Jump to content
Autopareri news
  • Benvenuto su Autopareri - il forum dell'automobile!
SevenOfNine

La Brexit è Reale

Recommended Posts

invece di continuare a rievocare le guerre puniche e le crociate,

 

sarebbe meglio che tu controllasi gli attuali saldi commerciali all'intenro della UE,

che per GB sono ampiamente NEGATIVI, quindi chi ci rimette continuiamo a essere noi:

 

ed è questo è il vero motivo di tutta sta cacciara:

 

com'è possibile che  si giudichi uno favorito dagli accordi

e contemporaneamente lo si voglia trattenere ?

 

: "dissonanza cognitiva"

 

se come sostenete da 134 pagine  loro hanno ottenuto condizioni vantaggiose, 

allora lo hanno fatto a scapito nostro

e  tutti dovrebbero essere ben contenti di liberarsene, finalmente.

 

il fatto che qualcuno invece li voglia trattenere

è la prova che  ci si guadagna.

 

il problema è che solo qualcuno ci guadagna, qui  e la,

la maggioranza ci perde

 

 

p.s. e poi ci sono anche quelli che CREDONO di guadagnarci 

 

Edited by owluca
  • I Like! 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

Boh io aspetterei un po' prima di dire "staranno tutti malissimo e Gimmo comprera' turbine a 20 sterline".

 

Ma aspetterei anni, nemmeno mesi.

 

E poi, da come mi pare di capire, Londra /= Uk

Share this post


Link to post
Share on other sites
4 ore fa, owluca dice:

meanwhile in the REAL GB

 

https://www.finanza.com/Finanza/Notizie_Mondo/Inghilterra/notizia/Gran_Bretagna_OBR_alza_stima_crescita_Pil_2017_a_2-470909

 

Gran Bretagna: OBR alza stima crescita Pil 2017 a +2%

 

 

Questo non ha nulla a che vedere con la Brexit. Ogni stima fatta in questo momento, con tutti gli accordi ed i trattati commerciali ancora da scrivere, è assolutamente aleatoria.

Tra l'altro se vogliamo continuare col giochino " Forecaster revises prediction for UK economy in 2017, but says growth will slow next year as inflation hits spending " (theguardian)

 

 


 

  • I Like! 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
28 minuti fa, owluca dice:

se come sostenete da 134 pagine  loro hanno ottenuto condizioni vantaggiose, 

allora lo hanno fatto a scapito nostro

e  tutti dovrebbero essere ben contenti di liberarsene, finalmente.

 

Non necessariamente. Non è che nel corso degli anni all'UK si è consentito di (dico a caso):

- ignorare le direttive sul mercato interno e sulla circolazione dei lavoratori

- interrompere a piacimento ogni contributo finanziario al bilancio comune

- raddoppiare i contributi comuni per sè dagli altri Paesi membri

 

Il sentimento contrario agli opt-out è dettato più da ragioni di coerenza e tenuta del sistema che di impatto economico. Nel senso: se il progetto è comune, comuni devono essere le condizioni, nessun membro dovrebbe essere in grado di negoziare condizioni personalizzate. Ma altro discorso è se poi quelle condizioni favorevoli rendono quel membro un impiccio/danno per gli altri. L'UK resta un Paese tra i più grandi e popolosi d'Europa, che importa moltissimo dall'UE ed esporta comunque una gran quantità di beni, per quanto inferiore, e che nel complesso partecipa al mercato unico a pieno titolo. Mi pare normale che di fronte a ciò si pensi che sarebbe peggio ritrovarselo come partner commerciale con in mezzo dazi e barriere di altro tipo.

