Vai al contenuto
nucarote

La fine della Simca/Talbot

Messaggi Raccomandati

Thread interessantissimo per quanto mi riguarda, perchè la storia travagliata di SIMCA-Talbot mi ha sempre affascinato. 

 

Per quello che è il mio contributo "a occhiometro" del tempo, posso dire che la 1000 da queste parti spopolò. Io me ne ricordo uno sprofondo fino alle ultime di fine anni '70. Una 1000 ultima serie, quella con i fari rettangolari, l'aveva la mia prof. di musica alle scuole medie: era di quel caratteristico verdino metallizzato ed era tenuta in perfette condizioni. Di Samba molto poche, sicuramente meno di 104 che già non è che fosse chi sa quanto diffusa da queste parti. Sunbeam, a dispetto di quanto leggo da altre parti, qui non andò così male. Non che si potesse dire diffusa ma si vedeva. Io ne ricordo ben due di persone che avevano parenti che abitavano nel mio condominio: una verdina metallizzata e una bianca. Di 1100 qui le strade erano piene, soprattutto le berline a 5 porte. Credo di non aver mai visto invece una tre porte, mentre la break si vedeva ma in misura minore alla berlina. Abbastanza diffuso anche il 1100 furgone. Horizon fu indubbiamente un successo da queste parti; in pratica bissò e forse superò anche il successo della 1100. Ne ricordo una di un condomino che abitava nel mio condominio, era grigio metallizzato e andò a fuoco mentre era in garage...:attorno: 1307/8 anch'esse parecchio diffuse anche se non ai livelli di Horizon. Anche di questa ne ho un nitido ricordo perchè un esemplare, 1307 LS grigio metallizzato, l'aveva un mio vicino di casa. Indimenticabile e inconfondibile il ticchettio delle punterie. Di 1510 poca roba, invece Solara andò benino. Chrysler 160/180/2 Litres praticamente mai viste; di Tagora invece, se ne avrò vista una in vita mia è tutto il mondo. Per quanto riguarda i modelli di nicchia: Ranch se ne vedevano abbastanza, mentre di Bagheera e Murena ne avrò viste una o due esemplari per ciascun modello in tutta la mia vita. 

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Uno dei motivi che imho decretarono l'estinzione del marchio è che finì per fare vetture molto mediocri (nel senso di "nella media"), che non eccellevano in niente.
E che riproponevano sempre lo stesso anonimo design anni '70, per tacere dei desolanti interni, che anche in un modello che voleva essere di rappresentanza come la Tagora avevano lo stesso look & feel imbarazzante della più economica Horizon (si vedano le plastiche rigide a gogo).
1981_Talbot_Tagora_GLS_controls.jpg

 

1981_Talbot_Tagora_GLS_dash.jpg

 

E parliamo di un modello uscito nel 1981...

 

 

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Nel 1981 era già stata decisa l'eutanasia da parte del patron leonesco.

non dimentichiamo che nel 1978 ( anno dell'acquisizione ) la gamma comprende

 

la Horizon lanciata l'anno stesso, auto dell'anno 1978

La 1307/1308 del 1976

La Rancho

la bagheeera

e due sole auto vecchie in dismissione

1000 e 1100.

una gamma in cui bastava sostenere horizon e 1307/1308 un po' di più e sostiture 1000 con una vettura base 104 subito, invece di provare la Sunbeam :(

 

 

 

 

 

 

 

 

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
15 minuti fa, stev66 dice:

Nel 1981 era già stata decisa l'eutanasia da parte del patron leonesco...

Credo che la decisione sia avvenuta dopo il 1981 (IMHO tra 82/83), in quanto stavano sviluppando quella che poi diventerà la 309. 

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
Inviato (modificato)

I prototipi di nuove Talbot ci sono stati...

 

La Arizona è diventata 309

 

arizona2.jpg

 

E questa è diventata la AX (oppure era pronta per diventare anche AX?)

