Vai al contenuto
Autopareri news
  • Benvenuti sul nuovo tema grafico! Scegli il tuo tema preferito in fondo alla pagina: chiaro (light) o scuro (dark).

Messaggi Raccomandati

Recensione finale, vettura venduta giorni fa.

km totali percorsi 39400. problemi zero, solo olio alzato un filo di livello per qualche rigenerazione non terminata bene.

 

km percorsi nel test circa 500 km.

ESTERNI:

allestimento STline lo trovo ben fatto e studiato, molto bella da vedere, cattiva il giusto, linea da giovani

 

INTERNI:

sedili sportiveggianti, e allestimento completo, zero rumori dalle plastiche.

POSTO GUIDA:
un filo stretto nel complesso ma non male, tutto o quasi a portata di mano.

 

PLANCIA E COMANDI:
comandi vecchio stile, ma tutto ben visibile.

 

 

ABITABILITA':

 

non eccezionale ma per una famiglia normale ok.

 

BAGAGLIAIO:
si difende bene nel gruppo delle segmento b classiche,  bagagliaio ben sfuttabile

 

ACCESSORI:
dotazione completa ma con molte mancanze, il progetto vecchio qua si vede tutto.

 

COMFORT:rumorosa causa motore ruvido, ma confortevole di sedili.

MOTORE:
si sente che è molto probabilmente limitato elettronicamente, manca un poco di coppia . poco allungo.

ACCELERAZIONE:
nella media
 

 

RIPRESA:
rapporti corti aiutano molto, riprende bene e permette di viaggiare a 60 km ora in 5°

 

CAMBIO

marce corte e solo 5 rapporti, 

 

STERZO:
piacevole, il componente più riuscito della vettura.-

 

FRENI:

nella media

TENUTA DI STRADA/STABILITA’:


divertente e sicura, piacevolissima tra le curve.. assetto ribassato .
 

 

CONSUMO:
molto buono percorrenze anche sui 22 al litro.

 

IN CONCLUSIONE:
se vuoi consumare poco e spendere poco, e cerchi affidabilità è una buona opzione.

 

 

ciao fiesta.

 

ecco qualche suo video.

 

 

  • Mi Piace 3

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Se ti sembrano corti i rapporti della tua ex Fiesta, non oso pensare cosa avresti detto di quelli della Pre Restyling.
Comunque i diesel 90/95cv montati su Fiesta Mk7 hanno sempre avuto la coppia tagliata per questioni di cambio.


☏ iPhone ☏

  • Mi Piace 1

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
On 25/6/2018 at 09:33, leon82 scrive:

Se ti sembrano corti i rapporti della tua ex Fiesta, non oso pensare cosa avresti detto di quelli della Pre Restyling.
Comunque i diesel 90/95cv montati su Fiesta Mk7 hanno sempre avuto la coppia tagliata per questioni di cambio.


☏ iPhone ☏

sai, provato molte vetture in questi 24 mesi, e tutti i tdi su segmento b e c hanno spesso marce molto lunghe, su fiesta il contrario, ma questo alla fine la rende brillante sotto, peccato per il taglio in alto davvero brutale.

 

  • Mi Piace 1

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
12 ore fa, sverniciatodaunaprinz scrive:

Ci dobbiamo attendere una nuova recensione a breve ?

sicuro arriva una sostituta per tutti i giorni per macinare km. deve solo essermi consegnata,  per il resto proseguo con altri test. comunque fiestino macchina molto valida.

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
On 26/6/2018 at 15:56, marcolino1969 scrive:

sai, provato molte vetture in questi 24 mesi, e tutti i tdi su segmento b e c hanno spesso marce molto lunghe, su fiesta il contrario, ma questo alla fine la rende brillante sotto, peccato per il taglio in alto davvero brutale.

 

Questa cosa dovvrebbe essere stata risolta con la nuova generazione grazie al cambio a 6 marce, la sesta mi è sembrata abbastanza lunga.

ps. con cosa è stata sostituita la fiestina?

