Jump to content
News Ticker
Benvenuto su Autopareri!

Recommended Posts

Stamattina, dopo una lunga attesa e dopo aver rotto le balle quasi ogni giorno all'amico del concessionario, ho avuto il piacere di provare lo Stelvio 2.2 210cv.

Speravo mi dessero il benzina ma va bene così!

Lo Stelvio che ho provato è un 2.2 210cv q4 Executive, super accessoriato con pack lusso, interni in pelle rossa, tetto apribile, sedili elettrici, pinze rosse ecc..

Premessa importante, purtroppo non è stato possibile provare il DNA e l'infotainment in quanto erano staccati

Esterni:

Bè qui ovviamente una cosa soggettiva, però a me lo Stelvio piace un casino. Vista da ogni angolazione mi piace, mi da un senso di compattezza. La vista che preferisco è quella laterale, il profilo è favoloso. L'esemplare in prova era grigio, che da oggi rientra tra i colori papabili per il futuro possibile acquisto(poi ne parlerò alla fine..)

Interni:

Ben fatti, sinceramente il 95% delle mie attenzioni erano rivolte alla qualità di guida dell'auto, però gli interni danno proprio una sensazione di qualità elevatissima. Non vado troppo oltre perchè, ripeto, ho prestato poca attenzione agli interni. Ho dato proprio una ripassata abbastanza rapida.

A bordo:

Appena mi sono messo al volante, la prima cosa che ho pensato è stata "wow, quanto caxxo è larga"! In effetti mi ha dato proprio questa sensazione, non tanto di lunghezza ma proprio di larghezza, devi farci un pò l'occhio ma alla fine ti ci abitui in pochi minuti. Il volante mi piace da morire, sportivo, piccolo ben fatto(con il tasto di accensione poi è uno spettacolo), i comandi sono tutti al posto giusto. Ho provato a toccare un pò i tasti del DNA, infotainment e volume e il feedback è molto buono. Lo spazio a bordo non manca, sono alto 186 ma anche dietro sia per le gambe che per la testa c'è spazio in abbondanza

Alla guida:

Eccoci, diciamoci la verità questa è la parte che tutti noi aspettiamo con maggiore enfasi! Dunque, non saprei nemmeno da dove iniziare quindi in questo capitolo faccio un discorso generale, poi ne aprirò altri tre relativi a cambio, dinamica e sterzo perchè meritano tre capitoli a parte.

Cominciamo dal motore, c'è e spinge tanto fin da subito. Non amo i motori diesel anche per il loro rumore ma devo dire che qui è stato fatto un discreto lavoro e, soprattutto, la macchina è veramente ben insonorizzata. I 210 cavalli si sentono tutti, elasticità, ripresa sono al top, c'è poco da aggiungere!

Dinamica:

Qui mi ha letteralmente sorpreso, dopo pochi metri ti dimentichi completamente di essere alla guida di un suv e inizi a sparare dentro curve e controcurve senza che la macchina si scomponga minimamente, la trazione che arriva da dietro la senti tutta ed è uno spettacolo. Alla guida la macchina sembra molto più piccola e molto più leggera, è facile farsi ingolosire e cominciare davvero a divertirsi. Lo Stelvio mi ha dato la stessa sensazione che mi diede Giulia(anche se quest'ultima purtroppo la provai solo per pochissimi minuti), ovvero alla guida ti dimentichi pure dei cavalli che hai sotto le chiappe perchè ti gusti proprio la dinamica, l'handling..puoi avere il 180cv, il 200, il 210 o il 280 ma quello che non cambia e che ti fa godere è proprio la dinamica, aldilà dei freddi numeri, è qualcosa di pazzesco!

Cambio:

Qui si apre un capitolo a parte. La macchina è stata guidata da me e da mio papà, entrambi abbiamo sempre e solo guidato auto con cambio manuale, mio papà(questa recensione è frutto anche delle sue sensazioni che, avendo una certa esperienza in campo di auto, pesa sicuramente più della mia) è sempre stato "contrario" al cambio automatico e io come lui.

Bè, da oggi il nostro mondo si è completamente capovolto! Il cambio zf fa un lavoro incredibile, ovviamente ci ho messo qualche minuto per abituarmi ed evitare di frenare con il piede sinistro, però è veramente eccezionale, in Drive è comodissimo ma in manuale, con le palette al volante, è una goduria assoluta! Quando poi ti da il calcetto nella schiena ti fa godere da pazzi! La velocità di cambiata è ottima, davvero un cambio favoloso. Ci fosse anche la possibilità del manuale su Stelvio da oggi, sicuramente, non avrei dubbi e prenderei lo zf perchè un'auto così merita un cambio così!