 

devsamb_04.jpg

 

@nucarote leggo sul web che la Arizona divenne 309 pochissimo tempo prima della presentazione, così come ricordo i concessionari Peugeot-Talbot fino ad inzio anni 90.

 

Tra l'altro l'ultimissima Talbot è stata questa

 

 Talbot%20Express%204x4%20Ambulance.jpg

Modificato da leon82
  • Like! 1
  • Wow! 1

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
8 minuti fa, nucarote dice:

Credo che la decisione sia avvenuta dopo il 1981 (IMHO tra 82/83), in quanto stavano sviluppando quella che poi diventerà la 309. 

 

Prima.. vediamo la Cronologia ( e correggo miei eventuali errori )

 

1975 viene presentata 1307 ( auto dell'anno 1976 )

1977 viene presentata Matra Rancho

1977 vien presentata simca Horizon ( auto dell'anno 1978 )

1977 Simca 1000 esce dal listino sostituita da Talbot Sunbeam

1978 vendita a PSA

 

Nel 1978 PSA eredita una gamma con una D di tre anni una C nuova una B folle ma nuova ( sia pur basata su una piattaforma Sunbeam obsoleta )

 

Per due anni nulla .

Poi nel 1980 Abbiamo la Solara ( che è una 1307 tre volumi )

 nel 1981 la Tagora ( nata morta )

nel 1982 la Samba ( a base 104 che è in giro dal 1972  )

 

Nel frattempo 1307 giunge a fine vita e non viene sostituita Horizon invecchia senza particolari modifiche , i cambi a 5 marce arrivano col contagocce o non arrivano affatto , idem i motori.

 

Se questa non è una eutanasia, non saprei come altro definirla .

 

 

 

 

 

 

 

 

 

  • Like! 4

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

ehhh la simca! ERa la macchina di mio padre quando ero bambino, la mitica Simca 1000 S. Mi ricordo che quando l'acquistò nel '80, o nel '79 era già una macchina obsoleta e fuori produzione.

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Mio padre, quando mise su famiglia, vendette la sua stupenda Lancia Beta coupè canna di fucile, comprata a vent'anni coi primi guadagni, e acquistò (per fortuna ben prima della mia nascita :§) una 1100, con la seguente motivazione: era la macchina con il migliore rapporto tra prezzo e spazio interno. Erano altri tempi, avrebbe potuito comunque mantenersi la Beta, o cambiarla con un'auto simile, ma negli anni '70 si ragionava diversamente, forse meglio di oggi, le risorse economiche venivano rigorosamente destinate in base alle priorità, e i beni di lusso occupavano il gradino più basso.

L'unica cosa che importava a mio padre e mia madre era avere spazio per caricare gli amici e fare tante gite.

Piccola parentesi: nel 2018 Marchionne ha annunciato che, sostanzialmente, la Fiat non è più strategica per l'Europa, e che farà bene in Sud America. Eh sì i tempi sono cambiati.

 

Quanto alla mia infanzia, le Simca erano gettonate, le Talbot un po' meno, ma se ne vedevano. Le 1000 reggevano, le 1100 pure (anche in versione furgone), e la Rancho era molto in voga, attirava l'attenzione.

Ha una linea quasi gradevole ancora oggi, e se si pensa da che base partiva, la cosa ha del miracoloso. Alla fine, le appendici estetiche usate erano le stesse identiche di cui si fa man bassa oggi: fascioni paracolpi, passaruota, ruote di grosso diametro, frontale "rinforzato", il tutto accompagnato con un assetto generosamente rialzato.

La trazione 2WD, fino a 10/15 anni fa era considerata una bestemmia su un mezzo simile. Poi le indagini di mercato hanno clamorosamente dimostrato che le capacità fuoristradistiche sono l'ultima preoccupazione degli acquirenti dei SUV o quasi SUV, anzi sono una cosa che tiene inutilmente alti i prezzi di listino e i costi di mantenimento. La Simca doveva fare di necessità virtù usando quello che aveva in casa, ma l'azzardo aveva sicuramente qualcosa di lungimirante.

