Vai al contenuto

Messaggi Raccomandati

Molto brevemente, tra il weekend passato e Lunedì' ho messo giu' circa 700km, percorrendo i quali, giusto per qualche breve tratta sia in autostrada che sul misto, ho pestato un po', settando il tutto in sport (non ho ancora provato sport +).

In pratica se per la prima settimana o giu' di li' mi sono dilettato a mettere sotto esame piu' che altro l'impianto HK (Massive Attack pompati a dovere), ora ho cominciato cercare un po' di piu' le prestazioni..

 

:shock:

 

...abbastanza pazzesca, devo dire. Non mi aspettavo una verve cosi', cambio e motore generano una risposta selvaggia e la trasformano da una paciosa hatchback in un animale abbastanza feroce e volendo anche irritabile. Le cambiate rimangono comunque morbide cosi' come l' erogazione, sicuramente piu' "cremosa" e meno brutale rispetto alla M2, tuttavia l' accelerazione e' a livello della N430 e della Carrera S (anche i numeri dicono cosi') e la risposta del turbo associata alle cambiate fulminee ti lascia positivamente sorpreso.

 

D' altra parte grazie anche alle sospensioni attive ed al miglioramento nella tecnologia RFT, il livello di comfort e' molto buono, il che, unito alle prestazioni elevate ed alla bellissima accoppiata L6-AT8, contribuisce a rendere questa piccola sr1 una proposta unica nel panorama delle auto prestanti. Certo, non sara' veloce come una A45 AMG, non sara' paragonabile a sportive vere come 911 o Vantage, tuttavia come all rounder, come daily driver e come "mini GT" mi sembra una scelta azzeccatissima. 

 

PS - farla sculare non e' difficile...sicuramente portata al limite tirerà' fuori i suoi di limiti (ed anche quelli del guidatore poco esperto), dovuti ad uno chassis comunque abbastanza turistico ed  quello sterzo cosi' cosi'.

 

Quest' inverno ci sara' da divertirsi, cum judicio  poliziottesco, cum judicio...

 

 

 

 

 

Modificato da poliziottesco
  • Like! 8

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Ragazzi complimenti! Anche se la st1 non mi ha mai fatto impazzire al contrario di quel L6, mi avete fatto venire voglia di provarne una  !! Enjoy

  • Like! 2

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Ovvi complimenti per le turbobavaresi ai fortunati possessori ma ancor più un plauso per averle prese a 3 porte.
Adoro tutte le hatch a 3 porte e ogni volta che una nuova auto viene proposta soltanto a 5 porte soffro.

  • Like! 4

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
On 21/12/2016 at 19:48, poliziottesco dice:

Molto brevemente, tra il weekend passato e Lunedì' ho messo giu' circa 700km, percorrendo i quali, giusto per qualche breve tratta sia in autostrada che sul misto, ho pestato un po', settando il tutto in sport (non ho ancora provato sport +).

In pratica se per la prima settimana o giu' di li' mi sono dilettato a mettere sotto esame piu' che altro l'impianto HK (Massive Attack pompati a dovere), ora ho cominciato cercare un po' di piu' le prestazioni..

 

:shock:

 

...abbastanza pazzesca, devo dire. Non mi aspettavo una verve cosi', cambio e motore generano una risposta selvaggia e la trasformano da una paciosa hatchback in un animale abbastanza feroce e volendo anche irritabile. Le cambiate rimangono comunque morbide cosi' come l' erogazione, sicuramente piu' "cremosa" e meno brutale rispetto alla M2, tuttavia l' accelerazione e' a livello della N430 e della Carrera S (anche i numeri dicono cosi') e la risposta del turbo associata alle cambiate fulminee ti lascia positivamente sorpreso.

 

D' altra parte grazie anche alle sospensioni attive ed al miglioramento nella tecnologia RFT, il livello di comfort e' molto buono, il che, unito alle prestazioni elevate ed alla bellissima accoppiata L6-AT8, contribuisce a rendere questa piccola sr1 una proposta unica nel panorama delle auto prestanti. Certo, non sara' veloce come una A45 AMG, non sara' paragonabile a sportive vere come 911 o Vantage, tuttavia come all rounder, come daily driver e come "mini GT" mi sembra una scelta azzeccatissima. 