Sterzo:

Allora, qui sono in imbarazzo. Potrei definirlo incredibile, spettacolare, eccezionale e altri 500 aggettivi, ma tutto ciò non basterebbe per descriverlo. Va provato e basta! Uno sterzo così è tutto ciò che, chiunque ama guidare, ha sempre sognato. Anche qui ti ci devi abituare, onestamente nelle prime curve non riuscivo ben a capire come impostare correttamente le traiettorie, ma poi una volta che ti sei abituato questo sterzo ti manda in paradiso! è una cosa fuori dal normale. Davvero non so come definirlo, finchè non lo si prova non si può capire cos'è, è impressionante.

Difetti:

Per carità, come tutte le auto avrà anche dei difetti, io francamente non ne ho trovati. Però, ripeto, mi sono concentrato quasi totalmente sulla guida quindi non ho avuto modo di riscontrare dei difetti in così poco tempo

Considerazioni generali:

Di una cosa sono sicuro, si può essere patiti di auto straniere e andare avanti a comprare solo quelle, per carità ognuno fa le proprie scelte. Ma credo che, da italiani, si debba essere felici ed orgogliosi di aver sfornato un prodotto di questo livello.

Stelvio, su strada, ha una presenza veramente imponente, si nota e ho notato tanta gente voltarsi a guardarla ed ammirarla. 

Quindi non si può che augurare ad Alfa Romeo di continuare così, di avere successo e di sfornare altri modelli di questa qualità

Considerazioni finali:

Stelvio è una seria candidata, in famiglia, per essere la prossima auto. In realtà è l'unica candidata, non vedo altre auto di questo genere che possano coinvolgermi in questo modo, nessuna può dare un piacere di guida così. Personalmente la scelta ricadrà sicuramente sul benzina, al 99,99% sarà il 200cv che, con questa meccanica, basta e avanza oltre ovviamente ad avere costi inferiori rispetto al 280(se penso poi al maledetto superbollo..)

Alfa Romeo è tornata, stavolta per davvero. Il biglietto da visita di quest'auto è la sua scheda tecnica che farebbe eccitare qualunque persona che abbia almeno un minimo interesse nei confronti del piacere di guida. Qui, ragazzi, siamo su un livello stratosferico e difficilmente eguagliabile!

Mi spiace non aver potuto provare il DNA e l'infotainment però non ha importanza, una macchina così dopo 5 minuti capisci che è quella giusta, che oltre a lei non c'è nessun'altra che vorresti avere.

Permettetemi una piccola postilla, al diavolo la guida autonoma. Io la macchina me la voglio guidare per ogni singolo metro di strada che percorro!

Agevolo alcune foto, scusate la qualità ma sono state fatte un pò al volo perchè non vedevo l'ora di mettermi al volante!

 

1.jpg

3.jpg

5.jpg

6.jpg

  • I Like! 4

"La componente più importante è l'emozione"

Link to comment
Share on other sites

la Giulia, purtroppo, ho potuto provarla solo per pochissimi minuti. Ricordo che rimasi comunque stupito dallo sterzo e dalla dinamica generale.

Avevamo anche pensato alla Giulia(200cv con performance pack) ma poi, per vari motivi, se dovessimo cambiare quasi certamente andremmo sullo Stelvio. Comunque dove si casca si casca bene!

"La componente più importante è l'emozione"

Link to comment
Share on other sites

  • J-Gian changed the title to Alfa Romeo Stelvio Q4 2.2 210 CV

Ciao, ho provato per una giornata uno Stelvio 210 cv, executive, con comandi tutti in funzione.

 

Sicuramente un bel prodotto etc etc ma, avendo provato per un paio di giorni una Giulia 180 cv, mi ha trasmesso emozioni come me le avrebbe trasmesse un frigorifero.

 

Ne sono uscito convinto dell'assoluta impossibilità di paragonare una vettura normale con un Suv, per quanto ben assettato e motorizzato sia: la fisica resta la fisica. Nelle curve la differenza con la Giulia è notevole ma anche nello spunto, pure in D, il peso si sente.