  • Like! 5

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
54 minuti fa, Yakamoz dice:

Mio padre, quando mise su famiglia, vendette la sua stupenda Lancia Beta coupè canna di fucile, comprata a vent'anni coi primi guadagni, e acquistò (per fortuna ben prima della mia nascita :§) una 1100, con la seguente motivazione: era la macchina con il migliore rapporto tra prezzo e spazio interno. Erano altri tempi, avrebbe potuito comunque mantenersi la Beta, o cambiarla con un'auto simile, ma negli anni '70 si ragionava diversamente, forse meglio di oggi, le risorse economiche venivano rigorosamente destinate in base alle priorità, e i beni di lusso occupavano il gradino più basso.

L'unica cosa che importava a mio padre e mia madre era avere spazio per caricare gli amici e fare tante gite.

Piccola parentesi: nel 2018 Marchionne ha annunciato che, sostanzialmente, la Fiat non è più strategica per l'Europa, e che farà bene in Sud America. Eh sì i tempi sono cambiati.

 

Quanto alla mia infanzia, le Simca erano gettonate, le Talbot un po' meno, ma se ne vedevano. Le 1000 reggevano, le 1100 pure (anche in versione furgone), e la Rancho era molto in voga, attirava l'attenzione.

Ha una linea quasi gradevole ancora oggi, e se si pensa da che base partiva, la cosa ha del miracoloso. Alla fine, le appendici estetiche usate erano le stesse identiche di cui si fa man bassa oggi: fascioni paracolpi, passaruota, ruote di grosso diametro, frontale "rinforzato", il tutto accompagnato con un assetto generosamente rialzato.

La trazione 2WD, fino a 10/15 anni fa era considerata una bestemmia su un mezzo simile. Poi le indagini di mercato hanno clamorosamente dimostrato che le capacità fuoristradistiche sono l'ultima preoccupazione degli acquirenti dei SUV o quasi SUV, anzi sono una cosa che tiene inutilmente alti i prezzi di listino e i costi di mantenimento. La Simca doveva fare di necessità virtù usando quello che aveva in casa, ma l'azzardo aveva sicuramente qualcosa di lungimirante.

 

Su Simca 1100 ho imparato a guidare .....mio padre la prese nel 1978 con la stessa motivazione del tuo ( sostituendo una 128 con il classico avantreno marcente ) . Io tifavo Ritmo ed in sottoordine Horizon, ma "costavano troppo" :( .

nel 1984 venne il mio turno di guidarla e ne apprezzai motore , consumi e comfort. Ma allora la linea era definitivamente troppo invecchiata  :)

 

 

  • Like! 1

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
21 minuti fa, stev66 dice:

 

Su Simca 1100 ho imparato a guidare .....mio padre la prese nel 1978 con la stessa motivazione del tuo ( sostituendo una 128 con il classico avantreno marcente ) . Io tifavo Ritmo ed in sottoordine Horizon, ma "costavano troppo" :( .

nel 1984 venne il mio turno di guidarla e ne apprezzai motore , consumi e comfort. Ma allora la linea era definitivamente troppo invecchiata  :)

 

 

 

Ora che mi ci fai pensare...mio padre ha nominato sempre piuttosto spesso la Simca 1100, probabile che ai tempi ne valutò l'acquisto. Ebbe per un mese una 128 problematica, che poi sostituì subito con la neo-uscita Ritmo 60 CL, nell'ottobre 1978.

Quasi vent'anni dopo, il curioso ballottaggio sarebbe stato Dedra-Primera e fortunatamente l'avrebbe spuntata l'italiana.

  • Like! 1

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere iscritto per commentare e visualizzare le sezioni protette!

Crea un account

Iscriviti nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

×