Jump to content
Autopareri news
  • Benvenuto su Autopareri - il forum dell'automobile!

Recommended Posts

Raikkonen meritava il secondo posto, stavolta è stato bravo.

Mercedes avanti stavolta con Bottas che si conferma veloce, il margine oggi era preoccupante.

Gran duello Vettel Verstappen, 2 figli di buona donna.

 

☏ HUAWEI VNS-L31 ☏

 

 

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Vedi te, perdere il secondo posto così ti fa girare le palle! Anche in ottica di squadra si portavano via punti a Bottas e Mercedes

  • I Like! 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

al di là della gara di oggi mi domando perchè in Ferrari hanno chiuso la"scimitarra"sul fondo che si deformava...all'inizio era regolare poi quando gli altri si sono lamentati la fia l'ha fatta chiudere...ora non voglio gridare al complotto però...se rispettava le regole..tirate fuori le balle e tenetela così

  • I Like! 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
11 ore fa, Aymaro dice:
  Nascondi Contenuto

Vettel peggio :shock: :disp2:

 

  Nascondi Contenuto

e per fortuna doveva essere mercedes ad avere problemi con le gomme.....

 

Gliel'hanno tirata in telecronaca sabato. 

 

Ferrari deve svegliarsi che sennò il mondiale lo vede col binocolo 

  • I Like! 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
7 ore fa, Giacomino88 dice:

al di là della gara di oggi mi domando perchè in Ferrari hanno chiuso la"scimitarra"sul fondo che si deformava...all'inizio era regolare poi quando gli altri si sono lamentati la fia l'ha fatta chiudere...ora non voglio gridare al complotto però...se rispettava le regole..tirate fuori le balle e tenetela così

La Ferrari oggi non ha peso politico....Marchionne sara' un buon capitano d'azienda (e comunque ho molti dubbi sul suo operato come uomo di prodotto) ma non conta nulla in FIA, cosi' come Arrivabene.

La FIA risente dello strapotere politico della Mercedes, piaccia o meno. Se Ferrari avesse tenuto la scimitarra aperta, mi sa che scappava la squalifica. Fa rabbia considerando che tante "genialate irregolari" sono state lasciar passare per una stagione intera o piu' alla concorrenza (dal famigerato "diffusore col buco" della Brawn GP a.k.a. Mercedes AMG....).

La Ferrari e' stata pesantemente azzoppata tra chiusura fondo e questione dell'olio.

 

Mi dispiace in questo caso aver avuto ragione, ma ero stato accusato su questi lidi di essere stato una Cassandra, e invece bastava guardare i fatti oggettivamente per capire che la Ferrari stava progressivamente perdendo smalto e che le evoluzioni MB invece stavano riportando i grigi davanti a tutti in pianta stabile. Ieri se n'e' avuta prova. La Ferrari aveva un solo vantaggio a inizio anno su MB: risparmiare le gomme e facilita' a trovare l'assetto. Facile pensare che cio' fosse dovuto anche al fatto che la MB era pensata per le sospensioni col controllo delle altezze, bandita a vetture gia' presentate.

Ora che ci hanno messo una pezza, le MB volano.

E' da ciechi o ipocriti non vedere che le evoluzioni Ferrari sono state tutte micro, e che un'ala o un'aletta ti danno mezzo decimo o un decimo al massimo. RB in parte e MB hanno stravolto le vetture. Ma anche team come Force India o Renault hanno migliorato. Di nuovo sembra che si stia dimostrando l'incapacita' della Ferrari di evolvere l'auto durante la stagione, e questo fa rabbia.

 

Il peggio non e' in se l'aver pareggiato i conti nel mondiale piloti (il costruttori per me era gia' in direzione Stoccarda), ma il fatto che sinceramente oggi a giochi regolari Hamilton puo' realisticamente pensare di vincerle tutte fino alla fine, Vettel e la Ferrari OGGETTIVAMENTE NO. Ora l'Ungheria si configura come ultima spiaggia, essendo una pista lenta. Ma non sara' facile vincere li' dove Hamilton usualmente vola.

Poi ci saranno SPA e Monza, piste di motore (entrambe) ed efficienza aerodinamica, e li' la situazione e' di quelle da far tremare i polsi.