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
On 29/6/2018 at 15:48, maury91 scrive:

Questa cosa dovvrebbe essere stata risolta con la nuova generazione grazie al cambio a 6 marce, la sesta mi è sembrata abbastanza lunga.

ps. con cosa è stata sostituita la fiestina?

visto , le nuove  con motore piu potente hanno la 6°.

 

arriverà una francese

 

  • Mi Piace 1

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere iscritto per commentare e visualizzare le sezioni protette!

Crea un account

Iscriviti nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

  • Contenuti simili

    • Da gianmy86
      Auto provata: Audi Q3 2.0 TDI Young 88 kw, 9 mesi di vita e 41k km all'attivo.
       
      Km percorsi: 700 circa in tre giorni, metà da passeggero, i restanti alla guida.
       
       
       
       
      Esterni
      Come ogni Audi o quasi, almeno di quel periodo stilistico, ha una linea che non balza all’occhio, gradevole, impreziosita dal disegno delle luci a led (diurne in questo caso) nei fari.  Linea che al di là del gusto personale, ha il pregio di non invecchiare.

      Interni
      Interni molto razionali, domina il grigio scuro ovunque o quasi, plastiche molto piacevoli al tatto, danno un gran senso di solidità alla vista. Gli inserti grigio chiaro su pannelli porta, plancia lato passeggero e volante non ravvivano l’ambiente, un po' troppo serioso per un'auto trendy e giovanile.

      Posto guida
      Ben fatto e confortevole per ogni taglia, regolazioni precise. Il sedile è abbastanza contenitivo e comodo, ma mi aspettavo qualcosina in più. Mi ha lasciato l’idea di essere una via di mezzo  tra un B e un C-Suv, più che un segmento C-Suv “pieno”.

      Plancia e comandi
      Ogni cosa al suo posto, facile orientarsi. A centro plancia sulla parte superiore c’è lo schermo a scomparsa, soluzione ormai desueta ma che ritengo piacevole (schermo peraltro inutilizzato dal proprietario dell’autovettura) 
      I comandi del clima automatico sono in posizione insolitamente bassa. Davanti al guidatore, invece, abbiamo il quadro strumenti tipico Audi, dallo stile perfetto ed efficiente; i classici quadranti retroilluminati di colore bianco ghiaccio sono sempre ben leggibili in ogni situazione, così come il valido schermo con le info del cdb.
      Il volante a 4 razze è un po’ bruttino, e i comandi per telefono e cdb non mi sono parsi molto intuitivi, ma va detto che ho avuto poco tempo e nessuna esigenza di familiarizzarci.

      Abitabilità
      Davanti buona, non eccelsa. La sensazione è buona ma c’è meno spazio di quanto sembri, e i vani svuotatasche non sono tantissimi. Sui posti posteriori non posso esprimermi, avendo viaggiato con un carico ingombrante e divanetto abbattuto.

      Bagagliaio
      Anche qui, non visto con il divanetto in posizione classica, ma ho avuto modo di caricare e scaricare. Di sicuro lo soglia alta non facilita le operazioni, ma non so se è in linea o meno con le concorrenti pari segmento. La volumetria massima è inevitabilmente penalizzata dalla forma spiovente della carrozzeria.

      Accessori
      Le dolenti note. Auto priva di cruise control, gli specchietti retrovisori si chiudono manualmente.
      Presenti solo fari allo xeno, sensori di parcheggio posteriori, un navigatore pare inutilizzabile per quanto sia macchinoso e poco aggiornato e il bluetooth. La dura legge degli stock. (Una Q3 dotata di cruise control sarebbe costata 40 €/mese in più, x 36 mesi)

      Comfort
      Buono. Auto ben insonorizzata a velocità da codice, le sospensioni assorbono bene le asperità grazie anche alle gomme da 17” con spalla bella alta (come ogni suv dovrebbe avere, secondo me) Purtroppo, in accelerazione sopra i 2500 giri e sullo sconnesso arriva qualche vibrazione e scricchiolio dalla plancia.