 

Certamente NON è alternativo ad una SW, sempre per ovvie ragioni di fisica.    Inoltre non ha un bagagliaio pari alle dimensioni esterne essendo piuttosto stretto ed incassato e senza spazio sopra il tendalino.  E' la moda, ma resta una moda che comprendo solo fino ad un certo punto

  • I Like! 2
Link to comment
Share on other sites

Sul fatto che un suv col suo baricentro alto non possa dare le stesse sensazioni di una berlina come Giulia, sono d'accordo e penso sia anche normale anche se la Stelvio grazie alla meccanica di derivazione Giulia (pianale, sterzo, schema sospensioni, motori , cambi..) risulta su strada più gradevole pure di alcune berline :oddio:.

Per quanto riguarda le prestazioni sul dritto ( vel max esclusa) la Stelvio è molto molto vicina a Giulia ( secondo 4ruote Stelvio 210cv sul classico 0-100 batte Giulia veloce td ).

Link to comment
Share on other sites

Sono due auto oggettivamente diverse, anche se con meccanica uguale.

Ma devo dire che per la prima volta ho avuto la sensazione di guidare una sportiva, nonostante fosse un SUV. 

Per quanto riguarda Giulia, forse forse riesco a portare a casa anche lei per qualche ora. Però voglio la 200cv tp!

"La componente più importante è l'emozione"

Link to comment
Share on other sites

1 ora fa, passionealfaromeo dice:

Sul fatto che un suv col suo baricentro alto non possa dare le stesse sensazioni di una berlina come Giulia, sono d'accordo e penso sia anche normale anche se la Stelvio grazie alla meccanica di derivazione Giulia (pianale, sterzo, schema sospensioni, motori , cambi..) risulta su strada più gradevole pure di alcune berline :oddio:.

Per quanto riguarda le prestazioni sul dritto ( vel max esclusa) la Stelvio è molto molto vicina a Giulia ( secondo 4ruote Stelvio 210cv sul classico 0-100 batte Giulia veloce td ).

 

per carità, hai ragione. è chiaro che sono influenzato dall'aver avuto una Giulia per qualche centinaio di km ed un paio di giorni ed anche dal fatto di guidare generalmente una 159 170 cv, auto che pure gira molto piatta. Stelvio si mangia le dirette concorrenti, semplicemente non mi è passata l'allergia alle ruote alte (inoltre il motore, anche, in D, mi ha lasciato qualche perplessità) e, avendo necessità di una SW (ho qualche passione per cui capitano oggetti larghi e biciiclette e non posso star lì coi ganci traino o barre) ho cercato fino all'ultimo di non andare fuori da Alfa dopo sette auto col biscione cercando di farmi piacere Stelvio.  Ho provato a fondo anche un'auto strana ed esotica come la Subaru Levorg e devo dire che mi ha colpito per dinamica ed equipaggiamenti, vediamo

  • I Like! 2
Link to comment
Share on other sites

2 ore fa, renyuri71 dice:

 

per carità, hai ragione. è chiaro che sono influenzato dall'aver avuto una Giulia per qualche centinaio di km ed un paio di giorni ed anche dal fatto di guidare generalmente una 159 170 cv, auto che pure gira molto piatta. Stelvio si mangia le dirette concorrenti, semplicemente non mi è passata l'allergia alle ruote alte (inoltre il motore, anche, in D, mi ha lasciato qualche perplessità) e, avendo necessità di una SW (ho qualche passione per cui capitano oggetti larghi e biciiclette e non posso star lì coi ganci traino o barre) ho cercato fino all'ultimo di non andare fuori da Alfa dopo sette auto col biscione cercando di farmi piacere Stelvio.  Ho provato a fondo anche un'auto strana ed esotica come la Subaru Levorg e devo dire che mi ha colpito per dinamica ed equipaggiamenti, vediamo

Non sono l'unico alfista che fa strani pensieri su Subaru Levorg, vedo... c'è da dire che però Levorg ha ancor meno luce da terra della mia 159 TBi e, se continuo a dover fare sterrato (non posso prendere sempre la Panda alla moglie: serve anche a lei!) sto facendo strani pensieri su Outback e Forester. Peccato che montino motori a benzina "alieni" ormai.