 

Anzi, di fronte al saldo commerciale dovrebbe essere più l'UE gelosa di conservare l'UK che non il contrario (e comunque anche viceversa non è che l'export verso l'UE sia poca roba per i britannici)

Edited by Walker
  • I Like! 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
21 minuti fa, owluca dice:

invece di continuare a rievocare le guerre puniche e le crociate,

 

sarebbe meglio che tu controllasi gli attuali saldi commerciali all'intenro della UE,

che per GB sono ampiamente NEGATIVI, quindi chi ci rimette continuiamo a essere noi:

 

ed è questo è il vero motivo di tutta sta cacciara:

 

com'è possibile che  si giudichi uno favorito dagli accordi

e contemporaneamente lo si voglia trattenere ?

 

: "dissonanza cognitiva"

 

se come sostenete da 134 pagine  loro hanno ottenuto condizioni vantaggiose, 

allora lo hanno fatto a scapito nostro

e  tutti dovrebbero essere ben contenti di liberarsene, finalmente.

 

il fatto che qualcuno invece li voglia trattenere

è la prova che  ci si guadagna.

 

il problema è che solo qualcuno ci guadagna, qui  e la,

la maggioranza ci perde

 

 

p.s. e poi ci sono anche quelli che CREDONO di guadagnarci 

 

 

per me vi state polarizzando su due opinioni opposte e inconciliabili, ma il nodo rimane nel mezzo. Ovvero che nessuno dei due sa cosa possa succedere di preciso, ma entrambi sanno che dovranno lasciare qualche cadavere sul campo. Il contendere probabilmente è sull'entità di cadavere che ci si dovrà accollare ciascuna parte

 

Se tutto fosse come dici tu, ovvero che l'inghilterra viaggerà sul velluto, la camera alta (tradizionalmente filo tories)  ha approvato una mozione che prevede che entrambe le Camere, quando fra due anni si concluderà il negoziato sulla Brexit fra Londra e Bruxelles, votino sui termini dell'accordo raggiunto e, se necessario, costringano il proprio governo a tornare al tavolo della trattativa per ottenerne uno migliore.

 

Notizia che non si è sentita molto, ma che ritengo essere abbastanza indicativa del fatto che nemmeno loro sanno di preciso che pesci pigliare. Vedendola dal di fuori è pure una decisione un po' stramba: che potere di trattativa reale nei confronti di bruxxelle può avere un governo, di fatto, senza deleghe?  Ci si mette d'accordo per anni e, se poi non piace alle camere si ridiscute tutto? Può essere considerato a questo punto un interlocutore?

 

Lo dico e lo ripeto da tempo: per adesso hanno fatto partire una macchina che nessuno sa dove possa finire di preciso. Al momento non si capisce di preciso nemmeno chi la stia guidando. 

 

E ricordo che l'incertezza è uno dei peggiori spauracchi per finanza e investimenti. Io non la vedo benissimo da entrambe le parti. Nel lungo periodo soprattutto per gli albionici: la situazione del commonwealth non è così rosea come si dice.

I rapporti commerciali con l'india ad esempio sono meno intensi di quelli di altri paesi europei.

  • I Like! 2

Share this post


Link to post
Share on other sites
12 ore fa, Walker dice:

Che poi, l'immigrazione era anche, tra quelli che hanno trascinato il periodo pre-voto, il policy field più facile da demitizzare anche da parte del cittadino comune. La campagna "leave" ha spesso prodotto dati falsi e ingigantito alcune realtà, quando invece entità dei flussi migratori, necessità dell'immigrazione per il PIL, impatto positivo o negativo sulle finanze pubbliche e sull'occupazione erano grandezze reperibili. Sfiducia nei dati ufficiali? Rifiuto a informarsi? Boh.

 

Almeno sul fatto che fosse opportuno per l'UK restare contribuente netto in UE, che si stesse o no per far entrare la Turchia, che rivolessero sovranità legislativa, ecc. c'era anche un po' più di margine (poco imho) per posizioni opposte, ma se è stato decisivo il punto 1...

 

L'immigrazione è la problematica che più tocca il cittadino comune nella vita di tutti i giorni... i dati sul PIL sono... cifre... gli spacciatori in stazione sono in carne ed ossa.