      Motore
      Motore entry level, 120 cv, dall’erogazione fluida e dolce, è piacevole da guidare in urbano ed extraurbano dove si disimpegna in scioltezza senza che sia mai davvero necessario andare oltre i 2200 – 2300 giri. In autostrada inevitabilmente paga pegno, si sente la mancanza di coppia motrice anche scalando. Nulla di grave, ma la riserva di potenza è giocoforza pochina.
      A 130 km/h va a 2200 giri.

      Accelerazione
      Non tirata a fondo, immagino che di grinta ce ne sia pochina. Ma nella guida di tutti i giorni va bene così.
       
      Ripresa
      Come detto, solo in autostrada si sente un po’ la mancanza di coppia sopra i 100 km/h.

      Cambio
      Manuale a 6 marce, innesti secchi, abbastanza precisi e ben spaziati. Adeguato allo spirito pacioso dell’auto, piacevole da usare grazie anche alla frizione leggera.

      Sterzo
      Un filo troppo leggero in marcia per i miei gusti, di chiaro stampo turistico, preciso il giusto. Il volante ha una buona impugnatura ed è piacevolemente leggero in manovra.

      Freni
      Prediligendo una guida predittiva e viaggiando a pieno carico non li ho certo messi alla frusta. Il feeling è ottimo, così come la modulabilità della frenata.

      Tenuta di strada/Stabilità
      Buona. L’auto mi è sembrata sorprendentemente agevole, anche se non ho l’abitudine al segmento e ad al baricentro alto e quindi ho  avvertito un po’ di fastidioso rollìo. In ogni caso mi è sembrata un’auto molto sicura in ogni condizione (anche in una mezza tormenta di neve in cui ci siamo imbattuti mentre ero io alla guida)

      Consumi
      Il trip indica un consumo medio di 17,5 km/l, confermati dal proprietario. Per l’uso e per il tipo di auto (il famoso traffico urbano nei salicendi di Napoli, intervallato a lunghe tratte autostradali) mi sembra molto buono.
      In conclusione
      Come i più sapranno qui  su AP, è un’auto che non comprerei mai, sia per il segmento, sia perché costa sempre troppo per quello che offro. Un esemplare identico a questo guidato, km 0 costerebbe 27mila €, per me un’assurdità.
      Molto più interessante il prezzo a noleggio a lungo termine, che non scrivo per ovvi motivi di discrezione.
      In ogni caso, se meglio allestita, resta un valido compromesso per chi vuole un’auto modaiola per segmento e marchio e ha tanti km da macinare.
       


    • Da Tempra Veloce
      Ieri pomeriggio ho provato una Toyota Rav 4 4x2 Hybrid Lounge 2.5
       
      Esterni: l'auto era blu scuro metalizzato e il colore migliorava di non poco la visione di un'auto enorme, con degli sbalzi posteriori importanti. Esteticamente sembra una Compass (il giroporta è molto simile) con un volume in più.
      Interni: rispetto al modello precedente l'evoluzione è netta: per i feticisti della plastichina il cruscotto è imbottito, la parte superiore dei pannelli è rivestita di pelle (o similpelle), gli interni sono morbidi e comodi, per i posti posteriori c'è molto spazio: incomprensibile la mancanza di un portaocchiali da sole, dei tasti dei vetri elettrici non illuminati e di una luce di cortesia antipozzanghera e la mancanza dei tweeter posteriori. L'imperiale è di qualità molto bassa, nella traversa tra i sedili anteriori e posteriori sono presenti due antiestetici tappi. Bello l'infoteneiment che è touchscreen, la radio dab è di serie. Ottima la qualità audio per essere un impianto di serie e la tenuta del segnale dab, peccato che per avere il navigatore occorrano ben 1000 euro e non sia per ora previsto il car play/ android auto. Il bagagliaio è enorme ed è ben rifinito, lo sportellone elettrico è di serie.
      Su strada: l'enorme motore ciclo atkinson unito al poderoso motore elettrico spingono bene e con grande omogeneità la mole, a fondo corsa la'botta' si sente ma poi si attenua. Lo sterzo è leggero e preciso, le sospensioni posteriori sono molto rigide, quando ero seduto dietro sentivo uno sbattimento. la macchina è ben rifinita, insonorizzata, farcita di elettronica. Il cdb era fisso sui 7lt/100km ovvero tra i 13 e i 14 km/lt
       