Altrimenti, appunto, Stelvio :mrgreen: 

  • I Like! 1

Statisticamente, il 98% dei ragazzi nel mondo ha provato a fumare qualsiasi cosa. Se sei fra il 2%, copia e incolla questa frase nella tua firma

Link to comment
Share on other sites

  • J-Gian changed the title to Prova Alfa Romeo Stelvio Q4 2.2 210 CV

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.
Note: Your post will require moderator approval before it will be visible.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

 Share

  • Similar Content

    • By __P
      Con il restyling il o i MHEV dovrebbero esserci.
    • By VuOtto
      In occasione dei festeggiamenti del primo anno della concessionaria Autosile di Montebelluna (che ringrazio per avermi offerto il test drive) ho potuto provare la loro Stelvio Quadrifoglio.
       
      Bellissima colorazione Rosso Competizione (peccato non sia più disponibile) e farcita di molti optional succulenti, tra i quali: sedili in carbonio e i freni Carboceramici.
       
      La prova della Giulia Q risale a qualche anno fa e tuttavia era una delle prime MY17, mai avevo provato la Stelvio. Ringrazio davvero la Autosile per avermi concesso di guidarla da solo, dato che sono stato il primo cliente che hanno avuto, ordinando la Stelvio Ti per mio padre, e successivamente la Giulia per mia cognata.
      Per chi sa dov'è ubicata la concessionaria, sulla SS Feltrina, sa che è a due passi dal Montello, famoso per essere stato il fronte della Prima Guerra Mondiale, ma famoso anche per i ciclisti, per i bellissimi scorci che regala....... e per i motociclisti per essere una rappresentazione nostrana del Nurburgring. Saliscendi collinare, una miriade di strade, stradine e "prese" (strade che tagliano nord sud tutta la collina, ben 21) nonché una "panoramica ad anello che ne fa il perimetro di circa 30km, o una "dorsale" che lo taglia tutto nel mezzo ovest-est tra la fitta vegetazione che fortunatamente cresce ancora rigogliosa e curata dagli abitanti della zona.
       
      FUORI
      Bellissima in rosso.....il quadrifoglio a lato è un qualcosa che scalda il cuore solo a guardarlo. I freni carboceramici danno una bella sicurezza di poter "staccare" in modo più deciso, e sono oltretutto, pure scenici e di assoluta presenza sulla vista laterale. Dietro troneggiano i quattro scarichi (impianto stock non Akrapovic) e rinfrescati fari con elementi anneriti.
       
      DENTRO
      Bellissimi i sedili (e pure comodi) e pezzo forte, per un romantico come me, il pulsante rosso d'avviamento al volante. Solo sfiorarlo è emozionante.......eh si sto invecchiando anche io. In generale qualità alta, assemblaggi perfetti e nulla fuori posto. Bella davvero, un abiengte piacevole dove stare; magari non tecnologicamente _cibernetico come le ultime BMW/MB/AUDI, ma altrettanto accogliente. Il quadro analogico è un qualcosa che apprezzo ancora molto, non so voi, ma vedere le lancette a zero è più bello di guardare uno schermo nero.
       
