Vai al contenuto
  • 0
matt46

Consumo olio anomalo 1.4 T-jet 120cv GPL

Domanda

Ciao a tutti!

Da marzo sono possessore di una Alfa Mito 1.4 T-jet 120cv GPL, acquistata nuova con impianto installato dalla casa (il Landi).

La macchina va davvero molto bene, non mi lamento di nulla se non di...un consumo di olio eccessivo.

Infatti dopo averla acquistata l'ho dovuta portare per un richiamo in officina, mi hanno messo mezzo litro perché ne mancava (in sede di montaggio non lo avevano messo tutto evidentemente).

a 10k km controllo l'astina ed era secca, metto un litro e il livello arriva appena a metá

a 10500 faccio il tagliando (molto prima di quello previsto ma ho preferito cosí essendo il primo)

a 13500 ho rabboccato circa 0,6L (per un consumo di 2L per 10k km circa)

a 14500 ho rabboccato altri 0,2-3L

 

Ovviamente ho usato il selenia multipower gas 5w40

Ho una guida normale, non tiro il collo al t-jet ne tiro a freddo...

é normale secondo voi tale consumo? anche se sul manuale dicono che fino a 4 etti per 1000 km é normale (che lo facciano per pararsi il sedere?) mi sembra comunque molto

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

14 risposte a questa domanda

Messaggi Raccomandati

  • 0
2 ore fa, matt46 dice:

Praticamente io rabboccavo o facevo rabboccare fino al massimo dell'astina, bene il problema su questo motore (non so se su tutti o se su alcuni esemplari) é che il primo 20% di astina viene "risucchiato" e consumato subito. Il meccanico mi ha parlato di vapori olio e altre cose che ora non ricordo e che francamente non conosco

Sì, all'interno del basamento dei motori a scoppio, ci sono dei condotti che permettono l'estrazione dei vapori d'olio caldo che si formano al suo interno. Tali condotti poi si collegano all'alimentazione del motore, e quei vapori vengono bruciati assieme al carburante.

 

In effetti è molto importante non eccedere mai la soglia di livello massimo, specialmente sui diesel, dove l'eventuale aspirazione dell'olio in eccesso tramite i suddetti condotti, potrebbe portare ad un fuori giri del motore. Infatti certi diesel recenti, ti segnalano con una spia l'eccesso d'olio, obbligandoti ad una tappa in officina.

 

Mistero risolto dunque? :)

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
  • 0
On 25/1/2018 at 18:56, matt46 dice:

ho una news, ho scoperto come mai c'é un consumo anomalo.

Praticamente io rabboccavo o facevo rabboccare fino al massimo dell'astina, bene il problema su questo motore (non so se su tutti o se su alcuni esemplari) é che il primo 20% di astina viene "risucchiato" e consumato subito. Il meccanico mi ha parlato di vapori olio e altre cose che ora non ricordo e che francamente non conosco
comunque rabboccando fino all'80% e tenendo in considerazione quello come livello base i consumi sono molto piú normali, circa 0,15L ogni 1000km

Inoltre il mio meccanico, non facente parte dell'assistenza Fiat\Alfa, mi ha detto che é un motore che di olio ne consuma, non quanto il 1.4 tsi del gruppo vw ma comunque ne consuma

Non è che si confonde con il 1.4 8v (77CV)  che è un discreto bevitore di olio (l'abbiamo su una Grande Punto del 2005)? Il tjet non mi risulta invece avere problemi di consumo di olio (candele si invece, parlo per esperienza personale).

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
  • 0

Avuto MiTo 120 gpl

Venduta dopo 5 anni e 210.000 km

Aprivo una volta l'anno in concomitanza del tagliando e toglievo esattamente quanto ci era stato messo un anno prima, non una goccia di meno.

Auto nata male?

PS ho avuto una Mazda NC 1.8 che bruciava 1kg su 250 km, brutti ricordi e solidarietà a te.


☏ iPhone ☏

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
  • 0

sia l'assistenza ufficiale che il mio meccanico mi han detto che la maggioranza dei t-jet, in particolare i GPL, ciuccia olio

Poi ci sono le eccezioni

 

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere iscritto per commentare e visualizzare le sezioni protette!

Crea un account

Iscriviti nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

  • Contenuti simili

    • Da RiRino
      Messaggio Aggiornato al 21/06/2018
       
      Fonte: press. FCA presentazione Jeep Renegade
       
       
       
      Messaggio Originale 06/05/2018
       
      In FCA debutteranno i GSE(GlobalSmallEngine) 3 e 4 cilindri modulari in alluminio, 3 cilindri 1.0 aspirato e probabilmente turbo che coprirà la fascia di potenza 70-100cv all'incirca e 4 cilindri 1.3-1.4 aspirato e turbo con potenze tra i 100 e 150cv circa. In base alle applicazioni avranno 2 o 4 valvole per cilindro, variatori di fase o multiair, iniezione diretta o indiretta.
       
      Poi ci sarà il GME (GlobalMediumEngine) a 4 cilindri 2.0 in alluminio che a spanne starà sui 180cv in sù, ci potrebbero essere anche ipotetiche versioni aspirate per gli USA anche con potenza minore.
       
      Sia i GSE che i GME avranno +o- le stesse caratteristiche e tecnologie:
       

       
       
      Entrambi sono motori completamente nuovi, tempo fà qualcuno ipotizzava che il GME fosse derivato alla lontana dal basamento Tigershark/Gema, può essere che lo abbiano utilizzato come base di partenza per progettare il nuovo motore, ma di fatto sono motori diversi.
       
       
       
       


    • Da Beckervdo
      ZF introduce una trasmissione manuale con attuatori elettronici per le vetture micro e mini-ibride.
      eAMT (electrified Automated Manual Trasmission) per l'impiego su vetture con propulsori trasversali. 
      Il sistema combina l'asse elettrico motorizzato (eVD) con la trasmissione manuale (AMT) in un unico sistema, questo gli consente di non avere interruzione di continuità nel passaggio dalla trazione elettrica a quella "convenzionale".
      In aggiunta a tutte le funzioni peculiari dell'ibrido, quali il recupero dell'energia in frenata e boost, è in grado di rendere le piccole vetture convertibili all'ibrido ad un costo ridotto. Resta solo da definire lo spazio all'interno dello chassis.
       
      —Norman Schmidt-Winkel, functional developer of electric drives at ZF   ZF afferma che la nuova eAMT è al pari di funzionamento di un moderno automatico a convertitore di coppia o di un doppia frizione.  Essendo un manuale automatizzato, ci sarà un minimo distacco di potenza nel passaggio da una marcia all'altra, ma questo è ampiamente superato dall'unità elettrica, che limita la mancanza di continuità.  La centralina di gestione dell'unità elettrica sull'asse posteriore, capisce quando è stato richiesto un cambio marcia, o quando è richiesto un plus di potenza - magari in fase di sorpasso - e la trazione viene aggiunta anche dall'asse posteriore.  Valido anche per quando si percorrono sterrati leggeri e fondi a bassa aderenza, sfruttando un integrale on-demand in piena regola.   ZF l'ha dimensionato sulla SUV Duster, proponendo anche un funzionamento - per brevi km - in modalità esclusivamente elettrica, rendendo di fatto la vettura una micro-hybrid.   Utilissimo per gli start/stop cittadini e per il traffic Jam, mentre nelle fasi di gas costante in autostrade è possibile disaccoppiare la trasmissione manuale e veleggiare (Coasting) riducendo i consumi.   


       
      Via Green Car Congress
×