Vai al contenuto

Messaggi Raccomandati

intanto Porsche sospenda la produzione.

 

Peugeot idem con 308gti

Bmw ha cambiato gamma per quest wltp

 

ne vedremo di belle sino al definitivo passaggio tra nedc e wltp.

  • Like! 1

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Aggiornate la lista: Alfa Romeo Giulia e Stelvio tutte Euro 6D Temp, Maserati 3.0 diesel, Fiat Tipo tutte, Panda e 500 tutte (le diesel non le fanno piu) 

1038BB9B-EAE1-49A8-A317-ABA059B2D4AD.jpeg

7A1F3D16-8C36-40F9-AAD7-1582D76C8D5F.jpeg

  • Grazie! 1

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
On 4/2/2018 at 17:41, Cosimo scrive:

il problema di come viene prodotta l’energia elettrica pare non sia argomento di dibattito avvincente 

 

On 5/2/2018 at 22:09, J-Gian scrive:

Nemmeno quello del come e dove vengano ricavati i materiali per la produzione di accumulatori, non si parla tanto nemmeno dei costi e delle procedure per lo smaltimento.

Tra l'altro la macchina plug-in da caricare durante la notte è quanto di più irrazionale possibile, capirei ancora di collegarla ad una colonnina dotata di impianto FV in pieno giorno (ma solo nei giorni di sole, altrimenti l'energia elettrica verrebbe presa dalla rete e chissà se quello che prendo è frutto di rinnovabile o meno...) ma di notte proprio...vabbè...come qualche anno fa il diesel era diventato la panacea di tutti i mali, faceva moda e tendenza, oggi è il turno dell'auto elettrica, fonte di ogni bene ed eliminatrice di ogni problema esistente connesso alla mobilità!!! Passerà anche questa...

  • Like! 1

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

dove posso trovare qualche dato in più su €6d temp e €6 full?

 

inoltre sono usciti i dati aggiornati di Giulia/Stelvio al nuovo ciclo?

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
1 ora fa, Alce_NeroWRC scrive:

 

Tra l'altro la macchina plug-in da caricare durante la notte è quanto di più irrazionale possibile, capirei ancora di collegarla ad una colonnina dotata di impianto FV in pieno giorno (ma solo nei giorni di sole, altrimenti l'energia elettrica verrebbe presa dalla rete e chissà se quello che prendo è frutto di rinnovabile o meno...) ma di notte proprio...vabbè...come qualche anno fa il diesel era diventato la panacea di tutti i mali, faceva moda e tendenza, oggi è il turno dell'auto elettrica, fonte di ogni bene ed eliminatrice di ogni problema esistente connesso alla mobilità!!! Passerà anche questa...

1) Il fatto è che di notte, con le fabbriche spesso ferme, si produce più energia di quanta se ne consumi: le centrali non si possono spegnere ed accendere sera e mattina, e il vento soffia (o può soffiare) a qualunque ora, l'unica fonte che viene a mancare è il solare (e l'idroelettrico, al punto che di notte si riempiono i bacini consumando una parte dell'energia in eccesso per poi produrre più energia di giorno). L'energia che non si usa va dispersa; è la stessa ratio che sta alla base della tariffa bioraria.

 

2) all'italiano medio interessa disinquinare l'aria delle città (che poi è il problema maggiore, perchè molta gente respira le sostanze tossiche), degli inquinamenti locali in zone poco o per nulla abitate, magari neppure italiane od europee, dovuti a produzione e smaltimento di batterie o a produzione di energia elettrica se ne cura ben poco.

  • Like! 1

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
23 minuti fa, mariola scrive:

1) Il fatto è che di notte, con le fabbriche spesso ferme, si produce più energia di quanta se ne consumi: le centrali non si possono spegnere ed accendere sera e mattina, e il vento soffia (o può soffiare) a qualunque ora, l'unica fonte che viene a mancare è il solare (e l'idroelettrico, al punto che di notte si riempiono i bacini consumando una parte dell'energia in eccesso per poi produrre più energia di giorno). L'energia che non si usa va dispersa; è la stessa ratio che sta alla base della tariffa bioraria.

 

2) all'italiano medio interessa disinquinare l'aria delle città (che poi è il problema maggiore, perchè molta gente respira le sostanze tossiche), degli inquinamenti locali in zone poco o per nulla abitate, magari neppure italiane od europee, dovuti a produzione e smaltimento di batterie o a produzione di energia elettrica se ne cura ben poco.

1) finchè l'elevato fabbisogno di energia elettrica odierno non si moltiplica a dismisura dovendo alimentare anche tutto il parco veicoli circolante

 

2) ragionamento completamente fuori da ogni grazia di dio, dato che pensare solo al proprio orto senza curarsi dell'orto del vicino non può che far danni al pianeta che, dovremmo ben averlo imparato ormai, è troppo piccolo per pensare di "spostare" il problema da un punto di questo all'altro...ogni cosa ha le sue conseguenze in ogni punto del mondo, sebbene magari laddove "interessa" non avere conseguenze questo qualcosa arriva in ritardo e un pò mitigato!

