Jump to content
News Ticker
Benvenuti su Autopareri!

Recommended Posts

Ecco un articolo molto interessante sull’idrogeno, che spiega molti aspetti e le prospettive temporali:
 

Idrogeno verde contro CO2: nel Recovery Plan 3,19 miliardi. Opportunità o grande ubriacatura?

 

https://www.corriere.it/dataroom-milena-gabanelli/idrogeno-verde-contro-co2-recovery-plan-319-miliardi-opportunita-o-grande-ubriacatura/c8140d2c-ab24-11eb-a155-ccb2f12f7395-va.shtml

 

Quando l’idrogeno costerà solo 2 euro al Kg, le batterie allo stato solido avranno una densità energetica molto elevata ed un prezzo per kWh molto basso.

 

Bisogno inoltre considerare il basso rendimento delle auto ad idrogeno.

 

image.jpeg.dedf00015994cedc2b678fa464324509.jpegimage.png.8e3f2961f9da5281c7d1713c4719dd67.png

Link to post
Share on other sites
  • Replies 26
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Top Posters In This Topic

Popular Posts

---     Toyota Developing Hydrogen Engine Technologies Through Motorsports Toyota City, Japan, April 22, 2021―Toyota Motor Corporation (Toyota) announced

probabilmente il senso è nell’autonomia, nella velocità di rifornimento, e nella mancanza di necessità di un box privato in cui ricaricare nottetempo:  i punti deboli dell’elettrico.

Sostanzialmente ci sono due tipi di motori alimentati ad idrogeno.   Uno è quello di utilizzare un motore a ciclo Otto alimentato con idrogeno gassoso, l'altro di utilizzare una cella a comb

Posted Images

1 ora fa, xtom scrive:

Ecco un articolo molto interessante sull’idrogeno, che spiega molti aspetti e le prospettive temporali:
 

Idrogeno verde contro CO2: nel Recovery Plan 3,19 miliardi. Opportunità o grande ubriacatura?

 

https://www.corriere.it/dataroom-milena-gabanelli/idrogeno-verde-contro-co2-recovery-plan-319-miliardi-opportunita-o-grande-ubriacatura/c8140d2c-ab24-11eb-a155-ccb2f12f7395-va.shtml

 

Quando l’idrogeno costerà solo 2 euro al Kg, le batterie allo stato solido avranno una densità energetica molto elevata ed un prezzo per kWh molto basso.

 

Bisogno inoltre considerare il basso rendimento delle auto ad idrogeno.

 

image.jpeg.dedf00015994cedc2b678fa464324509.jpegimage.png.8e3f2961f9da5281c7d1713c4719dd67.png

Io voglio capire il senso di usare l'idrogeno che serve tantissima elettricità per farlo piuttosto che usare direttamente l'elettricità per camminare, soprattutto avendo un basso rendimento... 

  • I Like! 1
Link to post
Share on other sites
4 ore fa, ercole98 scrive:

Io voglio capire il senso di usare l'idrogeno che serve tantissima elettricità per farlo piuttosto che usare direttamente l'elettricità per camminare, soprattutto avendo un basso rendimento... 

probabilmente il senso è nell’autonomia, nella velocità di rifornimento, e nella mancanza di necessità di un box privato in cui ricaricare nottetempo:  i punti deboli dell’elettrico.

  • I Like! 2
Link to post
Share on other sites

Sulle auto è tutto da vedere (al momento la bilancia è a favore delle BEV) ma secondo me la contrapposizione fuel cell vs batterie non ha molto senso. Penso che le due tecnologie possano coesistere. Le fuel cell credo che possano trovare il loro migliore impiego nei camion, trasporti e non solo, autobus per lunghe percorrenze dove la velocità del rifornimento di energia può fare una differenza significativa rispetto al tempo di percorrenza, per non parlare dei treni alimentati a idrogeno per quelle tratte dove l’elettrificazione della linea sarebbe antieconomica. D’altra parte abbiamo usato Diesel e benzina senza farci troppi problemi sui loro pregi e difetti. 

  • I Like! 1
Link to post
Share on other sites
On 4/5/2021 at 14:46, ercole98 scrive:

Che poi 600km di autonomia, li hanno tutti

tutti chi?

la model s in extraurbano a 90kmh?