      GUIDA
      Metto in moto, manco a dirlo, tutto già in race....pochi mazzi.....così vanno guidate le Alfa sportive a mio avviso, e via.
      Da subito noto lo leggerezza dello sterzo: badate bene, non è un difetto....io provengo dallo sterzo BMW che è più pesante in sport...per cui ci vuole qualche chilometro per farci l'abitudine, ma ciò che noto immediatamente.....il sound. Mamma che sound. Il mese scorso ho provato la nuova M3, e sotto questo aspetto è indecentemente deludente. Qui la musica cambia, siamo in Italia, le macchine vere sappiamo farle suonare come uno Stradivari! Bellissimo.......solo il sound merita l'acquisto...ma c'è molto di più. Dopo i metri metri, già drogato dalla sonorità del motore, inizio ad apprezzare la comunicatività dello sterzo. Immediato. Già quello della Stelvio che uso ogni tanto è diretto....ma qui è un filino ancora più telepatico. Bellissimo, peccato solo che l'avrei preferito un pelo più pesante, ma è un gusto mio personale dettato dall'abitudine di guidare sterzi tedeschi.
      Acqua, olio e trasmissione sono caldi, è ora di divertirci in salita, imbocco l'umida dorsale e inizio ad andare (scelgo sempre le salite inizialmente, poiché puoi tirare le marce senza finire a velocità indecenti, ti ascolti il motore in sicurezza, usi poco i freni, e non trovi quasi mai nessuno, specie in giornate semi uggiose, all'imbrunire, come quelle di ieri. Quelle strade le conosco come le mie tasche....che meraviglia a portata di mano! Lo scarico emette una sinfonia stupendamente accordata, il cambio lo trovo molto più diretto e "sharp" come dicono gli amici inglesi rispetto a quello della M3, ma sono rimasto impressionato dalle scalate. Sembra un doppia frizione, butta dentro le marce subito, senza preamboli od incertezze. Complimenti Alfa, hai sistemato il cambio ZF meglio della BMW Motorsport. Come detto, le scalate sono pura goduria, e alla chiamata, mi ha buttato dentro la prima al tornantino stretto a 30km/h senza la minima incertezza, tanta roba. Tenuta di strada eccellente, ma qui mi permetto, è lo sterzo che ti chiama la tenuta come un navigatore da rally: MAI hanno fischiato gli pneumatici....cosa non così scontata su una strada come quella che ho percorso, e con le temperature basse della sera (13 gradi), lo sterzo da talmente tanto feedback che sai esattamente come entrare, come gestire la corda, e quando spalancare il gas. Sterzo preciso, ma anche sicuro, poiché ti dice continuamente a che punto sono le gomme. Ero con mio fratello, lo sterzo...ricorda molto da vicino quello della 992 Turbo S, mi ha dato la stessa granitica certezza di poterci contare. Che pezzo di meccanica! Complimenti Alfa.
      L'assetto non rolla e non beccheggia, neanche sulle ondulature di cui il montello è famoso....i freni ? Onnipresenti anche a freddo. Impressionanti quanto tardi puoi staccare. C'è chi dice che i carboceramici non servono in un uso quotidiano...forse hanno ragione, ma io le metterò su tutte le auto che me lo consentiranno come optional (a partire dalla M3 che sto aspettando).
      Gli inserimenti sono rapidi, precisi e sicuri, il motore sempre pronto e non chiede altro che essere portato al limitatore per cambiare con un bel "bang" dietro. Gas aperto, poi staccata, via il freno, butti dentro il muso in curva, parzializzi, marcia up, poi giù tutto, e dopo 50mt ancora la stessa cosa ma prima chiedendo anche due tre marce a scalare senza mai che il cambio se ne sia persa una per strada, e con la macchina che MAI mi ha portato a scomporre il telaio. Non me lo aspettavo da un SUV, sticazzi.
      Rientrando alla concessionaria in raffreddamento, la macchina è confortevole nonostante l'assetto e nonostante i sedili a guscio. Altra cosa che ho notato, vuoi per il colore, vuoi pe rlo scarico, vuoi perché è un'Alfa...non lo so, ma molte persone che incontravo mi guardavano sorridendo, c'è chi mi ha fatto il "pollice in su"....piccole cose ma che un petrolhead come me apprezza....c'è ancora speranza a questo mondo insomma!
       
      CONSIDERAZIONI
      Bella meccanica, Alfa! Bella davvero. 
       
      A mente fredda, rielaborando il tutto e smaltita la sbornia da sound imperioso......dico che la M3 è più "pastosa", nel senso che è più "composta" e ti invita ad andare ancora più forte, ma le sensazioni ed il divertimento che regala l'Alfa, la BMW se li sogna. Devo ammettere che il 40% dell'esperienza di guida, una vettura sportiva la da con il Sound, un altro 30% è il divertimento. In questo....la BMW è gravemente insufficiente, a fronte di una guidabilità davvero di livello. L'Alfa però ti emoziona, non è solo millimetrica precisione e spinta, è tanto altro. Guidi un pezzo di storia, e ciò che guidi rende onore al quadrifoglio che porta sul fianchetto. E' una guida "calda" emozionante.....non "informatica" come quella della BMW. Questa è la differenza maggiore che ho notato. Due guide diverse, entrambe agli apici pur con caratteristiche diametralmente opposte. E' ingiusto paragonare una Stelvio ad una M3, ma ricordo bene come si comportava la Giulia Q (manuale) che ho provato tempo fa.
      Pentito di aver ordinato la M3? Non proprio, con lo scarico giusto anche lei forse colmerà il "debito formativo". Geloso, semmai, di chi si porterà a casa la GTA? SI, ASSOLUTAMENTE GELOSO! Non oso immaginare una GTA che razza di esperienza di guida possa regalare.........l'unica cosa certa è che prima o poi....me la compro una Q, magari la FL. La voglio.
       
      A proposito....sono davvero tutte finite le GTA? Rossa, ovviamente!
       

