Vai al contenuto

Messaggi Raccomandati

Propenderei per la seconda.

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Comunque, riguardo alla qualità ed assemblaggi vi riporto l'esperienza della mia Leoncina.

 

Seat Leon 1.6 tdi Copa, anno 2012 (mod 1P1), km. 110k, gli interni hanno l'aspetto molto economico, alla prova dei fatti, dopo 5 anni:

 

- Come rumorini, una vibrazione dallo sportello posteriore, dovuta allo sfregamento della mostrina cromata con la plastica dove è inserita, risolta con qualche goccia di olio per sospensioni, e degli scricchiolii nella plancia, nella zona di contatto tra le due cornici lucide, che si manifestano nei transitori di cambio temperatura, quando, ad es, in una giornata fredda si accende il riscaldamento può esserci (non sempre) un momento in cui si avverte degli scricchiolii, che terminano a vettura calda.

- L'insonorizzazione dei pannelli porta è migliorabile.

- Fruscii in autostrada a 100k km, risolti riattaccando due clip del rivestimento insonorizzante del vano motore.

- Le guarnizioni sono nella media come giro porte, ma non hanno ceduto, e non si avvertono rumorosità e fischi.

- Il volante di pelle è come nuovo.

- Il mozzo posteriore ha una filettatura rovinata, immagino dovuta al montaggio "ad caxxum" di un pneumatico, ma, secondo me, l'accoppiamento ruota-mozzo poteva essere fatto meglio.

- Come guasti solo la serrature del baule.

- Vernice in buono stato.

- Interni in buono stato, il tetto è fissato correttamente e non ha punti di distacco visibili.

- Il Fissaggio dei pannelli porta è robusto ma complicato, e se si tocca con lo specchietto per risistemare i fissaggi è fortemente consigliabile rivolgersi ad un professionista, ed anche lui farà fatica, visto che il meccanismo alzavetri è fissato in parte allo sportello ed in parte al pannello.

 

Visto che allora era il modello medio "economico" del gruppo si è comportato bene, come assemblaggio le precedenti 156 e Astra hanno sofferto di più il tempo.

  • Like! 2

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Ecco, vista la categoria di appartenenza, queste cose non si possono perdonare 😉

IMG-20180613-WA0058.jpgIMG-20180613-WA0059.jpg

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
On 3/4/2018 at 11:08, sarge scrive:

Il volante è stato oggetto di una campagna di richiamo in cui veniva sostituito gratuitamente il rivestimento.

E dopo non si è più spellato.

Confermo. Sulla mia ex Bravo del 2008 fu sostituito completamente il volante a poco più di 90.000km e quasi 3 anni di vita. Fu la concessionaria a chiamarmi, quando ancora il volante aveva solo qualche leggero segno. Il nuovo volante era ancora in perfetto stato nel 2014, quando la lasciai in concessionaria per la Giulietta con su quasi 300.000km. 

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Con auto tedesche ho avuto esperienza solo con una BMW 328i E46 del 1998 (una delle prime) con cambio Steptronic a 5 marce.

In generale la qualità dei materiali era ottima, tutti morbidi, belli alla vista, faretti dappertutto, ma c'erano dei però:

1- Nella consolle centrale c'era un rivestimento gommoso che si spellava

2- Scricchiolio negli schienali ribaltabili posteriori

3- Punti di ruggine nelle cerniere del bracciolo posteriore

4- In una delle portiere il tessuto si era scollato lasciando una leggera grinza, però il difetto non è aumentato con il tempo.

5- Boccole delle sospensioni che andavano via come il pane

6- Perdita d'olio nel coperchio delle punterie.

Come qualità spiccavano l'isolamento dai rumori esterni, dal vento e del motore, l'isolamento dealle vibrazioni e asperità dell'asfalto e il motore docissimo.

Ps. I difetti riportati si riferiscono a 8 anni e 140.000 km

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
" userid="8964"] Confermo. Sulla mia ex Bravo del 2008 fu sostituito completamente il volante a poco più di 90.000km e quasi 3 anni di vita. Fu la concessionaria a chiamarmi, quando ancora il volante aveva solo qualche leggero segno. Il nuovo volante era ancora in perfetto stato nel 2014, quando la lasciai in concessionaria per la Giulietta con su quasi 300.000km. 
Interessante
Mai saputo di questa campagna
Il mio volante ne avrebbe avuto bisogno

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Oggi entrando in malomodo nella Giulia di un mio collega ( stava piovendo a dirotto e ci siamo tuffati dentro) ho urtato il rivestimento interno del tetto all entrata e ho disallineato il rivestimento del montante anteriore... Ho l’impressione che gli assemblaggi siano fatti molto meglio im stelvio rispetto a Giulia

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Sulla mia 147 del 2006 e 192.000 km i problemi (gravi) che ci sono:

- rivestimenti in Alfatex di tutte le portiere scollati dal pannello porta e svolazzanti, con un risultato obbrobrioso alla vista

- sportello airbag passeggero con entrambe le clip rotte e svolazzante anche questo; sostituite alla modica cifra di 7 euro l'una (due pezzettini di plastica)

- vibrazioni quà e là all'interno del quadro strumenti, delle bocchette di aerazione, della portiera anteriore destra e del bagagliaio; per un po' ci ho provato ad inseguire i rumori, ma dopo poco ho gettato la spugna

- cofano e portiera posteriore destra del tutto disallineati rispetto alla carrozzeria

- volante in pelle che mi macchiava le mani di nero, nonostante fosse pulito e trattato molto spesso; sostituito con uno in radica originale Alfa

- aletta parasole sx rotta in entrambi i ganci; sostituiti con quelli della Grande Punto che sono uguali e costano un terzo

- imbottitura del sedile guida completamente sfondata, in pratica guido seduto sulla traversa di ferro; peso 67 chili, pensate ad un guidatore di 80-90 kg... si sedeva direttamente per terra?

