Jump to content
Autopareri news
  • Benvenuti su Autopareri! La community italiana che dal 2003 riunisce gli appassionati di automobili e di motori

Quanto ti piace la Tesla Model 3 2016?  

192 members have voted

  1. 1. Quanto ti piace la Tesla Model 3 2016?

    • Molto
      65
    • Abbastanza
      46
    • Poco
      57
    • Per niente
      24


Recommended Posts

 
ne uno ne l'altro, conosco architetti del poli di milano.
dei ticinesi (altrove non so) conoscenze dirette mi dicono che le case sono tutte uguali dentro, ikea-style. Roba che non riesci a capire chi ci vive. Gusti


Basta ot sugli architetti..
Parlateci delle architette!

☏ Nexus 5 ☏

  • I Like! 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
8 minuti fa, Kippur dice:

 


Basta ot sugli architetti..
Parlateci delle architette! emoji16.png

☏ Nexus 5 ☏
 

 

 

Immagine correlata

  • I Like! 2

I'M IN LOVE!:pippa:

"La 6° marcia, K@zzo!"

Share this post


Link to post
Share on other sites
Cita

 

Cita

Tesla, accordo per produrre a Shanghai: la Cina spinge sulla rivoluzione elettrica

Vicina l'intesa tra la società di Elon Musk e la potenza asiatica: il primo vuole abbassare i prezzi di vendita, Pechino punta a confermare la leadership come mercato delle auto senza emissioni


MILANO - Tesla inizierà a produrre anche in Cina. Secondo quanto riporta Bloomberg che cita fonti vicine all'azienda, la società guidata da Elon Musk è vicina a chiudere un accordo con il governo della città di Shanghai, dove verrà costruito uno stabilimento per la produzione dei veicoli elettrici di lusso. Al momento, precisano le fonti, Tesla sta cercando partner locali per avere più facilmente accesso al mercato.

Si tratterebbe di un passo importante per l'azienda che ha superato molti colossi tradizionali - in quanto a valutazione del mercato - e che la porterebbe più vicina al principale mercato di auto, con le possibilità di sviluppo più accelerate. Secondo le fonti, ci sarebbe l'ok a costruire le linee produttive nella zona Lingang dedicata proprio allo sviluppo del manifatturiero e la firma potrebbe arrivare già questa settimana. Sta di fatto che, per le norme attuali, Tesla dovrebbe siglare una joint venture con qualche partner locale non ancora meglio identificato.

Proprio in Cina, l'anno scorso i ricavi della creatura di Musk sono triplicati a più di 1 miliardo di dollari. Avere una linea di assemblaggio locale permetterebbe a Tesla di risparmiare uuna tassa del 25% che rende i suoi modelli più cari di quanto non accada negli Stati Uniti.

Il colosso asiatico è intenzionato ad aprire le porte alle soluzioni di trasporto ibride ed elettriche: nel prossimo decennio infatti le vendite di veicoli simoli sono previste in crescita di dieci volte e non a caso il supporto governativo ha spinto la Cina ad essere già nel 2015 il primo mercato per la vendita di auto senza emissioni.

Abbassare i prezzi di listino è invece fondamentale per le ambizioni di Musk di diventare un produttore di massa.

 

non so se si era già letto 

 

mi pare che per poter vendere in cina si debba anche produrre li, ma non ne sono sicuro


CI SEDEMMO DALLA PARTE DEL TORTO VISTO CHE TUTTI GLI ALTRI POSTI ERANO OCCUPATI

Share this post


Link to post
Share on other sites

Per vendere senza dazi una parte della produzione deve essere autoctona.

Sennò puoi vendere, ma con dazio smodato.

 


Archepensevoli spanciasentire Socing.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Colpaccio di Elone, bisogna ammetterlo


Di questi ne vendono a secchiate.

Vedrete.

[scritto in data 18 Luglio 2013 - Riferito a Jeep Cherokee]

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest

Quando vedo la mensola dell'ikea sulla plancia di quest'auto mi viene voglia di abbellirla e metterci su della roba.