Io ti assicuro che il centro della città dove abita la mia ragazza, dieci anni fa, era un'altra cosa. L'ho visto succedere con i miei occhi.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il problema vero è che, a mio modesto parere, fermo restando la massima libertà dei cittadini inglesi di decidere il loro futuro, per il Regno Unito uscire dall'Europa sul breve/medio termine è un errore per il Regno Unito che i cittadini britannici pagheranno economicamente e politicamente, ben più di quanto pagheranno i cittadini dell'UE ( se l'UE sopravvivrà ovviamente )

 

Tutto qui. Se poi sarò smentito, sarò il primo ad ammettere le mie colpe ( bevendomi* un po' del Prosecco invenduto :) )

 

* Anzi ce lo berremo insieme brindando alla salute di Sua Maestà  :)

 

 

  • I Like! 2

Share this post


Link to post
Share on other sites
6 minuti fa, Fede82 dice:

 

L'immigrazione è la problematica che più tocca il cittadino comune nella vita di tutti i giorni... i dati sul PIL sono... cifre... gli spacciatori in stazione sono in carne ed ossa.

Io ti assicuro che il centro della città dove abita la mia ragazza, dieci anni fa, era un'altra cosa. L'ho visto succedere con i miei occhi.

 

Benissimo, ma:

1) immigrazione e clandestinità sono due cose diverse, ed è evidente che in UK non hanno votato "leave" tanto per lo spacciatore a Times Square quanto per il laureato/diplomato comunitario che lavora lì;

2) sull'immigrazione incontrollata... beh, il sistema Schengen è proprio uno dei pezzi in cui l'UK ha più concessioni :) se devono prendersela con qualcuno se la prendano con le loro autorità, visto che gli ingressi li controllano ancora loro.

 

Su questa questione temo sia veramente stato un voto causato dal venir meno a quasi tutti i dover di un buon elettore...

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 minuto fa, Walker dice:

 

Benissimo, ma:

1) immigrazione e clandestinità sono due cose diverse, ed è evidente che in UK non hanno votato "leave" tanto per lo spacciatore a Times Square quanto per il laureato/diplomato comunitario che lavora lì;

2) sull'immigrazione incontrollata... beh, il sistema Schengen è proprio uno dei pezzi in cui l'UK ha più concessioni :) se devono prendersela con qualcuno se la prendano con le loro autorità, visto che gli ingressi li controllano ancora loro.

 

Su questa questione temo sia veramente stato un voto causato dal venir meno a quasi tutti i dover di un buon elettore...

 

Ah, ma non dico sia stato un voto ragionato, eh! Concordo con te! Però le spinte reali sul voto sono state queste. Hanno visto arrivare centinaia di migliaia di persone all'anno in Europa meridionale e hanno preso paura. Se ne parlava anche in un'analisi che vidi la sera stessa del voto, quando si pensava, secondo gli exit poll, che avesse vinto il no.

Share this post


Link to post
Share on other sites
2 minuti fa, Fede82 dice:

 

Ah, ma non dico sia stato un voto ragionato, eh! Concordo con te! Però le spinte reali sul voto sono state queste. Hanno visto arrivare centinaia di migliaia di persone all'anno in Europa meridionale e hanno preso paura. Se ne parlava anche in un'analisi che vidi la sera stessa del voto, quando si pensava, secondo gli exit poll, che avesse vinto il no.

 

Veramente i dati a disposizione dicono che la massima presenza è polacca .  :)

 

Si veda link del sole 24 ore

 

http://www.infodata.ilsole24ore.com/2016/06/27/brexit-ded/?refresh_ce=1

 

P.S altro fun fact: i cittadini extra UE in GB sono 5 milioni, contro i 3.3 milioni di europei.

 

 

 

 

 

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.
Note: Your post will require moderator approval before it will be visible.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Create New...

Important Information

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Terms of Use.