Jump to content
News Ticker
Benvenuto su Autopareri!

Il futuro dell'auto elettrica


Recommended Posts

Credo che le case automobilistiche siano terrorizzate dell'effetto "Nokia".

Non è detto però che questa volta, con questo prodotto e queste circostanze, sia la risposta giusta.

Concordo che l'elettrico potrebbe diventare parte del mix, ma giusto quello..

  • I Like! 1

Fiat Punto I 55 sx '97

Fiat Punto II restyling 1.2 60cv '04

Toyota Prius V2 '06

Link to comment
Share on other sites

I miei due cents:

Le auto a gas spariranno, almeno come offerte della casa. 

Ovviamente resteranno le trasformazioni artigianali con tutti i pro ed i contro. 

Le auto a gasolio diventeranno una nicchia probabilmente dal C SUV in su, con costi in proporzione. 

Le auto ice a benzina saranno tutte ibride. 

Il cambio manuale sparirà o si ridurrà ai minimi termini. 

In generale la mobilità costerà di più, effetto mitigato dallo Smart working. 

Ma scordiamoci certi eccessi di mobilità privata attuali, o per lo meno scordiamoci di pagarli così poco. 

Archepensevoli spanciasentire Socing.

Link to comment
Share on other sites

Per completezza bisogna anche dire che il problema non è solo la CO2 complessiva, ma anche gli altri tipi di inquinanti, come ad esempi gli NOx, in questo senso nei centri densamente abitati, ma anche in tutta la pianura padana, l’alimentazione elettrica permette di abbassare notevolmente i livelli di inquinamento.

 

Le centrali elettriche per la maggior parte i fatti sono alimentate a metano, ma funzionano solo ad integrazione delle fonti di energia rinnovabile, essendo queste intermittenti e comunque non ancora sufficienti a coprire tutto il fabbisogno, ma l’incremento previsto è notevole.

 

image.thumb.jpeg.92985d155696551f5d82ea984aea7f85.jpeg

Link to comment
Share on other sites

23 ore fa, J-Gian scrive:

 

Io penso anche in futuro, un po' come ora GPL e metano non sono per tutti. 

 

"L'accanimento", se così si può chiamare, è questo tentativo di far virare tutti verso l'elettrico, a tutti i costi ed indipendentemente dai contesti d'utilizzo ed esigenze.

 

Ma forse qualcosa sta cambiando, pare che in EU abbiano capito che occorrerà tenere conto di queste 3 cose:

 

https://www.quattroruote.it/news/scenari/premium/2021/01/09/emissioni_se_le_regole_cambiano.html

ERA ORA!!!!!

31 minuti fa, xtom scrive:

Per completezza bisogna anche dire che il problema non è solo la CO2 complessiva, ma anche gli altri tipi di inquinanti, come ad esempi gli NOx, in questo senso nei centri densamente abitati, ma anche in tutta la pianura padana, l’alimentazione elettrica permette di abbassare notevolmente i livelli di inquinamento.

 

Le centrali elettriche per la maggior parte i fatti sono alimentate a metano, ma funzionano solo ad integrazione delle fonti di energia rinnovabile, essendo queste intermittenti e comunque non ancora sufficienti a coprire tutto il fabbisogno, ma l’incremento previsto è notevole.

 

image.thumb.jpeg.92985d155696551f5d82ea984aea7f85.jpeg

Questi grafici che prevedono nel futuro un'espansione enorme di una parte che al presente è minuscola non hanno mai funzionato.

  • Thanks! 1
Link to comment
Share on other sites

Infatti. Da quanti hanni stanno investendo su solare ed eolico e sia o ancora a percentuali ridicole. Poi se tutte le auto andassero a batteria occorrerebbe un altro bel po' di energia elettrica. Le auto di oggi inquinano già enormemente di meno e in ogni caso basterebbero phev con una minima autonomia elettrica per girare in città e ICE per i viaggi lunghi. Invece no vogliono solo auto con 500 kg di batteria. E subito. Quando le fonti energetiche rinnovabili impiegheranno decenni ad affermarsi.

  • I Like! 1
Link to comment
Share on other sites

55 minuti fa, davos scrive:

Invece no vogliono solo auto con 500 kg di batteria. E subito. Quando le fonti energetiche rinnovabili impiegheranno decenni ad affermarsi.


Non esageriamo, le due cose andranno di pari passo.

 

Così come nessuna azienda elettrica costruirà più centrali a carbone o a petrolio, così le aziende automobilistiche gradualmente non produrranno più auto a gasolio.


Le PHEV sono una soluzione veramente limitata, perché a fronte di costi più alti difficilmente ammortizzabili, non offrono una significativa riduzione dei consumi, un po’ più promettenti sono le EREV, ma tutto dipenderà dai costi.

