Jump to content
Autopareri news
  • Benvenuto su Autopareri - il forum dell'automobile!
ilmerovingio

Energia dai magneti e dai fulmni

Recommended Posts

16 ore fa, 8coibaf dice:

 Non può funzionare, é come se provassi a muovere la tua macchina stando seduto sul sedile e spingendo il volante, le forze si bilanciano tra di loro e non vai da nessuna parte.

Ecco immaginavo non funzionasse grazie :D

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
On 27/12/2016 at 10:45, LucioFire dice:

Ecco immaginavo non funzionasse grazie :D

 

 

Era l'esempio più semplice possibile per far capire il "principio base" secondo il quale un motore a magneti (non alimentato da corrente) non può funzionare, ma forse non era abbastanza semplice :D 

  • I Like! 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
21 ore fa, J-Gian dice:

 

Era l'esempio più semplice possibile per far capire il "principio base" secondo il quale un motore a magneti (non alimentato da corrente) non può funzionare, ma forse non era abbastanza semplice :D 

Io l'avevo intesa come esempio di funzionamento, e non riuscivo a capire come fosse possibile il movimento, che per me era impossibile :D

  • I Like! 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
4 ore fa, LucioFire dice:

Io l'avevo intesa come esempio di funzionamento, e non riuscivo a capire come fosse possibile il movimento, che per me era impossibile :D

 

Questo è molto più confortante! :angelo: 

 

Era un esempio di "non funzionamento" infatti :) 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Già dalle prime righi dell'articolo mi cadono le braccia:

" un fulmine sprigiona una enorme quantità di energia in un tempo brevissimo..." chi ne sa qualcosa di fisica capisce subito che questa frase è un ossimoro, una contradizzione in termini. L'energia elettrica è uguale alla potenza X il tempo per cui viene erogata. Quindi quella frase non ha alcun senso. La frase corretta sarebbe stata questa: "un fulmine sprigiona un'enorme potenza per un brevissimo tempo", il che corrisponde a ben poca energia e di cui non ce ne facciamo nulla.

Edited by infallibile_GF

Share this post


Link to post
Share on other sites
On 16/12/2016 at 15:15, J-Gian scrive:

E' facile convertire energia grazie ai magneti: prendi una dinamo, ci attacchi qualcosa che la faccia girare, ed ottieni energia elettrica.

Si converte energia meccanica in energia elettrica.

 

 

dinamo.gif

 

U29538_01_Transparent-Bicycle-Generator.

 

 

Dobbiamo ringraziare Antonio Pacinotti, nel 1860, anche se la sua si basava su doppia bobina, un po' come i normali motori CC :-) 

 

 

Ecco vorrei sfatare un luogo comune che è incredibilmente radicato nell'immaginario collettivo.

Attenzione eh,... sto per scrivere qualcosa di sconvolgente, di inaudito, che scolvolgerà l'ordine delle cose e dell'universo stesso!

 

ebbene signori la famosa dinamo della bicicletta, come quella di queste immagin in realtà non è affatto una dinamo, ma è un alternatore! Infatti non produce corrente continua, ma corrente alternata e lo si può ben intuire anche da quella animazione in cui si vede il magnete coni due poli nord-sud colorati di bianco e rosso. Prendiamo che il polo magnetico nord sia quello rosso, come si vede girando il magnete va a posizionare il polo rosso alternativamente un volta su un terminale della bobina e una volta su quello opposto e quindi è un alternatore.

PS. Ho verificato la cosa sperimentalmente. Basta collegare un alimentatore di corrente alternata a bassa tensione ( una decina di volt) alla "dinamo della bicicletta", dargli un colpetto con le dita per iniziare la rotazione e poi continuerà a girare da sola, come è giusto che sia negli alternatori che sono macchine reversibili, cioè se lo alimenti funziona da motore. Ora provate a collegare una batteria, che fornisce corrente continua, da 9v alla cosidetta "dinamo" della bicicletta, col cavolo che si mette in rotazione e questo dimostra che non è una dinamo.

 

uhm...non contento poi ho fatto anche un'altra prova sperimentale per dimostrare che sto coso produce corrente alternata:

Basta inserire nel circuito elettrico che alimenta il fanale della bici un condensatore. Ora i condensatori impediscono il passaggio della corrente continua, ma fanno passare la corrente alternata. Risultato: la lampadina si è accesa lo stesso e questo dimostra per l'ennesima volta che trattasi di alternatore.