      In conclusione: non è un'auto che costa poco e che consuma poco. L'ibrido aiuta a muovere meglio l'enorme motore a benzina ai bassi regimi (dà più gusto a guidare di un diesel) e a tenere più bassi le emissioni.
       
      La mancanza di una scontistica adeguata e di incentivi statali (che stano solo su auto elettriche e auto plug-in) spendere quasi 50.000 euro seppur per una versione quasi full sono una bella botta.
    • Da gianmy86
      Auto guidata: Citroen C1 1.0 Vti Shine 72 cv

      Km al momento del ritiro 13563
      Km percorsi: 688
       
      Esterni
      In Citroen han fatto il possibile per renderla gradevole e “simpatica”, differenziando il più possibile la C1 dalle cuginette 107 e Aygo. Risultato secondo me riuscito solo in parte, quantomeno negli allestimenti base o medio come sull’esemplare della prova.
       
      Interni
      Qui inizia il viaggio negli anni ’90, il primo pensiero è andato alla mia prima auto, sembra la Cinquecento del 1996, aggiornata a qualche standard odierno. Si è circondati da plastiche rigide e grigiore misto, l’unica nota di colore è data dai dettagli sui bordi dei sedili con una trama a millerighe orizzontali e dallo schermo da 7” centrale quando acceso.
      Sugli sportelli lamiere a vista e pannelli in plastica non piacevoli al tatto e con gioco eccessivo.
       
      Posto guida
      Così così, il sedile di guida ha regolazioni discretamente ampie, ma si sente la mancanza della regolazione in profondità del volante: per fortuna c’è almeno quella in altezza e il quadro strumenti è solidale al volante, in modo da garantire una corretta visibilità delle informazioni. Schienale piuttosto rigido e molto poco contenitivo.

      Plancia e comandi
      La plancia come detto è di fattura economica. Il volante ha una comoda impugnatura, ma i comandi presenti (per radio e telefono) hanno uno scarso feeling al tatto e non sono illuminati, quindi inutilizzabili di notte. Il quadro strumenti è dominato dal grande tachimetro, al cui interno c’è un display con le indicazioni del trip computer, indicatore del livello carburante digitale e termometro. Curioso che per cambiare schermata vada pigiato il piolo nero di plastica (riecco gli anni ’80-’90). Il contagiri, invece, appare su un display digitale posto di lato, ma è piccolo e impreciso. A centro plancia invece, anche per l’assenza delle classiche bocchette dell’aria orientate verso gli occupanti, la fa da padrone lo schermo infotainment da 7”, con Apple Car Play e Android Audio. Presenti altresì ingresso aux e porta USB.
      I comandi del clima manuale non sono il massimo dell’intuitività, ma ci si fa l’abitudine. E, almeno quelli, per fortuna sono retroilluminati. Il cassetto portaoggetti non è frenato e lo spazio per riporre le cose è risicato.
      Inoltre spiace notare su un’auto nuova e fresca la presenza di fastidiosi scricchiolii in marcia, anche su asfalto liscio. Sebbene sia un’auto di suo non silenziosa.

      Abitabilità
      Così così. E’ omologata per 4 persone, ma in 347 cm difficile fare miracoli. Con il sedile regolato per la mia corporatura (173 cm) dietro tocco lo schienale con le ginocchia e il soffitto con la testa.

      Bagagliaio
      196 litri sono discreti per il tipo di auto, adatto per le buste della spesa o per un weekend breve, magari vicino casa.

      Accessori
      A farla da padrone è logicamente lo schermo infotainment, con annessi comandi al volante. Presenti anche i cerchi in lega e l’inutile, a mio avviso, limitatore di velocità, regolabile con una levetta posta dietro al volante sul lato destro.
       