 

  • I Like! 1
Link to post
Share on other sites
On 5/7/2021 at 10:28 AM, tonyx said:

 

la model s in extraurbano a 90kmh?

in discesa, col vento a favore, a temperature non invernali, con il 100% di ricarica (che rovina la batteria)

Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.
Note: Your post will require moderator approval before it will be visible.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

  • Similar Content

    • By xtom
      La Toyota ha lanciato in Giappone un Taxi ibrido alimentato a GPL, che percorre quasi 20 Km/l, per capirci oltre 30 Km con un euro:  https://newsroom.toyota.co.jp/en/detail/mail/19173376
       
       
       

       

       

       

       

       

       

       
      La notizia è di un paio di mesi fa, ma l'ho scoperta solo oggi tramite un articolo su La Stampa: http://www.lastampa.it/2017/12/26/motori/ambiente/auto-ibrida-e-a-gpl-la-trasformazione-doppio-risparmio-si-pu-fare-BQLlC6SbKbx45IBXvRWIXN/pagina.html
       
      Mi sembra molto interessante, perché dimostra che anche un'azienda giapponese tecnologicamente evoluta come Toyota, non trascuri l'alimentazione a gas, per ridurre le emissioni ed i consumi.
       
      La Mirai è probabilmente l'automobile di serie più evoluta, con celle a combustibile alimentate ad idrogeno che producono l'energia per i motori elettrici. Tuttavia è ancora troppo futuristica per essere l'auto di tutti i giorni, come invece può essere un taxi ibrido a GPL. 
       
      La tecnologia ibrida da il meglio nei percorsi urbani, mentre l'alimentazione a gas è il complemento ideale per i percorsi extraurbani. Entrambe suppliscono a vicenda alla ridotta autonomia che hanno rispetto ai più inquinanti carburanti liquidi.
       
      L'ibrido a gas non è una novità, esistono dei pionieri che hanno montato un impianto a metano sulla loro Prius, ottenendo percorrenze da record, con basso impatto ambientale.
       
      Anche FCA ha studiato l'ibrida a gas metano 

       
      ma Toyota ha portato la soluzione alla produzione in serie, per veicoli che macinano molti km e devono essere ecologici ed affidabili.
       
      Esistono molti modi per realizzare un ibrido gas-elettrico, dalla conversione a gas delle mild hybrid come alcune Suzuki, passando per il Taxi Toyota, fino ad arrivare all'elettrica alimentata con supercondensatori ricaricati da una turbina a gas, un prototipo visto più di vent'anni fa al salone dell'auto di Torino.
       
      La tecnologia per sostituire i combustibili liquidi esiste, basta solo avere il coraggio di produrla in serie, come ha fatto Toyota, senza farsi prendere dalla smania dell'elettrico a tutti i costi.
       
      E voi la comprereste un'ibrida a gas?
       
    • By Beckervdo
      Nella primavera del 2018, Volvo Cars ha avviato un progetto pilota insieme a Taxi Gothenburg, che doveva gestire un centinaio di automobili, in primis la V90 con motori D3 e D4, alimentati con HVO100. Il tutto è andato così bene che Volvo ha annunciato in autunno che tutte le compagnie di taxi in Svezia potranno utilizzare il biodiesel rinnovabile nelle versioni D3, D4 e D5 del modello S90 e V90 dal 2018 in poi, così come il modello V60 dal 2019 in poi.
       
      Ora, sei mesi dopo, Volvo ha ricevuto un forte riconoscimento del fatto che l'HVO100 viene ben digerito dai suoi diesel. Pertanto, oggi annunciano che sarà disponibile anche per i conducenti di auto private la possibilità di rifornirsi con il Biodiesel rinnovabile l'HVO100.
       
      - Siamo soddisfatti dei buoni risultati del test con le flotte di taxi in Svezia. Pertanto, possiamo rilasciare liberamente il carburante HVO100 per i clienti privati e aziendali ", afferma Mats Andersson, Vicepresidente di Propulsion Power Systems di Volvo Cars.
       
      I modelli approvati per HVO100
      L'alimentazione con HVO100, tuttavia, non sono disponibili per tutti i modelli Volvo con motore diesel, ma solo per i modelli di auto su piattaforma SPA e CMA attualmente in produzione, ovvero XC90 dal 2015, S90, V90, V90 Cross Country dal 2016 in poi, XC60 dal 2017, V60, V60 Cross Country dal 2018 in poi e XC40 dal 2018 in poi. Le auto più vecchie con la stessa designazione del modello non devono essere riempite con HVO100.
       
      - Riteniamo molto positivo che ora possiamo offrire ai clienti che hanno un'auto Volvo con motore diesel tra i modelli attuali di poter rifornire di carburante un'alternativa senza fossili. Queste macchine hanno un sistema di alimentazione adattato alle caratteristiche leggermente diverse del carburante HVO100, afferma Mats Andersson.
       
      Emissioni più basse
      L'HVO100 omologato per il rifornimento di carburante deve essere classificato secondo lo standard europeo di carburante per il diesel paraffinico EN15940. 
      L'HVO100 riduce le emissioni di anidride carbonica dell'85-90 %. HVO, che sta per Hydatic Vegetable Oil, è anche incluso nel normale diesel ma in quantità notevolmente inferiore rispetto a HVO100 dove 100 rappresenta una quota del 100% di HVO.
       
      Via Teknikensvarld.se

×
×
  • Create New...

Important Information

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Terms of Use.