Vai al contenuto

Messaggi Raccomandati

Scusate la domanda un po' ingenua

 

Mi chiedevo da cosa dipende la qualità costruttiva, specialmente negli assemblaggi di un automobile. Mi spiego meglio, è assodato che alcune marche, vedi ad esempio gruppo Vag (con Audi e Vw) ma più in generale marchi tedeschi o giapponesi sono riconosciuti ovunque per un ottima qualità costruttiva, sopratutto da un punto di vista degli assemblaggi, mentre ci sono altri brand come ad esempio Fiat o Alfa che sono da anni indietro rispetto ai primi della classe in questa specifica cosa. Mi chiedo come, in un mondo molto automatizzato come quello automotive, esistano ancora queste grandi differenze e da cosa dipendano. Cioè non credo che ad esempio in Fiat i progettisti o gli operai siano più "scarsi" che in vw o che se ne freghino se l'assemblaggio di un auto è fatto male.

 

Dipende dalla qualità dei materiali? Dipende dalle risorse disponibili in fase di progettazione ( più progettisti che si occupano di verificare 100 volte che il progetto è ok)? differenze risorse per le fabbriche (robot più precisi, più operai, migliori macchinari etc)? 

Perché se Vw dovesse fare una punto, con le stesse caratteristiche della punto e lo stesso design, questa verrebbe di qualità costruttiva di una punto made in fiat?

 

Non so se mi sono spiegato, scusate per le domande un po' stupide

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Infatti non esistono più gradi differenze tra un marchio e l'altro, e non esiste neanche la supremazia VAG.

  • Like! 6

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Dipende dai test a cui sottoponi ciò che hai progettato e agli standard cui vuoi che rispondano ...

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
1 minuto fa, Umbi dice:

Dipende dai test a cui sottoponi ciò che hai progettato e agli standard cui vuoi che rispondano ...

 

Poteva valere 20anni fa, ad oggi i test sono più o meno standard a parità di segmento.

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Non credo proprio ... tanti problemi li vedo irrisolti per alcune marche ancora oggi ... è questione forse neanche di costi ma di mentalità

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Capitolati più laschi? Controlli qualità meno efficaci? Processi costruttivi meno efficienti? Tutte e tre queste concause?

La storia degli ultimi decenni dell'industria automobilistica italiana è caratterizzata da progetti innovativi purtroppo realizzati su larga scala in maniera approssimativa, per i motivi succitati e per una manodopera che per ragioni storico culturali è stata meno "motivata" rispetto a quella di altri paesi europei (a parte quella ipersindacalizzata inglese).

Ve l'immaginate cosa sarebbe stata un'Alfasud realizzata con tolleranze teutoniche?

  • Like! 1

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Mah, a me sembrano ormai standardizzati, magari c'è chi va meglio su alcune cose e chi meglio in altre.

 

Poi la suddivisione fatta da chi ha aperto il topic non esiste.

 

Ad esempio prende il marchio Fiat come esempio negativo di qualità e VAG come esempio positivo, ma andando a fare il paragone diretto nelle varie categorie di prezzo e segmenti non mi pare che VAG esca così vincitrice qualitativamente parlando.

 

500/Panda non sono certo peggiori di UP

 

500x la confronti tranquillamente con qualsiasi VAG paragonabile.

 

Tipo ha una qualità percepita inferiore a Golf, ma nella sostanza la differenza è poca, vista anche la grossa differenza di prezzo.

 

Punto è vecchia, ma quando era al top non era inferiore a nessuna Polo.

 

Estendendo il discorso ad Alfa, Giulia è giusto lievemente inferiore ad A4 ma si tratta comunque di un confronto eccellente, visto che in questo caso il prodotto VAG è, da questo punto di vista, probabilmente il migliore ma la Giulia nel complesso non sfigura.

 

Stelvio vs Q5 sono ancora più vicine.

 

Giulietta è inferiore sia ad A3 che a Golf, ma si tratta di un prodotto ormai obsoleto, che appena uscito era più o meno allineato alla Golf VI.

2 minuti fa, 3volumi3 dice:

Capitolati più laschi? Controlli qualità meno efficaci? Processi costruttivi meno efficienti? Tutte e tre queste concause?

La storia degli ultimi decenni dell'industria automobilistica italiana è caratterizzata da progetti innovativi purtroppo realizzati su larga scala in maniera approssimativa, per i motivi succitati e per una manodopera che per ragioni storico culturali è stata meno "motivata" rispetto a quella di altri paesi europei (a parte quella ipersindacalizzata inglese).

Ve l'immaginate cosa sarebbe stata un'Alfasud realizzata con tolleranze teutoniche?

 

Anche tu, discorso più o meno condivisibile 30 anni fa.

  • Like! 2

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

attenzione a non confondere qualità percepita e qualità reale. Le auto giapponesi per esempio, hanno spesso una pessima qualità percepita, una ottima reale.

  • Like! 10

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Facciamo un esempio : Se devi togliere i  pannelli da una portiera e quelli della marca X restano nella portiera strappando l'attacco sul pannello mentre quelli della marca Y si staccano regolarmente col pannello ..... e questo succede sempre  (Nel primo e nel secondo caso ) ..... cosa vuol dire ?   Oppure  devi alzare l'auto e la marca X ha regolarmente le minigonne che intralciano l'operazione e non puoi fare a meno di schiacciarle quando la alzi col rischio di "Sbottonarle" ... mentre con la marca Y questo non succede perché  ... magari c'è un riporto di plastica dura che porta l'attacco a livello minigonne  ....  Questo denota che in un caso non si è prestata attenzione nel collaudo  (O non si sono potuti modificare in seguito perché costa ?) .... nel secondo caso si.