 

Il mondiale piloti non e' ancora perso, a condizione che Ferrari abbia ancora cartucce da sparare nello sviluppo, e se ce le ha le spari anche in fretta. Altrimenti ci vediamo nel 2018 :(

 

 

  • I Like! 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
19 minuti fa, Dodicicilindri dice:

La Ferrari oggi non ha peso politico....Marchionne sara' un buon capitano d'azienda (e comunque ho molti dubbi sul suo operato come uomo di prodotto) ma non conta nulla in FIA, cosi' come Arrivabene.

La FIA risente dello strapotere politico della Mercedes, piaccia o meno. Se Ferrari avesse tenuto la scimitarra aperta, mi sa che scappava la squalifica. Fa rabbia considerando che tante "genialate irregolari" sono state lasciar passare per una stagione intera o piu' alla concorrenza (dal famigerato "diffusore col buco" della Brawn GP a.k.a. Mercedes AMG....).

La Ferrari e' stata pesantemente azzoppata tra chiusura fondo e questione dell'olio.

 

Mi dispiace in questo caso aver avuto ragione, ma ero stato accusato su questi lidi di essere stato una Cassandra, e invece bastava guardare i fatti oggettivamente per capire che la Ferrari stava progressivamente perdendo smalto e che le evoluzioni MB invece stavano riportando i grigi davanti a tutti in pianta stabile. Ieri se n'e' avuta prova. La Ferrari aveva un solo vantaggio a inizio anno su MB: risparmiare le gomme e facilita' a trovare l'assetto. Facile pensare che cio' fosse dovuto anche al fatto che la MB era pensata per le sospensioni col controllo delle altezze, bandita a vetture gia' presentate.

Ora che ci hanno messo una pezza, le MB volano.

E' da ciechi o ipocriti non vedere che le evoluzioni Ferrari sono state tutte micro, e che un'ala o un'aletta ti danno mezzo decimo o un decimo al massimo. RB in parte e MB hanno stravolto le vetture. Ma anche team come Force India o Renault hanno migliorato. Di nuovo sembra che si stia dimostrando l'incapacita' della Ferrari di evolvere l'auto durante la stagione, e questo fa rabbia.

 

Il peggio non e' in se l'aver pareggiato i conti nel mondiale piloti (il costruttori per me era gia' in direzione Stoccarda), ma il fatto che sinceramente oggi a giochi regolari Hamilton puo' realisticamente pensare di vincerle tutte fino alla fine, Vettel e la Ferrari OGGETTIVAMENTE NO. Ora l'Ungheria si configura come ultima spiaggia, essendo una pista lenta. Ma non sara' facile vincere li' dove Hamilton usualmente vola.

Poi ci saranno SPA e Monza, piste di motore (entrambe) ed efficienza aerodinamica, e li' la situazione e' di quelle da far tremare i polsi.

 

Il mondiale piloti non e' ancora perso, a condizione che Ferrari abbia ancora cartucce da sparare nello sviluppo, e se ce le ha le spari anche in fretta. Altrimenti ci vediamo nel 2018 :(

 

 

Mi auguro che possa sbagliarti , ma ne dubito.:(

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ferrari ha avuto sfortuna, ma MB/Hamilton in Inghilterra è praticamente imbattibile, dai.Doveva fare un'errore o rompere o altro imponderabile.

 

Per me è andata discretamente come prestazioni, male sui punti.

  • I Like! 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

D'accordo su tutto, sfortuna, MB/Hamilton imbattibili ecc.

Ma sulle prestazioni non sono d'accordo. Non siamo ad 1 secondo al giro, e' evidente, ovvio, pero' siamo al momento in una posizione dove le vittorie diventano difficili per le seguenti ragioni (a parte i progressi altrui):

- in qualifica non c'e' mai il guizzo per stare davanti a entrambi i grigi a causa del loro surplus di Potenza....questo costringe a partire dietro e non poter gestire la gara

- in aggiunta al punto 1, il sistema delle partenze e' indietro e i rossi al via se va bene mantengono la posizione, ma piu' spesso la perdono

- RB si e' avvicinata e partendogli accanto a causa del punto 1, poi facile ritrovarsi invischiati come ieri o rischiare incidenti. Max e' pazzo ed e' coriaceo.