       
       
    • By Sandro
      Ordunque, tra uno scroscio di pioggia e l'altro, oggi sono riuscito a farmi un paio di giretti con la mia nuova Stelvio usata.
      La mia pietra di paragone resterà la mia ex 159 TBI sw.
      Più larga, alta e imponente della precedente, sembra quasi una Giulietta in scala 1,5:1 e fa sembrare più piccoli tutti coloro che ci salgono sopra. Ha una presenza scenica che intimidisce.
      La sonorità del motore è totalmente differente da quello del precedente 1750, soprattutto al minimo sembra un diesel (e non mi pare un complimento ), ma l'auto è ben insonorizzata ed il rumore diventa invadente solo se si schiaccia a fondo. A 130 in autostrada sonnecchia in 8a a 2200 giri, ottimo per contenere il più possibile i consumi.
      Il cambio... come detto nell'altro topic, devo abituarmici. In automatico (che il manettino sia in D, N o A non cambia molto da questo punti di vista) è sempre sotto a cambiar rapporto per inserire quello a maggior risparmio possibile; abituato com'ero specie nel traffico a "dosare le marce" a seconda di quel che mi trovavo davanti per esser più o meno pronto per le ripartenze, qui è tutto spostato sulla pressione del pedale destro: premi poco, l'auto "veleggia" accelerando dolcemente e magari mantenendo il rapporto attualmente innestato per poi passare al superiore attorno ai 2000 giri; schiacci a fondo, oltre il "click" del pedale, e il cambio butta giù rapporti per arrivare a 4500 giri e spararti via il più velocemente possibile; se invece ti limiti al "click" senza oltrepassarlo, accelera ma senza esser brutale. É divertentissimo da usare in modalità manuale, ma 8 rapporti sono un po' tantini per me da gestire. Poi magari imparo, ma per adesso vado in D lasciando la M solo se la strada è sinuosa e senza traffico. Traffico che oggi ho trovato in abbondanza: cosa ci fa tutta questa gente in giro prima delle 8 di un sabato mattina d'agosto, lontano da qualunque località turistica, lo ignoro.  
      Comfort a bordo: notevole. I sedili in full pelle elettrici (che lusso), il clima bizona, i finestrini che scendendo possono sparire tutti nelle portiere e tutti dotati di saliscendi automatico, l'ampio tetto apribile rendono arioso e luminoso un abitacolo che rischia d'esser incredibilmente scuro per la ridotta dimensione delle superfici vetrate e i colori non propriamente luminosi con cui è rivestito l'interno. Il lunotto, poi, è grande come 2 francobolli; in manovra aiutano tantissimo le generose dimensioni degli specchietti esterni, i sensori di parcheggio anteriori e posteriori e la retrocamera. Difetto noto, si sporca facilmente e l'immagine proiettata è piccola e di mediocre qualità.
      Come va: qui finalmente si sorride. Nonostante i cerchi da 19 ed un assetto non certamente granitico come tanti altri suv, a causa della maggiore altezza da terra della seduta rispetto alle mie auto precedenti si sentono molto bene le deformità del fondo stradale (mai come con un Nissan Quashqai provato anni fa coi 19": sentivo anche i sassolini ed era rigido come un'asse di legno), ma viaggia letteralmente sui binari, anche esagerando nelle rotonde (ma lì Giulia è inarrivabile tra tutti i mezzi "umani": la fisica l'aiuta) e lo sterzo è pesante quando serve, leggero quando serve ma sempre preciso. Non sembra di portare a spasso 1700 kg tra le curve, nessuna esitazione, tu comandi lei ubbidisce.
      Consumi: boh 🤷‍♂️, ho fatto ieri il primo pieno (58 litri su 64 di serbatoio) e il computer di bordo m'indica 11 litri per 100km, ma vedremo in futuro come va.
      Infotainment: non he ho la più pallida idea , mi sono focalizzato ad entrare in sintonia con la dinamica (e le dimensioni) dell'auto; mi sono limitato al pering bluetooth col mio telefono e posso solo dire che si sente bene e mi sentono bene durante l'uso. Per quel che m'interessa, anche la radio si sente bene. Approfondirò in futuro.
      E adesso, qualche foto (in bassa qualità per poterle caricare).







×
×
  • Create New...

Important Information

Il sito utilizza i cookie per fornirti un'esperienza di navigazione più funzionale, per fini statistici e per la pubblicazione di banner pubblicitari in linea con le tue preferenze. Nascondendo questo avviso, scorrendo questa pagina, cliccando su un link, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Terms of Use.