Jump to content
Autopareri news
  • Benvenuto su Autopareri! La community italiana che dal 2003 riunisce gli appassionati di automobili e di motori

Recommended Posts

Non si sa ancora quasi nulla di questo costruttore, molto intrigante! (Comunque prevedo un ipocrito aumento di interesse nel brand da parte del forum :lol: )

Share this post


Link to post
Share on other sites
41 minuti fa, crabble dice:

Non si sa ancora quasi nulla di questo costruttore, molto intrigante! (Comunque prevedo un ipocrito aumento di interesse nel brand da parte del forum :lol: )

non si sa nulla, ma da quanto si  capito hanno alle spalle un colosso cinese, quindi non credo che finirà in una bolla di sapone, anzi vedendo le persone che stanno prendendo (Mattiacci prima di finire in F1 era a capo della Ferrari USA, e sotto la sua guida le vendite sono raddoppiate) secondo me saranno un serio contendente per Tesla

Share this post


Link to post
Share on other sites

potenzialmente possono fare grandi cose. Anche a livello di liquidità potrebbero perfino avere meno problemi di tesla. 

  • I Like! 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Questa roba elettrica è per gran parte puro marketing.. la tecnologia che usano è semplice, muskio va a raccattare batterie dappertutto, panasonic ecc, lo stesso possono fare gli altri.. la verità è che la batteria da 500 miglia di autonomia è lontana 10 anni a quanto dicono, e per allora qualsiasi costruttore generalista potrebbe invadere il mercato di elettriche, eppure marchionne ha detto di non crederci ancora

 

forse aspettano il risultato delle ricerche su possibili combustibili liquidi alternativi es dall'anidride carbonica e simili, nel frattempo gli "elettrici" riempiono il tempo andando giù pesante di marketing-advertising

  • I Like! 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
14 ore fa, Aymaro dice:

Marco Mattiacci, dopo la breve e (non per colpa sua) disastrosa parentesi a capo della scuderia Ferrari diventa il capo del nuovo marchio di auto elettriche con sede in California

http://it.motorsport.com/general/news/mattiacci-dalla-ferrari-a-responsabile-globale-del-marchio-faraday-future-761992/

Avevo letto in giro...comunque, in quel desolante 2014, MM fu l'unica nota positiva della Scuderia.

Ancora non ho capito perchè fu cacciato in quel modo (senza essere ricollocato all'interno della galassia FCA/Ferrari intendo)

  • I Like! 2

Share this post


Link to post
Share on other sites
On 9/6/2016 at 22:33, shadow_line dice:

Questa roba elettrica è per gran parte puro marketing.. la tecnologia che usano è semplice, muskio va a raccattare batterie dappertutto, panasonic ecc, lo stesso possono fare gli altri.. la verità è che la batteria da 500 miglia di autonomia è lontana 10 anni a quanto dicono, e per allora qualsiasi costruttore generalista potrebbe invadere il mercato di elettriche, eppure marchionne ha detto di non crederci ancora

 

forse aspettano il risultato delle ricerche su possibili combustibili liquidi alternativi es dall'anidride carbonica e simili, nel frattempo gli "elettrici" riempiono il tempo andando giù pesante di marketing-advertising

 

Gli interessi legati alle batterie sono enormi e molti gruppi sono al lavoro sul vero salto di qualità.

In tanti hanno annunciato batterie in grado di ricaricarsi veramente rapidamente o dalla durata lunghissima. 

 

Per me non passerà tanto tempo dall'annuncio di nuove tecnologie reali in grado di cambiare il mercato da un giorno all'altro, ma come in tutte le cose chi arriva primo, chi crea le infrastrutture vedrà i risultati concreti. FCA resta al palo perchè fondamentalmente non ha soldi, nel frattempo Tesla semina le nazioni di stazioni di ricarica... Se la tecnologia dovesse fare il balzo domani personalmente non ho dubbi su chi ne trarrà realmente beneficio.

  • I Like! 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 ora fa, A.Masera dice:

 

 FCA resta al palo perchè fondamentalmente non ha soldi, nel frattempo Tesla semina le nazioni di stazioni di ricarica... Se la tecnologia dovesse fare il balzo domani personalmente non ho dubbi su chi ne trarrà realmente beneficio.

 

Se arriva il balzo tecnologico, chi ne trae beneficio?

Probabilmente non chi ha investito anche i soldi che non ha sull'evoluzione della tecnologia esistente (i.e. riduzione dei costi delle batterie attuali+rete supercharger).

 

L'elettrico è ancora terreno per venture capitalist, imho.

 

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Cita

Faraday Future, un futuro incerto

I due top manager Mattiacci e Sommer hanno rassegnato le dimissioni a pochi giorni dal CES

Il gioco di parole è fin troppo facile, per un’azienda che si chiama Faraday Future: dopo le dimissioni di due figure chiave del suo management - l’italiano ex Ferrari Marco Mattiacci (foto in alto) e Jeorg Sommer - il suo futuro è tutto tranne che certo. Attenzione: è decisamente troppo presto per dichiarare “persa” la partita Faraday Future (azienda americana a capitali cinesi), ma i segnali non sono dei migliori, anche perché l’azienda era attesa proprio al CES di Las Vegas per il suo debutto in grande stile davanti al grande pubblico. E non un pubblico “vecchio” come quello di un classico salone dell’auto (Detroit) ma uno moderno come quello di Las Vegas.