- A causa dell'elevato drag della vettura e forse qualche cavallo ancora mancante, in velocita' massima si fa sempre troppa fatica. Ieri con tutto il DRS non si e' venuti a capo della Red Bull che ha il vituperato motore Renault.

- Bottas va forte grazie alla macchina e quindi fa un lavoro preziosissimo per Hamilton, ma distruttivo per Vettel e la Ferrari

- Raikkonen va a corrente alternata e il tappo o il guastatore kamikaze per indole o volonta' non lo fara' mai

 

Queste cose messe insieme fanno si' che vincere si complichi tantissimo perche' richiede che tutto fili liscio per poi sperare nell'undercut. Ma se ora facciamo fuori anche le gomme e quindi il distacco prima della sosta cresce....

Il discretamente, Matteo, va bene se puoi gestire un margine di vantaggio, ora non basta. Andrebbero trovati, e alla svelta, 4 decimi al giro, in modo da poter pressare i grigi e indurli all'errore. Se Hamilton (o Bottas la volta prima) parte primo, scava il gap prima della sosta e poi amministrano, non sbaglieranno mai strategia, preserveranno l'auto e avranno tutto quanto gli serve per vincere facile.

Il problema e' che 4 decimi significano rivedere pesantemente sospensioni, cinematismi e aerodinamica, stante che il motore e' questo per i prossimi (auspicabilmente) 4 GP. E questi sviluppi o sono in fase finale di definizione, oppure non li realizzerai mai.

Edited by Dodicicilindri
  • I Like! 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Concordo, sono molto pessimista, soprattutto alla luce delle ultime stagione dove Ferrari si è, in modo costante, dimostrata incapace di evolvere l'auto nel corso della stagione. O, se vogliamo essere più buoni, la fanno evolvere in modo MOLTO più lento della concorrenza.

 

  • I Like! 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.
Note: Your post will require moderator approval before it will be visible.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


  • Similar Content

    • By Beckervdo
      Dovrebbe avere la nomenclatura di A250 e, la nuova variante ibrida della Mercedes-Benz Classe A.
      L'unità termica è il 4 cilindri 1332 che già equipaggia la A200 ed eroga 163 CV e 250 Nm di coppia, che viene accoppiato al cambio automatico che farà anche da "power-split" tra le due unità. 
      Il motore elettrico eroga 102 CV e ben 300 Nm di coppia, che consentirà di eguagliare le prestazioni della A 250 a benzina (224 CV ed accelerazione da 0 a 100 km/h in 6.2 secondi, NdR).
      Il pack batterie dovrebbe esser l'unità da 15 kWh, che le dovrebbe garantire un'autonomia - secondo ciclo WLTP - di ben 60 km in modalità elettrica. 
      Ovviamente per fare spazio alla batteria, qualcosa si perderà in termini di bagaglio e di serbatoio del carburante (passerà da 45 a 35 litri).
      Mentre sarà prevista - in futuro - la A200e, mossa dal medesimo motore elettrico, ma l'unità termica è il 1325 da 136 CV

       
    • By RiRino
      Sicuro? Mi pare di ricordare che sui motori condivisi (1.5 dci e 1.3 benzina) su questa serie i doppia frizione siano condivisi(Getrag), sulle altre motorizzazioni il doppia frizione è autoctono. Sulla vecchia serie era MB su tutte le motorizzazioni.
    • By Aymaro
      formulapassion
       e dopo che molti hanno invocato in nome dello spettacolo (non certo dello sport) l'intervento della federazione per limitare lo  strapotere Mercedes, la Fia cosa fa?
      impone a Ferrari e Red bull di modificare gli scarichi
      https://it.motorsport.com/f1/news/direttiva-tecnica-fia-quando-il-motore-e-in-rilascio-non-puo-soffiare-aria-dai-mini-scarichi/4482468/
       
      ps, sarò "gomblottista" io, ma avere come delegato che occupa del regolamento in federazione, un ex dipendente licenziato malamente dalla Ferrari... beh, non aiuta...

×
×
  • Create New...

Important Information

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Terms of Use.