 

PS - farla sculare non e' difficile...sicuramente portata al limite tirerà' fuori i suoi di limiti (ed anche quelli del guidatore poco esperto), dovuti ad uno chassis comunque abbastanza turistico ed  quello sterzo cosi' cosi'.

 

Quest' inverno ci sara' da divertirsi, cum judicio  poliziottesco, cum judicio...

 

 

 

 

 

E vedrai che miglioramenti con l'aumentare dei km, il bello deve ancora venire.

  • Like! 1

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
18 ore fa, leon82 dice:

Ovvi complimenti per le turbobavaresi ai fortunati possessori ma ancor più un plauso per averle prese a 3 porte.
Adoro tutte le hatch a 3 porte e ogni volta che una nuova auto viene proposta soltanto a 5 porte soffro.

 

A me fa stranissimo vedere un'auto di queste dimensioni a 3 porte. Quella dello sbirro sembra una specie di 3 Touring accorciata... siamo quasi... quasi in odore di shooting brake :oddio::oddio::oddio:

 

Che bel mezzo comunque, pare che ne siate e siano tutti entusiasti.

  • Like! 2

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
46 minuti fa, Wilhem275 dice:

 

A me fa stranissimo vedere un'auto di queste dimensioni a 3 porte. Quella dello sbirro sembra una specie di 3 Touring accorciata... siamo quasi... quasi in odore di shooting brake :oddio::oddio::oddio:

 

Che bel mezzo comunque, pare che ne siate e siano tutti entusiasti.

 

io se non avessi i due nani avrei preso di nuovo il 3 porte. Imho su 1er ha il suo perche'. E' la cosa che si avvicina di piu' alla sb

 

piurtroppo questa e' rimasta un concept

 

Risultati immagini per volvo shooting brake concept

  • Like! 5

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
On 9/1/2018 at 20:25, mikisnow dice:

 

 

Io l'avrei cozzata anche sul dritto :D 

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
1 ora fa, J-Gian dice:

 

Io l'avrei cozzata anche sul dritto :D 

no daii!!

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

In effetti 40.000 euro scontata non è male, non so quanto scontino la M2 attualmente. Porbabilmente con l'uscita imminente della M2 col motore della M4 dovrebbero scontarla di più

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere iscritto per commentare e visualizzare le sezioni protette!

Crea un account

Iscriviti nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

  • Contenuti simili

    • Da 4200blu
      BMW M GmbH has sharpened the race-inspired character of its BMW M5 high-performance sedan with an even more powerful model. The new BMW M5 Competition (fuel consumption combined: 10.8 – 10.7 l/100 km; CO2 emissions combined: 246 – 243 g/km)* sets new performance benchmarks in its segment.
       
      The market launch of the new BMW M5 Competition creates a new product category. In future, BMW M GmbH will offer the most powerful variants of its high-performance cars as standalone models. This new status reflects the individual character of the BMW M5 Competition. It also heralds the latest chapter in a history of success which began with the M Competition package (including power boost) configured specifically for the predecessor to the current BMW M5 – and which the exclusive new BMW M5 Competition builds on convincingly.
      The new BMW M5 Competition combines an ever-present sense of the race track and a suitably rarefied aura with the unruffled ease in everyday use for which BMW M models are renowned. A 19 kW/25 hp hike in engine output over the standard version of the new BMW M5 (to 460 kW/625 hp), even more direct responses and bespoke chassis tuning combine to maximise dynamics, agility and precision.
      The 4.4-litre V8 engine with M TwinPower Turbo technology has been modified specifically for this new application and develops peak torque of 750 Nm (553 lb-ft) across an even broader rev range – from 1,800 rpm to 5,800 rpm. The thrust generated by the new BMW M5 Competition’s engine enables acceleration of 0 to 100 km/h (62 mph) in 3.3 seconds and 0 to 200 km/h (124 mph) in 10.8 seconds. Like the engine’s responses, the aural character of the standard-fitted M Sport exhaust system can be adjusted at the touch of a button. The driver can also use the M Sound Control button to initiate an extremely discreet soundtrack. Model-specific engine mounts with a higher spring rate provide a much firmer connection between the drive unit and vehicle structure in the new BMW M5 Competition. This has a noticeable effect on the car’s responses, the sharpness of its turn-in and the experience of the engine’s soundtrack inside the car. The engine’s power is channelled to the road via an eight-speed M Steptronic transmission with Drivelogic. Added to which, the new BMW M5 Competition is specified with the M xDrive M-specific all-wheel-drive system and the Active M Differential at the rear axle. The centrally controlled interaction between the two systems optimises traction, agility and directional stability. The M xDrive system’s rear-wheel bias provides the ideal basis for a full-blooded performance-driving experience. Added to which, the new BMW M5 Competition supplements M Dynamic Mode with three driving programs honed for use on the track: 4WD, 4WD Sport and 2WD, which switches to pure rear-wheel drive and deactivates the Dynamic Stability Control (DSC). Chassis technology meticulously adapted to the engine’s performance profile ensures precisely controllable on-limit handling. Model-specific features of the chassis include a seven-millimetre drop in ride height, special damper hydraulics and stiffer springs, an increased camber at the front axle and modified toe links and anti-roll bars at the rear. Standard specification for the new BMW M5 Competition also comprises exclusive 20-inch forged M light-alloy wheels with mixed-size tyres. Eye-catching design cues emphasise the exclusivity of the new BMW M5 Competition. BMW Individual high-gloss Shadow Line trim is complemented by the use of high-gloss black for the kidney grille surround, decorative grating of the signature BMW M gills, rear spoiler and exterior mirror caps. “Competition” lettering is added to the likewise black “M5” badge on the boot lid. Black seatbelts with an understated stripe design in BMW M GmbH colours and model-specific floor mats bring a distinctive flavour to the interior of the new BMW M5 Competition. An “M Competition” graphic appears in the instrument cluster when it is starting up.  
      Via BMW
       