Un doppio addio molto pesante

Le dimissioni dei due top manager, che negli USA danno per certe, non sono il miglior biglietto da visita per un’azienda che proprio al CES deve trovare dei finanziatori che le permettano di portare avanti e concretizzare le sue magnifiche idee ed automobili. La prima, quella che vedremo al CES di Las Vegas, è un crossover molto ambizioso, non “solo” a zero emissioni, ma molto innovativo nella linea e con tanta voglia di sfidare Tesla e Bentley. Di più: il segnale delle loro dimissioni è ancora più grave se si tiene conto che i due erano in carica da sette (Mattiacci) e tre (Sommer) mesi. A proposito dei motivi dietro alla clamorosa doppia decisione, le voci che si rincorrono sono molte e incontrollate.

I retroscena

C’è chi sostiene che i due abbiano deciso di allontanarsi dall’azienda a causa delle difficoltà insanabili e chi invece dice che Mattiacci e Sommer siano stati licenziati per liberare risorse da impiegare per il lancio delle vetture. In entrambi i casi, per gli investitori si tratterebbe di un cattivo segnale: nel primo caso, se due manager navigati abbandonano la “barca” è perché le prospettive sono pessime. Nel secondo caso, emergerebbe come minimo un po’ di improvvisazione da parte di chi gestisce la Faraday Future: perché assumere due personalità di spicco, salvo poi rendersi conto, pochi mesi dopo, che i loro stipendi non sono sostenibili? Al CES ci saranno sicuramente aggiornamenti.

http://www.omniauto.it/magazine/42971/faraday-future-dimissioni-top-management

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.
Note: Your post will require moderator approval before it will be visible.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


  • Similar Content

    • By Sarrus
      sembra che tramutino in serie il prototipo ispirato alla Pony
       


       
      https://www.carscoops.com/2020/02/hyundai-45-ev-makes-spy-debut-combines-angular-retro-styling-with-new-platform/
    • By xtom
      Si aggira un dubbio tra esperti e non del settore auto:
       
      Le attuali auto elettriche sarebbero vendute sottocosto in modo da accumulare bonus e far rientrare i costruttori nei limiti di CO2 di gamma previsti dalle nuove normative in vigore.
       
      Il sospetto viene a molti guardando i prezzi di certe vetture elettriche, ultima in ordine di arrivo la Ford Mustang Mach-E, il cui prezzo di listino parte da 49.900 euro, senza togliere gli incentivi,  per la versione a trazione posteriore con motore da 258 cv e batteria da 75,7 kWh. Come termine di paragone  un'Alfa Stelvio turbodiesel da soli 160 cv parte da 45.700 euro di listino.
       
      Con questa mossa Ford potrebbe piazzare un discreto numero di Mach-E, ricevere i bonus per le auto ad emissioni zero, e continuare a vendere indisturbata i SUV o le Mustang con il possente V8 senza incappare nelle multe per le case che sforano le soglie di CO2.
       
      Da un lato c'è chi urla allo scandalo, citando l'antico adagio "fatta la legge trovato l'inganno", dall'altra c'è chi invece ritiene che la mossa di questi costruttori meriti un plauso, perché invece di risolvere la questione comprando certificati verdi da altri costruttori virtuosi, vedasi ad esempio l'accordo tra FCA e Tesla, si mettono in gioco e offrono al pubblico un prodotto innovativo a prezzi fino a pochi anni fa impensabili per un'auto elettrica.
       
      Qualcuno infine mormora che poi in fondo la tecnologia elettrica è sufficientemente collaudata ed i prezzi stanno velocemente scendendo, per cui non ci si deve sorprendere di certi listini. Il costo delle celle delle batterie agli ioni di litio è ormai sotto i 200 dollari a Kwh, mentre i motori elettrici hanno costi di assemblaggio inferiori di 10 volte rispetto ad un turbodiesel di ultima generazione, senza contare che fanno anche a meno del cambio.
       
      Probabilmente la verità sta nel mezzo, da una parte i costi di produzione si sono effettivamente ridotti, dall'altra le case li stanno tenendo artificiosamente bassi per non vedere buttati in fumo gli investimenti fatti sull'auto elettrica.
       
      Quello che è certo è che per i clienti aumentano le possibilità di scelta, potendo comparare direttamente i  pregi e i difetti delle auto elettriche con le analoghe versioni a combustione vendute a prezzi simili.
       
       
       
       
       
    • By lukka1982
      La casa giapponese ha sviluppato un motore elettrico a magneti permanenti capace di sviluppare un range di potenze dai 47 ai 272 cv.
      Per ora il progetto si è soffermato solo sul powertrain, ma in Yamaha svilupperanno su richiesta la componentistica necessaria per adattarlo ad un prodotto già in commercio. 
      Per lo sviluppo si è modificato una Alfa Romeo 4C, come visibile nel video.
×
×
  • Create New...

Important Information

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Terms of Use.