  • Like! 1

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
11 ore fa, fuzz77 dice:

Mah, a me sembrano ormai standardizzati, magari c'è chi va meglio su alcune cose e chi meglio in altre.

 

Poi la suddivisione fatta da chi ha aperto il topic non esiste.

 

Ad esempio prende il marchio Fiat come esempio negativo di qualità e VAG come esempio positivo, ma andando a fare il paragone diretto nelle varie categorie di prezzo e segmenti non mi pare che VAG esca così vincitrice qualitativamente parlando.

 

500/Panda non sono certo peggiori di UP

 

500x la confronti tranquillamente con qualsiasi VAG paragonabile.

 

Tipo ha una qualità percepita inferiore a Golf, ma nella sostanza la differenza è poca, vista anche la grossa differenza di prezzo.

 

Punto è vecchia, ma quando era al top non era inferiore a nessuna Polo.

 

Estendendo il discorso ad Alfa, Giulia è giusto lievemente inferiore ad A4 ma si tratta comunque di un confronto eccellente, visto che in questo caso il prodotto VAG è, da questo punto di vista, probabilmente il migliore ma la Giulia nel complesso non sfigura.

 

Stelvio vs Q5 sono ancora più vicine.

 

Giulietta è inferiore sia ad A3 che a Golf, ma si tratta di un prodotto ormai obsoleto, che appena uscito era più o meno allineato alla Golf VI.

 

Anche tu, discorso più o meno condivisibile 30 anni fa.

Scusa ma non condivido proprio, io ho avuto diverse auto di fca, cosi come diverse vag( vw, audi) e ora ho una stelvio.

 

Io non parlo di supremazia delle tedesche in tutto, anzi sono assai contento della mia stelvio e non la cambierei mai con quel pandoro della q5. Però riconosco che la percezione che ho sempre avuto entrando in una tedesca riguardo assemblaggi , lamierati etc è sempre stata quella di una qualità costruttiva superiore rispetto a pari segmento di altri marchi. Anche la mia stelvionon e’ esente da assemblaggi non ottimali ( carrozzeria intorno ai fari , cambio, portellone baule) , cosa che nelle mie auto precedenti vag non riscontravo ( stessa cosa in passato per punto, giulietta).

Anche nell esempio che porti te up vs panda, pur trovando la prima orripilante, però quando ci sono montato devo dire che gli assemblaggi erano decisamente migliori della panda di mia mamma.

 

Davero non voglio buttare merda su fca, sono un cliente Alfa e son ben contento se fca cresce... però secondo me gli standard costruttivi sono diversi e la qualità finale dle prodotto pure e mi chiedevo appunto come mai

  • Like! 1
  • Perplesso... 1

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere iscritto per commentare e visualizzare le sezioni protette!

Crea un account

Iscriviti nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

  • Contenuti simili

    • Da AngeloUPuglis
      Il nuovo motore, che sostituirà l'attuale 1.4 TGI da 110cv, montato rispettivamente su Volswagen Golf/Caddy, Seat Leon, Skoda Octavia ed Audi A3, si accinge a debuttare sul mercato, nel 2018.
       
    • Da Beckervdo
      ZF introduce una trasmissione manuale con attuatori elettronici per le vetture micro e mini-ibride.
      eAMT (electrified Automated Manual Trasmission) per l'impiego su vetture con propulsori trasversali. 
      Il sistema combina l'asse elettrico motorizzato (eVD) con la trasmissione manuale (AMT) in un unico sistema, questo gli consente di non avere interruzione di continuità nel passaggio dalla trazione elettrica a quella "convenzionale".
      In aggiunta a tutte le funzioni peculiari dell'ibrido, quali il recupero dell'energia in frenata e boost, è in grado di rendere le piccole vetture convertibili all'ibrido ad un costo ridotto. Resta solo da definire lo spazio all'interno dello chassis.
       
      —Norman Schmidt-Winkel, functional developer of electric drives at ZF   ZF afferma che la nuova eAMT è al pari di funzionamento di un moderno automatico a convertitore di coppia o di un doppia frizione.  Essendo un manuale automatizzato, ci sarà un minimo distacco di potenza nel passaggio da una marcia all'altra, ma questo è ampiamente superato dall'unità elettrica, che limita la mancanza di continuità.  La centralina di gestione dell'unità elettrica sull'asse posteriore, capisce quando è stato richiesto un cambio marcia, o quando è richiesto un plus di potenza - magari in fase di sorpasso - e la trazione viene aggiunta anche dall'asse posteriore.  Valido anche per quando si percorrono sterrati leggeri e fondi a bassa aderenza, sfruttando un integrale on-demand in piena regola.   ZF l'ha dimensionato sulla SUV Duster, proponendo anche un funzionamento - per brevi km - in modalità esclusivamente elettrica, rendendo di fatto la vettura una micro-hybrid.   Utilissimo per gli start/stop cittadini e per il traffic Jam, mentre nelle fasi di gas costante in autostrade è possibile disaccoppiare la trasmissione manuale e veleggiare (Coasting) riducendo i consumi.   


       
      Via Green Car Congress
×