato l’interno, dove finalmente si respira un’aria davvero premium.
       
      Salendo a bordo la prima cosa che si nota è il volante che nella My2020 è tutto nuovo. Innanzi tutto lo trovo molto più bello esteticamente, da la sensazione di essere più tridimensionale (oserei dire a calice) e non “piatto” come quello precedente. Inoltre anche i tasti e le finiture sono state notevolmente migliorate. Ricordo, nella mia prima Giulia, un totale disallineamento dei tasti, cosa che qui è stata finalmente risolta. Anche la qualità della pelle sembra essere migliorata, pelle che ritroviamo anche nella leva del cambio.
       
      Altro intervento riguarda appunto la leva del cambio, anche lei totalmente modificata, anche lei totalmente in pelle (in questo caso traforata) con cuciture a contrasto. E’ stata eliminata quindi quella terribile plastica argento, ed ora, oltre ad essere più bella esteticamente, è anche piacevolissima al tatto.
       
      Ridisegnato totalmente è il tunnel centrale, dove la prima cosa che salta all’occhio è il tricolore, un particolare che mi fa letteralmente impazzire.
      I materiali sono rimasti pressoché identici: nella Veloce sono presenti le medesime modanature in alluminio tipiche delle vecchie My con il Pack Sport, qui impreziosite però da particolari in Piano Black che, secondo me, vanno a rendere l’ambiente più ricercato.
       
      Altro elemento notevolmente migliorato è il rotore dell’infotainment, che risulta decisamente più solido. Nelle prime versioni, era davvero molto cheap. In questa My2020, innanzitutto hanno reso indipendente la ghiera dalla parte superiore, ciò significa che la parte superiore rimane sempre ferma, mentre a girare è solo la ghiera. Inoltre, nella parte superiore ferma, è stato aggiunto un anello luminoso che circonda tutto il perimetro. La finitura generale è molto molto buona, anche se siamo ancora lontani dalla perfezione dei rotori Audi famosi per il loro “Audi Click” (che mi duole ammeterete essere davvero piacevole).
       
      Piccola modifica anche al manettino Dna, che ora segue le logiche di illuminazione della leva del cambio. Quando infatti la macchina è spenta, le lettere DNA non sono visibili, esattamente come avviene con le lettere PRND poste sulla leva del cambio. Vengono invece illuminate quando l’auto si accende.
       
      Ho inoltre apprezzato moltissimo i nuovi vani portaoggetti, in particolar modo quello per la chiave keyless che è davvero ben rifinito. All’interno presenta un’ottima gomma antiscivolo con l’impronta della chiave. 
      Comodissima anche la ricarica wireless, anche se purtroppo l’implementazione ha ridotto notevolmente il volume del portaoggetti sotto il bracciolo. 
      Bracciolo che come design non mi fa gridare al miracolo.
       
      Passiamo quindi al vero punto debole dei vecchi My: l’infotainment.
      Qui è davvero incredibile il passo avanti che è stato fatto, non tanto per le nuove funzioni che porta con se, quanto per la grafica e per le animazioni. Qualsiasi impostazione, qualsiasi settaggio ha una sua animazione che va ad illustrare cosa si sta andando ad impostare o a selezionare. Anche la risoluzione è notevolmente migliorata. 
      Bellissime inoltre le grafiche relative alle performance, dove finalmente è possibile vedere la ripartizione della trazione in tempo reale. 
      Una vera chicca, è stato implementare durante il caricamento del navigatore, una bellissima immagine del passo dello Stelvio con la strada evidenziata in rosso.
      Non ho apprezzato molto il touch screen, lo trovo scomodo da utilizzare, complice la posizione, davvero molto lontana, ed a volte, quando si va ad utilizzarlo la prima volta dopo l’accensione si impunta, come se avesse bisogno di un attimo per capire che lo si sta utilizzando con il dito e non con il rotore. 
      Adoro invece il rotore, sempre comodissimo, sempre a portata di mano, sempre preciso.
       
      Ho notato anche un miglioramento dell’insonorizzazione, nonostante io non abbia ne i vetri ad isolamento acustico, ne il Noise Reduction Pack.
       
      Oltre a questi aggiornamenti di rilievo quindi, tutto il resto è rimasto pressoché identico. I sedili ad esempio sono quelli della Quadrifoglio, totalmente elettrici, comodissimi ed estremamente contenitivi. Anche lo spazio a bordo è il solito, secondo le mie esigenze, davvero tanto.
       

       
      Ed ora il punto forte: le doti dinamiche.
      Ragazzi, che auto, che sterzo, che motore. Penso che la parola migliore per descrivere il modo in cui tutti i componenti lavorano insieme sia "armonia": tutto in perfetta armonia.
      Ogni volta che torno a sedermi su questo pianale rimango sbalordito dalle sue doti dinamiche e mi "ricordo" perché continuo a sceglierlo.
      Sterzo telepatico (forse anche troppo per un suv), motore che spinge tantissimo, trazione integrale che tira fuori dalle curve, taratura delle sospensioni eccellenti. Anche con i cerchi da 20” il confort rimane sempre ottimo.
      L’unica cosa che mi ha lasciato un po’ perplesso è stata la rimozione della barra duomi nel cofano motore.
       

       
      In conclusione posso dire di essere estremamente soddisfatto dell’acquisto, ed ancor di più del lavoro che hanno svolto.
      Brava Alfa Romeo.
       
    • Guest
      By Guest
      Update 26.10.2019
          Alfa Romeo 965
       
      Informazioni tecniche 
      - SUV di segmento C;
      - Lunghezza totale di circa 4,5 m;
      - Piattaforma S-USW “Hybrid”;
      - Carreggiate (e forse passo) aumentate;
      - Sospensioni anteriori e posteriori di tipo
        McPherson;
      - Motori 
         ▪ 1.3 T4 
         ▪ 1.3 T4 MHEV
         ▪ 1.3 T4 PHEV 
         ▪ 2.0 T4 MHEV
         ▪ 2.0 Multijet
         ▪ 2.0 Multijet MHEV
      - Infotaiment sviluppato in collaborazione con
        Harman
       
      Informazioni produttive
      - Stabilimento produttivo di Pomigliano d’Arco;
      - Inizio delle vendite nel corso del 2021
       

      Immagini della versione produzione che la ritraggono durante un clinic test con altre auto della stessa tipologia (Audi Q3, BMW X2, Range Rover Evoque, Jeep Compass, Nissan Qashqai).
       

       

       

       

       
×
×
  • Create New...

Important Information

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Terms of Use.