      Comfort
      Così così. Un po’ di fonoassorbente in più non avrebbe guastato, il rumore del motore 1.0 a 3 cilindri è troppo presente e poco gradevole, soprattutto in accelerazione. Oltre gli 80 km/h compaiono anche fruscii aerodinamici e rumore di rotolamento degli pneumatici. Inoltre ha un assetto davvero troppo morbido, in autostrada a velocità costante tra i 100 e i 110 km/h è un continuo dondolare, pur avendo viaggiato  in assenza di vento. A tratti ho avuto la sensazione che, da passeggero, avrei forse sofferto il mal d’auto.

      Motore
      Giudizio ambivalente. Dopo 3 giorni e 700 km di utilizzo mi son fatto l’idea che questo tricilindrico è il motore adatto a quest’auto. Peccato solo che come sound sia il meno gradevole in assoluto su cui abbia mai viaggiato (pari merito con il 1.4 tdi VAG degli anni 2009-2010). Come nota positiva, non ho avvertito fastidiose vibrazioni in alcuna condizione di marcia.

      Accelerazione
      Non male, favorita dalle prime tre marce molto corte. Ma di certo non è un’auto da spari.

      Ripresa
      Finchè si resta in ambito cittadino o appena fuori città le prime marce corte, unite al peso piuma della carrozzeria la rendono quasi brillante nel disimpegnarsi tra incroci e rotatorie, diciamo fino ai 70 km/h. La quarta e la quinta marcia, invece, sono molto lunghe, e per riprendere in autostrada è necessario scalare o attendere che si raggiunga la velocità voluta con molta molta calma. In ogni caso, mantenendosi su velocità non superiori ai 120 km/h tachimetrici non si è mai in vera difficoltà, quindi il risultato è assolutamente positivo.

      Cambio
      5 marce, rapportato come detto. Purtroppo la leva è un po’ contrastata, soprattutto nel passaggio prima-seconda. Per un uso urbano sarebbe preferibile il robotizzato.

      Sterzo
      Ovviamente turistico, preciso il giusto, per quanto possa esserlo. In manovra e a passo d’uomo me lo sarei aspettato più leggero. Come angolo di sterzata non eccelle, ma l’auto è talmente compatta che non è un problema.

      Freni
      Buona modulabilità, non posso dire altro non avendo mai forzato la mano.
       
      Tenuta di strada/Stabilità
      Buona, in quanto né in autostrada, né su un tratto guidato collinare l’auto è mai andata in crisi. Ma le sensazioni che dà non sono proprio di sicurezza. Rollio e beccheggio sempre presenti, sopra i 130 km/h dà l’impressione di essere proprio al limite e toccando freno in discesa nell’unico tratto in cui ho superato i 140 km/h tachimetrici si è leggermente scomposta. Non è obiettivamente un’auto da tratte autostradali, quindi meglio tenersi ben sotto il limite massimo di velocità e andare con calma.

      Consumo
      Buono. Avendola ritirata e riconsegnata con il pieno, ho percorso 664 km con 33,4 litri di benzina.
      Media di 19,88 km/l. Percorso 80% autostradale, il restante urbano e collinare.
       
      In conclusione
      E’ un’auto fatta palesemente in economia, ma con soluzioni furbe che possono renderla interessante e piacevole per un uso esclusivamente urbano o quasi. Certo, dubito spenderei 11500 € per quest’auto, il confronto mi viene naturale sia con la Fiat Panda, sia con l’ultima citycar guidata a noleggio, una Lancia Ypsilon 1.2 avuta esattamente un anno fa. E, allestimento nello specifico a parte, è curioso notare come il criticato, vituperato 1.2 Fire sia ancora ben più elastico e godibile di questo motore nuovo, al prezzo di soli 2 km/l di consumo maggiore. Per non parlare della robustezza degli interni.

×

INFORMAZIONE IMPORTANTE

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Termini e condizioni di utilizzo.