Vai al contenuto

Messaggi Raccomandati

Il metano per chi vive in città ha un grosso ed enorme vantaggio che il gpl non ha: la possibilità di parcheggiare nei parcheggi sotterranei. Utilità? Basta pensare al centro commerciale il sabato. L’unico posto libero lo trovi sempre sotto terra, e in alcuni anche se è a -1 non puoi parcheggiare il gpl perché non sono areati. 

  • Like! 2

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

A sfavore del metano a mio parere incide pesantemente anche l'impossibilità, almeno ora in Italia, di fare rifornimento self-service,  per i miei ritmi di vita (e quelli di molti altri) è un grosso limite.

Aggiungiamo la poca autonomia e le code ai pochi distributori (quest'ultimo problema si risolve con una rete più capillare) e la scarsa diffusione si spiega.

 

  • Like! 2

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Bisogna vedere se questi nuovi motori sfruttano a dovere l'alto potere antidetonante del metano per aumentare la coppia e se vengono abbinati ad adeguate rapportature del cambio per aumentare le percorrenze.

 

In questo modo il problema dell'autonomia e dei distributori sarebbe parzialmente risolto, ottenendo anche risparmi record.

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
3 ore fa, mister_x dice:

Il metano per chi vive in città ha un grosso ed enorme vantaggio che il gpl non ha: la possibilità di parcheggiare nei parcheggi sotterranei. Utilità? Basta pensare al centro commerciale il sabato. L’unico posto libero lo trovi sempre sotto terra, e in alcuni anche se è a -1 non puoi parcheggiare il gpl perché non sono areati. 

  http://www.fulgorgas.it/blog/7240/auto_a_gpl_in_garage__e’_permesso_parcheggiare_.htm

  • Like! 2

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
40 minuti fa, Nicola_P dice:
Cita

Il decreto datato 22 novembre 2002 del Ministero dell'Interno, sancisce che tutti i veicoli a GPL dotati di sistemi di sicurezza conformi al Regolamento ECE/ONU n.67/01 possono parcheggiare fino al primo piano interrato dei parcheggi, anche se comunicanti con altri piani interrati.

Se il parcheggio ha diversi piani interrati puoi parcheggiare al -1, per gli altri può essere vietato.

  • Like! 1

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

VAG Punta tantissimo sul metano soprattutto ora, per lavarsi la coscienza dopo lo scandalo dieselgate; ora vuol passare per la salvatrice dell'umanità con questi progetti che, a mio parere, se sono affidabili come il 1.4tgi 110cv, benvengano.

@leon82 In Sardegna non c'è 1 distributore di metano; quoto il tuo discorso circa la similitudine tra metanari e vegani: effettivamente c'è questa tendenza a demonizzare tutto quello che non circoli a metano... Poi magari si fumano 2 pacchetti di sigarette al giorno, si mangia carne ogni santo GG ecc ecc. Io sono uno di quelli convinti del metano ( ho anche 2 petroliere a benzina da 5 km/l che però uso 4 volte l'anno ) per un discorso di convenienza ( percorrendo 70.000 km annui risparmio, Netti, 2000 euro annui ).

VAG sta metanizzando tutto e, se a loro va bene per un discorso di immagine, a me non dispiacerebbe un 1.4 a metano da 160cv, dato che le attuali auto a metano sono sempre limitate da prestazioni nella norma, mentre 160cv su una Golf a metano da 13 quintali, sarà briosa, quasi sportiva.

 

  • Like! 2

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
8 ore fa, AngeloUPuglis dice:

VAG Punta tantissimo sul metano soprattutto ora, per lavarsi la coscienza dopo lo scandalo dieselgate; ora vuol passare per la salvatrice dell'umanità con questi progetti che, a mio parere, se sono affidabili come il 1.4tgi 110cv, benvengano.

@leon82 In Sardegna non c'è 1 distributore di metano; quoto il tuo discorso circa la similitudine tra metanari e vegani: effettivamente c'è questa tendenza a demonizzare tutto quello che non circoli a metano... Poi magari si fumano 2 pacchetti di sigarette al giorno, si mangia carne ogni santo GG ecc ecc. Io sono uno di quelli convinti del metano ( ho anche 2 petroliere a benzina da 5 km/l che però uso 4 volte l'anno ) per un discorso di convenienza ( percorrendo 70.000 km annui risparmio, Netti, 2000 euro annui ).

VAG sta metanizzando tutto e, se a loro va bene per un discorso di immagine, a me non dispiacerebbe un 1.4 a metano da 160cv, dato che le attuali auto a metano sono sempre limitate da prestazioni nella norma, mentre 160cv su una Golf a metano da 13 quintali, sarà briosa, quasi sportiva.

 

Ho fatto 25 minuti di test drive della Golf a metano, e con credo che la acquisterei: il peso delle bombole montate a sbalzo oltre l'asse posteriore da un antipatico effetto "culo pesante" (alias: pendolo) che non mi piace per niente.