 

La diversificazione delle fonti energetiche è l'unica soluzione di buon senso, stop! Le crociate contro o pro determinate tecnologie, se non affrontate in maniera corretta da persone adeguatamente formate sull'argomento sono solamente portatrici di gravi danni (anche irreversibili)...che poi siano solo decisioni politiche comandate dai soldi, per cui il mio discorso è catalogabile come retorica, sono d'accordo, ma leggere opinioni di persone "a caso" (e non mi riferisco certo a te in particolare, per cui non prenderlo come un attacco personale) che difendono a spada tratta l'elettrico e spalano letame a non finire sui motori termici quando non sanno manco cosa sia uno e cosa sia l'altro mi fa imbestialire!!! L'opinione pubblica è la chiave per i successi economici ma non sempre le due cose vanno verso il bene comune...anzi, spesso ci vanno a sbattere frontalmente contro! :(

 

  • Like! 1

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
3 ore fa, Alce_NeroWRC scrive:

Tra l'altro la macchina plug-in da caricare durante la notte è quanto di più irrazionale possibile, capirei ancora di collegarla ad una colonnina dotata di impianto FV in pieno giorno (ma solo nei giorni di sole, altrimenti l'energia elettrica verrebbe presa dalla rete e chissà se quello che prendo è frutto di rinnovabile o meno...) ma di notte proprio...vabbè...

Questo in realtà è sensato alla luce di come viene prodotta l'energia attualmente, vista la poca modulabilità nel breve termine della generazione dell'energia elettrica ;)

 

Non sono rari i casi in cui, per assorbire la produzione di energia in eccesso, venga utilizzata per pompare nuovamente a monte l'acqua dei bacini idroelettrici, per aver energia a sufficienza per la giornata lavorativa.

 

 

 

1 ora fa, Alce_NeroWRC scrive:

1) finchè l'elevato fabbisogno di energia elettrica odierno non si moltiplica a dismisura dovendo alimentare anche tutto il parco veicoli circolante

Penso che per i prossimi 20 anni non avremo questo problema, dato che l'auto elettrica non può coprire le esigenze di tutti ;-)

 

O comunque non sarà per tutti, per svariate ragioni pratico/economiche (si pensi a quanti possano aver a disposizione un box, ad esempio.)

 

 

  • Like! 2

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Grand Cherokee diesel, tra pochi giorni usciranno i dati di Compass, 500L e delle Maserati

2F0E080F-C1B9-4F69-8B56-631BF137F335.jpeg

  • Like! 1

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere iscritto per commentare e visualizzare le sezioni protette!

Crea un account

Iscriviti nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

  • Contenuti simili

    • Da Davialfa
      Scusate la domanda un po' ingenua
       
      Mi chiedevo da cosa dipende la qualità costruttiva, specialmente negli assemblaggi di un automobile. Mi spiego meglio, è assodato che alcune marche, vedi ad esempio gruppo Vag (con Audi e Vw) ma più in generale marchi tedeschi o giapponesi sono riconosciuti ovunque per un ottima qualità costruttiva, sopratutto da un punto di vista degli assemblaggi, mentre ci sono altri brand come ad esempio Fiat o Alfa che sono da anni indietro rispetto ai primi della classe in questa specifica cosa. Mi chiedo come, in un mondo molto automatizzato come quello automotive, esistano ancora queste grandi differenze e da cosa dipendano. Cioè non credo che ad esempio in Fiat i progettisti o gli operai siano più "scarsi" che in vw o che se ne freghino se l'assemblaggio di un auto è fatto male.
       
      Dipende dalla qualità dei materiali? Dipende dalle risorse disponibili in fase di progettazione ( più progettisti che si occupano di verificare 100 volte che il progetto è ok)? differenze risorse per le fabbriche (robot più precisi, più operai, migliori macchinari etc)? 
      Perché se Vw dovesse fare una punto, con le stesse caratteristiche della punto e lo stesso design, questa verrebbe di qualità costruttiva di una punto made in fiat?
       
      Non so se mi sono spiegato, scusate per le domande un po' stupide
    • Da Beckervdo
      ZF introduce una trasmissione manuale con attuatori elettronici per le vetture micro e mini-ibride.
      eAMT (electrified Automated Manual Trasmission) per l'impiego su vetture con propulsori trasversali. 
      Il sistema combina l'asse elettrico motorizzato (eVD) con la trasmissione manuale (AMT) in un unico sistema, questo gli consente di non avere interruzione di continuità nel passaggio dalla trazione elettrica a quella "convenzionale".
      In aggiunta a tutte le funzioni peculiari dell'ibrido, quali il recupero dell'energia in frenata e boost, è in grado di rendere le piccole vetture convertibili all'ibrido ad un costo ridotto. Resta solo da definire lo spazio all'interno dello chassis.
       
      —Norman Schmidt-Winkel, functional developer of electric drives at ZF   ZF afferma che la nuova eAMT è al pari di funzionamento di un moderno automatico a convertitore di coppia o di un doppia frizione.  Essendo un manuale automatizzato, ci sarà un minimo distacco di potenza nel passaggio da una marcia all'altra, ma questo è ampiamente superato dall'unità elettrica, che limita la mancanza di continuità.  La centralina di gestione dell'unità elettrica sull'asse posteriore, capisce quando è stato richiesto un cambio marcia, o quando è richiesto un plus di potenza - magari in fase di sorpasso - e la trazione viene aggiunta anche dall'asse posteriore.  Valido anche per quando si percorrono sterrati leggeri e fondi a bassa aderenza, sfruttando un integrale on-demand in piena regola.   ZF l'ha dimensionato sulla SUV Duster, proponendo anche un funzionamento - per brevi km - in modalità esclusivamente elettrica, rendendo di fatto la vettura una micro-hybrid.   Utilissimo per gli start/stop cittadini e per il traffic Jam, mentre nelle fasi di gas costante in autostrade è possibile disaccoppiare la trasmissione manuale e veleggiare (Coasting) riducendo i consumi.   


       
      Via Green Car Congress
×