Vai al contenuto

Messaggi Raccomandati

31 minuti fa, jameson dice:

Se non sono stato chiaro, microibridi e roba del genere non li classifico come "ibridi" se no è ibrida anche la mia auto perché ha un motore elettrico per l'avviamento di quello termico.

:azz:

 

Dai su, basta con le iperboli.

Come già detto oggi da noi si vendono poche ibride perchè c'è poca scelta, spesso sono modelli con una linea oscida ed economicamente non sono vantaggiosi rispetto ad un diesel.

Detto questo se potessi scegliere, cambierei la mia naftona con un'ibrida domani stesso, a parità di estetica, spazi, costi e prestazioni.

 

Vedremo comunque nel prossimo futuro cosa salterà fuori con i mini ibridi 48v: sarà il primo banco di prova commerciale.

  • Like! 1

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
Inviato (modificato)
4 minuti fa, Drillerman dice:

Come già detto oggi da noi si vendono poche ibride perchè c'è poca scelta, spesso sono modelli con una linea oscida ed economicamente non sono vantaggiosi rispetto ad un diesel.

Appunto.

4 minuti fa, Drillerman dice:

Vedremo comunque nel prossimo futuro cosa salterà fuori con i mini ibridi 48v: sarà il primo banco di prova commerciale.

Ripeto, non sono ibridi. Per me un ibrido è qualcosa con almeno un motore termico e uno elettrico, entrambi in grado di far muovere le ruote. Il resto sono etichette commerciali.

Modificato da jameson

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
1 minuto fa, jameson dice:

Appunto.

 

Ripeto, non sono ibridi. Per me un ibrido è qualcosa con un motore termico e uno elettrico, entrambi in grado di far muovere le ruote. Il resto sono etichette commerciali.

Beh i Toyota lexus cosa sono allora?

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
1 minuto fa, hot500abarth dice:

Beh i Toyota lexus cosa sono allora?

Sono praticamente gli unici ibridi veri disponibili. Adesso stanno fiorendo "miniibridi" e "microibridi" semplicemente invertendo l'alternatore o usando turbine elettriche. Di ibrido, per me, non hanno proprio niente: stanno solo cercando di agganciarsi al treno di Toyota con il minimo sforzo con denominazioni commerciali.

  • Like! 3

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
Inviato (modificato)
6 minuti fa, jameson dice:

 

Ripeto, non sono ibridi. Per me un ibrido è qualcosa con un motore termico e uno elettrico, entrambi in grado di far muovere le ruote. Il resto sono etichette commerciali.

oltre alla tua visione del mercato personale adesso ha la tua visione personale di cosa e cosa non è ibrido.:-D

 

jameson, guarda che il mondo non ha bisogno di te per definire cosa e cosa non è ibrido. le suzuki sono ibride...mild finche vuoi, micro se vuoi ma sono ibride. 

 

etichette commerciali un cazzo, sul libretto (che è documento di omologazione del Ministero Italiano Tasporti e Motorizzazione Civile) sulle Suzuki  con batteria e motore elettrico c'è scritto "ibrida".

 

 

Modificato da Matteo B.
  • Ahah! 1

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
Inviato (modificato)
7 minuti fa, Matteo B. dice:

oltre alla tua visione del mercato personale adesso ha la tua visione personale di cosa e cosa non è ibrido.:-D

 

jameson, guarda che il mondo non ha bisogno di te per definire cosa e cosa non è ibrido. le suzuki sono ibride...mild finche vuoi, micro se vuoi ma sono ibride. 

 

etichette commerciali un cazzo, sul libretto (che è documento di omologazione del Ministero Italiano Tasporti e Motorizzazione Civile) c'è scritto "ibrida".

Commerciale o di omologazione cambia poco, tecnicamente cambia un bel po'. Per me l'ibrido è quello di Toyota, che infatti ci ha perso decenni di sviluppo non perché è scema, ma perché è una piccola rivoluzione. Il resto sono emulazioni a basso costo e anche a bassa utilità, e anche concettualmente banali. Evoluzioni auspicabili e utili per carità, ma con le ibride che possono andare in modalità solo elettrica per decine di chilometri non hanno niente a che spartire.

Cioè, aggiungere un secondo sistema di trazione da una parte, e rendere reversibile l'alternatore, o aggiungere un motorino reversibile che avvia il motore o che gli dà un po' di "spinta" dall'altra è la stessa cosa? Ci sono due ordini di grandezza di complessità e di costo in mezzo (e anche di risultati).

Modificato da jameson

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
Inviato (modificato)
8 minuti fa, jameson dice:

Commerciale o di omologazione cambia poco, tecnicamente cambia un bel po'. Per me l'ibrido è quello di Toyota, che infatti ci ha perso decenni di sviluppo non perché è scema, ma perché è una piccola rivoluzione. Il resto sono emulazioni a basso costo e anche a bassa utilità, e anche concettualmente banali. Evoluzioni auspicabili e utili per carità, ma con le ibride che possono andare in modalità solo elettrica per decine di chilometri non hanno niente a che spartire.

jameson, il problema è che il "per te" è sempre l'unico argomento .Se "per te è così" e ti si postano dati per cui non è così, non è che vale sempre il "per te". la scienza non funziona cosi .....