      Nostra discussione e foto
      https://www.bmwnews.it/ufficiale-la-nuova-bmw-m5-competition/
       
       


    • Da Pandino
      Press release:
       
       
      BMW
       
      Concept della X3 elettrica.
    • Da MotorPassion
      La BMW M2 Competition sostituisce la precedente BMW M2 in toto. Sotto al cofano il 6 cilindri TwinTurbo della BMW M3 e BMW M4 depotenziato a 410 CV e 550 Nm di coppia
      Estetica affinata e trazione esclusivamente posteriore attraverso il cambio manuale a 6 rapporti o DCT a sette marce
      La BMW M2 rappresenta attualmente la vettura BMW M purosangue del 21° secolo e con la nuova BMW M2 Competition – presentata al Salone dell’Auto di Pechino – provvede a spostare più in alto il limite. Sotto al cofano il 6 cilindri in linea da 3.0 litri con doppio turbocompressore della BMW M3 e BMW M4. In versione depotenziata – of course – per non ledere la noblesse delle “sorelle” maggiori.  Dai 431 CV si è scesi ad appena 410 CV costanti tra 5’250 e 7’000 rpm. Mentre la coppia motrice rimane stabile a 550 Nm costante tra 2’350 a 5’230 rpm. Un risultato che comunque garantisce circa 40 CV e 100 Nm in più rispetto alla M2 di serie, che con il precedente N55 si ferma a 370 CV e 465 Nm di coppia (500 in overboost). Questo le consente di limitare di un decimo di secondo lo scatto da fermo a 100 km/h, che scende a 4.2 secondi (4.4 con il manuale a 6 rapporti).
      La velocità massima è limitata a 250 km/h che sale a 280 km/h (sempre limitati) con l’adozione del BMW M Driver’s Package.
       