 

Edited by infallibile_GF
  • I Like! 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.
Note: Your post will require moderator approval before it will be visible.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


  • Similar Content

    • By Pawel72
      Dalla Fanta al primo computer , dalla Volkswagen al carburante sintetico , alcune delle invenzioni nate nella Germania nazista e  utilizzate ancora oggi.
       
       

      Il primo brevetto di un aereo a reazione risale al 1929, ma il suo progettista, l’inglese Frank Whittle, non trovò alcuna industria disposta a realizzarlo. Così il primo jet a entrare in servizio operativo fu, 15 anni dopo, il Messerschmitt Me.163B Komet. L’aereo era il risultato del lavoro di Alexander Lippisch, esperto di alianti tutt’ala, ed Helmuth Walter, realizzatore del primo motore a razzo a carburante liquido. E in effetti il piccolo intercettore non era altro che un aliante che usava la sua rivoluzionaria forma di propulsione per brevi momenti: poteva salire fino a 10 mila metri in 150 secondi e toccare i 900 km/h, ma la sua autonomia a piena potenza era di soli 10 minuti. Il primo incontro con i bombardieri alleati avvenne il 28 luglio del 1944, e il Komet si rivelò eccezionale: gli armieri dei B-17 non facevano in tempo a ruotare la torretta.
       

      Quando nel 1940 la Coca-Cola venne bandita dal Reich a causa dell’interruzione degli scambi commerciali con gli USA, il responsabile tedesco dell’azienda americana decise di trovare un’alternativa “germanica” alla bibita gassata più famosa del mondo. La soluzione? Una bevanda a base di siero di latte e marmellata di mele, ingredienti facilmente reperibili in Germania. Ci volle un’intensa sessione di brainstorming per trovare all’invenzione un nome adatto ma, a furia di usare la fantasia, l’idea arrivò e la bibita venne battezzata, appunto, “Fanta”. 
       

       
      Nel 1937, l’ingegnere Konrad Zuse progettò e costruì (a casa dei genitori) il primo calcolatore elettronico, un antenato dei moderni computer. Alimentato da energia elettromeccanica e provvisto di un’unità di calcolo in virgola mobile con numeri codificati in binario (sekundal), la macchina programmabile di Zuse (Versuchmuller) era in grado di risolvere lunghe operazioni matematiche in brevissimo tempo, impiegando solo un secondo per ogni ciclo di calcolo. Lo Z1 eseguiva sottrazioni, addizioni, divisioni e moltiplicazioni secondo le istruzioni trasmesse attraverso un sistema di schede perforate.
       

       
      L’ingegnere Werner von Braun fu una delle teste più brillanti del Terzo Reich, e non solo. Le sue ricerche e le invenzioni in campo bellico, in particolare quella dei missili balistici V-2, furono successivamente molto utili alla Nasa che se ne servì per sviluppare i primi razzi per l’esplorazione dello spazio. 
      Al termine del conflitto, von Braun iniziò a lavorare per l’agenzia spaziale statunitense e diresse la progettazione del Saturn V, il razzo multistadio a propellente liquido più grande mai realizzato. Il Saturn V fu utilizzato nei programmi spaziali Apollo e Skylab.|
       

       
      Durante la guerra, lo stoccaggio del carburante era un’esigenza fondamentale dell’esercito tedesco. Così, nel 1936 l’azienda Eisenwerke Müller & Co si mise all’opera per progettare e realizzare delle speciali taniche da 20 litri destinate a conservare la benzina necessaria all’aviazione e agli altri veicoli nazisti. Come richiesto da Hitler, nel luglio del 1937 si diede il via alla produzione in serie di questi resistenti canestri in acciaio (Wehrmachtskanisters) utilizzati ancora oggi.
       
      https://www.focus.it/cultura/storia/invenzioni-nazisti-gallery?gimg=63985#img63985
    • By J-Gian
      A partire da questo mercoledì sera, alle 21.25, ritorna Superquark!
       
      A mio avviso è uno dei programmi che meriterebbero un palinsesto fisso per una buona stagione.
       
      Se v'interessa seguirlo da computer, potrete farlo anche tramite RaiPlay in diretta, oppure vedere le repliche.
       
       
×
×
  • Create New...

Important Information

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Terms of Use.