 

Toyota ha un sistema proprietario coperto da brevetti, che tra costi e prestazioni (ma anche difetti, che nel tempo cerca di correggere) gli ha dato vantaggi e che non ha mai ceduto ad altri costruttori (altrimenti ce ne sarebbero ben di più di auto THS in giro IMHO).

 

e poi dimostri di non conoscere per nulla la materia perchè affermi  che le ibride "sono solo quelle che possono andare in modalità elettrica per decine di km", quando le toyota ibride in EV al massimo ne fanno un paio. TUTTE escluso la Prius plug-in 

 

 

Modificato da Matteo B.

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
7 minuti fa, Matteo B. dice:

jameson, il problema è che il "per te" è sempre l'unico argomento .Se "per te è così" e ti si postano dati per cui non è così, non è che vale sempre il "per te". la scienza non funziona cosi .....

 

Toyota ha un sistema proprietario coperto da brevetti, che tra costi e prestazioni (ma anche difetti, che nel tempo cerca di correggere) gli ha dato vantaggi e che non ha mai ceduto ad altri costruttori (altrimenti ce ne sarebbero ben di più di auto THS in giro IMHO).

 

e poi dimostri di non conoscere per nulla la materia perchè affermi  che le ibride "sono solo quelle che possono andare in modalità elettrica per decine di km", quando le toyota ibride in EV al massimo ne fanno un paio. TUTTE escluso la Prius plug-in

La scienza la conosco molto ma molto bene. Non ho capito a quali dati ti riferisci. Quello che ho detto io è che secondo me l'ibrido resterà di nicchia. Questa è una considerazione di mercato, e il mercato non è scienza. E la scienza non prevede il futuro ma modella l'universo esistente. Se poi scientificamente, vale a dire in maniera documentata e ripetibile, tirano fuori un modello matematico che mi dice quante auto di ogni tipo si venderanno, è un conto. Altrimenti, non hai tanto chiaro il significato della parola "scienza".

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

boni...

E' ovvio che un sistema Toyota è molto più complesso e costoso dei micro ibridi , ma non si può negare che questi ultimi un buon passo avanti lo facciano fare. Basta guardare la prova della Suzuki Baleno 1.2 benzina hybrid ed i consumi rilevati. Il tutto senza interventi toppo costosi per l'acquirente o manutentivi a medio/lungo termine.

Se al micro ibrido unisci soluzioni come questo motore Mazda ( il motore Suzuki è un tradizionalissimo 1.2 16V ) allora i numeri potrebbero diventare molto interessanti .

 

  • Like! 1

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
12 minuti fa, stev66 dice:

boni...

E' ovvio che un sistema Toyota è molto più complesso e costoso dei micro ibridi , ma non si può negare che questi ultimi un buon passo avanti lo facciano fare. Basta guardare la prova della Suzuki Baleno 1.2 benzina hybrid ed i consumi rilevati. Il tutto senza interventi toppo costosi per l'acquirente o manutentivi a medio/lungo termine.

Se al micro ibrido unisci soluzioni come questo motore Mazda ( il motore Suzuki è un tradizionalissimo 1.2 16V ) allora i numeri potrebbero diventare molto interessanti .

 

SECONDO jameson NO

 

perchè?

 

perchè è COSI'

 

facciamo un sondaggio di AP

 

 

:mrgreen:

  • Ahah! 1

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere iscritto per commentare e visualizzare le sezioni protette!

Crea un account

Iscriviti nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

  • Contenuti simili

    • Da Beckervdo
      Kia tiene vivo il propulsore Diesel, lanciando in Europa il pacchetto EcoDynamics+ al debutto sulla rinnovata Sportage 2018.

      Il sistema è completamente versatile: può esser abbinato alla trazione anteriore o integrale, alla trasmissione manuale o automatica.
      Il nuovo motore diesel è associato ad un sistema ibrido-leggero con impianto dedicato da 48V a cui è associato un motore elettrico.
      Rispetto al precedente propulsore diesel (non si dichiara se il 1.7 o il 2.0 litri) i consumi scendono del 4% rispetto al precedente e con omologazione Euro6d-Temp e cicli RDE / WLTP.
       
      Il motore termico può svolgere due funzione: ricarica delle batterie (generatore) o esser aiutato dal comparto elettrico. Il motore integrato nel sistema generatore ISG, eroga un plus di potenza di 10 kW. 
      Di più "nin 'zo"
       
      Via Autoblog.nl
       
    • Da J-Gian
      Fonte: https://www.mazda-press.com/it/notizie/2018/la-mazda-cx-3-2018-fa-il-suo-debutto-nel-mercato-giapponese/
       
      Debutto in Italia su Mazda CX-3 2018 dopo l'estate 2018.
       
      Il 1.8 diesel dovrebbe derivare dal 1.5 SKYACTIV-D
       
       
×