      Il sei cilindri delle M3 ed M4, ma rivisto completamente

      Il 6 cilindri 3.0 litri BMW M TwinPower Turbo S55 che equipaggia le BMW M3 e BMW M4 non è stato trapiantato “tout-court” all’interno del vano motore della BMW M2, ma ha subito alcuni affinamenti importanti.
      Prima di tutto abbiamo una linea di scarico specifica, progettata ex-novo che utilizza sempre il sistema di controllo delle valvole “anti-rumore” per cambiare timbro quando è necessario. Una diversa logica di gestione della ECU si associa all’adozione di un Filtro Anti Particolato che BMW chiama Otto Particulate Filter (OPF) in grado di garantire le normative Euro6d-Temp per la BMW M2 Competition.
      Il sistema di lubrificazione è stato ripreso dalle BMW M impegnate nel Motorsport con il medesimo propulsore, mentre il sistema di raffreddamento è mutuato integralmente dalla BMW M4 con Competition Package. Quindi la BMW M2 Competition utilizza sistemi di raffreddamento e lubrificazione “pronto corsa” derivate dall’esperienza BMW Motorsport.
      Ad esempio, una paratia supplementare della coppa dell’olio aiuta a limitare il movimento dei lubrificanti quando l’auto cambia improvvisamente direzione. Sotto estrema accelerazione e decelerazione longitudinale, una pompa di estrazione dell’olio ed un sofisticato sistema di ritorno dell’olio situati vicino al turbocompressore contribuiscono anche a mantenere una circolazione dell’olio ininterrotta. Pertanto, l’olio viene fornito continuamente a tutti i componenti del motore in tutte le situazioni di guida, sia durante la guida quotidiana o durante la guida impegnativa in pista.
      Se la BMW M2 Competition è equipaggiata con la trasmissione doppia frizione a 7 rapporti, è previsto un ulteriore radiatore dell’olio per la trasmissione.
      Estetica che segue la funzione

      L’utilizzo di un doppio rene maggiorato – e dall’estetica completamente rinnovata – provvede a far incamerare una maggior quantità d’aria al propulsore. Questo vale anche per i flap laterali sulle feritorie anteriori che hanno una maggior sezione e finitura in Dark Shadow. Nella stessa finitura è il quadruplo scarico, tipico delle BMW M.
      Il badge M Competition abbellisce la parte posteriore dell’auto. Il design dei nuovi specchietti laterali a doppio braccio migliora l’aerodinamica e sono caratteristici della nuova BMW M2 Competition.
      Gli ingegneri della BMW M hanno anche adattato le dinamiche di guida della BMW M2 Competition per tenere conto delle maggiori prestazioni.
      Il telaio sopra-motore realizzato in CFRP della BMW M3 / M4 (dalla massa di 1.5 kg) è immediatamente visibile nel vano motore. Ciò migliora la rigidità della sezione anteriore ed aumenta la precisione dello sterzo. Anche le curve caratteristiche del servosterzo elettromeccanico, il differenziale Active M e il sistema Dynamic Steering Control (DSC) sono state regolate.
      Telaio completamente rivisto

      Il telaio è stato completamente stravolto. Si sono presi i due telaietti anteriori e posteriori – in alluminio – della BMW M3 e BMW M4. Per garantire una precisione di guida senza paragoni, vengono utilizzati giunti a sfera senza giochi in accoppiamento.  Le forze longitudinali che passano attraverso il telaio vengono trasmesse direttamente nei montanti di torsione tramite speciali cuscinetti in elastomero, che offrono contemporaneamente il comfort di rotolamento desiderato.
      Tutti i bracci sospensivi e di tenuta dell’asse posteriore a cinque bracci sono realizzati in alluminio forgiato. Inoltre, una connessione rigida derivata dalle corse, con boccole in gomma, viene utilizzata per fissare il sottotelaio dell’assale posteriore a griglia in acciaio leggero al corpo vettura. Questo migliora ulteriormente la posizione della ruota e la stabilità del tracciamento.
      Gli ingegneri della BMW M hanno adattato le curve caratteristiche del servosterzo elettromeccanico per migliorare le prestazioni ed aumentare la rigidità della sezione anteriore. La funzione Servotronic integrata con caratteristiche specifiche M controlla il livello dell’assistenza dello sterzo elettronicamente in base alla velocità dell’auto e alle impostazioni effettuate con Drivelogic, che consentono ai conducenti di regolare l’assistenza del servosterzo in qualsiasi momento secondo le proprie preferenze.
      Una M2 personalizzabile a piacimento

      La BMW M2 Comeptition è il primo modello ad essere dotato di selettori sulla consolle centrale che consentono il controllo istantaneo delle caratteristiche e delle impostazioni per le funzioni motore, sterzo e Drivelogic, se equipaggiata con la trasmissione M DCT. Le varie configurazioni possono essere combinate tra loro in qualsiasi modo il guidatore preferisca; inoltre possono esser memorizzate per un facile accesso utilizzando i pulsanti M1 e M2 sul volante. La gamma standard di equipaggiamenti include ora il pulsante rosso di Star Engine, i fari adattivi a LED e il Park Distance Control (PDC) anteriore.
      Interni completamente rinnovati ed accessori unici