 

Quindi non è che ci impongono le batterie, è che le batterie a livello di costi e benefici di stanno imponendo rispetto a soluzioni intermedie più costose.


Come si vede le normative e gli incentivi servono solo per dare una spinta, ma poi sarà la naturale convenienza a spingere l’elettrificazione 

 

 

 

 

05F9EA7E-95F5-493D-92B5-FBA5916E719F.jpeg

F84F5072-2EC4-4E06-88EF-1C1380CF4F56.webp

  • Thanks! 1
Link to comment
Share on other sites

Ma cos'è, sti grafici li trovi sul sito www.lasferadicristallo.com?

Sono stime basate sul nulla, peraltro penso fortemente condizionate da chi le commissiona. 

Come si fa a pensare che in così poco tempo possa cambiare così tanto? Semmai dovesse verificarsi questo scenario sarà da imputare alle scellerate politiche europee che stanno distruggendo il know how automobilistico e motoristico per agevolare tecnologie americane e cinesi, come se ne avessero bisogno. 

La rivoluzione, e il vero impatto ambientale, si avrebbe eliminando il bisogno dell'automobile, non sostituendolo con altre di un altro tipo

  • I Like! 2
  • Haha! 1
Link to comment
Share on other sites

28 minuti fa, xtom scrive:


Non esageriamo, le due cose andranno di pari passo.

 

Così come nessuna azienda elettrica costruirà più centrali a carbone o a petrolio, così le aziende automobilistiche gradualmente non produrranno più auto a gasolio.


Le PHEV sono una soluzione veramente limitata, perché a fronte di costi più alti difficilmente ammortizzabili, non offrono una significativa riduzione dei consumi, un po’ più promettenti sono le EREV, ma tutto dipenderà dai costi.

 

Quindi non è che ci impongono le batterie, è che le batterie a livello di costi e benefici di stanno imponendo rispetto a soluzioni intermedie più costose.


Come si vede le normative e gli incentivi servono solo per dare una spinta, ma poi sarà la naturale convenienza a spingere l’elettrificazione 

 

 

 

 

05F9EA7E-95F5-493D-92B5-FBA5916E719F.jpeg

F84F5072-2EC4-4E06-88EF-1C1380CF4F56.webp 38 kB · 0 downloads

Scusa ma ora le ev vendono perché hanno incentivi mostruosi. Le phev sono all'inizio della loro evoluzione. Voglio vedere quanto costeranno quando si baseranno sul mild Hybrid 48volt 2.5.

Comunque ora con poco più di 30 mila euro si può comprare una captura phev o una Zoe. Con una ci fai 50 km in elettrico in città e ci viaggi tranquillamente senza patemi. Con l'altra in autostrada con clima freddo o caldo ci alterni 1 ora di viaggio a 1 di ricarica. Direi che i costi benefici sono mostruosamente a favore delle phev. Che sono un ottima soluzione per la transizione, aspettando che sia o adeguate le infrastrutture e siano mutati gli stili di vita.

Edited by davos
Link to comment
Share on other sites

La fonte è riportata sui grafici.

 

Chi guida un’azienda automobilistica deve avere il polso di cosa succederà tra 5 o 10 anni dal punto di vista tecnologico per non rimanere indietro.

 

Ma vabbè di fronte ai negazionisti ed ai complottasti mi arrendo, non c’è ragione che tenga.

 

6 minuti fa, davos scrive:

Comunque ora con poco più di 30 mila euro si può comprare una captura phev o una Zoe. Con una ci fai 50 km in elettrico in città e ci viaggi tranquillamente senza patemi. Con l'altra in autostrada con clima freddo o caldo ci alterni 1 ora di viaggio a 1 di ricarica. Direi che i costi benefici sono mostruosamente a favore delle phev. Che sono un ottima soluzione per la transizione, aspettando che sia o adeguate le infrastrutture e siano mutati gli stili di vita.


In un altro thread ci sono i dati basati sui consumi rilevati 
 

 

  • I Like! 1
Link to comment
Share on other sites

9 minuti fa, xtom scrive:

La fonte è riportata sui grafici.

 

Chi guida un’azienda automobilistica deve avere il polso di cosa succederà tra 5 o 10 anni dal punto di vista tecnologico per non rimanere indietro.

 

Ma vabbè di fronte ai negazionisti ed ai complottasti mi arrendo, non c’è ragione che tenga.

 

Comunque quel grafico è molto meno ottimista di tanti altri. Alla fine al 2030 l82 % di auto vendute hanno motori ICE. Che mantengono praticamente i volumi di oggi.

 

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.
Note: Your post will require moderator approval before it will be visible.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

 Share


×
×
  • Create New...

Important Information

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Terms of Use.