Preciso che l' auto viene trattata molto bene, dorme sempre in garage di notte e sotto la tettoia al lavoro di giorno, pochissima città e solo autostrada, le poche volte che rimane al sole metto sempre il parasole, lavata fuori e dentro ogni 2 settimane, tagliandata sempre con regolarità... Vorrà dire che al momento del cambio opterò per un'altra marca (non saprei cosa però)

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

La mia è una 2003, quindi serie zero e da quel che si dice e che ho potuto verificare con mano, più curata nelle finiture rispetto a quelle restyling.
Ad ogni modo la ragazza ha 15 anni e 110.000 km (lo so sono pochi ma ho sempre avuto anche la seconda auto e quella aziendale) e l'unico vero difetto sono i rivestimenti dei pannelli porta scollati.
Per il resto niente sportelli airbag sollevati o rumori strani.
Mi ritengo soddisfatto per un auto che ai tempi mi sconsigliarono in molti.



☏ SM-G903F ☏

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social
3 ore fa, Gabri Magnussen scrive:

Mi ritengo soddisfatto per un auto che ai tempi mi sconsigliarono in molti.
 

 

Posso solo confermare appieno la tua impressione.

La mia fu una delle ultimissime prima serie Distinctive (nov. 2004) e non ho avuto alcun grave problema di sorta in 7 anni e 204mila km percorsi: solo qualche scricchiolìo legggero in plancia, manifestatosi in seguito ad un paio di incidenti, seppur non di grave entità, e i cristalli liquidi del clima bizona, andati a donnine sempre per lo stesso motivo. L'unica volta che mi lasciò appiedato fu la batteria. Unica rottura, un fendinebbia che non ha quasi mai funzionato, e gli anabbaglianti da sostituire ogni 10-12 mesi.

 

Per contro, un amico comprò nel 2009 una restyling Exclusive usata del 2006; il paragone con la mia era semplicemente impietoso. Negli anni, bocchette rotte, sportellino lato passeggero, sedili nippolosi, plancia rumorosa e collosa. Eppure entrambe le auto di notte stavano al chiuso.

  • Like! 1

Condividi questo messaggio


Link diretto a questo messaggio
Condividi su altri Social

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere iscritto per commentare e visualizzare le sezioni protette!

Crea un account

Iscriviti nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

  • Contenuti simili

    • Da AngeloUPuglis
      Il nuovo motore, che sostituirà l'attuale 1.4 TGI da 110cv, montato rispettivamente su Volswagen Golf/Caddy, Seat Leon, Skoda Octavia ed Audi A3, si accinge a debuttare sul mercato, nel 2018.
       
    • Da Beckervdo
      ZF introduce una trasmissione manuale con attuatori elettronici per le vetture micro e mini-ibride.
      eAMT (electrified Automated Manual Trasmission) per l'impiego su vetture con propulsori trasversali. 
      Il sistema combina l'asse elettrico motorizzato (eVD) con la trasmissione manuale (AMT) in un unico sistema, questo gli consente di non avere interruzione di continuità nel passaggio dalla trazione elettrica a quella "convenzionale".
      In aggiunta a tutte le funzioni peculiari dell'ibrido, quali il recupero dell'energia in frenata e boost, è in grado di rendere le piccole vetture convertibili all'ibrido ad un costo ridotto. Resta solo da definire lo spazio all'interno dello chassis.
       
      —Norman Schmidt-Winkel, functional developer of electric drives at ZF   ZF afferma che la nuova eAMT è al pari di funzionamento di un moderno automatico a convertitore di coppia o di un doppia frizione.  Essendo un manuale automatizzato, ci sarà un minimo distacco di potenza nel passaggio da una marcia all'altra, ma questo è ampiamente superato dall'unità elettrica, che limita la mancanza di continuità.  La centralina di gestione dell'unità elettrica sull'asse posteriore, capisce quando è stato richiesto un cambio marcia, o quando è richiesto un plus di potenza - magari in fase di sorpasso - e la trazione viene aggiunta anche dall'asse posteriore.  Valido anche per quando si percorrono sterrati leggeri e fondi a bassa aderenza, sfruttando un integrale on-demand in piena regola.   ZF l'ha dimensionato sulla SUV Duster, proponendo anche un funzionamento - per brevi km - in modalità esclusivamente elettrica, rendendo di fatto la vettura una micro-hybrid.   Utilissimo per gli start/stop cittadini e per il traffic Jam, mentre nelle fasi di gas costante in autostrade è possibile disaccoppiare la trasmissione manuale e veleggiare (Coasting) riducendo i consumi.   


       
      Via Green Car Congress
×