 

732256f4ae6a317ec24e1d099c1c2d94.jpg

 

Ci vedrei su bene dei mini cactus tipo questi sopra, una piccola sveglia digitale così vedo subito l'ora senza andare a cercarla sul tablet, la docking station per il cellulare e magari una foto di famiglia/compagna/beppe grillo.

 

Chissà che magari non diventi un trend quando la guida full autonoma sarà realtà.

 

Nel caso ricordatevi delle mie parole.
 

Edited by Guest

Share this post


Link to post
Share on other sites
3 ore fa, Sadman dice:

Quando vedo la mensola dell'ikea sulla plancia di quest'auto mi viene voglia di abbellirla e metterci su della roba.

 

732256f4ae6a317ec24e1d099c1c2d94.jpg

 

Ci vedrei su bene dei mini cactus tipo questi sopra, una piccola sveglia digitale così vedo subito l'ora senza andare a cercarla sul tablet, la docking station per il cellulare e magari una foto di famiglia/compagna/beppe grillo.

 

Chissà che magari non diventi un trend quando la guida full autonoma sarà realtà.

 

Nel caso ricordatevi delle mie parole.
 

 

Io però il giardino roccioso lo voglio SOPRA il coperchio dell'airbag.

Così metto sul lato passeggero chi mi sta antipatico.

E al primo colpetto... :ammic: 

  • I Like! 3

Statisticamente, il 98% dei ragazzi nel mondo ha provato a fumare qualsiasi cosa. Se sei fra il 2%, copia e incolla questa frase nella tua firma

Share this post


Link to post
Share on other sites

Trovo che interni così puliti siano molto meglio, non sono molto distanti come concetto da quelli che Volvo sta promuovendo da XC90 in poi, da molti elogiati. Non a caso Tesla ha rubato il responsabile degli interni a Volvo un anno fa.

Non mettere nemmeno un tasto è probabilmente eccessivo, alcune funzioni devono essere accessibili velocemente, banalmente anche solo la funzione "mute" della radio.

Il volante comunque è orrendo, sarà la classica versione base che la maggior parte vorrà cambiare con un pacchetto da qualche migliaia di dollari...

 

Model 3 è stata progettata per essere semplice ed economica, nonostante sia ritenuta un'auto premium di fatto non lo è, anche Tesla sta facendo fatica a ribadire il concetto.

  • I Like! 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.
Note: Your post will require moderator approval before it will be visible.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


  • Similar Content

    • By Maxwell61
      Thread generale per notizie relative alle reti di ricariche auto EV e PHEV in Italia, in AC e DC fast.
       
      Notizie fresche per ricarica autostradale veloce, sperando che non siano come quelle vecchie mai realizzate. 
      Il nostro paese è probabilmente quello più in ritardo in EU nella costituzione di una rete di ricarica ed anche plagato da costi alti per il kWh in ricarica pubblica.
       
       
       
       
      -----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
       
      Ogni aggiornamento disponibilità e costi è quindi importante, fatto salvo che la base di ricarica per la gestione di una EV è la ricarica domestica, attualmente tra 0,16 e 0,20 Euro/kWh.
       
      https://insideevs.it/news/400022/ricarica-auto-elettriche-casa-colonnine/
       
       
       
      Il progetto di ASPI, Autostrade per l'Italia, copre ovviamente solo le autostrade dell'ente, ma altri enti di tratte diversi stanno esaminando la cosa. 
       
      https://insideevs.it/news/403592/colonnine-ricarica-auto-elettriche-autostrada-aspi/
       

