Jump to content
News Ticker
Benvenuto su Autopareri!

Il futuro dell'auto elettrica


Recommended Posts

38 minuti fa, xtom scrive:

Nel momento in cui spariranno gli incentivi le elettriche costeranno come le ICE, che nel frattempo saranno tutte ibride.

Infatti la mia idea sarebbe quella di tenermi la mia 120d il più possibile ed al massimo per altri 7/8 anni (ne farà 17 ad Agosto 😅) limitazioni e guasti gravi permettendo. Ma siccome l'ibrido lo voglio evitare, la sostituta dovrà essere ICE che terrò fino a quando mi lasceranno la patente! Sempre Burocrati permettendo. 

 

La i10 attuale invece, del 2014 ed Euro6, potrei sostituirla in futuro con una Full Electric visto che in teoria le cose saranno più stabili e migliori. Ma anche questa la terrò il più possibile. 

 

L'ibrido "pesante" è proprio quello che cercherò di evitare come la peste. 

Link to comment
Share on other sites

3 minuti fa, davos scrive:

Rende possibile farsi un giro nell'arco dei 100 km da casa. Cioè nulla. Da quando ci sono le auto elettriche sembra che tutti stiano a farsi i weekend ai centri commerciali. Ma la gente viaggia va in montagna val al mare va a vedere un concerto una mostra o una città d'arte. E sono abbastanza convinto preferisca farlo senza dover fare equazioni di 3 grado per programmare il viaggio e pause di 1 ora per ricaricare

Mi sembra che si dimentichi il fatto che la percorrenza media italiana è 12.000 km/anno. Ipotizzando una gaussiana centrata su questa cifra, dire che l'auto elettrica già  oggi è sufficiente al 60% degli utenti.

Archepensevoli spanciasentire Socing.

Link to comment
Share on other sites

9 minuti fa, davos scrive:

Rende possibile farsi un giro nell'arco dei 100 km da casa. Cioè nulla. Da quando ci sono le auto elettriche sembra che tutti stiano a farsi i weekend ai centri commerciali. Ma la gente viaggia va in montagna val al mare va a vedere un concerto una mostra o una città d'arte. E sono abbastanza convinto preferisca farlo senza dover fare equazioni di 3 grado per programmare il viaggio e pause di 1 ora per ricaricare

 

Piu' che altro da quando ci sono le elettriche sembra che tutti si sparino 400 km tutti d'un fiato tutti i i week-end

  • I Like! 5

Di questi ne vendono a secchiate.

Vedrete.

[scritto in data 18 Luglio 2013 - Riferito a Jeep Cherokee]

Link to comment
Share on other sites

4 minuti fa, davos scrive:

E sono abbastanza convinto preferisca farlo senza dover fare equazioni di 3 grado per programmare il viaggio e pause di 1 ora per ricaricare

Infatti. Ed avere maggiore tranquillità di riuscire a riparare un mezzo senza svenarmi e che mi duri almeno 15 anni. Sempre per il rapporto budget/sfizio/saggezza 😬

 

Comuque i miei viaggi per le gite, sono sempre in giornata tranne 2 o 3 volte l'anno con le ferie. .... e fra i 200 e 600km. Ed al ritorno anche 3 ore senza fermarmi. Quindi la pausa per ricaricarla non la considero nemmeno fra le opzioni, anche se si dovesse ricaricare mentre si è in giro/trekking/sci perché al momento ci sono le ovvie limitazioni. 

 

4 minuti fa, TurboGimmo scrive:

 

Piu' che altro da quando ci sono le elettriche sembra che tutti si sparino 400 km tutti d'un fiato tutti i i week-end

Io un paio di volte al Mese. . 

Link to comment
Share on other sites

9 minuti fa, TurboGimmo scrive:

 

Piu' che altro da quando ci sono le elettriche sembra che tutti si sparino 400 km tutti d'un fiato tutti i i week-end

 

ma anche fosse una volta al mese nella bella stagione il problema rimane.

 

oltretutto durante una gita di sabato o domenica si sposta un mare di gente, come farebbero le grandi aree di servizio a smaltire tutte quelle ricariche?

 

ad oggi l'auto elettrica è ottima come seconda auto (tralasciando il fatto che una bella fetta la pagano i contribuenti) ma come auto tuttofare non è pronta.

 

  • I Like! 3
Link to comment
Share on other sites

10 minuti fa, stev66 scrive:

Mi sembra che si dimentichi il fatto che la percorrenza media italiana è 12.000 km/anno. Ipotizzando una gaussiana centrata su questa cifra, dire che l'auto elettrica già  oggi è sufficiente al 60% degli utenti.

OK, ma il problema è che non è giusto imporla! Oggi le auto sono acquistabili da chiunque e le ICE ed Ibride le si acquista sia che si facciano 10 km/anno sia che se ne facciano 200000. Per quale motivo bisogna sempre limitare le libertà altrui in nome di un Green che al momento non esiste nemmeno con le Full Electric?!! 

 

Facciamo un ipotesi, immaginiamo che da domani siamo tutti in giro con le Full. "l'auto elettrica già  oggi è sufficiente al 60% degli utenti" sarebbe una dato numerico che crederebbe non pochi problemi. E come sempre le medie vanno interpretate. Ci sarà chi ne fa meno di 12.000 ma pure chi ne fa di più, ovvio.  Mi faccio per esempio  dai 10 ai 15000 km/anno, ma solo di viaggi per gite! L'elettrico al momento non sarebbe adatto, sia per la distanza che per come e dove mi muovo. E non solo per me. In Futuro penso che non ci sarà problemi. Ma ora ce ne sarebbero per molti.