VW sta sì metanizzando la sua gamma, ma IMHO attualmente solo in modalità "sbiancamento anale :§" perché monta motori progettati per andare a metano su auto che a metano non erano state previste in fase di progetto. Discorso diverso per la nuovissima Polo (provata anch'ella) in cui son riusciti a metter meglio le bombole e non da l'effetto pendolo nelle curve. Quindi, da bravi tedeschi che imparano dai loro errori (quasi sempre), se continueranno a scommettere sul metano la prossima generazione di Golf sarà messa meglio, dinamicamente parlando. Da questo punto di vista, la Multipla a metano era imbattibile: 3 (anche 4, volendo) bombole per 26 kg di metano montate sotto la scocca in area baricentrica tra i due assi. Piantavano l'auto per terra (in tutti i sensi :lol:) mantenendola assolutamente neutra su qualsiasi curva. 

Modificato da Sandro
Orrore, orrore...
  • Like! 2

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
37 minuti fa, Sandro dice:

Ho fatto 25 minuti di test drive della Golf a metano, e con credo che la acquisterei: il peso delle bombole montate a sbalzo oltre l'asse posteriore da un antipatico effetto "culo pesante" (alias: pendolo) che non mi piace per niente.

VW sta sì metanizzando la sua gamma, ma IMHO attualmente solo in modalità "sbiancamento anale :§" perché monta motori progettati per andare a metano su auto che a metano non erano state previste in fase di progetto. Discorso diverso per la nuovissima Polo (provata anch'ella) in cui son riusciti a metter meglio le bombole e non da l'effetto pendolo nelle curve. Quindi, da bravi tedeschi che imparano dai loro errori (quasi sempre), se continueranno a scommettere sul metano la prossima generazione di Golf sarà messa meglio, dinamicamente parlando. Da questo punto di vista, la Multipla a metano era imbattibile: 3 (anche 4, volendo) bombole per 26 kg di metano montate sotto la scocca in area baricentrica tra i due assi. Piantavano l'auto per terra (in tutti i sensi :lol:) mantenendola assolutamente neutra su qualsiasi curva. 

A dire il vero Golf e Up a metano sono uscite prima del dieselgate....

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere iscritto per commentare e visualizzare le sezioni protette!

Crea un account

Iscriviti nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

  • Contenuti simili

    • Da Davialfa
      Scusate la domanda un po' ingenua
       
      Mi chiedevo da cosa dipende la qualità costruttiva, specialmente negli assemblaggi di un automobile. Mi spiego meglio, è assodato che alcune marche, vedi ad esempio gruppo Vag (con Audi e Vw) ma più in generale marchi tedeschi o giapponesi sono riconosciuti ovunque per un ottima qualità costruttiva, sopratutto da un punto di vista degli assemblaggi, mentre ci sono altri brand come ad esempio Fiat o Alfa che sono da anni indietro rispetto ai primi della classe in questa specifica cosa. Mi chiedo come, in un mondo molto automatizzato come quello automotive, esistano ancora queste grandi differenze e da cosa dipendano. Cioè non credo che ad esempio in Fiat i progettisti o gli operai siano più "scarsi" che in vw o che se ne freghino se l'assemblaggio di un auto è fatto male.
       
      Dipende dalla qualità dei materiali? Dipende dalle risorse disponibili in fase di progettazione ( più progettisti che si occupano di verificare 100 volte che il progetto è ok)? differenze risorse per le fabbriche (robot più precisi, più operai, migliori macchinari etc)? 
      Perché se Vw dovesse fare una punto, con le stesse caratteristiche della punto e lo stesso design, questa verrebbe di qualità costruttiva di una punto made in fiat?
       
      Non so se mi sono spiegato, scusate per le domande un po' stupide
    • Da Beckervdo
      ZF introduce una trasmissione manuale con attuatori elettronici per le vetture micro e mini-ibride.
      eAMT (electrified Automated Manual Trasmission) per l'impiego su vetture con propulsori trasversali. 
      Il sistema combina l'asse elettrico motorizzato (eVD) con la trasmissione manuale (AMT) in un unico sistema, questo gli consente di non avere interruzione di continuità nel passaggio dalla trazione elettrica a quella "convenzionale".
      In aggiunta a tutte le funzioni peculiari dell'ibrido, quali il recupero dell'energia in frenata e boost, è in grado di rendere le piccole vetture convertibili all'ibrido ad un costo ridotto. Resta solo da definire lo spazio all'interno dello chassis.
       
      —Norman Schmidt-Winkel, functional developer of electric drives at ZF   ZF afferma che la nuova eAMT è al pari di funzionamento di un moderno automatico a convertitore di coppia o di un doppia frizione.  Essendo un manuale automatizzato, ci sarà un minimo distacco di potenza nel passaggio da una marcia all'altra, ma questo è ampiamente superato dall'unità elettrica, che limita la mancanza di continuità.  La centralina di gestione dell'unità elettrica sull'asse posteriore, capisce quando è stato richiesto un cambio marcia, o quando è richiesto un plus di potenza - magari in fase di sorpasso - e la trazione viene aggiunta anche dall'asse posteriore.  Valido anche per quando si percorrono sterrati leggeri e fondi a bassa aderenza, sfruttando un integrale on-demand in piena regola.   ZF l'ha dimensionato sulla SUV Duster, proponendo anche un funzionamento - per brevi km - in modalità esclusivamente elettrica, rendendo di fatto la vettura una micro-hybrid.   Utilissimo per gli start/stop cittadini e per il traffic Jam, mentre nelle fasi di gas costante in autostrade è possibile disaccoppiare la trasmissione manuale e veleggiare (Coasting) riducendo i consumi.   


       
      Via Green Car Congress
×