      I nuovi sedili M Sport (optional) sono il primo colpo d’occhio che si osserva all’interno dell’abitacolo della nuova BMW M2 Competition. La forma avvolgente è di chiara ispirazione Motorsport ed offre ai guidatori un supporto ottimale, mentre ipoggiatesta sono integrati nello schienale del sedile. Lo schienale presenta anche un logo M2 illuminato all’altezza delle spalle. Il rivestimento in pelle nera presenta perforazioni di design nella seduta e nello schienale, disponibile in blu o arancione. I sedili sportivi standard sono disponibili anche con rivestimento in pelle nera, con cuciture a contrasto in blu o arancio.
      Impianto frenante con dischi “monstre”

      I numerosi anni di esperienza nel motorsport della BMW M GmbH si riflettono nella disponibilità dei nuovi freni sportivi M, che offrono le massime prestazioni dei freni grazie ai dischi dei freni più grandi (asse anteriore: diametro 400 mm, asse posteriore: diametro 380 mm) e pinze dei freni verniciato grigio (asse anteriore: pinza fissa a 6 pistoncini, asse posteriore: pinza fissa a 4 pistoncini). I cerchi in lega forgiati da 19 pollici (asse anteriore: 9J x 19, asse posteriore: 10J x 19) sono disponibili anche con il nuovo design Y-Spoke. Inoltre, un nuovo colore della vernice metallizzata è ora disponibile esclusivamente per la BMW M2 Competition: Hockenheim Silver.
      Differenziale a controllo attivo – Active M – di serie

      Il differenziale a controllo attivo – Active M – è un differenziale a slittamento limitato a più piastre controllato elettronicamente che porta la trazione e la stabilità ad un nuovo livello di precisione e velocità. L’effetto di bloccaggio può variare tra 0 e 100 percento, in base alla situazione di guida, e reagisce all’angolo di sterzata della vettura, alla posizione dell’acceleratore, alla pressione del freno, alla coppia del motore, alla velocità della ruota e alla velocità d’imbardata.
      L’unità di controllo utilizza questa analisi della situazione di guida per rilevare la minaccia di perdita di trazione su un lato della vettura e calcola l’effetto di blocco richiesto, che è impegnato da un motore elettrico. La piena capacità di chiusura di 2.500 Nm è disponibile entro 150 millisecondi. Ciò consente al sistema di impedire a una ruota di girare in condizioni estreme su superfici stradali scivolose o quando le due ruote posteriori presentano differenze significative nel coefficiente di attrito.
      In determinate situazioni, Active M Differential funziona anche in modo proattivo. Quando si viaggia su superfici scivolose, il bloccaggio viene chiuso di una percentuale definita ancor prima che una ruota possa iniziare a pattinare, per assicurare che entrambe le ruote si muovano all’unisono. Il bloccaggio è anche chiuso della percentuale richiesta attraverso gli angoli di imbardata, in base ai livelli di accelerazione laterale e di guida. Questo impedisce alla bassa trazione all’interno della ruota di iniziare a girare troppo velocemente. Questo controllo attivo del differenziale permanente e infinitamente variabile aumenta anche l’agilità, evita il sottosterzo e migliora la stabilità direzionale in frenata e cambi di carico.
      MDM – M Dynamic Mode per ogni situazione del sistema DSC

      M Dynamic Mode (MDM) è una sottofunzione del Dynamic Stability Control (DSC) che può essere attivata automaticamente in modalità SPORT + o attivata manualmente. In determinate situazioni, ad es. guida sportiva e dinamica in pista: consente un maggior grado di pattinamento delle ruote. Le misure di stabilizzazione familiari dalla modalità DSC ora intervengono in ritardo, aumentando la libertà a disposizione dei conducenti al limite dinamico. Lo slittamento extra della ruota migliora la trazione e quindi la prontezza. Sono possibili sovrasterzo e sottosterzo più significativi, così come sbandate moderate e controllate, ma gli ausili di sicurezza attiva del controllo dinamico della stabilità possono ancora essere considerati affidabili in situazioni critiche.
      Dati tecnici completi
      Cartella stampa completa
       
      Via BMWNews
       


       
      Topic Spy -> http://www.autopareri.com/forums/topic/64384-bmw-m2-competition-prj-f87m-spy
       
×