       
      In esclusiva il piano ASPI con le aree di servizio coinvolte. Obiettivo: coprire la grande viabilità con ricariche fino a 350 kW
      L’impegno di ASPI per installare una rete di ricarica per le auto elettriche in autostrada, annunciato dell’a.d. Roberto Tomasi, ha destato grande attenzione tra i proprietari dei veicoli a batteria. Perfino nei difficilissimi giorni del Coronavirus. Quello delle colonnine sulla grande viabilità, del resto, è un nodo fondamentale per lo sviluppo della eMobility in Italia e chi è abituato a usare una full electric come mezzo principale lo sa bene.  
      Ecco quindi tutti i dettagli che abbiamo potuto ricostruire sul piano per la “rivoluzione green” di Autostrade per l’Italia, incluso l’elenco delle aree di servizio coinvolte dalla strategia, intercettato in esclusiva da InsideEVs.it. 
      Gestione diretta 
      A quanto si apprende, ASPI ha sviluppato la sua strategia nell’ottica di una gestione diretta dell’infrastruttura di ricarica, con una logica “multiclient” pensata per servire indistintamente tutti gli automobilisti che possono ricaricare in corrente continua.
      La prima fase del progetto, come anticipato, prevede l’installazione di stazioni di ricarica ultra-veloci da 4-6 postazioni in 67 aree di servizio (più in basso trovate elenco e posizioni), che rappresentano il 31% delle stazioni di rifornimento presenti sulla rete ASPI. Al termine di questa fase di “start-up” sarebbero presenti in media punti di ricarica ogni 90 km. 
      La posa delle colonnine – al netto delle incertezze legate alla questione concessioni - partirà già da quest’anno e abbiamo trovato conferma che la prima sperimentazione sta coinvolgendo tre aree di servizio a Roma, Milano e Bologna.
        Qui, in partnership con un operatore del settore, verranno installati punti di ricarica da 350 kW. Il valore della sperimentazione dovrebbe aggirarsi sul milione e mezzo di euro, a fronte di un investimento complessivo per la fase uno stimato in 35 milioni di euro.
        La tecnologia 
      Dal punto di vista tecnologico, le colonnine installate saranno tutte ad altissima potenza, fino a 350 kW. Verosimilmente Aspi punta a contenere quanto più possibile il tempo delle ricariche con l’intento di assimilarlo per quanto possibile a quello medio di sosta delle auto tradizionali. Un ragionamento valido anche in prospettiva, quando le full electric in circolazione saranno molte di più e occorrerà una velocità di ricarica importante per poterle servire agevolmente. 
      Da quanto abbiamo potuto ricostruire, Autostrade sarebbe al lavoro anche per ottimizzare i circuiti di distribuzione elettrica nelle aree di servizio, con il duplice obiettivo di risparmiare energia e abbassare i costi di esercizio.  
      Il nodo delle ricariche
       Ricarica auto elettriche, il Governo promette incentivi e semplificazioni    Auto elettriche, appello al Governo: ricarica diventi servizio pubblico Le gare “aperte” nella fase 2 
      La seconda fase del piano dovrebbe scattare quando sarà raggiunto un determinato tasso di utilizzo delle colonnine installate. Da quel momento Aspi aprirà al mercato per coprire il rimanente 69% delle aree di servizio e raggiungere in questo modo una copertura totale della sua rete. Verranno quindi lanciate delle gare rivolte agli operatori del settore che vorranno attivarsi sul fronte retail.  
      Anche una flotta green 
      L’impulso per la sostenibilità del piano di Autostrade passa anche dalle illuminazioni a led in tutte le gallerieentro il 2022 e l’investimento di 25 milioni di euro per installare altri 144 impianti fotovoltaici, in grado di portare la produzione totale di energia verde oltre i 45 GWh. Infine, sarà avviato anche un piano di progressivo rinnovo dei mezzi di servizio della società (circa 200 vetture per ogni Direzione di Tronco) solo con motorizzazioni ibride o elettriche.
    • By Beckervdo
      Ecco la nuova Citroen C4 e la sua variante elettrica e-C4.
       
      Via Citroen
       
       





















       

       

       

       

       

       
      via Citroën
       
      FOTO LIVE
       

       

      ————————————————————————————————————
      SPY TOPIC ➡️ Clicca qui!
      ————————————————————————————————————
    • By Beckervdo
      Piattaforma PPE (Premium Platform Electric) che è stata sviluppata con Porsche. Non è la medesima di Taycan, dato che è basata sulla J1 (così come la E-Tron GT).
       
      Per completezza la Q4 E-Tron è basata sulla MEB, mentre la E-Tron SUV sarà basata sulla MLB-EVO elettrificata.

       


×
×
  • Create New...

Important Information

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Terms of Use.