  • I Like! 3
Link to comment
Share on other sites

Adesso, mikisnow scrive:

OK, ma il problema è che non è giusto imporla! Oggi le auto sono acquistabili da chiunque e le ICE ed Ibride le si acquista sia che si facciano 10 km/anno sia che se ne facciano 200000. Per quale motivo bisogna sempre limitare le libertà altrui in nome di un Green che al momento non esiste nemmeno con le Full Electric?!! 

 

Facciamo un ipotesi, immaginiamo che da domani siamo tutti in giro con le Full. "l'auto elettrica già  oggi è sufficiente al 60% degli utenti" sarebbe una dato numerico che crederebbe non pochi problemi. E come sempre le medie vanno interpretate. Ci sarà chi ne fa meno di 12.000 ma pure chi ne fa di più, ovvio.  Mi faccio per esempio  dai 10 ai 15000 km/anno, ma solo di viaggi per gite! L'elettrico al momento non sarebbe adatto, sia per la distanza che per come e dove mi muovo. E non solo per me. In Futuro penso che non ci sarà problemi. Ma ora ce ne sarebbero per molti.

Possiamo trovare tutte le eccezioni che vuoi, ma ripeto che viste le percorrenze medie italiane, un' auto come la Hyundai Kona da 250 km di autonomia reale in autostrada e circa 400 in statale va già bene a più del 60% degli utenti italiani.

Le eccezioni ci sono, ma vanno trattate  come eccezioni .

Esempio mio cognato fa 30.000 km/anno ma la maggior parte in statali venete e la sera con due bambini non esce. 

Casa singola ed ovviamente garage. 

Cliente ideale, o quasi. ( Spoiler: ha un diesel 😁 )

Archepensevoli spanciasentire Socing.

Link to comment
Share on other sites

1 minuto fa, stev66 scrive:

Possiamo trovare tutte le eccezioni che vuoi, ma ripeto che viste le percorrenze medie italiane, un' auto come la Hyundai Kona da 250 km di autonomia reale in autostrada e circa 400 in statale va già bene a più del 60% degli utenti italiani.

Le eccezioni ci sono, ma vanno trattate  come eccezioni .

Esempio mio cognato fa 30.000 km/anno ma la maggior parte in statali venete e la sera con due bambini non esce. 

Casa singola ed ovviamente garage. 

Cliente ideale, o quasi. ( Spoiler: ha un diesel 😁 )

Rimango del mio parere e non si tratta di eccezioni. A ragionare sulle medie km/annue è sbagliato. Come se ragionassimo sulla % di chi ha la patente B, non è che sparisce il problema del traffico o degli incidenti stradali. (esempio che non ci azzecca lo so, ma per capirci).

 

L'auto ICE o Ibrida al momento sono quelle più "democratiche" che consentendo di gestirsi l'auto come meglio si crede, sia per svago che per necessità. Solo l'elettrico oggi, anche tutte Kona, sarebbe comunque un grosso problema. Autonomia ed infrastrutture. 

 

È più giusto ragionare in termini di situazione reale, ed in base alle percorrenze caso per caso. Non della media, perché se fosse pure 80% il restante 20% esiste comunque. 😉

 

P. S. Ho seguito il viaggio del ragazzo con Tesla in giro per l'Europa. L'ho trovato interessante, ma riporta sempre con i piedi per terra visto il costo di una Tesla e considerando quanti anni si tiene l'auto. 

 

 

 

Link to comment
Share on other sites

7 minuti fa, stev66 scrive:

Possiamo trovare tutte le eccezioni che vuoi, ma ripeto che viste le percorrenze medie italiane, un' auto come la Hyundai Kona da 250 km di autonomia reale in autostrada e circa 400 in statale va già bene a più del 60% degli utenti italiani.

Le eccezioni ci sono, ma vanno trattate  come eccezioni .

Esempio mio cognato fa 30.000 km/anno ma la maggior parte in statali venete e la sera con due bambini non esce. 

Casa singola ed ovviamente garage. 

Cliente ideale, o quasi. ( Spoiler: ha un diesel 😁 )

Ma che dati sono e soprattutto che conclusioni trai? 12000 km sono la media. Ci metti auto vecchie di decenni, auto in possesso di gente anziana etc etc. Qui stiamo parlando di chi compra auto nuove. Che in media hanno percorrenze ben maggiori. E poi a che serve la media? Io posso usare l'auto per dieci km al giorno. Poi 10 volte all'anno faccio 500 km in un weekend o d'estate vado in Puglia o in Sardegna in macchina. Le variabili sono infinite. E comunque anche se non faccio queste cose non voglio spendere decine di migliaia di euro per 1 auto che fa queste cose con difficoltà. Perché per qualsiasi evenienza l'auto deve essere sicura. Torno a casa con la batteria al 10% e succede un emergenza che cosa faccio?

  • I Like! 3
Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.
Note: Your post will require moderator approval before it will be visible.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

 Share


×
×
  • Create New...

Important Information

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Terms of Use.